venerdì 19 agosto 2022

Quando ho imparato a non programmare più nulla

 
Ieri, alla fine, è stata una splendida giornata.
Sono andata a pranzo fuori con mio marito e con Lorenzo.
Nel pomeriggio ho preso un aperitivo con la mia migliore amica, e la sera ho fatto una passeggiata con mia madre. Insomma, cosa avrei potuto desiderare di più? Nulla.
Grazie a voi per l'affetto e la vicinanza che mi avete dimostrato. Sul blog e su Facebook siete stati tantissimi, e non sono mancate le telefonate degli affetti più cari.
Pensavo che da diversi anni, ormai, ho perso l'abitudine di programmare sempre tutto, e sono molto più felice. 
Ogni mattina mi sveglio e organizzo la mia giornata, incastrando mille cose per non perdere un solo minuto, ma non faccio più programmi a lungo termine. 
Martedì, ad esempio, sono andata al mare con mia madre. 
La sera precedente ci siamo sentite al telefono e abbiamo deciso di valutare il da farsi in merito alle condizioni del tempo. 
Alle sette del mattino, però, pioveva, ed entrambe eravamo scoraggiate. 
Alle otto e mezza, invece, è uscito il sole e le ho mandato un messaggio per avvisarla che stavo indossando il costume per raggiungere la nostra spiaggia preferita. Lei ha fatto lo stesso. 
Il tempo è stato bellissimo fino alle 11.30. Poi, si è annuvolato parecchio e abbiamo deciso di tornare a casa. 

Dieci anni fa, non avrei mai fatto nulla di tutto ciò, perché le mie uscite erano sempre programmate almeno tre giorni prima. Certo, non è facile trovare qualcuno che ti accompagni in un determinato posto senza preavviso, ma col tempo ho imparato a muovermi liberamente da sola, o con mia madre che ha la mia stessa allergia verso la pianificazione anticipata.

Ripeto, sono la persona più organizzata al mondo ma, per quel che concerne lo svago e il tempo libero, preferisco vivere alla giornata.
Non riesco (più) nemmeno a programmare i viaggi con largo anticipo. 
Devo partire ad ottobre? Prenoterò a settembre. Una volta, invece, sarei andata in agenzia a giugno. 

Voi, invece, prendete la vita un po' come viene, o amate programmare in anticipo, e con attenzione, ogni dettaglio?
Dove sarete fra una settimana, a quest'ora? 😅

33 commenti:

  1. In primis sia pure in ritardo e mi dispiace, auguri di buon compleanno di tutto cuore. Per venire alla tua risposta sono una via di mezzo ossia ci sono cose per le quali mi muovo con largo anticipo ed altre che lascio che vadano senza programmare nulla. Dove sarò tra sette giorni? Qui nella mia città se non mi rapiranno gli alieni 😊

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahah
      Speriamo che gli alieni si facciano i fatti propri, allora! 😉

      Elimina
  2. A quest'ora... sicuramente a lavoro! :) scherzi a parte, io sono il tuo esatto opposto: odio la programmazione e il pianificare qualsiasi cosa, anche (soprattutto) lo svago! Ho amici e amiche che programmano ferie ed eventi minuto per minuto, a volte mesi prima: io impazzirei! In questo modo anche le vacanze diventano un lavoro...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E non siamo mica opposti.
      Forse non hai colto il senso delle mie parole.
      A me piace organizzarmi, perché non arrivo mai impreparata in nessuna evenienza, ma mai con largo anticipo. Al mattino mi sveglio alle sette e decido cosa farò nel resto della giornata (impegni fissi a parte).

      Elimina
  3. Io non programmo mai nulla da sempre.Sono contenta che tu abbia trascorso una bella giornata.Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fai bene.
      Si vive molto meglio senza ancorarsi a programmi già determinati.
      Grazie, buon venerdì.

      Elimina
  4. Io sono del segno zodiacale della Vergine, il più preciso dello zodiaco e di mestiere faccio il programmatore.
    Secondo te????

    Se qualcosa esce fuori da quanto programmato vado fuori da matta 🤣🤣🤣🤣

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahahah
      Il fatto che tu faccia la programmatrice mi pare sia un aggravante. :))
      Pensa che prima ero proprio come te, ma poi sono guarita. :P

      Elimina
  5. Ho la tendenza a pianificare in anticipo un po' tutto, ma devo ammettere che più di qualche volta tali programmi vanno a monte per sopravvenute priorità, il che mi secca... Quindi talvolta "improvviso"! 😉

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quindi, in una giornata iniziata con la pioggia, non saresti mai andato a goderti il mare. ;)

      Elimina
    2. No, dato che per me il mare non è sinonimo di godimento manco col sole. 😄

      Elimina
    3. Ahahahah
      Non sei degno di vivere in Puglia. :P

      Elimina
  6. Temo che finché si conduce una vita lavorativa, sia inevitabile programmare la giornata. In quel caso il "fuori programma", se piacevole, acquista un valore aggiunto che te lo fa apprezzare molto di più.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti, ho detto che non programmo (più) il tempo libero.
      Quello che trascorro al lavoro è ovviamente pianificato. Ma se domani sono libera e voglio andare al mare o in piscina, non ci penso in anticipo, consultando diciotto siti di previsioni meteo.
      Mi sveglio e valuto in base al tempo. Se piove, mi inventerò qualcos'altro. ;)

