lunedì 2 novembre 2020

Addio a Gigi Proietti

 
Si è spento, per gravi problemi cardiaci, l'attore Gigi Proietti, nel giorno del suo 80esimo compleanno.
Una carriera durata più di cinquant'anni, che lo ha visto protagonista al cinema, in tv ed in teatro.
Indimenticabile la sua sottile (auto)ironia che lo ha reso il mattatore per antonomasia del panorama attoriale italiano.

Alla compagna di una vita Sagitta, alle figlie Susanna e Carlotta, e a quanti gli hanno voluto bene, giunga il mio abbraccio.

A due giorni dalla perdita di Sean Connery, il mondo del cinema piange un altro immenso attore.
Che riposi in pace.

43 commenti:

  1. Appresa la notizia poco fa, non ho parole... Una persona brillante, un mattatore assoluto, sul palcoscenico come in televisione... Uno dei miei primi "amici" della televisione, assieme a Corrado, Bud Spencer, Raimondo Vianello...
    Tra Sean Connery e lui, nel mezzo ieri anche un lutto più vicino, essendo mancata un'amica dei miei genitori...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi dispiace per l'amica dei tuoi.
      Spero che si sia spenta senza soffrire.

      Elimina
    2. Ti posso capire Gas: venerdì io ne ho avuto ben due (amico di famiglia e la madre di un mio amico). Poi Sean Connery ed ora Proietti.
      Io generalmente prendo la Morte con molta filosofia e la accetto per quella che è, tuttavia è il ritmo così serrato degli ultimi giorni che ti lascia quasi stordito.

      Elimina
    3. Sono d'accordo Alex.
      Personalmente mi colpiscono solo le morti molto premature, a maggior ragione considerando che ne sono stata travolta in prima persona, nove anni fa.
      Però, il ritmo serrato degli ultimi giorni e mesi lascia senza fiato.

      Elimina
    4. Si, perchè a così poca distanza ed in mezzo alla situazione generale già complicata, fa provare quella sgradevole sensazione che tutto (tutti i punti fermi intendo) stia crollando all'improvviso.

      Elimina
    5. Esattamente... Per quanto si possa accettare la morte come un evento che dà senso alla vita stessa essendone parte integrante, quando ci si confronta con una morte prematura o quando i lutti colpiscono da più direzioni ci sentiamo storditi, privi di punti di riferimento...

      Elimina
  2. Abbiamo perso in poche ore due grandi attori...riposino in pace entrambi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In un periodo già fortemente stravolto dai lutti quotidiani a cui assistiamo a causa della pandemia.

      Elimina
  3. Un grande.
    Comico mai volgare, anzi. Attore tra i migliori.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bravissimo.
      Una compostezza che dimostra che per essere comici non occorre scadere nella volgarità.
      Lui faceva ridere anche solo muovendo le sopracciglia.

      Elimina
    2. Perché lo sketch della telefonata, dove non riesce a dire una sola parola intera per vari minuti? 😅

      Elimina
  4. Ma lo sai che stamattina m’è scappata una lacrima? Di solito mi dispiaccio molto (come per Connery), ma stavolta la notizia mi ha proprio commossa. Riposi in pace.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chissà se sei mai andata a vederlo in teatro.
      Magari la tristezza sorge anche per quello.

      Elimina
  5. Anni fa , a teatro avevo visto Gigi Proietti e Renato Rascel in
    "Alleluia brava gente" . Morir dal ridere , spettacolari !
    Oggi invece "piango" la sua morte .
    Su Connery non ho parole . Ho visto tutti i suoi 007 , é stato il migliore
    interprete . Così sexy...
    Riposate in pace , oggi giorno dei defunti .
    Abbraccione one one . Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo quest'anno sembra stiamo perdendo frammenti di tutto.
      Dalla famiglia al cinema, alla musica, allo sport.
      E il buio sembra non finire mai.

      Elimina
  6. Cara Claudia, che dolore! Se ne va un grandissimo del teatro e del cinema italiano. Speriamo che lassù faccia ridere tutti :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono certa che "gli angeli" si faranno un sacco di grasse risate. <3

      Elimina
  7. vai leggero sulle ali del vento .

