lunedì 8 febbraio 2021

Francia: macchinista salva donna dal suicidio sui binari

 
Cominciamo la settimana con una storia a lieto fine che arriva dalla Francia.
Qualche giorno fa, a Parigi, precisamente nella stazione La Défense della metropolitana, una donna ha tentato il suicidio stendendosi sui binari, ma il macchinista è riuscito a fermare il treno ad appena un paio di metri dal suo corpo.

La vicenda è diventata virale, poiché Sebastien l'ha raccontata in un Tweet.
Purtroppo non conosco la lingua francese, ma Google traduttore, seppur in maniera alquanto maccheronica (come sempre) mi è venuto in soccorso.

Il macchinista scrive, dunque, che la donna ha scelto il treno sbagliato per suicidarsi e che spera tanto che il suo salvataggio possa offrirle una possibilità per ricominciare, ritrovando la voglia di vivere.

Come detto, il post su Twitter è subito diventato virale e Sebastien ha ricevuto decine di messaggi in cui perfetti sconosciuti si offrivano di aiutare la vittima a ricostruire la propria vita, offrendole un lavoro, un alloggio, o semplicemente una spalla.

Chissà se tutto questo basterà davvero a dissuaderla dalla volontà di farla finita.
Di sicuro, però, Sebastien ha compiuto un vero miracolo in quanto, complice il buio, nessuno si era reso conto che la donna si fosse sdraiata sui binari e, in ogni caso, statisticamente quando il macchinista individua il corpo o un qualsiasi ostacolo, non ha il tempo materiale per fermare il mezzo senza rischiare un deragliamento, o comunque di travolgere "l'oggetto" in questione.

Insomma, complimenti a questo eroe e un forte abbraccio alla donna.

32 commenti:

  1. Una storia commovente e speriamo che questi moti di solidarietà si rivelino decisivi per dare davvero a questa donna una nuova occasione di vita.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io temo, invece, che la donna provi a "finire il lavoro".
      Perché quando arrivi a un punto di rottura che ti porta a decidere di suicidarti, credo che non ci sia più ritorno.
      Più che di soldi, la donna probabilmente avrà bisogno di affetto, e quello gli estranei non possono darlo. 😔

      Elimina
  2. Io uso dire che ciò che per altri è coincidenza per me è provvidenza. Nulla capita per caso, ma viviamo in un mondo fatto per noi, dove ogni rotella alla fine si incastra con un'altra.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono d'accordo.
      Nulla accade per caso. Sono sempre stata molto fatalista ma, al tempo stesso, non credo nei miracoli.
      Il macchinista è un eroe, è vero, ma non è una coincidenza che questa donna abbia scelto proprio il suo treno.

      Elimina
  3. Le coincidenze sono la prova stessa che le coincidenze non esistono (Dylan Dog), o detto con meno giochi di parole, nulla avviene per caso.
    Mi chiedo come abbia fatto il macchinista a evitare la tragedia, comunque merita un premio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuramente meriterebbe un encomio, e non solo a parole!

      Elimina
  4. le giornate sono piene anche per noi di occasioni di dare una mano
    bello il gesto eclatante e risolutivo come bello lo sforzo di aiutare
    Diamo più spesso un sorriso e una parola buon

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione. Tutti noi dovremmo offrire più spesso sorrisi e parole buone. In fondo non costano nulla, in tutti i sensi.

      Elimina
  5. Sebastien è proprio un eroe,finalmente una buona notizia.Speriamo che la donna desista dalle idee suicidarie.Buona giornata.

    RispondiElimina
  6. una storia toccante e che dovrebbe farci riflettere, troppe persone sopratutto in questo stato di emergenza sono state abbandonate, sole con i loro problemi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo l'emergenza Covid-19 ha portato all'aumento vertiginoso dei casi di depressione che, troppo spesso, culminano nel tentativo di suicidio.
      Va detto, però, che i numeri non erano incoraggianti nemmeno ben prima della pandemia.

      Elimina
  7. Quando lavoravo nel sociale un giorno una donna, che avevo conosciuto perchè mi stavo occupando dell'inserimento lavorativo del figlio disabile, è venuta da me consegnandomi il suo 'testamento' perchè era sua intenzione farla finita. Aveva sistemato tutto, io ero quella a cui voleva affidare il figlio più piccolo, poi si sarebbe buttata giù da un ponte - così mi raccontava delirando.
    Effettivamente la sua situazione famigliare era complessa: il marito con una malattia degenerativa invalidante, il figlio minore con la stessa patologia conclamata ( quello che seguivo io), il figlio maggiore tossicodipendente e i parenti lontani ma sempre pronti a giudicarla.
    Sono riuscita a convincerla a salire sull'ambulanza che avevamo chiamato ed è stata ricoverata in psichiatria per un pò.
    L'ho rivista dopo parecchio tempo: era rinata, si era rimessa a studiare e stava gestendo la sua vita alla grande.
    Mi piace pensare che io fossi nel posto giusto al momento giusto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono certa che lei ti sia molto grata di averla "salvata", con e senza virgolette.
      Caspita, però, che storia. Troppe responsabilità per due sole spalle.
      Chissà come ha fatto a trovare una via d'uscita.

