venerdì 13 agosto 2021

Perché i no-vax odiano tutti?

 
Ieri mi sono imbattuta su Facebook in un post condiviso da una pagina che denuncia episodi di bullismo.
Si parlava della Pizzeria Capri, presa di mira dai no-vax, per la sola colpa di aver richiesto ai suoi clienti di esibire il green pass (come da legge).
Non è la prima volta che leggo storie del genere.
Il modus operandi dei no-vax è sempre lo stesso.

Scelgono un locale in cui, ripeto, PER LEGGE (e non per discrezione del proprietario), non possono accedere senza esibire il green pass, e lo tartassano di recensioni false, minacce di morte pubbliche e private, istigazione al boicottaggio, ecc.
Che poi, non mi è ancora chiaro come questa gente possa boicottare un ristorante in cui non può entrare. Al massimo è il sistema che sta boicottando loro, o no?
E' come se io, a 34 anni, volessi boicottare la scuola media...
Ma so di essere troppo esigente se pretendo di trovare una logica nel pensiero di queste persone.

Come spiegavo due giorni fa ad un amico, infatti, non ho mai tollerato gli estremisti di qualsiasi natura, perché semplicemente sono ottusi, cattivi e, soprattutto, non sono aperti al dialogo.
Nello stesso calderone metto no-vax, animalisti, vegetariani, vegani, salutisti o qualsivoglia categoria di persone che la pensano diversamente dalla massa e invece di andare fieri delle proprie idee e di godersi la vita senza fracassare le balle al prossimo, si ergono a paladini di questa o quella verità offendendo chiunque non sia d'accordo con loro.

E allora mi snerva, perdonatemi, dover avere timore di dire qualunque cosa a personaggi del genere sapendo che rischio di essere aggredita in gruppo e con mezzi bassissimi.
A tutti i ristoratori vittime di questo scempio giunga, dunque, la mia massima solidarietà.
Cari no-vax, se non volete vaccinarvi per paura del 5ggì, del microchip, o di qualsiasi altra diavoleria, siete liberi di farlo, ma accontentatevi di una bella pizza da asporto, oppure mangiatela seduti su un grande prato verde, in totale libertà, senza sputare veleno su nessuno.
Se volete sedervi nei locali, però, vaccinatevi o almeno, come detto, non rompete i maroni a coloro che lavorano e che si stanno semplicemente attenendo alle disposizioni governative. E di buonsenso, aggiungo.
Ah, e complimenti vivissimi a chi sta spendendo centinaia di euro per ottenere un green pass fasullo che io e milioni di altri abbiamo scaricato regolarmente GRATIS.
Se proprio per principio fossi contraria a questo vaccino, di sicuro eviterei di andarmene in giro per locali in cui non sarei ben accetta, e mi godrei la mia vita altrove.

E adesso, al mio tre, scatenate l'inferno.
Ma tanto agli imbecilli ci sono abituata, e su questo blog ve ne sono moltissime tracce...

P.S. Vorrei spezzare una lancia in favore dei pochissimi no-vax, vegani, animalisti, ecc. che ho conosciuto che comunque non aggrediscono il loro interlocutore a priori.
Sono mosche bianche, ma esistono. 

91 commenti:

  1. Io sono contrario a questo vaccino e sai bene anche il perchè, credo, sai di mio padre ecc... Io potrei capovolgerei il tuo ragionamento e chiedermi perchè molti pro - Pfizer vogliono rinchiudermi come i sorci, augurano la morte o di prenderti il covid e sono per fare tanti piccoli lager per rinchiuderci. Allora forse è giusto chiedersi se è nato prima l'uovo o la gallina o per meglio dire chi ha scatenato l'odio per primo. Io stesso, sono sempre stato per la libertà di scelta, ho sempre detto che per me non è un vaccino efficace e neanche sicuro, ma non ho mai attaccato chi lo faceva, casomai cercato di dissuaderlo magari perchè persona a me cara. Però se vedo mettere in atto una politica di odio e restrizione della libertà nei miei confronti allora lotto, attacco, mi difendo. Con questo non giustifico l'atto in sè da te riportato ma neanche atti altrettanto aggressivi che vedo in senso opposto. Credo che dall'alto si voglia creare una situazione di scontro, io cerco di far comprendere che non dobbiamo cadere in questo tranello, ma se la parte pro- Pfizer ci cadesse, io dovrei difendermi e sceglierei la parte opposta, quella della libertà di pensiero e di scelta, sempre e comunque.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Francamente non ho mai visto pro-vax bullizzare un no-vax con violenza e cattiveria. Vedo molto sarcasmo, è vero. Io stessa faccio battute sul 5g e simili (come in questo post), ma non mi sognerei mai di mettere alla gogna una persona ics (te ad esempio) con la sola colpa di aver scelto di non vaccinarsi.
      Per me ognuno può fare quel che vuole, ma la legge è legge e va rispettata. Chi non si vaccina non deve frequentare i luoghi pubblici come se nulla fosse, ma rititarsi a vita privata per proteggersi e per rispetto di chi ha dato il suo contributo a questa lotta, sottoponendosi ad una vaccinazione che lascia diverse perplessità.
      In ogni caso, come detto, l'astio viene principalmente dai no-vax. Non prendiamoci in giro. Sono sempre incazzati col mondo e gettano fango su chiunque. La realtà è sotto gli occhi di tutti.
      I pochi che ragionano e che non hanno veleno in corpo, rientrano nelle eccezioni che ho debitamente citato.

      Elimina
    2. Daniele, perdonami, ma non ricordo il caso di tuo padre. Spero che lui stia bene.
      Se vorrai raccontarci quello che è accaduto, sarai libero di farlo (anche) qui da me.

      Elimina
    3. Semplice: seconda dose di Pfizer il 31 maggio corrente anno. Lui soffre già di una malattia neuro degenerativa, la testa non è più quella di prima ma almeno è autosufficiente e cmq parla in modo chiaro anche se a volte non è proprio in quadro diciamo. Dopo 15 giorni capogiro, cade e da quel momento non è più autosufficiente e non parlava quasi più biascicava. Ora almeno la parte logopedista e cerebrale l'abbiamo in parte recuperata, ma l'aspetto motorio no. Ho parlato con un importante neurologo, sotolineo pro vax, che mi ha detto che ci sono report e che già lo stesso bugiardino dello Pfizer sconsiglierebbero ed avrebbero sconsigliato a mio padre di farlo. Peccato che quei report io già diffidente al massimo, li abbia potuti mostrare ai miei solo dopo perchè usciti dopo. Anche mia madre 15 giorni esatti dalla seconda dose, è andata al pronto soccorso con una pressione, e non esagero è il dato ufficiale che riporto a quasi 200. Per fortuna lei poi è riuscita a recuperare e la situazione è sotto controllo. Sul mio blog ho scritto una poesia che ne parla 15 days senza peraltro sul momento tranne poi nei commenti, specificare di chi parlassi. Tutto qui.

