sabato 22 febbraio 2020

Vi presento 'I miei ospiti'...

Buon sabato, amici.
Eccezionalmente oggi dovrete rinunciare alla mia ricetta ed al jukebox.
Vi spiego subito perché.
Per accogliere la richiesta di un amico, ho deciso di lanciare una nuova rubrica, intitolata "I miei ospiti".
A chiedermi un piccolo spazio sul blog, è stato Gaspare.
Il suo scopo è quello di condividere con i miei lettori alcune poesie scritte nel corso degli anni, e che non hanno trovato finora la giusta collocazione.
Sono stata felice che lui abbia scelto proprio me, spiegandomi che questo è "un modo per "non far morire mai" dei sentimenti che ho fotografato in versi".
La sua unica richiesta specifica è stata cominciare precisamente il 22 febbraio, ma non sarò io a svelarvene il motivo.

Quindi, vi lascio con una sua poesia e vi informo che questo spazio sarà disponibile ogni terzo venerdì del mese, non solo per Gaspare, ma per chiunque voglia lasciare una traccia di sé "a casa mia".
***
Si può rendere particolare un anniversario anche se non ci sono più i presupposti per festeggiarlo? Oggi sarebbero 11 anni con la mia compagna, se stessimo ancora assieme, ma da qualche mese non è così, e ho fotografato la situazione buttando giù dei versi, come facevo quando credevo che le poesie funzionassero come ai tempi di Petrarca.


Lungo i sentieri della memoria

Ti ricordo a farmi strada sui sentieri
Per vivere assieme giornate di avventura
E vedere meraviglie della natura
Da conservare nei nostri pensieri.

Mi incoraggiavi a entrare in mare
Abbracciandomi col tuo corpo già bagnato
E, grazie alle tue labbra dal sorriso salato,
Ti seguivo, mi riuscivo a rilassare.

Cercavi in me soltanto un po' di sicurezza
Quando ti sentivo ansiosa, preoccupata
Laddove avvertivo il tuo passo insicuro.

Non sono stato un uomo alla tua altezza
Non ti ho fatto nemmeno sentire desiderata
Credevo bastasse amarti di un amore puro.
Gaspare Pero

32 commenti:

  1. Grazie mille per avere accolto la mia richiesta. 😊

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'ho fatto molto volentieri.
      Poi, Stranamore di Alberto Castagna mi piaceva da morire.
      Magari la tua ex tornerà sui tuoi passi, ed io ne sarò felicissima. ❤

      Elimina
  2. ma è bellissima! Complimenti e spero di leggere altre poesie di Gaspare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Valeria. Sto già selezionando le prossime poesie. 😉

      Elimina
  3. Bei versi, Gas. Ma secondo me sei stato "ingeneroso" con te stesso, nel definirti non all'altezza.
    Siete stati insieme undici anni e se non fossi stato all'altezza non sareste stati legati così a lungo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono d'accordo.
      Undici anni sono un'eternità. Persino i matrimoni durano meno, ultimamente. Quindi se gli è rimasta accanto tanto a lungo era sicuramente felice e appagata.

      Elimina
    2. Il verso non va estrapolato dal resto della poesia. Sennò è come ritagliare una persona da una foto di gruppo.

      Elimina
  4. La vedo come Riccardo. Sei stato eccome alla sua altezza, poi semplicemente le visioni delle varie altezze sono cambiate.
    Non è detto che tu non sia ancora più in alto.
    Bei versi, comunque.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti.
      Non ci stiamo fossilizzando su un verso estrapolato dall'intera poesia, ma sulla conclusione della stessa.
      Perché l'amore non finisce per l'inadeguatezza di uno o dell'altro.
      Semplicemente le persone crescono, si trasformano, e con loro i sentimenti.
      Non ho mai creduto all'amore eterno e non mi sento disillusa per questo.

      Elimina
    2. Io invece ci credo, perché se non dovessi crederci e vivere una storia sotto la spada di Damocle che possa finire, tanto varrebbe prevenire le sofferenze e vivere di rapporti occasionali senza costruire nulla con qualcuno.