    RispondiElimina
  8. La clinica dove è morto sta a due passi da casa mia. Una volta mi pare che lo incrociai dalle parti del mio ufficio, secoli fa. Dato che non guardo più la tv, la notizia delle dipartite sua e di Connery non mi ha turbato molto, anzi leggere i miei contatti su Facebook che si stracciano le vesti "ciao Gigi, RIP etc" e per tutti i VIP in genere mi lascia alquanto perplessa. Se una morte mi addolora, tipo quella di Bud Spencer o Paolo Villaggio, non lo proclamo in giro.
    L'unica eccezione che mi concederò sarà quando se ne andrà Stephen King. Non trovare più un suo nuovo libro ogni anno sarà un brutto colpo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai che una volta persi "un'amica" per questo motivo?
      Morì Robin Williams, e tutti presero a scrivere post strappalacrime su di lui. Quindi, in un post volutamente polemico, sulla mia bacheca Facebook, scrissi che molti di questi che piangevano, probabilmente non avevano mai visto un unico suo film.
      A. non gradì e commentò dicendo che per lei l'attore era stato praticamente un compagno di vita, e che conosceva a memoria tutti i suoi film. Inoltre, mi accusò di essere troppo cinica e mi bloccò.
      Ancora rido, se ci penso.

      Elimina
    2. Robin mi piacque tantissimo ne L'attimo fuggente. Che sono cinica lo dicono pure a me... ma bloccare qualcuno perché se ne frega del tuo attore preferito è proprio puerile!
      I più ridicoli che vedo sono i sordi che postano condoglianze sui musicisti... MA DE CHE, se la musica manco l'apprezzano (ad eccezione di chi è diventato sordo da grande o si è impiantato)? Ma mi guardo bene dal dirlo su FB :)

      Elimina
    3. In realtà a me Robin Williams piaceva un sacco. Lo ricordo in Mrs Doubtfire e nell'uomo Bicentenario (tra gli altri).
      "Uno è lieto di poter servire" è tra i miei film preferiti.
      PERO', io che purtroppo con la morte ho avuto a che fare molto più di quanto desiderassi, non riesco a rattristarmi per la perdita di chi non conosco nella vita vera. Dispiace, per carità, ma non al punto di dedicargli parole d'amore.

      Elimina
  9. Gli scherzi amari della vita, a lui che ridere faceva sempre, RIP.

    RispondiElimina
  10. Mi è dispiaciuto apprendere questa notizia. Proietti era un signore, un gran mattatore che sapeve coinvolgere e divertire senza mai cadere nel volgare. Ciao Claudia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un professionista di altri tempi.
      Buon inizio di settimana.

      Elimina
  11. Due grandi attori, mi unisco al tuo cordoglio.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
  12. Son sincera, come sempre. Quando è morto Connery ho alzato le spalle, come ho fatto moltissime altre volte, in cui morti celebri non mi hanno sconvolta neanche un po'.
    Ma la morte di Proietti, questa mattina, mi ha intristito nel profondo. Lo adoravo, gli volevo bene.
    Ciao Gigi.

    RispondiElimina
  13. Proietti era un grande attore e una bella persona. Certo, non piangiamo come faremmo per un parente o un amico, ma dispiace pensare che non ci sia più. Credo abbia avuto una vita felice e piena di soddisfazioni. Sarà ricordato da tutti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giusto.
      Dispiace. Per fortuna continueremo a vederlo in tv, per sempre.

      Elimina
  14. Lo adoravo, una persona buona ed educata, bravo sia al teatro che nei suoi film. Mi dispiace molto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sbaglia chi lo paragona ad Alberto Sordi.
      Due uomini di classe e ottimi attori.

      Elimina
  15. Una due giorni che ci ha tolto due grandi, grandissimi attori. Il buon Sean però si era ritirato da tempo. Gigi, invece, era ancora più che attivo... e per questo mi è dispiaciuto ancora di più...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verissimo.
      Lo si vedeva ancora ovunque, e quante risate!

      Elimina
  16. Il famoso triangolo che ti dicevo... Sean Connery,Gigi Proietti e ora il batterista dei Pooh, E sempre così ho fatto caso anche nelle persone amiche, colleghi e conoscenti, si chiude sempre un triangolo inteso come tre come una croce a te. Brrr impressionante mistero della vita. Ciao un abbraccio e buona domenica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Adesso finalmente capisco la questione del triangolo.
      Dunque, non dovrebbero essercene altri.
      Mah. Speriamo. (Famosi e non).

      Elimina
  17. Come una croce a tre e scappata una letterina,ciao.

    RispondiElimina

Per colpa di chi ne ha abusato, minando l'atmosfera familiare che si respira su questo blog, sono vietati i commenti anonimi, così come quelli polemici e offensivi.
Se non prendi la vita con filosofia e ami mettere zizzania, sei nel posto sbagliato.