      Elimina
    4. Ah ecco. Adesso ricordo qualcosa della tua poesia che andrò a rileggere.
      In entrambi i casi che mi citi, perdonami, ma non vedo una stretta correlazione scientifica con la somministrazione del vaccino.
      Tuo padre ha avuto un giramento di testa ed è caduto, registrando danni motori gravi. Se fosse stato seduto in quel momento, o a letto, non sarebbe successo nulla.
      Dunque mi pare che dovremmo prendercela più col fato malevolo che col Pfizer.
      Tua madre ha avuto un episodio di ipertensione che, alla sua età, può essere dovuto a duemila fattori tra cui, tra gli altri, anche lo stress indotto dal momento.
      Insomma, non ritengo che il vaccino sia direttamente responsabile di questi episodi, ma non sono un medico, così come non lo sei tu.
      Il neurologo che hai consultato non si sarà sentito di escludere la correlazione tra gli eventi, ma non penso proprio che possa assicurare al cento per cento che questa esista. Capisci?
      Che poi tuo padre avrebbe fatto meglio a non vaccinarsi, ci può stare. Anch'io sono stata molto in ansia per mia madre che soffre di una malattia rara. Lei, però, ha scelto di vaccinarsi contro la mia volontà e, per fortuna, è andato tutto bene.

      Elimina
    5. Mio padre è arrivato a quel punto dopo giorni di peggioramento, e mia madre non ha mai sofferto di quei disturbi, e ripeto sono tutti effetti collaterali a medio termine probabili. Io so che non sono gli unici casi di cui sono a conoscenza diretta tutto qui ma ripeto il punto è che si dovrebbe lasciare libertà di scelta senza fare una guerra di religione sul vaccinarsi o meno.

      Elimina
  2. Ma te non sei un no-vax.
    I no-vax sono quelli contro tutti i vaccini a prescindere, mentre tu hai dubbi su questo qua e basta ed è legittimo avere dubbi, specialmente in questo caso.
    Però sono d'accordo che se ci sono misure alle quali attenersi, bisogna attenervisi.
    Io non sono vaccinato perchè a causa della mia salute degli ultimi mesi, per il momento non posso farlo: mi attengo alle norme ed evito i posti che devo evitare, non lo sento un problema perchè ne capisco la necessità. (poi con questo caldo porco faccio già fatica ad alzarmi la mattina, figuriamoci andare in giro :P )

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bravissimo Alex.
      Standing ovation!
      Mi dispiace per i tuoi problemi di salute e spero che siano risolvibili.
      In ogni caso non capisco perché scalpitare per andare al cinema o a cena al ristorante, quando magari finché era lecito non lo si faceva neppure.
      Tutta questa esigenza di protestare ha, per me, dell'assurdo.
      Dittatura sanitaria, lager. Ma di cosa stiamo parlando? Questa gente ha studiato la storia? I loro genitori e nonni hanno mai fatto tutte queste storie per la vaccinazione contro il vaiolo, la pertosse, e simili?!
      E chissà se hanno mai visto mezza foto di un lager. Perché qui si rasenta la follia.
      Se dittatura è vietare a qualcuno che HA SCELTO di non vaccinarsi di non mangiarsi una pizza (al chiuso) in compagnia, stiamo messi malissimo...

      Elimina
    2. Ma infatti io non biasimo chi è diffidente con questo vaccino perchè ha dei dubbi, perchè onestamente per come è stata gestita la cosa, di dubbi legittimi ne hanno forniti diversi. Però appunto, nel frattempo che questi dubbi non li lasciano o succede qualche altra cosa che faccia cambiare loro idea, devono adattare la loro vita alla situazione. E' molto semplice.
      Invece la maggioranza come al solito è fatto solo di gente incazzata perchè qualcuno (lo Stato, in questo caso) si permette di dire loro che non possono fare qualcosa: sono quelli che non le hanno mai prese da piccoli ed in caso contrario, non abbastanza.

      Elimina
    3. Mamma mia, ti darei un bacio in fronte.
      "Sono quelli che non le hanno mai prese da piccoli". Verissimo!
      A me i miei genitori hanno insegnato a rispettare le regole, SEMPRE.
      Dunque, se per un motivo ics non avessi potuto o voluto vaccinarmi, sarei rimasta a casa senza fare troppe storie!

      Elimina
    4. Claudia, molti divieti ce li hanno imposti con lo stupido coprifuoco, trattando la gente senza distinzione di intenzioni sul perché sarebbero stati fuori casa propria dopo una certa ora.
      Quello mi ha incattivito più di tutto il resto, perché non si può negare a una persona che vive sola, chiusa in casa per lavoro otto ore al giorno, di vedersi con un amico quando ha del tempo libero perché di lì a poco non si può stare in giro.
      Cioè trattato come potenziale untore, quando invece ho rispettato pedissequamente le regole precedenti, per essere omologato ai menefreghisti che hanno fanno assembramenti a Natale, Capodanno e Pasqua. In grandissima parte impuniti.

      Elimina
    5. Sull'inutilità e ingiustizia del coprifuoco sono assolutamente d'accordo con te. Ma non solo. Io condanno a priori ogni genere di lockdown.
      Quello sì che è limitare la nostra libertà.
      Non avere la possibilità neppure di fare una passeggiata con mio figlio è stato assurdo quanto terrificante.

      Elimina
  3. Che poi basterebbe pure fare il tampone, per dire, anche se ovviamente non ha (sulla comunità) lo stesso effetto del vaccino.
    Ormai queste persone pensano che dietro ci sia chissà quale complotto, ordito contro di loro... però poi di contro, se i Poteri Forti© ci uccidono per mezzo del siero Pfizer, guarda caso in vita rimarrebbero proprio loro no-vax 🙄😅
    Capite che è assurdo?
    Anche io ho notato odio da parte di questi, ripicche idiote e via dicendo: se hanno paura, si salvaguardassero meglio. Io lo faccio e mi sono vaccinato pure.
    Poi, velo pietoso su chi compra il pass falso. che in origine è gratis.
    Cioè compie reati su reati per una cazzata ... 😂
    In tutto questo, comuni, la barzelletta è che ad appoggiare i no-vax e no-greenpass spesso sono gruppi di estrema destra, che... temono una dittatura. Quando tutto il resto della vita la gridano e dicono che ci vorrebbe.
    Ecco, sipario.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il problema del tampone è che lo vogliono (pure) gratis.
      Cioè lo Stato dovrebbe coprire economicamente la loro scelta di non vaccinarsi, per non parlare di dittatura?
      Questi vanno al cinema due volte a settimana e noi dovremmo pagargli i tamponi? Lo trovo assurdo. Del tutto assurdo.
      Personalmente concederei la gratuità SOLO a chi prende i mezzi pubblici per comprovate esigenze lavorative.

