sabato 27 febbraio 2021

Jukebox: 'Lacrime dalla luna' di Gianluca Grignani

 
Buon sabato amici.
Torna l'appuntamento col jukebox di Chi scrive non muore mai.
Questa settimana ho deciso di tenere il gettone per me, per dare spazio ad un artista che ho amato molto da ragazzina, nonostante la sua condotta spesso deprecabile.
Si tratta di Gianluca Grignani. Ho scelto la sua "Lacrime dalla luna", nonostante ami particolarmente il suo album d'esordio "Destinazione Paradiso".

Secondo singolo estratto dall'album "Uguali e diversi" del 2002, porterà Gianluca al Festival di Sanremo, ma si classificherà solo al 12º posto.
Non saprei dirvi cosa mi strega di questa canzone, ma sin dal suo primo ascolto, non ho mai smesso di canticchiarla.
La vocalità di Grignani mi piace un sacco, così come i suoi testi che trasudano amore, sofferenza e quotidianità.

"E vola un'emozione
E sarà canzone
Che scivolando va
Fuori dalla stanza
E come una fotografia
Che un giorno sai era mia
Ma ora non c'è più
Forse l'hai trovata tu
Che non ti sei arresa
E sei sospesa
Come un campo di stelle che è là dietro la collina
Dove il cielo s'inchina
Ed è già
Si è già
Una nuova mattina".

Sarà che, in qualità di scrittrice, mi ritrovo molto nel concetto che le emozioni che provo diventino presto poesie, canzoni, racconti. Parole. Scritte eternamente su carta e nel cuore.
Allo stesso modo, da sempre non mi lascio fermare dalle avversità della vita, nonostante ne abbia subite fin troppe per la mia giovane età, e mi reinvento ogni giorno più forte e coraggiosa di prima.

Insomma, questo brano mi sembra un inno di speranza per coloro che non si abbattono e si rimboccano le maniche per fare sempre meglio.
Un mantra che lo stesso cantautore avrà, probabilmente, ripetuto ogni volta che ha dato il peggio di sé per motivi legati alla droga, alle risse, all'alcol, e così via.
Che ne pensate? Lo conoscevate?
Adesso vi ricordo che il jukebox è sempre aperto e che aspetto le vostre richieste.
Bacioni.

25 commenti:

  1. Non conoscevo questa canzone. Il testo è molto bello, ma non mi piace l'interpretazione.
    Di Grignani apprezzo molto "La mia storia tra le dita" e la poco nota "Come fai?"
    È un valido cantautore emerso negli anni '90, peccato faccia parlare di sé soprattutto per questioni di cronaca e non artistiche. 😕

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "La mia storia tra le dita" è la mia preferita in assoluto, e mi pare fi averne già scritto tra queste pagine.
      L'altra, invece, non la conosco.

      Elimina
  2. Ciao
    La conoscevo ma me l’ero pure dimenticata negli anni.
    Peccato.
    Grazie per questa rispolverata su Grignani.
    Speriamo torni a fare buona musica e che abbia finito di menare la moglie/compagna e cannarsi.
    Mi ricorderò sempre quello che Vasco Rossi disse di lui all’esordio .
    Cioè che il ragazzo prometteva bene e poteva essere uno dei papabili a raccogliere la sua eredità.
    C’aveva visto qualcosa in lui Blasco.
    Mi sa che negli anni si sia ricreduto, purtroppo.
    Visto che hai parlato di Grignani mi viene in mente un altro violento che però si è spinto purtroppo oltre arrivando ad ammazzare di botte la sua compagna.
    Bertrand Cantant il leader dei Noir Desir un gruppo francese .
    La canzone ...credo la conoscano anche i muri e si chiama Le vent nous porterà e sai l’ironia del destino è una canzone pacifista contro la guerra.
    Scritta da uno che poi ha ammazzato la moglie.
    Te la richiedo per uno dei prossimi jukebox.
    Se te la senti di pubblicarla naturalmente.
    Buon weekend

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eccomi.
      Sono una pietra ignorante, allora, perché l'ho cercata su Youtube, ma non l'ho mai sentita prima d'ora.
      Nel video, però, c'era la mia amatissima Julia Roberts, quindi magari è stata la colonna sonora di uno dei suoi film, non so.
      La metto in lista e approfondisco.

      Quanto a Grignani, a mio avviso la stoffa ce l'ha, quindi Vasco ci aveva visto lungo.
      Il problema è che si è lasciato sopraffare dalla vita spericolata cantata dal maestro.

      Elimina
    2. No non c’entra una minchia la Roberts?
      Ma la botta alla mano ti fa avere le visioni😂?
      Non è lei la donna nel video con il bambino.