      Elimina
  5. Speriamo che le prossime tue poesie parlino di temi a te cari come lo specismo , la natura , gli animali ecc..
    Oggettivamente i versi sono belli ma non saprei come posizionarmi e giudicarli.
    Per me quando una storia finisce , finisce e gli strascichi fanno solo male al di là di chi sia la colpa , di chi soffra di più.
    Questa poesia è uno strascico.
    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono d'accordo sul fatto che gli stascichi siano lesivi oltre che pericolosi, ma se Gaspare ha scelto di pubblicare i suoi versi, sarà forse in un certo senso per "esorcizzare le emozioni" (non solo le paure), proprio come scrivo nella mia homepage?

      Elimina
    2. Sì MAX, anche se me ne occupo via blog da pochi anni, ho utilizzato elementi della natura in qualche mia poesia. Non ricordo però poesie dedicate ad animali...

      Questa poesia non la ritengo uno strascico, ma una foto emozionale di un periodo. E siccome non guardo mai il solo dettaglio fresco negativo ma la complessità della persona, la poesia non lede me né i miei sentimenti. 😇

      Elimina
    3. Contento te...😀
      Poi è vero che ognuno ha la sua sensibilità.
      In bocca al lupo per una nuova storia ...

      Elimina
    4. Pare che abbia una soglia del dolore invidiabile.

      Elimina
  6. sono andato subito a leggere la poesia, poi ho fatto mente locale "ma è la ragazza che so io?" :0

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per forza, Alessandro. Non ce ne sono state altre.

      Elimina
    2. Non vale che Alessandro la conosca ed io no.
      Potevi almeno svelarmene il nome, così l'avrei spiata su Facecook. :P

      Elimina
  7. Un'idea molto carina Claudia: complimenti ad entrambi!

    RispondiElimina
  8. Le poesie d'amore mi piacciono molto, ne leggo ogni giorno.
    Ed è stato bello oggi incontrarne una qui, sul tuo spazio.
    Mi spiace per la fine dell'amore di Gaspare con la sua compagna. Spero che questa poesia la legga anche lei.
    Un abbraccio ad entrambi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La poesia è stata già letta appena composta, non è servita a molto, come del resto non lo sono servite le altre negli anni, tanto che da molto avevo smesso di comporle. Finalmente ho deciso che farne, e ne troverai qualche altra qui ogni mese.

      Elimina
    2. Magari mostrare la tua sensibilità, allora, ti servirà per aprirti a nuove conoscenze.
      L'amore presto o tardi torna a bussare. Non lo sapevi?

      Elimina
    3. Conoscenze nuove volentieri. Amori nuovi non ne desidero, ho smesso di credere ai versi di Roberto Vecchioni "Copri l'amore ragazzo, ma non nasconderlo sotto al mantello: a volte passa qualcuno, a volte c'è qualcuno che deve vederlo".

      Elimina
  9. Interessante rubrica, anche se mi aspettavo le solite rubriche, ma per una volta non fa niente ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh lo so, è una eccezione che Claudia mi ha concesso. Non lo faccio più. 😁

      Elimina
    2. Ahahah
      Tranquillo, Pietro.
      Da sabato prossimo torna tutto regolare.
      Ogni tanto qualche scherzetto posso concedermelo. :P

      Elimina
  10. Come non lo fai più Gas ? La tua poesia è bellissima , chissà le altre...
    Forse era LEI che non era alla tua altezza e non sà cosa ha perso .
    "Un amore così grande , un amore così"...
    Un abbraccio . Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono d'accordo cara Laura.
      Scommetto che, alla fine della fiera, a mangiarsi le mani sarà proprio lei.

      Elimina
    2. Grazie Laura, ma io sono stato obiettivo, la poesia non è affatto di parte. Gli errori si commettono, purtroppo...

      Elimina

Per colpa di chi ne ha abusato, minando l'atmosfera familiare che si respira su questo blog, sono vietati i commenti anonimi, così come quelli polemici e offensivi.
Se non prendi la vita con filosofia e ami mettere zizzania, sei nel posto sbagliato.