      Elimina
    2. Ecco, sì. Magari gratis per quello ci sta.
      Per il resto, di gratuito e (si spera) definitivo c'è il vaccino.
      Che ha un altro impatto sulla comunità tutta, visti che contribuisce alla non diffusione del virus (o così dovrebbe essere, come è sempre stato nella storia).
      La differenza è proprio questa, il tampone è mero egoismo in questi casi (altruismo lo è invece se, anche da vaccinato, lo fai spontaneamente per tutelare e tutelarti magari dopo un viaggio o situazioni che giudichi rischiose).
      Il resto sono richieste egoiste, ma infatti ho notato che i no-greepass sono questo: pensano a cosa possono/non possono fare loro, non badano al fatto che ci troviamo in una fottuta pandemia.

      Moz-

      Elimina
    3. Diciamo che il vaccino contribuisce alla non diffusione del virus solo in caso di immunità di gregge. Diversamente abbatte le morti, e questo mi sembra già un grosso risultato. Conosco gente vaccinata che ha contratto il virus, ma che se l'è cavata con un mal di gola. Senza il vaccino, probabilmente, non avrebbe potuto raccontarlo.

      Elimina
  4. Nel mio giro ho mia sorella, mia ex cognata col marito, e mia ex suocera non vaccinati. Mia sorella non si fida, sperimentazione troppo breve etc, non vaccinerebbe neanche i figli, e aderisce ai manifestanti no-green pass. Io basita, ma taccio per amor di pace. Le motivazioni dei cognati non le conosco, ma quando ho saputo che se imporranno il vaccino per la scuola lei terrà la/le figlie a casa, sono rimasta ancora più basita. Mia suocera ha problemi circolatori e teme effetti collaterali, e vabbe'. Queste stesse persone hanno disertato il compleanno del mio ex perché mio figlio era raffreddato, seppur con tampone negativo. SE AVETE PAURA DEL COVID VACCINATEVI, VIGLIACCHI! La spocchia da odiatori globali non ce l'hanno, ma li prenderei a testate lo stesso.
    Ma poi non c'è logica che faccia presa su di loro... cioè, uno su 100.000 reagisce male al vaccino, invece il virus su 100.000 quanti ne ammazza? No, niente da fare, Big Pharma non li avrà.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahah
      Hanno paura del 5ggì e quindi scelgono di non vaccinarsi, però si chiudono in casa se qualcuno ha il raffreddore?
      Quindi hanno (anche) paura di contrarre il virus.
      Beh, farebbero bene a restare isolati dal mondo in una campana di vetro.
      Ma poveri figli. Già hanno sofferto per la Dad. Tenerli a casa pur di non vaccinarli è, per me, scandaloso.

      Elimina
    2. A me pare Livia che chi ha paura siano proprio i vaccinati e lo trovo un controsenso visto che se credete nel vaccino fatto non dovreste temere nulla. Io rispetto le norme, uso la mascherina dove richiesto non sono vaccinato e non sono terrorizzato dal covid sto solo attento a non prenderlo come sto attendo a non prendermi il mal di schiena facendo un movimento poco ortodosso :-))) Io a testate poi non prendere nessuno a meno che qualcuno non stesse partendo lancia in resta per prendere a testate me

      Elimina
    3. Daniele, ma io infatti da vaccinata non temo nulla... mantengo le consuete precauzioni sapendo di poter comunque beccarmi il virus seppur attenuato, o trasmetterlo come veicolo. Tu da non vaccinato mantieni un atteggiamento ragionevolmente prudente. Col tuo vissuto ti riconosco il diritto di dubitare. Ma segregheresti un figlio 11enne sano in casa per questo?
      Le testate sono metaforiche, di mio vivo e lascio vivere, esprimo i miei ragionamenti ed evito gli scontri.

      Elimina
    4. PER LIVIA: in primis grazie di cuore per comprendere anche il mio vissuto che ha rafforzato purtroppo dubbi e timori che avevo già in precedenza ma che non hanno impedito ai miei di farlo. Io non ho figli ma se lo Stato me lo consentisse e per ora lo permette, non segregherei mio figlio, gli darei i giusti consigli per stare attento ma poi non sarei un protettivo all'eccesso. E aggiungo che non lo sono affatto in generale. Credo che chi tenga segregato i figli per il covid, probabilmente era anche chi, prima del covid, teneva il figlio segregato per impedirgli di sudare giocando con altri bimbi e prendersi un banale raffreddore :-))) Non sarei mai, o vista la mia età 54 anni, non sarei mai stato un genitore così-

      Elimina
  5. ERRATA CORRIGE SOTTOLINEO OVVIAMENTE CON DUE T ERRORE DI BATTITURA DOVUTO ALLA FRETTA DI SCRIVERE

    RispondiElimina
  6. Beh a me è capitato una marea di volte su fb di sentirmi dire "Auguri" o Spera di non aver bisogno di cure o di andare in terapia intensiva" o ancora "Tu se ti ammali non entrerai in ospedale" Ovviamente io non mi lascio intimidire da questi esseruccoli e quindi rispondo a tono. Ad una che conoscevo così di vista e chi mi scrisse "auguri" ho risposto: "Li contraccambio ed anzi farei una scommessa vorrei proprio vedere chi di noi, salvo incidenti, morti violente o altri tipi di patologia non connessi con il vaccino, morirà prima, e come dicevo prima... Auguri"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di sicuro chi ti dice "auguri" o "non andare in ospedale", ecc, è inqualificabile e va inserito nello stesso calderone in cui ho messo no-vax e company, MA resta che non ho mai assistito ad uno shitstorm di gruppo ai danni di un ristoratore che, ad esempio, contravvenendo alla legge, ha deciso di aprire le porte del suo locale anche a chi non ha il green pass, o simili, né a chi ha pubblicato (ad esempio) un post su Facebook in cui spiega EDUCATAMENTE e senza livore che ha scelto di non vaccinarsi.
      Rileggi i commenti di Alex. Sono inappuntabili. Sfido chiunque a dargli contro.
      Ma lui, effettivamente, non è un no-vax...

