sabato 4 aprile 2020

'Fuori la paura': I Nomadi e Paolo Belli

Quest'oggi, per il consueto appuntamento col jukebox, ho scelto di proporvi una canzone speciale che ho scoperto qualche giorno fa, anche se nessuno di voi me l'ha richiesta.
Si tratta di un brano dedicato all'emergenza coronavirus, "Fuori la paura" dei Nomadi e Paolo Belli,  disponibile in digital download e sulle principali piattaforme streaming, i cui proventi saranno devoluti all’IRCCS dell’Arcispedale Santa Maria Nuova di Reggio Emilia.
Il brano è molto orecchiabile, e con un testo intenso, che vi propongo integralmente, perché possiate leggerlo e riflettere.

Fuori La Paura
Quando tutto questo passerà
saremo pronti ad abbracciarci, ritrovarci qua
quando tutto questo finirà
indosseremo il nostro orgoglio
la nostra umanità

E prenderemo a carezze i nostri giorni
aspetteremo alla fermata tutto il bene che ritorni
cammineremo a piedi nudi
sulla via futura
e scopriremo di aver chiuso

Fuori la paura
fuori la paura

E prenderemo a carezze i nostri giorni
e aspetteremo tutto il bene
perché il bene poi ritorni
cammineremo con il mondo
prendendocene cura
e scopriremo di aver chiuso

Fuori la paura
fuori la paura

Come di notte la notte che viene
rotta dal pianto delle sirene
ferita di striscio dal mio respiro
da questa voce che mi tiene vivo
Uomini e donne un solo abbraccio
in questa notte che ci ha fatto ostaggio
ma in fondo il coraggio è la nostra natura
e anche il coraggio di avere paura
paura di quello che non conosciamo
paura di stringerci forte la mano
paura di rompere queste catene
la notte che muore
il giorno che viene

Fuori la paura
fuori la paura
fuori la paura
fuori la paura

La notte è passata come ogni notte
Lasciando soltanto una porta che sbatte
le lacrime, i lividi, la vita, la morte
andrà tutto bene
stringiamoci forte

Allora, che ne pensate? A me sembra una bellissima poesia.
In particolare, prediligo i versi che ho evidenziato in grassetto, densi di speranza e di emozione.
Come scrivono i Nomadi e Belli sulle loro pagine Facebook, FUORI LA PAURA”, parla del momento che stiamo vivendo, di una realtà che non avremmo mai pensato di dover toccare, che ci mette alla prova, ci costringe ad essere coraggiosi, a cambiare le nostre vite e ad essere uniti malgrado ci tolga anche il conforto di un abbraccio. Il testo parla al plurale, come un coro unanime che esprime le sue paure nella volontà di “chiudere fuori la paura”.

Adesso, però, ricordate di lasciarmi le vostre richiese per il jukebox.
Buon fine settimana.
Baci. 💋

31 commenti:

  1. Complimenti per la scelta. 😉 Bella canzone, sia per musica che per testo, lodevole l'iniziativa di beneficenza.

    RispondiElimina
  2. Ottima la tua scelta, restiamo umani.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Voglio credere che lo siamo e lo saremo.
      Buon fine settimana.

      Elimina
  3. Molto bella.
    Ha un che di sentito nel riff di chitarra pre- ritornello, devo capire.
    Comunque iniziativa lodevole.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'ho pensato anch'io, sai?
      In ogni caso, stupenda.

      Elimina
    2. A tratti ricorda vagamente "Il mio nome è mai più".

      Elimina
    3. No, ti prego.
      Non me la paragonare ai Litfiba che smette subito di piacermi. 🤣🤣🤣

      Elimina
    4. Vedi come sei prevenuta? 😜
      La canzone non è esattamente dei Litfiba... Pelù l'ha incisa con Jovanotti e Ligabue.
      E adesso rispondi pure "Tanto peggio!" 😂

      Elimina
    5. Ahah
      Sí, lo sapevo.
      Infatti dalla voce di Liga mi piace. Ma poi penso ai capelli unticci di Pelù e mi viene l'ansia.
      Non ce la posso fare. 🤢

      Elimina
  4. Bellissimo pezzo. Mia figlia minore, grandissima fan dei Nomadi, aveva mandato una breve clip in cui cantava qualche parola del testo, ma non è stata inserita. Probabilmente ne hanno ricevute talmente tante, di clip, che avranno dovuto operare una selezione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuramente ne hanno ricevute migliaia di migliaia.
      Mi dispiace per tua figlia.
      Spero che non sia rimasta delusa.

      Elimina
    2. No no, sapeva che era come fare un terno al lotto :)

      Elimina
    3. Meno male.
      Sai che da bambina e da adulta non ho mai partecipato a questo genere di "concorsi", proprio per paura della delusione di non essere considerata? 😞

      Elimina
  5. Già, fuori la paura: perché questa situazione ci ha logorato, ma soprattutto ci ha impaurito, siamo impauriti per la nostra salute e per quella dei nostri cari, poi saremo impauriti anche per le nostre prospettive economiche. Speriamo la notte passi, una notte finora lunghissima...
    E' una bella canzone e ancor più il video, devo ammettere :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono felice che ti sia piaciuta, ed è buffo che tu l'abbia conosciuta qui da me, perché è in tutte le radio dal 24 marzo, ma forse a Radio Bruno non piace? 😜

      Elimina
  6. Cara Claudia, bella veramente bella, una scelta che ci voleva, bisogna vincere la paura!!!
    Ciao e buona serata con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Noi Italiani (e non solo) ce la stiamo mettendo tutta.
      Speriamo bene. 😘

      Elimina
  7. Ho letto tutto il testo , parole bellissime e musica allegra , scaccia
    proprio la paura . Ottima scelta , brava .
    PS. Ho notato che se tolgo la P e metto L esce il mio nome . Ciao , Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bravissima.
      Togliamo tutte le P dalla paura.
      Laura è un bel nome, a maggior ragione se associato a te. 😘

      Elimina
    2. Però dovremmo leggere "Laùra"... 🙄😂

      Elimina
    3. Stai a guardare l'accento... ops... il capello! 😜

      Elimina
    4. Gas , già i miei gruppi Inglesi mi chiamavano Lora e ora mi ci metti
      anche tu a storpiarmelo , cattivello . Io sono Làura dalla testa
      ai piedi . Qualcuno mi chiamava Donna Laura . Ti farei anch'io la
      boccaccia )): Scherzo , ovviamente . L.A.

      Elimina
  8. Molto molto bella. Ho la radio accesa h 24 ma non l'avevo sentita. Mi sono quasi commossa. Segno forse che inizio a patire un po'... ma solo un po'. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se può consolarti non la conosceva nemmeno Riccardo che lavora in radio.
      È davvero troppo recente, e spero che le radio inizino a trasmetterla più spesso.

      Elimina
  9. Una lodevole iniziativa quella di donare i profitti all'Ospedale. Gli ospedali hanno bisogno di tutto. Non so come sarà dopo: intanto speriamo che finisca presto il prima...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io voglio pensare al "dopo dopo", ovvero a quando sarà tutto finito e torneremo alla nostra normalità.

      Elimina
  10. Molto meglio quella dei bambini...non lo so, comunque l'iniziativa va bene.

    RispondiElimina
  11. E' bella, non la conoscevo ancora.
    Hai fatto bene a inserirla oggi, ci voleva questo pezzo in questo momentaccio. Baci.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero proprio che possa ridare speranza a qualcuno.
      Compresa te. <3

      Elimina

La parte che più amo del blogging è la condivisione e il confronto.
Fammi sapere cosa ne pensi del mio post!