lunedì 25 ottobre 2021

Birba si lascia morire dopo aver perso il suo padrone

 
La storia che vi racconto oggi, mi ha ricordato uno dei miei film preferiti, "Hachiko: il tuo migliore amico", con Richard Gere.
Ma andiamo per gradi.
In foto vedete Birba, una Beagle fedele compagna di Giovanni Cerruti.
Qualche settimana fa, l'uomo è venuto a mancare all'età di 80 anni, e la sua amica a quattro zampe ha letteralmente deciso di lasciarsi morire, nonostante l'affetto del figlio e dei nipoti di Giovanni.

La vicenda è stata raccontata su Facebook da Massimo Cerruti, consigliere comunale astigiano.
"Birba era la cagnolina di mio padre, la sua inseparabile ombra, ogni istante della sua vita era vissuto scodinzolante in funzione dell’adorato padrone.
Pur essendo in ottima salute, non ha retto al dolore e così, appena si è resa conto di non poterlo mai più rivedere, pochi giorni dopo di lui si è lasciata andare anche lei per raggiungerlo ancora e sempre, ovunque fosse.".
Queste le parole di Massimo, concluse con un importante messaggio rivolto ai suoi tanti follower: "Non sottovalutiamo mai il profondo affetto, l’amore vero, totale e incondizionato che i nostri amici animali sanno provare per noi.".

Ho deciso di pubblicare in questo post la foto di Giovanni (resa pubblica dal figlio), perché volevo che, in qualche modo, lui e Birba fossero ancora insieme.
 

Questa storia ci dimostra che davvero gli animali (in particolare i cani) hanno molto da insegnarci in quanto ad amicizia, amore e bontà d'animo.

Come detto, la vicenda mi ha ricordato il film del 2009 diretto da Lasse Hallström.
Ispirato ad una storia vera, la pellicola racconta la vita del professor Parker e della sua profonda amicizia col cane Hachiko che continuerà ad aspettarlo in stazione per anni (dove lo attendeva ogni giorno al rientro dal lavoro), anche dopo la sua improvvisa dipartita.
Ho pensato di condividere con voi il finale del film, che mi fa commuovere ogni volta, come se non l'avessi mai guardato prima.
Buon ultimo viaggio a Birba e Giovanni.
Insieme, come nella vita.

19 commenti:

  1. Quando mio papa se n'è andato il suo cagnolino andava sempre a cercarlo in camera ..mio papà durante ultimo periodo malattia è quasi sempre stato a letto per più di 2 mesi e lui si accocolava sul tappeto a fianco..poi quando lui se n è andato lui andava a cercarlo ..e stava lì a fianco letto ..e dopo un paio mesi se n'è andato anche lui ..se lo vedevi faceva piangere il cuore era proprio triste..ok era anziano ..ma alla fine si è lasciato andare..gli mancava il suo riferimento..
    Io sono nata con cani e gatti..e altri animali ..me ne andrò tra cani e gatti..loro sono migliori MA MOLTO ! Delle persone ..okk non di tutte ma quasi..
    E questa è una delle storie vissute con loro..mai senza di loro 💕❤

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La tua testimonianza dimostra che questi episodi non sono poi così rari, sebbene siano tristissimi. 😪

      Elimina
  2. Sì... Insieme per sempre. 😢💕

    RispondiElimina
  3. Sono in partenza . Bella e commovente questa storia .
    Anche a me è piaciuto molto il film Hachiko e mi sono immedesimata
    in lui provando dolore .
    A big kiss . Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buon viaggio, mia cara.
      Riguardati.
      Un abbraccione one one.

      Elimina
  4. No, non riesco a rivedere il finale, troppe emozioni. Anche questa bellissima triste storia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quindi piace tanto anche a te?
      Chissà se l'hai mai recensito e gli hai dato almeno NOVE!

      Elimina
    2. Addirittura! Non recensito, comunque gli metterei 7,5 senza tentennamenti ;)

      Elimina
    3. Sei il solito taccagno!
      Io gli avrei dato DIECI, altro che!
      Ma considerando che sei spilorcio, ho puntato sul nove.

      Elimina
  5. Peccato che sia una notizia vera, nel senso che se dimostra da un lato l'affetto che gli animali hanno oggi sancissce automaticamente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perdonami, Daniele, ma non ho capito cosa volevi dire. Sicuramente il t9 dello smartphone ti avrà mangiato qualche parola.

      Elimina
    2. Yes I prefer my Mac my computer, :-))) cmq riprendiamo: peccato sia una notizia vera perchè se da un lato dimostra l'affetto degli animali che va oltre ogni limite per noi umani dall'altro non posso non pensare automaticamente al dolore terribile di questi cani, un dolore straziante che sancisce di fatto per una loro fortissima scelta, la fine della loro esistenza perchè non esistono senza chi amano.

      Elimina
  6. Quanto ho pianto quando ho visto "Hachiko , il tuo miglior amico" !!! L'ho visto una volta sola , al cinema e, poi, non ho più voluto rivederlo. E anche la vicenda di Birba mi ha commosso. Spero che Birba e il suo padrone si siano ritrovati ! Buona settimana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se piango io che non ho animali domestici, figuriamoci coloro che crescono con uno o più cani.
      Buona settimana anche a te.

      Elimina
  7. Che cosa tenerissima e straziante allo stesso tempo </3 ogni tanto mi chiedo cosa abbiamo fatto di buono per meritarci l'affetto incondizionato di un cane o in generale di un animale da compagnia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il fatto che loro ci amino così incondizionatamente, significa che sanno trovare il buono in ciascuno di noi.
      Magari sapessimo farlo anche noi umani.

      Elimina
  8. I fedeli compagni sono sempre unici, ciao Claudia un abbraccio e buona settimana, Angelo.

    RispondiElimina

Per colpa di chi ne ha abusato, minando l'atmosfera familiare che si respira su questo blog, sono vietati i commenti anonimi, così come quelli polemici e offensivi.
Se non prendi la vita con filosofia e ami mettere zizzania, sei nel posto sbagliato.