      Elimina
    2. Su Facebook è pieno di pro vax che attaccano ristoratori e persone in generale perchè non favorevoli al green pass. Accade soprattuto su post di media come fanpage, post di Mentana o di Notizie.it. Vero che in quel caso poi da ambo le parti si scatena l'inferno quando tutta questa rabbia è sciocca: tu ti vaccini io no, io rispetto la tua scelta e mi batto perchè tu possa farla anche se cerco magari di dissuaderti più per timore verso la tua salute che per ragioni idelogiche e tu magari tenti con lo stesso modo e per le stesse ragioni di fare altrettanto, ma ripeto rispettando ciascuno la scelta dell'altro. Eppure questo sta succedendo sempre meno da ambo le parti

      Elimina
    3. Portami un unico caso in cui un personaggio pubblico o un ristoratore è stato assaltato sul web da centinaia di pro-vax per la sua scelta di non vaccinarsi, con minacce di odio, morte e simili.
      Uno soltanto.
      Lo studierò e dedicherò un post di solidarietà anche a lui.
      Diversamente, di casi come quello della Pizzeria Capri ne esistono decine. O persino centinaia.
      Se vuoi una lista di nomi e cognomi, mi metto al lavoro per stilarla.

      Elimina
  7. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina

  8. TAMPONE GRATIS: se il green pass per legge decide che non ovviamente sotto l'aspetto clinico ma quello meramente giuridico, il tampone è equiparato perchè così è, basta leggere la legge, al vaccino, salvo la questione temporale di durata di validità, per non essere discriminati deve essere gratis come il vaccino altrimenti se io devo ogni 48 ore per lavorare spendere anche solo 10 euro è un chiaro modo per scoraggiare il non vaccinarsi e quindi giuridicamente incostituzionale. Il tampone soprattutto per poter lavorare, diverso è se uno lo fa saltuariamente per ragioni di svago. che ne so concerto, stadio, ecc... deve essere gratuito.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vorrei aggiungere e giuro concludo, che qui il tema posto in essere e su cui si deve porre l'accento è la libertà di scegliere se vaccinarsi o meno e quindi se si accetta questo democratico punto di partenza, poi la dicotomia "Si vaccino covid" "No vaccino covid" non troverebbe più appigli perchè chiunque sceglierebbe come ritiene più giusto visto che intanto anche i vaccinati non sono per nulla protetti dalla variante delta.

      Elimina
    2. A questo ti ho già risposto.
      Sono equiparati per spostamenti e per accedere in delle cose, ma non come effetto sulla comunità.
      Uno è mero egoismo, vigliaccheria e paura; l'altro lo fai e finisce la storia.

      Moz-

      Elimina
    3. Moz ma allora non ci capiamo il green pass serve ad equiparare tre tipi di situazioni proprio per potersi spostare. A quel punto, fatte le dovute differenze cliniche, se parliamo di mero spostamento bisogna che sia chi ha avuto il covid, sia chi si è vaccinato e sia chi fa il tampone, non siano penalizzati nel potersi appunto spostare liberamente e quindi, escludendo per ovvie ragioni chi ha fatto il covid, bisogna che tampone e vaccino siano equiparati sotto il mero aspetto della gratuità e facilità nel farli proprio per non impedire ad un lavoratore che non vuole vaccinarsi di spendere anche solo 10 euro ogni 48 ore per lavorare. È questo che contesto. Vigliaccheria è un termine forte e poi la legge fornisce questa possibilità ed è un mio sacrosanto diritto usufruirne. Il tampone non è egoismo perché senza il vaccino mio padre starebbe molto meglio Moz, e non è vigliaccheria perchè ho affrontato nella mia vita difficoltà molto superiori a quelle di un ago del cavolo e quanto alla paura beh visto che nulla di sicuro esiste su questo vaccino è lecito avercela. E qui finisce la storia sul serio.

      Elimina
    4. Daniele, il problema del tampone gratuito è che sarebbe una spesa enorme per le casse italiane, e la troverei giustificata se alla base vi fossero serie motivazioni che non permettono alle persone di vaccinarsi.
      Io ho concluso il mio ciclo vaccinale e sono costata allo Stato quanto? 40 euro? Tu che, invece, fai un tampone ogni due o tre giorni da qui ai prossimi nove mesi, quanto gli costi?
      Io pago le tue stesse tasse o forse persino di più.
      Ti sembra giusto che gli Italiani debbano sobbarcarsi questi costi eccessivi solo perché alcuni SCELGONO di non vaccinarsi per ragioni anche senza nessuna logica?
      Allora che stiano a casa!

      Elimina
    5. le motivazioni esistono se lo Stato decide che tampone e vaccino vanno equiparati non sotto il profilo medico ma sotto il profilo meramente legato al spostarsi liberamente, vanno equiparati quindi o tutti e due a pagamento o tutti e due gratuiti e soprattuto tamponi facili da reperire. E quanto alla tua ultima domanda ti rispondo SI perchè altrimenti potrei ribattere che io non fumo un altro fuma e siccome il fumo uccide, lui deve curarsi a spese sue. Premetto che tutti paghiamo le tasse ed abbiamo diritto alla sanità pubblica gratuita

      Elimina
    6. Qui non stiamo parlando di cure, attenzione.
      Se tu fumi, ti compri le sigarette da solo (spendendo anche un patrimonio). Se poi ti ammali di tumore ai polmoni, il sistema sanitario italiano ti cura gratuitamente (nei limiti del possibile).
      MA lo Stato non ti regala le sigarette a scapito mio.
      I no-vax vengono curati gratuitamente negli ospedali italiani alla stregua di chi si vaccina (al contrario di quanto possano desiderare alcuni pro-vax polemici o provocatori).
      Quindi, se tu Daniele contrai il Covid e necessiti di terapia intensiva, io Claudia pagherò anche per le tue cure.
      Così come se io Claudia vaccinata contraggo il virus e per una ragione ics ho comunque bisogno di cure, tu Daniele pagherai anche per me.
      PERO' ripeto, io al sistema sanitario nazionale costo QUARANTA euro (esagerando). E per legge è giusto così.
      Tu perché pretendi di costarne il quintuplo? Lo sai che per fare una visita ginecologica specialistica spendo 150 euro, ogni volta, poiché le liste della sanità pubblica sono bloccate?
      Eppure si tratta di un servizio indispensabile. Ma pago e non mi lamento, perché la mia salute conta più del Dio denaro.
      Dunque chiunque non VOGLIA vaccinarsi (al contrario di chi non PUO') è giusto che paghi per i tamponi, perché per me sono un "vezzo". Proprio come la mia visita ginecologica. In fondo, che mi venga un tumore alle ovaie, a te cosa importa? Perché dovresti sobbarcarti il costo della mia visita?

