lunedì 2 novembre 2020

A chi ci guarda da lassù

 
Oggi, 2 novembre, si celebra la commemorazione dei defunti.
Chi mi conosce sa che vivo col lutto nel cuore sin da adolescente, avendo perso mio padre molto prematuramente.
Ciò non toglie che io riesca ancora a sentirlo vicino, grazie alle sue frequenti manifestazioni.

A lui e a tutti coloro che non possono più abbracciarci, giunga oggi, dunque, il mio pensiero ed il vostro.
Spero che non vi ricorderete dei vostri defunti solo in questa occasione, magari anche recandovi al cimitero per facciata, bensì che li portiate nel cuore ogni giorno.

Perché, come si dice,
"Nessuno è mai morto
finché vive nel cuore di chi resta".

Buon inizio di settimana a tutti.

22 commenti:

  1. Mi unisco con tutto me stesso al tuo profondo e sentito pensiero.

    RispondiElimina
  2. Parole bellissime nelle quali credo anche io. 🙏

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non sono mai andata al cimitero in questi giorni, proprio per non assistere ai teatrini di turno.
      Durante il resto dell'anno vige un.... Mortorio.

      Elimina
  3. Un abbraccio a tutti noi, che abbiamo perso prematuramente qualcuno di caro...

    RispondiElimina
  4. Questa una delle frasi più significative ... li portiamo per sempre con noi. un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' giusto che sia così, perché loro ci sono.
      Un abbraccio a te.

      Elimina
  5. Ho perso mia madre a gennaio di quest'anno, non amo andare al cimitero, tant'è che ci sono stata solo il giorno del funerale. Abito a 120 chilometri, c'è stato il lockdown per cui non potevo spostarmi, ora siamo messi male quasi o più di prima...Ma io mia mamma ce l'ho nel cuore, e senza dover per forza andare in cimitero oggi.
    Buona giornata a te. Mafi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi dispiace molto per la tua perdita.
      Spero che tua madre sia mancata per vecchiaia e senza soffrire.
      Io, invece, abito a soli 15 km da dove è sepolto papà, e ci vado spesso. Mi siedo sulla sua tomba e ci parlo.7
      So che lui non è lì, ma è in ogni mio respiro, ma andarlo a trovare nella sua "casa terrena" mi trasmette pace.
      Buona giornata anche a te.

      Elimina
  6. Innanzitutto un abbraccio a te, e poi a tutti gli altri che nel cuore e nella testa loro sono sempre lì :)

    RispondiElimina
  7. Giornata particolare per molte persone.
    Per me è un giorno come un altro, non perché non abbia avuto lutti, anzi.
    Solo che non trovo il senso di commemorarli in un giorno specifico. Quindi il 2 novembre, per me, è solo il compleanno di mio suocero.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  8. Giusto , finchè vivono nel nostro cuore , non sono morti .
    Papà , Mamma ,fratello , li ricordo tutti i giorni . Loro sono
    con me anche se mi mancano tanto ...
    Buonanotte . Laura ***

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fra cinquant'anni potrai riabbracciarli. ❤️
      Buonanotte.

      Elimina
  9. Vero, nessuno è mai morto perchè vive nel cuore di chi resta. Io vado spesso alcimitereo, ma non il 1 novembre...non mi piace la confusione che c'è...Io al cimitero ci vado per parlare con i miei cari, e si, sono proprio una di quelle che parla davanti a una tomba, spesso piango pure. Ci vado quando non sto bene, ma anche quando mi capita qualcosa di bello. Potrei farlo a casa, penserai, ma al cimitero non c'è nessuno, famigliari compresi, che mi vedono piangere. Un abbraccio Valeria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti capisco perfettamente perché mi comporto alla stessa maniera.
      Posso parlare con mio padre in qualsiasi momento, anche adesso, ma andare "da lui" me lo fa sentire ancora più vicino.

      Elimina
  10. La tua frase conclusiva la applico non tanto a mia madre e mia nonna, quanto a un collega morto nel 2005: alla costernazione di allora è seguito il silenzio, e credo di essere l'unica oltre al compagno part-time a sapere dov'è la sua tomba e trovarlo ogni tanto. Tra noi due cerchiamo di ricordare spesso lui e le sue mattane, sennò chi lo farebbe oltre ai familiari?
    Di mia madre parlo poco ed evito di andare a trovarla perché nella sua palazzina c'è stato un crollo per incuria e l'intero cimitero è in rovina, non c'è neanche acqua per i fiori. Comunque davanti alle lapidi mi chiedo chi me lo fa fare, nessuno in realtà mi ascolta... Ma vado lo stesso.

    RispondiElimina

Per colpa di chi ne ha abusato, minando l'atmosfera familiare che si respira su questo blog, sono vietati i commenti anonimi, così come quelli polemici e offensivi.
Se non prendi la vita con filosofia e ami mettere zizzania, sei nel posto sbagliato.