mercoledì 25 novembre 2020

Non solo schiaffi: no alla violenza psicologica!

 
Ricorre oggi la giornata internazionale contro la violenza sulle donne.
Sebbene il fenomeno venga combattuto alacremente da moltissimi Paesi, continua ad essere un problema diffusissimo.
Oggi, però, vorrei focalizzare l'attenzione su una violenza più invisibile rispetto a quella generata da calci e pugni, ma altrettanto pericolosa: la violenza psicologica.
"Sei brutta",
"Fai schifo",
"Senza di me non vali niente",
"Ti tengo in pugno",
"Prima o poi ti ammazzerò",
"Non ti farò più vedere i bambini".

Quante donne si sentono ripetere, ogni giorno, queste e altre frasi del genere da colui che dice di amarle?
Tante. E pensate che facciano meno male dei lividi da nascondere dietro ad un trucco particolarmente pesante?
Credo proprio di no. Anzi, forse è esattamente il contrario.
Mostrare le ferite, infatti, aiuta le vittime ad ottenere la solidarietà di chi le circonda ed anche il pronto intervento delle forze dell'ordine.
I maltrattamenti psicologici, invece, sono più difficili da dimostrare, così come è più complesso spiegarne la gravità.

Insomma, no alla violenza, sia fisica che psicologica.
Contro le donne, gli uomini, i bambini, gli animali.
No a qualsiasi forma di prepotenza e prevaricazione.
Non solo oggi.
"Attenzione alla violenza
che non fa rumore
e non lascia lividi,
ma fa comunque a pezzi."
SUSANNA CASCIANI

26 commenti:

  1. Il mio completo appoggio ed un sentito saluto
    Giorgio

    RispondiElimina
  2. Perfettamente in linea col tuo pensiero.
    Aggiungo solo che alleggerirei chi fa violenza alle donne del peso di due palline situate nelle parti basse.
    Senza anestesia.
    Proprio come fanno coi maialini.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Effettivamente, possedendole solo anatomicamente, non meritano nemmeno di utilizzarle.

      Elimina
  3. Concordo con il tuo pensiero.
    Sereno giorno.

    RispondiElimina
  4. Basta violenza sulle donne!Buona giornata.

    RispondiElimina
  5. Come dico sempre, serve prima di tutti un atto di coraggio: quando si subisce anche violenza psicologica, è necessario chiedere l'aiuto di chi può aiutare. Le forze dell'ordine ci sono, nonostante una certa narrazione giornalistica che fa pensare il contrario :)
    Mi unisco anche io al messaggio di Olga: semplice e diretto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Temo che la narrazione giornalistica non sia poi così fantasiosa, altrimenti come lo spieghi che tantissime donne vengono uccise dagli ex mariti o compagni, nonostante le molte denunce depositate contro di loro?

      Elimina
  6. Le scarpe rosse
    scarpe SENZA Donne
    Donne SENZA vita
    vita SENZA violenza


    basta violenza ,
    qualsiasi violenza su donne ,bambini,anziani ,uomini o animali

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono d'accordo.
      La violenza va condannata in tutte le sue forme.
      Non esistono distinzioni tra le categorie che hai citato.

      Elimina
  7. Vero, le parole fanno altrettanto male degli schiaffi, in realtà anche di più perchè minano l'autostima e ti abbattono, togliendoti la forza di reagire.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo, però, si tende sempre a minimizzare questi casi.
      Le cicatrici sul corpo sembrano più importanti di quelle nel cuore.

      Elimina
  8. Ho scritto su questo tema una poesia già postata sul mio blog qualche anno fa dal titolo "Compressione lenta"e recitata live a Genova proprio in occasione di questa giornata chiamato da un centro antiviolenza della mia città. Purtroppo hai ragione, ancora oggi di questo tipo di violenza si parla molto poco.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Andrò subito a cercare la tua poesia.
      Considerando che sono molto sensibile al tema, sono certa che mi piacerà.

      Elimina
  9. Ci sono tanti tipi di violenza e ciascuno di essi lascia segni difficili a rimuoversi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti.
      Anche il mio ultimo post rappresenta una forma di violenza, sebbene io tenda sempre a minimizzare.

      Elimina
  10. No oggi e no tutto l'anno, basta alla violenza in generale.

    RispondiElimina
  11. Vogliamo distruggere la violenza sotto qualsiasi forma ? Stupro :
    Castrazione chimica e , quella psicologica , tagliare un pezzetto
    di lingua . Certo che le leggi le fanno gli uomini e il mio consiglio
    non si attuerà mai . Fossero le donne a decidere , visto che sono le
    parti lese , qualcosa di "pesante" lo approverebbero .
    Sono vicina a tutte le donne vittime degli ominucoli .
    Buona giornata . Laura ***

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io credo che le pene dovrebbero essere più severe, sebbene chi picchia e uccide probabilmente non si farebbe scrupoli nemmeno se rischiasse la pena di morte.
      Mi vien da pesare che questa gente sia senza scrupoli e senza coscienza, altrimenti non mi spiego tanta violenza.

      Elimina
  12. Una giornata per ricordare la violenza sulle donne, io non ne sentivo il bisogno. Lo so, vado controcorrente, ma le manifestazioni, le frasi fatte, i simboli fanno solo folklore: siamo tutti d’accordo, i social si riempiono di citazioni e aforismi e poi? Cosa accade concretamente? A che servono tante parole, migliaia di condivisioni se poi la vittima donna diventa carnefice in bocca ai giornalisti e i carnefici veri sono piccoli delinquenti nelle sentenze dei giudici?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A niente, Marina. Non servono a niente.
      Purtroppo hai ragione.
      Ma la speranza è che servano almeno alle donne vittime di violenza per non sentirsi sole e per trovare il coraggio di denunciare.

      Elimina
  13. Una forma di violenza questa, che spesso non viene denunciata.
    Ciao Valeria

    RispondiElimina

Per colpa di chi ne ha abusato, minando l'atmosfera familiare che si respira su questo blog, sono vietati i commenti anonimi, così come quelli polemici e offensivi.
Se non prendi la vita con filosofia e ami mettere zizzania, sei nel posto sbagliato.