      Elimina
  9. Tu lamenti i no vax aggressivi, io lamento o pro vax che dal nulla iniziano a fare catechismo sul doversi vaccinare: se sono convinti di aver fatto la scelta giusta, perché dare dell'egoista a chi ha scelto, per motivi suoi, di non vaccinarsi?
    Per me l'egoista potrebbe essere chi si vaccina, proprio perché, assecondando questo palliativo, pensa all'orticello suo invece di pretendere un'azione energica, che andava fatta decenni fa, contro i ricettacoli dei nuovi virus: allevamenti intensivi, laboratori di sperimentazione animale, mercati di selvatici vivi macellati sul posto, habitat compromessi dalla deforestazione.
    Abbiamo un pianeta che è la nostra unica casa, e pensiamo al coronavirus solo perché ci prude? Questo è il vero egoismo, se di egoismo devo essere accusato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non ho mai pensato che i no-vax siano egoisti, bensì tonti.
      Ovviamente tu non rientri nella categoria.
      Mi pare che pur avendo scelto di non vaccinarti, non stai lì a manifestare per poterti andare a mangiare la pizza nel locale più in di Bari. Allo stesso modo credo che tu non vada di casa in casa ad insultare coloro che hanno scelto di vaccinarsi.
      Ecco, sei una delle mosche bianche, per come la vedo io.

      Chi si vaccina è libero di fare catechismo come tu dici, così come chi non lo fa è anche libero di spiegare le ragioni per cui non l'ha fatto e tentare di scoraggiare terzi. MA entrambe le cose vanno affrontate con garbo ed educazione. Concetti del tutto estranei ai tre quarti e mezzo dei no-vax. (Giusto per essere buona).

      Elimina
    2. "Concetti del tutto estranei ai tre quarti e mezzo dei no-vax. (Giusto per essere buona"). Claudia, forse hai ragione, ma intanto qui da te chi mi ha dato indirettamente del vigliacco e chi prenderebbe simpaticamente a testate chi non si vaccina non sono i no vax e non sono stato io :-)))

      Elimina
    3. Come detto, i pro-vax che ti augurano di morire, e simili, sono perfettamente equiparabili ai no-vax che prendono di mira il vaccinato di turno. Ottusi entrambi e indifendibili.
      Quanto al commento di Livia (che saprà tranquillamente argomentare da sola) ritengo che le accuse di vigliaccheria erano rivolte a chi sta alla larga da un ragazzo raffreddato (CON TAMPONE NEGATIVO) per paura di contrarre il virus, ma non si vaccina.
      Giustamente, lei dice che se avete paura di ammalarvi, fareste bene a vaccinarvi. Questa gente è ottusa e quindi andrebbe presa ironicamente a testate.
      Io pure prenderei a testate TUTTI gli ottusi, di qualsiasi fazione.
      Tu reputi di far parte della categoria? Solo in questo caso dovresti sentirti chiamato in causa. Ma spero di no.

      Elimina
    4. Claudia, a me è stato dato in faccia dell'egoista perché ho scelto di non vaccinarmi contro il covid.

      Io lamento le privazioni impostemi col coprifuoco, contro il quale ho visto proteste pari a zero rapportate al polverone che stanno alzando pro-vax e no-vax.
      Cioè la gente ha subìto passivamente una restrizione della libertà individuale, come se non fosse bastato il lockdown che almeno aveva un senso, per motivi obiettivamente scemi (nessun virus ha cognizione dell'ora del giorno) e ora si lamenta... di avere una scelta? E dà addosso a chi non la pensa uguale? Grottesco, inaudito.

      Elimina
    5. Infatti. Nessuno si è ribellato del coprifuoco o, addirittura, del lockdown totale a cui siamo stati costretti, e adesso rompono le scatole per andarsi a mangiare una pizza liberamente.
      Quanto alle ragioni che ti abbiano spinto a non vaccinarti, non le conosco, ma sono certa che tu non faccia parte della schiera dei no-vax (quelli idioti, d'intende).

      Elimina
    6. Le ragioni? Vaccinarsi non risale alle origini del virus, che è di un tipo già incontrato in precedenza e che ci si aspettava potesse tornare, quello della sars.
      Se mi si allaga casa io, prima di prendere i secchi, chiudo i rubinetti, ma nel caso in questione non si è mosso un dito per fare prevenzione verso prossime possibili pandemie, si è cercato solo di rallentare i contagi senza spegnere tutti i possibili ricettacoli: allevamenti intensivi, laboratori di sperimentazione animale, mercati di selvatici vivi macellati sul posto senza norme igieniche, deforestazione con distruzione di habitat costringendo specie diverse e naturalmente portatrici sane di virus a entrare in contatto.

      Elimina
    7. Dunque metti a rischio la tua vita per una questione di principio che appoggio, ma che non credo sia utile affrontare da soli. 😔

      Elimina
  10. Ecco Gas, hai sintetizzato in maniera formidabile il mio pensiero.

    RispondiElimina
  11. Io quando parlavo di vigliaccheria alludevo anche a Moz in particolare modo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah scusami. Pensavo ce l'avessi con Livia. Ho letto tanti commenti uno dietro l'altro e probabilmente mi sono persa qualche passaggio importante.
      Vado a rivedere il tutto.

      Elimina
    2. Ho dato del vigliacco a chi spera nell'immunità di gregge "tanto si vaccinano gli altri, l'eventuale rischio è il loro".
      Se ti sei sentito chiamato in causa su questa parola, o su egoismo (per me pensare a dove poter andare o casa fare, in una situazione così, lo è) o su paura (i vaccini sono sicuri e testati, il resto è paura) non sono problemi miei.

      Moz-

      Elimina
    3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
  12. ho già risposto a Livia dicendo che non sono un terrorizzato del e dal covid

    RispondiElimina

  13. Beh MOZ, lo sono nel momento in cui offendi con termini poco simpatici sempre per usare un tenero eufemismo, cmq la storia per me è chiusa qui sul serio. La scelta del tampone è fatta, per me come per tanti, non per mero disfattismo e speranza che si raggiunga l'immunità di gregge a spese altrui, ma per mancanza di fiducia sulla presunta "soluzione miracolosa" Quanto al non essere un problema tuo dare del vigliacco a qualcuno questo sarebbe in certe sedi tutto da dimostrare ma invece a me procura solo ed esclusivamente un profondo dispiacere e mi fa scadere la persona che me lo dice, prendo solo atto che a quanto pare non ti rivolgevi a me. Cmq i vaccini non sono affatto stati testati, alludo a questo sul covid, come quelli passati.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me i vece scade chi dice che i vaccini non sono stati testati, scusami.
      Come fai a dire una cosa del genere?
      Ma infatti, questione chiusa qui, non ci sono minimamente le condizioni per parlarne. Ci incontriamo su altro, altrove 👍

