giovedì 11 agosto 2022

Buccinasco: pensionati coltivano l'orto per donare cibo ai bisognosi

 
Siamo a Buccinasco, in provincia di Milano.
Qualche mese fa, il Comune ha deciso di donare un terreno di 80 metri quadrati, all'interno degli "Orti" di via degli Alpini, alla Caritas.
L'idea era di permetterne la coltivazione, perché poi i frutti della terra potessero essere donati a famiglie bisognose.
Chi si sarebbe occupato, però, della parte pratica?

Ecco arrivare, quindi, una squadra di ortisti volontari.
Un gruppo di sette pensionati, infatti, coordinati dal 70enne Michele Larocca, ogni settimana raccoglie ed imballa 4 o 5 cassette di frutta e verdura fresche e totalmente biologiche, da distribuire alle famiglie in difficoltà.
L'iniziativa ha permesso ad un centinaio di nuclei familiari di portare in tavola cibo di qualità, tra cui melanzane, zucchine, pomodori, erbe aromatiche, fiori di zucca e molto altro.

A coordinare le consegne è, ogni venerdì, Antonia Notarangelo, responsabile della sezione "Maria Madre" della Chiesa della Caritas di Buccinasco.

L'iniziativa non solo consente a queste famiglie di mangiare qualcosa di sano, ma permette anche agli anziani di socializzare. Non mancano, poi, eventi organizzati all'interno dell'orto rivolti a bambini o persone con disabilità.
Insomma, un progetto solidale che abbraccia più ambiti, nato dalla collaborazione tra l'Amministrazione, sempre sensibile a questi temi, la Caritas e il comitato degli anziani che già da diversi anni si occupa di coltivare a titolo gratuito terreni di proprietà del Comune.

Complimenti a tutti loro per questo progetto che, speriamo, venga preso da esempio in altre parti d'Italia.

16 commenti:

  1. Ecco come fare del bene producendo anche aggregazione. 😊

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti. Un'iniziativa, come detto, esemplare su più aspetti.

      Elimina
  2. Questo è un progetto bellissimo, complimenti a questi anziani che dedicano il loro tempo non solo alla coltivazione e distribuzione ma a inserire e rendere partecipi anche bambini e disabili. Complimenti al Comune che ha avuto questa idea. Mi immagino questa collaborazione e mi riempie il cuore di gioia. Buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come sempre, quando le istituzioni e i volontari collaborano possono nascere realtà meravigliose, anche se non sempre la burocrazia facilita le cose.
      Buona giornata anche a te. :*

      Elimina
  3. Ecco, questa è veramente una splendida iniziativa, lodevole su più fronti.
    E poi viva gli orti, viva chi coltiva.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per coltivare l'orto ci vuole una maestria non indifferente.
      Nonché un enorme amore per quello che si fa.

      Elimina
  4. Ma che splendida notizia , mi sono commossa .
    Penso alla felicità delle famiglie bisognose , ricevere frutta e verdura
    di qualità e gratuitamente .
    Complimenti a questi "Nonni" e poi penso che si divertano lavorando
    in compagnia e magari cantano .....Se ci sono Alpini , sicuramente .
    Un caldo abbraccio . Laura .
    PS. Ti sei riposata dopo la giornata di ieri ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Insomma, mica tanto.
      Stamattina avevo un sacco di pulizie da fare a casa, e avrei voluto scrivere qualcosa, ma non c'è stato tempo.
      Nel pomeriggio non riesco mai a concentrarmi, perché l'afa mi debilita.
      Quindi rimando sempre al giorno seguente. ;)
      Bacione.

      Elimina
  5. Una bellissima notizia,complimenti.

    RispondiElimina
  6. Bella notizia..socializzano. fan movimento..ed alla fine nutrono delle persone ..questa è la bella Italia che mi piace

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hanno chiesto anche ai fruttivendoli locali di donargli frutta e verdura in eccesso, invece di buttarla.
      Se foste più vicini sicuramente parteciperesti.

      Elimina
  7. È sempre bello leggere queste notizie, un'iniziativa davvero fantastica. Per le famiglie meno fortunate e' difficilissimo portare in tavola cibo di qualità visto che solitamente il cibo biologico è molto costoso😔. Tra l'altro così anche i pensionati possono socializzare di più e sicuramente c'è più possibilità di incontro tra le persone. La dimostrazione che se si vuole fare di veramente utile si può fare❤️. In Italia spesso ce ne dimentichiamo ed è bello sapere che c'è qualcuno che non demorde e porta avanti queste belle idee ❤️

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà in Italia l'associazionismo è molto valido e permette di colmare le lacune di amministrazioni spesso indifferenti ai problemi dei cittadini.
      Ma non è questo il caso, poiché le due realtà si sono date la mano per dare vita a questo bellissimo progetto.

      Elimina

Per colpa di chi ne ha abusato, minando l'atmosfera familiare che si respira su questo blog, sono vietati i commenti anonimi, così come quelli polemici e offensivi.
Se non prendi la vita con filosofia e ami mettere zizzania, sei nel posto sbagliato.