      Comunque se ti interessa per approfondire la cosa su Cantant e i Noir Desir ( la moglie che ha ammazzato era pure un attrice) ti linko questo post:
      https://www.latestatamagazine.it/2020/03/forse-non-tutti-sanno-che-il-giallo-noir-desir/

      Secondo me a parte il Jukebox ne trarresti un gancio per fare un interessante articolo in generale sul femminicidio.
      Poi vedi te...
      Buona domenica

      Elimina
    3. Mamma mia Max che pezzo che hai tirato fuori!
      Una canzone bellissima.

      Elimina
    4. Si peccato che si porti dietro la fama di chi l’ha interpretata almeno per chi ne conosce la storia.
      Poi è pur vero che la musica va oltre ...ed è appunto una bellissima canzone.
      L’ho scoperto da poco pure io che è una canzone contro la guerra.
      Ci son stati tanti miti anche su quel testo.
      Di sicuro è facile da strimpellare alla chitarra ( me pare abbia solo due accordi) e poi porta pure la firma di Manu Chao ma te ste cose già le sai.

      Elimina
    5. Ahahahahha
      Maaaaaaaax. Il video che ho beccato io non era quello ufficiale. Ho cliccato sul primo della lista. E se questa non è la Roberts, io sono Marilyn Monroe!!

      https://youtu.be/1l2d6uOc9sY

      Elimina
  3. Non conoscevo questa canzone, Grignani mi fa tornare alla mente gli anni della scuola. Le mie compagne impazzivano per lui.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me è sempre piaciuto molto come cantante.
      Come uomo, meno. Troppi tic e quei capelli lunghi che mi fanno da sempre pensare ad una scarsità di igiene personale... 😅

      Elimina
  4. Mi ricordo più il nome di Grignani che la sua musica .
    Le parole della canzone sono molto belle e significative .
    Parli di droga , alcol ed altro , spero che ora sia "Cresciuto"
    e imparato che la vita non va sprecata .
    Abbraccione . Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Temo che non sia cambiato proprio nulla, invece. Ma continuo a sperare di rivederlo calcare palchi importanti, nonché scrivere brani meravigliosi.
      Notte 😘😘

      Elimina
  5. bravo cantante e bella canzone!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molto bella, e non è nemmeno una delle sue migliori.

      Elimina
  6. E' giusto che ogni tanto tu tenga il gettone per te, mi sembra proprio il minimo ;)
    Questa canzone non la ricordo, ma ammetto di aver amato poco questo cantante. Forse quella che preferisco è "La mia storia tra le dita".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quella canzone è un monumento per noi nate alla fine degli anni Ottanta.
      E sì, mi piace da morire.
      Terrò altri gettoni per me.
      Spero che la prossima volta apprezzerai la mia scelta. 😘

      Elimina
  7. Bella canzone e bel testo. Ha scritto alcune belle canzoni, peccato che si sia bruciato con un carattere e un comportamento poco promettenti per il futuro. Chissà, è giovane...potrebbe ancora cambiare, se volesse!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non confido molto nel suo cambiamento.
      Come si dice, il lupo perde il pelo ma non il vizio...

      Elimina
  8. Da quanto tempo che non ascoltavo questa canzone.
    Grignani vocalmente (si senta l'esibizione di Sanremo) non è mai stato eccezionale. Ma era un buon rocker all'italiana.
    Ha scritto bellissime canzoni (e altre terribili, come Ti raserò l'aiuola).
    Tuttavia ha sprecato questo suo talento.
    E forse non è stato fortunato come qualche altro collega che ha avuto sempre una spinta nel momento di difficoltà...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahaha
      Che perla mi hai ricordato.
      L'aiuolaaaaa. 😂😂😂😂

      Elimina
  9. @Riki
    Secondo me come in tutte le cose devi essere te il primo convinto a volerne uscire dalle tue dipendenze.
    Poi recentemente l’ho visto pure da Mara Venier ..a raccontarsi insomma qualche mano gliela stanno pure tendendo..!
    Paura mia che l’alcol e altre schifezze gli abbian fottuto definitivamente la creatività.
    Perché per me non è ancora venuto fuori.
    Ps . Quanto bella è Il Falco
    Ciao a tutti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Falco a metà" è meravigliosa.
      E vogliamo parlare di "Destinazione Paradiso"?
      Mi viene la pelle d'oca. 😍😍

      Elimina
    2. Entrambe le canzoni, bellissime.
      Max, esatto, dalle dipendenze di ogni tipo si può uscire...
      Bisogna avere forza di volontà e farsi aiutare.

      Elimina
  10. Mai piaciuto, ma comunque alcune sue canzoni non sono male, personalmente però questa non è tra quelle ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chissà quale preferisci oltre alla storia tra le dita.

      Elimina

Per colpa di chi ne ha abusato, minando l'atmosfera familiare che si respira su questo blog, sono vietati i commenti anonimi, così come quelli polemici e offensivi.
Se non prendi la vita con filosofia e ami mettere zizzania, sei nel posto sbagliato.