      Moz-

      Elimina
  14. PER CLAUDIA: il punto è che se il green pass prevede per gli spostamenti che vaccino e tampone siano equiparati, il costo non è rilevante o lo Stato decide che tutto è pagamento ossia vaccino e tampone oppure sono gratis oppure stabilisce che il lavoratore deve fare il tampone due volte al mese a 10 euro ma non può obbligatoriamente gravare sul lavoratore questa è disuguaglianza. Quanto al fumatore sceglie scientemente di farsi del male mentre nel caso del tampone il soggetto sceglie di controllare la sua salute per se stesso e per la comunità quindi esiste una differenza. Cmq grazie tu qui rispondi sempre con rispetto ed educazione senza mortificare nessuno e per me è una dote fondamentale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. PER CLAUDIA tu rispondi sempre qui ed ovunque con rispetto ed educazione volevo precisarlo. Grazie ancora.

      Elimina
    2. Ti ringrazio, ma se aggredissi te o chiunque altro, sarei profondamente incoerente.
      Non a caso il senso del mio post è proprio che chiunque può essere libero di vaccinarsi o no, mangiare carne di maiale, cane o solo frutta, credere in Dio o in Maometto.
      QUALSIASI cosa, ma sempre mantenendo il rispetto per gli altri e dialogando pacificamente.
      Non tollererò mai l'arroganza di chi si sente in potere di aggredire me o altri per difendere un'ideologia.
      E, purtroppo, di maleducazione ne vedo tanta in giro e, perdonami, nella stragrande maggioranza dei casi proviene proprio da chi ha una visione estremistica di qualcosa (in questo caso i vaccini).
      Che poi gli idioti esistano anche dall'altra parte, è naturale e innegabile. Ma statisticamente sono in minoranza.

      Elimina
  15. PER MOZ non sono stati approvati come gli altri ma solo accettati a seguito di una condizione di urgenza quindi non sono stati testati , e qui mi scuso sono stato poco preciso nel commento precedente, in riferimento a quelli precedenti regolarmente approvati quindi molte cose non si conoscono, leggasi ad es. effetti collaterali.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che io sappia sono stati testati molto più rispetto a qualsiasi altra vaccinazione del passato.
      Che poi sia bastato un anno e non dieci per metterli in circolazione, deriva dal fatto che la scienza è avanti anni luce rispetto agli anni Cinquanta o Sessanta.
      In ogni caso, ripeto, non sono un medico, ma ho amici molto stretti e fidati che si sono vaccinati immediatamente.
      E siccome sono certa della loro salute mentale, ritengo che siano sicuri dell'efficacia di questi vaccini.

      Elimina
    2. Sono stati regolarmente testati, hanno superato tutte le fasi, gli effetti collaterali eventuali si conoscono, ci si può esentare in caso di problemi (bisogna riempire moduli e te lo chiedono almeno due volte prima della dose).
      I vaccini vengono messi in commercio solo se il tasso di rischio è tot.
      Ci hanno investito tantissimi soldi e tante risorse, abbiamo avuto il vaccino tanto sperato nella primavera 2020, quando ci si lamentava che non potevamo uscire.
      Ah, di certo non mi lamentavo io.
      Ci riaggiorniamo su cose diverse, se ti va, non ho intenzione di continuare oltre su questo argomento, visto che sappiamo cose addirittura opposte.

      Moz-

      Elimina
  16. PER CLAUDIA 2: a proposito dei casi di ristoratori e persone attaccate dai pro vaccino Pfizer su fb, mi spiace di non aver tenuto nulla almeno credo, ma quando li dovessi ritrovare te li passerò volentieri anche se so bene che tu detesti gli eccessi da qualsiasi parte provengano, sarebbe solo un modo non per chiederti un post in loro favore, ma solo per farti vedere che purtroppo casi deprecabili ci sono da ambo le parti e questo perchè non ci stiamo rendendo conto che chi ci governa vuole proprio questo e nessuno di noi, io per primo, dovremmo cadere in questo tranello, ma non sempre è semplice .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma io il post lo faccio molto volentieri, altro che.
      Taggami quando ti capitano casi del genere.
      Te ne sarò grata.

      Elimina
  17. Brutta giornata??
    Siamo in uno stato libero ..ognuno fa come meglio crede ..senza violenze o altro ..
    Non vuoi vaccinarti ..ok ..ppoi però ne accetti conseguenze..magari no poi entrare ovunque..ma dal momento che hai scelto .è quello che si chiama causa effetto.
    Io so chi mi son vaccinata x proteggermi..nel caso mi ammalarsi.. sarei più protetta ..e mi piacerebbe x quelli FRAGILI ..come me .che lo facessero tutti ..
    Ma son scelte ..scegli di non vaccinarti ..il caffe lo prendi in piedi e nel chioschetto 😆😆
    Io essendo anche vecchia signora ..mi siedo 😉
    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bravissima.
      Ogni scelta ha delle conseguenze e non vedo perché i no-vax non debbano subire le proprie.
      Eccetto che per ragioni lavorative, non dovrebbero lamentarsi di nulla.

      Elimina
  18. Ciascuno dovrebbe poter scegliere per sé senza essere attaccato dagli altri. Senza che vi fosse tutto questo odio, questa ostilità generalizzata. Anche io non amo gli estremismi, in entrambi i sensi. Ho fatto entrambe le dosi, ho il green pass, e non mi sento migliore né peggiore di chi ha deciso di non farlo.

    Riguardo la situazione dei ristoranti...scandalosa. Questa gente se la prende con chi sta rispettando una legge. Con chi subisce la legge, dunque. Persone che non c'entrano nulla.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bravissima.
      Persone che non hanno nessuna colpa.
      Se chiedi ai clienti di indossare la mascherina già borbottano, come se tu fossi la maestrina di turno.
      Ma di cosa stiamo parlando?
      Perché viviamo in un Paese in cui il rispetto delle norme legislative è un optional?!

