martedì 11 agosto 2020

Gita allo Zoosafari: ancora una volta ne è valsa la pena

Per festeggiare l'onomastico di mio figlio, ieri, abbiamo deciso di fare una capatina allo Zoosafari di Fasano, dove sono praticamente cresciuta, ma in cui non tornavo dal lontano 2008.
Ci avevo anche lavorato per un paio di mesi quell'anno, ed è stato bello notare che i miei ex colleghi del bar mi riconoscano ancora e ricordino il mio nome, sebbene non ci siamo più incontrati da allora.
Mi piace pensare che con la mia personalità esplosiva lascio sempre il segno nelle realtà in cui mi affaccio, seppure per poco tempo.

Nonostante il parco disti appena 15 chilometri da Monopoli, mio marito non ci era mai andato, dunque è stata una piacevolissima sorpresa sia per lui che per Lorenzo.
Devo dire che non ho trovato grosse novità rispetto alla mia ultima visita, quindi sono rimasta un po' delusa, ma se questa pseudo recensione fosse scritta in un portale in cui affidare delle stelle, sicuramente darei il massimo, perché la gioia e lo stupore negli occhi del mio ometto, non hanno eguali.

Appena entrati dall'ingresso pedonale, si può ammirare, sulla destra, la Puglia in miniatura, sentendosi immersi nei più prestigiosi monumenti che il territorio offre (sebbene ve ne siano moltissimi altri).

Dopodiché si entra nel cuore del parco divertimenti, da cui partono anche i trenini per le scimmie e il lago dei grandi mammiferi, e in cui è possibile visitare la sala tropicale.
Vi lascio giusto qualche foto di alcuni degli animali visti, sperando che non dovrò mettermi a discutere con gli animalisti.
Premetto che sicuramente queste bestie vivrebbero più felici nel loro habitat naturale ma, allo Zoosafari, a differenza di altri parchi, non esistono gabbie e gli animali sono liberi di muoversi nei limiti del possibile e vengono costantemente curati e coccolati.
A riprova di questo vi è il fatto che, molto spesso, si assiste a nuove nascite, e l'intera comunità va in festa.


Dopo aver ammirato orsi bruni e polari, leoni marini, una tartaruga di terra gigantesca, scimpanzé, gibboni, papere e oche, ippopotami, ecc, ci siamo dedicati al parco divertimenti.
Impagabile la vista dalla ruota panoramica.

Di sicuro, però, la "giostra" che più ci ha fatti divertire e, al tempo stesso, "spaventare" è stata quella caratterizzata da una sorta di montagne russe acquatiche, volgarmente detta "i tronchi".
Premetto che alla biglietteria ci hanno spiegato che il primo della fila si fa praticamente la doccia, e quindi quel galantuomo di mio marito si è rifiutato di sedersi davanti.
E secondo voi potevo tirarmi indietro ed evitare di spassarmela? Ma neanche un po'!!!
Allora eccomi in una posizione da perfetta lottatrice di sumo per contrastare la forza di gravità, cercando anche di fare da scudo a Lorenzo che, come potete vedere dalla foto, se la ride beatamente mentre io e Leo siamo tutt'altro che "tranquilli".
E sì, la doccia l'ho fatta davvero, ma per giustizia divina nessuno a bordo è rimasto impunito. 😂😂
Ci siamo divertiti così tanto che se mai torneremo a Fasanolandia, spenderemo tutti i giri previsti dal pacchetto d'ingresso in tronchi. 😂😂
Infine, abbiamo tentato di farci scattare una foto di famiglia da un incauto turista che, però, non ha reputato opportuno utilizzare lo zoom della mia macchina fotografica e ci ha regalato uno scatto alquanto... astratto.
Insomma, una giornata perfetta in un luogo che ha moltissimo da offrire alle famiglie e non solo.
Un fiore all'occhiello per la città di Fasano, che resterà sempre il mio posto preferito nel mondo.

Se siete di passaggio, andateci, anche se vi anticipo che le tariffe sono abbastanza alte, però voglio pensare che servano per garantire il benessere dei tantissimi animali presenti.
Purtroppo noi abbiamo rinunciato al tour in automobile tra tigri, leoni, zebre, giraffe, bufali, dromedari, ecc perché avremmo davvero speso troppo, ma magari ci torneremo in futuro.
Mai dire mai.

31 commenti:

  1. Gita molto bella.Buona giornata Claudia.

    RispondiElimina
  2. Cara Claudia, di queste gite io me le ricordo, orano gli anni 70 molto ma molto anni fa!!!
    Ciao e buona giornata con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
  3. Che belli i vostri sorrisi, che raccontano già loro di un posto bellissimi per le famiglie. Chissà quante cose diceva il tuo Lorenzo, come sarà stato sorpreso e felice. Buona giornata Valeria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' stato al settimo cielo, anche se si è molto spaventato durante il tour nella casa degli orrori.
      Francamente non credevo, perché è un bambino coragiosissimo e spesso guarda i film horror o thriller assieme a me. Sarà stato il buio a trarlo in inganno. ;)

      Elimina
  4. La Puglia in miniatura deve essere un'aggiunta successiva a quando ci sono stato io, all'epoca delle scuole medie.
    Noi facemmo proprio il tour col pullman e poi, in gruppi, su un "trenino" che viaggiava su binari sopraelevati, a scapito di altre attrazioni tipiche da luna park, che effettivamente non ricordo fossero economiche...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non saprei dirti quando è stata introdotta. Sicuramente nei primi anni duemila c'era già.
      Quanto al luna park, i prezzi sono assolutamente in linea con la categoria.
      Il problema è il tour tra gli animali in auto che costa ben 28 euro a testa (i bambini sopra i quattro anni pagano la tariffa completa), per circa 40 minuti di escursione.

