venerdì 8 ottobre 2021

Non solo Covid: approvato il primo vaccino contro la malaria

 
In tempo di Covid-19, la parola vaccino è inevitabilmente associata a Pfizer, Moderna e simili.
Per fortuna, però, la ricerca non si è mai fermata (nonostante la pandemia) e, in questi giorni, l'Oms ha potuto festeggiare un traguardo epocale, avviando l'impiego di massa del primo vaccino contro la malaria, già approvato nel 2015.
Quel che è certo è che noi nati nella parte fortunata del mondo possiamo permetterci addirittura il lusso di rifiutare i vaccini contro il Covid-19 e chissà se, i più audaci, non contesterebbero persino questo.

Chi invece continua a morire, nel 2021, per una malattia antichissima, di certo non sarà schizzinoso.
La malaria, infatti, è tra le malattie infettive più mortali esistenti e uccide, ogni anno, mezzo milione di persone, prevalentemente nell'Africa sub-sahariana.
Tra queste, più di 250mila sono bambini da zero a 5 anni.

Il nuovo vaccino, chiamato Mosquirix, e realizzato da GlaxoSmithKline, servirà per stimolare il sistema immunitario e combattere l'agente patogeno Plasmodium falciparum, il più diffuso in Africa.
Diviso in tre dosi, verrà somministrato ai bambini di 5 mesi, poi 7 e, infine, 18.

Già testato con successo in Ghana, Kenya e Malawi, sarà ora diffuso in tutte le aree colpite dalla malaria.

Insomma, non resta che sperare che questa malattia venga debellata per sempre e che anche in Africa si possa avere un'aspettativa di vita più lunga e sana.

27 commenti:

  1. Dove ci sono meno interessi economici in gioco, certi passi avanti vanno sempre a rilento. Approvato nel 2015, e nel frattempo quante vittime ogni giorno?
    Che dire di più? Meglio tardi che mai.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuramente meglio tardi che mai.
      Sperando che sia davvero efficace.

      Elimina
  2. Era ora che si decidessero a capire che le malattie nel mondo non si riducono al solo covid! Anche le malattie antiche vanno prese in considerazione: non è che col covid siano sparite tutte.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sono affatto sparite. Anzi.
      Ma tutto il resto sembra non interessare più.

      Elimina
  3. meglio tardi che mai , nei paesi ricchi il vaccino c'è già sviluppato e prodotto dopo 1 anno ..nei paesi poveri ...anni e anni x svilupparlo ..ed intanto le persone muoiono ..ma passa tutto sotto silenzio ....
    mi auguro che venga distribuito uniformemente dove più serve .

    RispondiElimina
  4. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  5. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  6. Beh questo tuo post, oltre.a dare un'ottima notizia che anch'io avevo letto, mostra quali siano i tempi effettivi e reali per un vaccino affnchè sia realmente approvato. So che se decidevi anni fa di andare in certe aree a rischio dovevi seguire una profilassi durissima contro la malaria, ora forse le cose miglioreranno ovunque per fortuna. Scusa commenti cancellati errori batttitura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi dispiace Daniele, ma la tua teoria è fuorviante.
      Stai insinuando che il vaccino per il Covid sia stato approvato senza seguire la giusta procedura e in tempi troppo brevi. È falso.
      Il vaccino per la malaria è stato diffuso così a rilento perché si tratta dell'Africa, e ben conosciamo purtroppo le condizioni economiche del luogo.
      Se la malaria uccidesse ogni anno milioni di persone in Europa, in America, ecc, sarebbe stato diffuso esattamente uno o due mesi dopo la sua approvazione.
      Quindi non diciamo eresie, per favore.

      Elimina
    2. Stai pur certa Claudia che se la malaria avesse avuto un focolaio tipo in Germania o in Francia, il vaccino sarebbe stato pronto "a tempo di covid".
      Inoltre perché sul covid si sono concentrate più aziende farmaceutiche mentre sulla malaria soltanto una?

      Elimina
    3. Perché il vaccino contro il Covid sarebbe stato venduto a buon prezzo in tutto il mondo.
      È elementare. Le case farmaceutiche guadagnano il quintuplo rispetto ad un vaccino utilizzato solo in qualche Paese, oltretutto poverissimo.

      Elimina
  7. Ben venga il vaccino contro la Malaria ma , per me il vaccino migliore
    sarebbe fare meno figli . Tutti i giorni mi arrivano lettere da vari
    Enti benefici chiedendo soldi per bambini scheletrici che muoiono di fame
    e altre varie malattie . Genitori incoscienti che copulano senza pensare
    alle conseguenze . Se non hanno la possibilità di allevarli , evitino .
    Qui in Italia , lo scorso anno , sono nati 400.000 bambini in meno .
    Sono cinica ? No , realista .
    Buona giornata . Laura ***

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sei assolutamente cinica.
      Io, poi, sono persino più "cattiva" di te. Persino in Italia non tollero coloro che fanno tanti figli e poi pretendono case popolari o bonus dallo Stato.
      Le famiglie numerose sono un lusso che solo chi ne ha la possibilità economica dovrebbe concedersi.
      Basta ipocrisia!

      Elimina
  8. E finalmente! Noi qua non ce ne rendiamo conto, ma ci sono malattie che mietono un sacco di vittime e il paradosso è che alle case farmaceutiche conviene piuttosto vendere integratori vitaminici agli americani piuttosto che investire nelle cure per queste malattie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esattamente.
      Nessuno ha interesse ad investire nella salute di chi vive in un territorio così povero, purtroppo.
      Inutile raccontare storielle. La verità è solo questa.

      Elimina
  9. Finalmente, decisamente ci voleva.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Era assurdo che nel 2021 non venisse ancora somministrato a tappeto.

      Elimina
  10. Una bella notizia!! Noi non ce ne rendiamo conto perché, da noi, la malaria non c'è, ma in tanti paesi poveri, questa è una malattia terribile. Purtroppo, troppo spesso, i paesi poveri non fanno notizia, non portano a grandi guadagni e vengono dimenticati. Questo vaccino contro la malaria, avrebbe dovuto essere somministrato prima e tante vite si sarebbero potute salvare. Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È vero. È triste pensare che il vaccino giace lì da molti anni e nessuno lo abbia commercializzato.
      Speriamo che adesso si sbrighino.

      Elimina
  11. Avevo letto la notizia, finalmente è arrivato questo vaccino.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
  12. Speriamo davvero, finalmente

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Domani ho in programma un jukebox speciale dedicato a te, sai? Per essere certa che tu non lo perda, passerò a ricordartelo. 😉

      Elimina
  13. Finalmente una buona notizia. Sembra impossibile che dopo tanti secoli ancora ci siano queste differenze abissali tra i diversi continenti. Da una parte si fanno viaggi spaziali per turismo, con costi inimmaginabili, dall'altra si muore di fame e di malattia. Ingiustizie mai sanate. Speriamo veramente che questo vaccino possa salvare molti bambini. Meglio tardi che mai!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo la disparità tra il cosiddetto terzo mondo e il resto del pianeta è immensa, e temo non verrà mai sanata.
      Però che almeno si facciano degli importanti passi avanti per la salute di queste persone, é già un traguardo.

      Elimina
  14. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina

Per colpa di chi ne ha abusato, minando l'atmosfera familiare che si respira su questo blog, sono vietati i commenti anonimi, così come quelli polemici e offensivi.
Se non prendi la vita con filosofia e ami mettere zizzania, sei nel posto sbagliato.