      Elimina
  19. Oddio, mi hai rubato le parole di bocca! Ieri ho programmato un post che dice più o meno quello che dici tu XD
    Allora: gli eccessi non sono giustificabili da nessuna parte. Dubitare va bene, basta non abbandonarsi alla paranoia. Chi si comporta come certa gente - tipo quelli che se la prendono con i ristoratori - novax o no fanno parte di una categoria molto più ampia che definisco come "idioti". Sono gli stessi che, per esempio, insultano mio marito che si limita a fare rispettare le regole che gli vengono imposte dalla direzione della banca per cui lavora. Certo, l'argomento vaccini tocca corde più intime, ma alla fine si tratta di persone idiote, appunto, che non hanno rispetto per gli altri.
    PS: Due miei amici, silenziosamente ed educatamente novax, si sono presi entrambi il covid. Buon per loro che non sono stati troppo male, nè io ho goduto perchè si sono ammalati, ho solo pensato, quando mi hanno detto di essersi ammalati, "mannaggia a loro, e se adesso ci lasciano le penne?".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fortuna che i tuoi amici se la sono cavata allora!
      Fantastico, non vedo l'ora di leggere il tuo post.
      Se l'avessi pubblicato oggi sarebbe sembrato che ci fossimo messe d'accordo. 😂😂

      Elimina
  20. Non per dire, ma davvero il tuo pensiero è anche il mio, concordo con tutto (e comunque i codardi sono loro).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I codardi sono tutti coloro che attaccano in gruppo una persona qualunque, a prescindere dal fatto che questa possa avere torto o ragione.

      Elimina
  21. E' già stato scritto di tutto e di più .
    Io e Marito ci siamo vaccinati già a Giugno .
    Le mie figlie non si vogliono vaccinare .
    Mica litighiamo , spero solo che non si ammalino .
    A ogni uno la propria scelta , però poi non
    lamentatevi se non potete entrare in certi locali ....
    Abbraccio . Laura


    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di sicuro loro non avranno problemi a fare il tampone, se vorranno partecipare a qualche evento, ad esempio.
      Ma non credo assolutamente che siano folli al punto da prendersela con un povero ristoratore!
      Bacio a te. Tra vaccinate si può. ;)

      Elimina
  22. Dico due cose veloci perché ormai, veramente, non se ne può più. Per come la vedo io, la libertà di non vaccinarsi finisce quando questo comportamento influisce sugli altri. Punto. Ed è dato inconfutabile che il vaccino, ove usato secondo le prescrizioni e le modalità previste, diminuisce drasticamente contagi, possibilità di infettarsi e di conseguenza la mortalità. Questo lo certificano tutti i dati e non si può confutare, se si ha un po' di onestà intellettuale. Quindi la vaccinazione, forse prima ancora di un atto a tutela di se stessi, è un atto di responsabilità sociale, con tutto ciò che ne consegue.
    in secondo luogo, non è affatto vero che il vaccino non sia stato sperimentato adeguatamente e approfonditamente. Innanzitutto, come ha già detto Claudia, la scienza medica di oggi ha fatto passi in avanti grandiosi anche solo rispetto a vent'anni fa, quindi non ha alcun senso paragonare le ricerche sui vaccini di oggi con quelle dei tempi passati. Per quanto riguarda il vaccino di cui si parla, quello contro il covid, di cui molti lamentano l'inaffidabilità a causa della velocità con cui sarebbe stato approntato, ci sono da dire alcune cose.
    La prima è che, rispetto al passato, le fasi accelerate hanno riguardato solo quella dello sviluppo preclinico e quella finale sull'autorizzazione e quindi la revisione dei dossier di registrazione. Quella che invece non ha avuto nessuna accelerazione, ma si è mantenuta entro i protocolli di studio di ogni vaccino, è quella centrale, la parte clinica, ossia la sperimentazione sui gruppi di volontari. Per la realizzazione di questo vaccino si sono spese risorse dieci volte maggiori rispetto a tutti gli altri studi sui vaccini finora realizzati e si sono utilizzati addirittura un numero di volontari maggiori. In più, gli studi su questo vaccino non nascevano da zero ma sono partiti basandosi sulla vastissima letteratura scientifica già disponibile da quando, una decina d'anni fa, ci fu l'epidemia della Sars (il covid ha caratteristiche molto simili). Questo, in maniera molto sintetica, spiega la celerità con cui è stato elaborato e messo in circolazione il vaccino.
    Per quanto riguarda la sua presunta inefficacia contro la variante delta, siamo in presenza di una inesattezza. La prima cosa da premettere è che nessun vaccino al mondo è efficace al 100% nei confronti della malattia che deve arginare, e questo vale anche per quello contro il covid. Quindi è possibilissimo che ci siano persone vaccinate che si ammalano e che addirittura muoiano, ma quello che bisogna guardare è il quadro generale. È vero che la variante delta è molto più contagiosa del virus "normale", ma è altrettanto vero che il vaccino conserva contro di essa una efficacia che, seppur più bassa, gira comunque attorno al 70%. Meglio questa o meglio non vaccinarsi?
    Tra l'altro - e chiudo - le varianti al covid, che siano alfa, delta o qualsiasi altra prossima futura, nascono e si sviluppano perché il virus, replicandosi, è soggetto a "errori". Quindi, più il virus si diffonde e più crescono le possibilità che si sviluppino questi "errori" che noi chiamiamo varianti. La variante delta, ad esempio, si è sviluppata in India come conseguenza della diffusione fuori controllo del virus di qualche mese fa, quando là c'erano una media di 400.000 contagiati al giorno, ed è arrivata fino a noi. Se tutti fossero vaccinati, non solo il virus non circolerebbe più e questo incubo finirebbe una volta per tutte, ma non ci sarebbe più neppure il rischio della nascita di nuovi "errori" di replicazione, cioè di nuove varianti.
    Per chiudere, io non ritengo egoista o vile chi non si vaccina, ma irresponsabile sì. E il fatto che a lamentarsi dell'inefficacia dei vaccini contro le varianti siano proprio quelli che non si vaccinano, cioè quelli che permettono il nascere di queste varianti, mi fa amaramente sorridere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Andrea.
      Apprezzo in una maniera esagerata il tuo commento, poiché hai fatto meglio di quanto avrei potuto e voluto fare io, pur documentandomi per ore.
      Quindi, GRAZIE!
      E' assurdo che si miri a screditare la quantità e la validità dei test che sono stati fatti su questi vaccini, poiché rappresentano davvero un evento senza precedenti.
      Ma si sa, per gettare acqua al proprio mulino, certe persone sono capaci di mettere in dubbio persino che due alla seconda faccia quattro.
      Ovviamente non mi riferisco a nessuno dei presenti...

      Elimina
    2. Applausi.
      Serio, concreto, conciso.
      Hai detto tutto in modo perfetto, contro un mare di baggianate che si leggono in rete.