      Elimina
  5. Esiste ancora? Wow! Pensa che io ci sono stata da ragazzina, non ricordo nemmeno quanti anni fa...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esiste da un secolo e spero che resterà lì per sempre.

      Elimina
  6. Aspetto con trepidazione le battute del Moz sulla foto dello scivolo ad acqua con il tronco :D.
    Invece, a proposito della prima foto, da bambino io adoravo le ghigliottine e le gogne :D, insana passione..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero?
      Allora dovresti venire allo Zoosafari anche solo per farti decapitare. Ahahahaha

      Elimina
  7. Che in 12 anni non siano state introdotte novità un po' mi perplime.
    Però sono felice per la vostra giornata di allegria e spensieratezza, ben si nota da queste foto :)
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ho citato gli spettacoli, poiché non ne abbiamo visti.
      Quelli sono sempre diversi, ma francamente mi aspettavo qualche nuova attrazione o servizio in più.

      Elimina
  8. Ieri ti ho augurato una bellissima giornata . A quanto leggo e vedo le
    foto , l'hai proprio avuta .
    Penso sia stato un bel regalo per Lorenzo . (E anche per voi).
    Ecco signori , vi presento "La famiglia del mulino bianco" . Hahaha .
    Un appiccicoso abbraccio . Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, è stato un regalo apprezzatissimo.
      Moriva di gioia, ma le famiglie del Mulino Bianco lasciamole agli altri.
      Noi abbiamo un sacco di difetti... ;)

      Elimina
    2. E beh! , appunto perchè siamo perfette abbiamo dei difetti .
      Chi è senza difetti , non è perfetto visto che la maggioranza li ha .
      Mi sono spigata ? Forse no....Chi vuole intendere , intenda ....

      Elimina
    3. Ti sei spiegata benissimo.
      A noi i difetti piacciono, se no sai che noia... ;)

      Elimina
  9. Ci sono stato una volta (una ventina di anni fa), però solo al parco divertimenti, dove ovviamente un giro sui tronchi ho fatto, ho ancora la foto :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero che essendo piccolo ti abbiano permesso di sederti al centro, a differenza mia che ho beccato tutta l'acqua possibile e immaginabile dritta addosso. :))

      Elimina
    2. In verità stavo avanti con mio padre che mi manteneva da dietro, e non era la prima volta, nello stesso anno anche a Gardaland ;)

      Elimina
  10. Ci sarò stata forse nell'84, andando o tornando da Alberobello... quindi si fa ancora il giro in macchina mentre i leoni ti guardano dagli alberi? Le miniature credo non ci fossero ancora, che bella la cattedrale di Trani, mia madre nacque a due passi da lì e due anni fa sono andata a vederla! E la foto sul tronco è meravigliosa XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo che si fa il giro in auto.
      Le giraffe ti entrano pure nel finestrino per farsi accarezzare o per scroccare cibo.
      Per chi passa da queste parti lo Zoosafari è una tappa obbligata.
      Io ci tengo particolarmente perché si erge a poche centinaia di metri dalla casa in cui sono cresciuta. Pensa che ci andavo tranquillamente a piedi, sebbene la salita fosse molto faticosa.

      Elimina
  11. Mi ricorda Gardaland e lo zio safari di Bussolengo. Chissà chi ha copiato da chi.. Almeno vi siete divertiti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho chiesto a Google.
      Quello di Bussolengo è stato il primo ad aprire, nel 1969.
      Nel 1973, invece, è nato lo Zoosafari e nel 1975 Gardaland.
      In ogni caso, questo genere di parchi divertimento o faunistici, sono pressoché tutti uguali, quindi non credo che si copino a vicenda.
      Va detto, poi, che lo Zoosafari di Fasano è il più grande d'Italia e secondo in Europa.

      Elimina
  12. Zoo non zio.. Colpa del correttore

    RispondiElimina
  13. Belle le foto della gita allo zoosafari! 😊 Io sono stata con la mia classe delle elementari in gita allo zoo di Bussolengo e durante la visita al rettilario ci hanno permesso di accarezzare un serpente. Adesso non so se avrei il coraggio di toccarlo! 😂😂

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I serpenti mi fanno senso, quindi non credo che avrei accettato. 😅

      Elimina
  14. Ci sono stato qualche anno fa. Molto carino, a parte una zona dove pantere e ghepardi erano rinchiusi in una gabbia a vetro (spero che almeno questo sia cambiato). Da lì, poi, andai alle Grotte di Castellana in notturna. Fantastiche.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oddio, non saprei proprio risponderti, perché non ho visto pantere né ghepardi.

      La visita notturna alle grotte di Castellana, invece, l'ho fatta una volta, circa dieci anni fa, e l'ho trovata incantevole.

      Elimina

Per colpa di chi ne ha abusato, minando l'atmosfera familiare che si respira su questo blog, sono vietati i commenti anonimi, così come quelli polemici e offensivi.
Se non prendi la vita con filosofia e ami mettere zizzania, sei nel posto sbagliato.