      Elimina
  8. Non so immaginare quanto ci si debba sentire male per pensare di suicidarsi... eppure penso anche che spesso si tratterebbe di superare un momento, che se ci venisse tesa una mano si cambierebbe idea. In questo la donna è stata fortunata, ha avuto una seconda chance.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo mi è capitato alcune volte di desiderare di farla finita.
      Per fortuna, però, amavo troppo mia madre per poterle arrecare un dolore così immenso.

      Elimina
  9. Dev'esser stato terribile vederla stesa lì sopra. E per fermare un macchinario in tempo sarà stata necessaria una certa dose di sangue freddo.
    Complimenti a lui. E speriamo sul serio che questa chance che ha dato alla donna, la conduca verso una nuova vita in cui mai più la sfiori l'idea di uccidersi.
    Buon lunedì Claudia :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sangue freddo e una buona dose di fortuna che, in certi casi, è preziosissima.
      Buon inizio di settimana a te. 😘

      Elimina
  10. Più che provvidenza o fato, è l'esempio che tutti noi possiamo fare qualcosa di importante. Fare dei piccoli miracoli. Nulla di soprannaturale, ma quel macchinista è riuscito a fare un qualcosa legato al suo mestiere (frenare un treno...) con una rapidità fondamentale a salvare una vita.
    Bellissima storia.
    Meno i commenti che ho letto su una testata nazionale: un utente si auspicava che la donna potesse cambiare idea, altrimenti "domani passerà un altro treno". Cinismo gratuito e fuori luogo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho letto anch'io quel commento e mi sono venuti i brividi.
      Provo sempre forte imbarazzo davanti alla cattiveria umana.

      Elimina
  11. Speriamo non ci riprovi, perché non tutti sono Sebastien, non tutti sono eroi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Speriamo piuttosto che lei possa curare le sue ferite dell'anima e rinascere, finalmente, con serenità.

      Elimina
  12. Per decidere di suicidarsi ,
    questa donna deve aver toccato il fondo
    di un pozzo e non essere in grado di uscirne .
    Dovrebbero curarla , assistere la famiglia (grosso problema) ,
    e quando starà meglio , offrire un lavoro .
    Complimenti al macchinista , alla sua prontezza fermare il treno.
    2 bacini . Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono d'accordo con te.
      Come dicevo a Daniele, il lavoro è l'ultima cosa di cui questa donna avrebbe bisogno.
      Le vere mancanze ritengo siano quelle affettive.
      Un abbraccio.

      Elimina
  13. Mi chiedo come mai con tutta la sorveglianza e le video cmere contri il terrorismo, possano accadere queste cose. Meno male che il conducente si è accorto in tempo della stuazione, un plauso e un conforto alla donna che possa risolvere i suoi problemi. Ciao Claudia e buona settimana, Angelo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molte volte basta un attimo per creare una tragedia. Pensa cosa sarebbe accaduto se la donna si fosse lanciata sui binari col treno in transito.
      In quel caso non c'è telecamera che possa servire a prevenire l'impatto.
      Buona settimana anche a te.

      Elimina
  14. Sai che nel 2006 hanno fatto un film/documentario sul Golden Gate Bridge di S.Francisco chiamato The Bridge il ponte dei suicidi.
    Io ho visto l’altro ieri il documentario e tutti i parenti delle vittime affermano che i loro cari si son suicidati perché affetti da problemi psichiatrici.
    Quindi non penso che sta donna del treno sia poi così distante da questo triste ritratto.
    Non dico nemmeno ben per lei essere sopravvissuta.
    Il suicidio è sempre una scelta ( giusta o sbagliata non son io a doverlo dire)
    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me dare la responsabilità ai problemi psichici delle vittime, aiuta i parenti a sgravarsi dai sensi di colpa o, peggio, dal giudizio degli altri.
      Non oso immaginare come possa sentirsi una vedova, un fratello o un genitore di un suicida.
      Mi vengono i brividi.
      Comunque conosco persone che non avevano alcun disagio psichico ma che si sono suicidate a causa dei debiti, ad esempio, o di un amore finito.

      Elimina
  15. Penso che se fai ..cerchi di fare..una cosa del genere..pensi di non avere altra scelta .che quella li è la scelta ovvia..ma a volte basterebbe solo che qualcuno ti parlasse.o ti stesse ad ascoltare...o come il ferroviere tirasse il freno..
    Mi auguro che la signora trovi la forza e le personegiuste che l'aiutano a uscire da questo momento buio
    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A volte basterebbe solo un abbraccio sincero.
      Ne sono certa.

      Elimina

Per colpa di chi ne ha abusato, minando l'atmosfera familiare che si respira su questo blog, sono vietati i commenti anonimi, così come quelli polemici e offensivi.
Se non prendi la vita con filosofia e ami mettere zizzania, sei nel posto sbagliato.