      Elimina
  7. Sì, ti capisco. Anche a me non piace fare programmi a lungo termine, preferisco vivere un pò alla giornata, soprattutto da quando sono in pensione. Però non sempre è possibile, il più delle volte devo programmare con almeno una settimana di anticipo le uscite, gli incontri, causa lontananza. Però va bene anche così. Ciaoo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, considerando che ti concedi spesso gite fuori porta in compagnia di amiche, è giusto organizzarle per dare a loro la possibilità di seguirti.
      Non tutti possono riempire la valigia al volo e partire dall'oggi al domani. ;)

      Elimina
  8. In passato anche io programmavo sempre con anticipo ma ormai ho imparato che l'imprevisto è sempre in agguato.. ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le emozioni più belle sono sempre... Impreviste. 😉

      Elimina
  9. Programmazione di al massimo un giorno, del tipo: che si mangia domani? :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahha
      E non sei mica tu che programmi.
      Al massimo lo fa Angela. 😜

      Elimina
  10. Dopo anni di progetti saltati, ormai vivo alla giornata e va molto bene così. Di carattere tendo a pianificare; diciamo che ho imparato a fare il piano B, il piano C, eccetera; una volta facevo solo il piano A.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ieri avevo appuntamento con la mia amica alle 18, ma lei è riuscita a raggiungermi solo alle 19.
      Pensa se avessi fatto programmi precisi per la cena, che caos.
      E invece è tutto un "quando finisco, ci vediamo?". 😉

      Elimina
  11. L'unica cosa che spesso programmo con anticipo sono i pasti, faccio il menu settimanale e lo seguo abbastanza fedelmente.
    Per il resto, non sono amante dei programmi, del controllare ogni cosa. Vivo alla giornata. Non che lo ritenga migliore, semplicemente non so fare diversamente. Baci.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io programmo i pasti.
      Non con un ordine specifico, ma il giorno prima so cosa preparerò il giorno dopo, così non perdo ore a pensarci. 😅

      Elimina
  12. Dove sarò domani o tra un mese a quest'ora ? Elementare Claudia ,
    qui a risponderti .
    Io pianificavo i viaggi con anticipo (ora neanche quelli) per il resto ,
    come te e Dama Bianca , i pasti del giorno dopo .
    Ora vado al Supermercato a fare un po di scorta di tutto .

    Hai sentito che qui da me ieri c'è stata una tromba d'aria ?
    Le cabine dei bagni sono tutte volate via e parte sono finite sulla
    adiacente ferrovia , così chiusa per qualche ora per rimuovere il tutto .
    Anche il Municipio è stato danneggiato . Le strade , una coltre di
    foglie e rami . Nel pomeriggio il sole .
    Bacioni . Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'ho sentito proprio dalla tua bocca, ieri, avendo evitato il tg e i giornali.
      Dispiace sempre per i danni del maltempo, a maggior ragione in un Paese in cui agli Italiani tocca rimboccarsi le mani da sé.
      Spero che questi episodi non si ripetano. Un abbraccio.

      Elimina
  13. Per forza di cose, ho imparato a vivere alla giornata e devo dire che non è malaccio, anzi, spesso alleggerisce le spalle. Sono contenta di averti trasmesso anche questo mio difetto di fabbrica 😁
    Adoro prendere e andare, così, senza programni, all'avventura...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahah
      Ecco la testimonianza diretta della causa di tutte le mie stranezze.
      Ma, come si dice, mal comune mezzo gaudio. :))))

      Elimina
  14. Io programmo..come viene!!😂😂
    No dai se son cose tipo lavoro o altro che per forza devo seguire allora si son anche molto metodica ..ma se posso fare come voglio ..ciaaoooo..prendo .vado ..dove mi porta il cuore ..liberamente ..
    P.s.tipo vacanze..si parte e via.. senza troppi programmi ..+/,allo sbando😂

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, vacanze all'avventura se si è soli o in coppia, magari.
      Ma quando ci sono i figli piccoli, c'è poco da improvvisare. 😅

      Elimina
    2. Nooo anche con Andrea piccolo !! povero figlio che famiglia si è trovato ;))

      Elimina
  15. Per quanto riguarda il lato lavorativo e la gestione del blog preferisco programmare, anche se mi lascio sempre un margine di flessibilità perché quando per lavoro progetti siti web l'imprevisto è sempre dietro l'angolo e per il blog... Beh, a volte programmo un post ma poi arriva l'idea che attendevo da tempo e allora preferisco dedicarmi a quella. Sullo svago, invece, concordo con te. Mi piace improvvisare anche perché la mia idea di divertimento spesso è diversa da quella delle persone che ho intorno. Il problema è che è difficile trovare qualcuno che, come me, segua l'entusiasmo del momento. Del resto non nascondo che io ho anche un lavoro che mi permette di avere molta libertà, altre persone invece non possono sottrarsi agli orari e quindi diventa difficile incontrarsi. È per questo che anche io sto imparando a muovermi da sola, evitando di prendere occasioni solo perché in quel momento non c'è nessuno che possa uscire con me ❤️. E qualche volta accetto di programmare. Sono felicissima che la giornata sia andata bene ❤️

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se hai imparato (già) a muoverti da sola, significa che hai raggiunto una maturità non indifferente.
      Io ho iniziato a farlo intorno ai trent'anni, non prima. 😘

      Elimina

Per colpa di chi ne ha abusato, minando l'atmosfera familiare che si respira su questo blog, sono vietati i commenti anonimi, così come quelli polemici e offensivi.
Se non prendi la vita con filosofia e ami mettere zizzania, sei nel posto sbagliato.