      Moz-

      Elimina
    3. Il problema per me è la comunicazione e risposte come questa lo dimostrano, perchè in modo conciso e chiaro spiega la situazione, mentre al contrario per più di un anno la gente è stata bombardata da un mare di supercazzole diffuse dai media.
      Non sanno parlare con la gente o per meglio dire, non sono stati capaci di uniformare l'informazione, di diffondere un unico e chiaro messaggio: ogni emittente, ogni giornale invece ha raccontato la propria versione o la propria opinione, anche in contraddizione l'una con l'altra.
      Molta gente si è ritrovata confusa e come dicevo nel mio discorso, per questo io non mi sento di biasimarla più di tanto: biasimo molto di più la mancanza di organizzazione e di controllo sull'informazione, che in un caso come quello della pandemia era essenziale.

      Elimina
    4. Sono d'accordo anche con te.
      La strategia di comunicazione del governo è stata fallace sotto più aspetti.
      Basti pensare a quello che è accaduto col vaccino AstraZeneca, ad esempio.
      Di colpo tutti hanno avuto il terrore di vaccinarsi. Ma non solo.
      Come hai giustamente detto tu, troppi virologi dell'ultima ora a sostenere teorie discordanti, non hanno fatto che mandare in confusione gli Italiani.
      Ecco, probabilmente senza social né tv la campagna vaccinale sarebbe andata avanti molto più celermente e senza intoppi.

      Elimina
    5. Ti ringrazio del... ringraziamento, Claudia. Ma non mi pare di aver fatto niente di che, salvo documentarmi un po'.
      Ciao, buona serata.

      Elimina
    6. Hai esposto tutto in modo chiaro e inoppugnabile, direi che è TANTO.
      Ciao Andrea ;)

      Moz-

      Elimina
  23. Io ho avuto a che fare con 2 tipi di no-vax:
    il primo tipo ha iniziato a insultarmi dicendo che ero una ignorante che faceva parte di un gregge di pecore fasciste sottomesse senza cervello (ovviamente è gente con cui non parlo più); il secondo tipo invece mi ha dichiaratamente detto di aver paura e che sta aspettando l'immunità di gregge intendendo sempre che io faccio parte di quei pecoroni che garantiranno la loro sopravvivenza futura (con questa gente continuo a parlare perché ne ho in qualche modo ammirato l'onestà e l'arguta sottigliezza dei contenuti).
    Morale della favola: sono un ovino in ogni caso!
    Avrei preferito un camelide ed essere carina come un alpaca... pazienza! :s

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah
      Benvenuta nel gregge, allora.
      Siamo tutte pecori.
      Intelligenti, ma pecore. 😉

      Elimina
    2. In effetti come camelide saresti stata in grado di tirare sputi (e di una certa importanza) specialmente contro il primo tipo XD

      Elimina
    3. Sono sempre contenta in qualche modo di scoprire la vera natura di alcune persone e quindi di avere la possibilità di evitarle! :p

      Elimina
  24. I no-vax, secondo gli ultimi sondaggi, sono meno del 10% della popolazione adulta. La colpa è nostra e (soprattutto) dei media che per fare audience gli attribuiscono un'attenzione esagerata, che non meritano. Se gli ignorassimo sarebbero più docili di una mosca... insignificanti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caspita. Non credevo fossero così pochi.
      Dunque scompariranno come le Sardine, se impareremo ad ignorarli? Chissà.

      Elimina
    2. Infatti io mi domando se sono così pochi perchè insistere per farli vaccinare, perchè insistere per relegarli in uno spazio delimitato come sorci, perchè fare il green pass quando con il 90% di vaccinati (perchè se i non vaccinati sono il. 10% è aritmetico che i restanti siano tutti vaccinati) si dovrebbe aver raggiunto l'immunità di gregge che Figliolo tanto vagheggiava con percentuali inferiori di queste qualche mese fa? Forse allora non è vero che sono appena il 10%...

      Elimina
    3. Il 10% si riferisce ai sondaggi d'opinione, non alla popolazione EFFETTIVAMENTE vaccinata, che allo stato attuale è molta meno. C'è ancora una larga fetta di popolazione che, pur pro-vax, non ha ancora completato il ciclo (soprattutto i più giovani) e quindi al momento è impossibile sperare nell'immunità di gregge. E' semplice da capire.

      Quello che invece non capisco, mi perdoni Sig. Daniele, sono i suoi ragionamenti (che, in my opinion, sfiorano il ridicolo): Lei accusa il vaccino di aver danneggiato suo padre, ammettendo candidamente che sullo stesso bugiardino del Pfizer erano descritti gli effetti collaterali che poi si sono verificati. E quindi? Allora perchè suo padre si è vaccinato, pur conoscendo i rischi? La colpa non è certo del vaccino (che, essendo un medicinale come qualsiasi altro, ha ovviamente le sue controindicazioni, ben specificate nella liberatoria che viene fatta firmare prima di inocularsi la dose) ma di chi ha convinto suo padre a vaccinarsi... così cone, riguardo sua madre, non ha nessuna prova certa che l'ipertensione sia stata provocata dal Pfizer.

      Nella vita, e spero che questo lo riconosca, l'unica cosa che non si può contestare sono i numeri. E i numeri dicono che i posti in ospedale attualmente riservati ai pazienti Covid sono nella stragrande maggioranza persone che non hanno fatto il vaccino.
      Penso non ci sia altro da dire.

      Elimina
    4. Semplice perché si è fidato di specialisti che era meglio non ascoltare. Le mie opinioni saranno ridicole, quanto alle sue opinioni ho troppo stile ed educazione per dire che cosa penso....

      Elimina
  25. Il rispetto viene prima di tutto, ancora non ho fatto il vaccino, ma non sono un no-vax. I dubbi sono di natura scientifica, i miei figli hanno fatto anche i vaccini facoltativi e nei prossimi mesi valuterò la situazione se farlo oppure aspettare ancora. Ognuno deve sentirsi libero di scegliere, siamo in un emergenza pandemica, ma anche l'aumento dei tumori nel mondo è un'emergenza sanitaria, spessa boicottata dalle grandi multinazionali che fanno profitti sulla povera gente, vendendo chemioterapici a costi esorbitanti.
    Speriamo che questo virus sparisca presto, ma temo nuove pandemie.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu sei liberissimo di non vaccinarti se hai queste perplessità, ma non penso che manifesterai in piazza per il fatto di non poter portare i tuoi figli al cinema.
      Davvero nel mezzo di una pandemia i problemi (seri) sarebbero questi?
      Assolutamente no.

      Elimina
  26. Io so solo Claudia che per colpa di molti che continuano a fregarsene anche delle normale regole che abbiamo cercato di seguire siamo ancora qui… vogliamo parlare di quello che dovranno passare ancora i ragazzi e i bambini? Delle Rsa che rimarranno chiuse se continueranno ad aumentare i contagi?
    Io ho fatto Pfizer a febbraio 2020 quando nn si sapeva nulla dei vaccini, l’ho fatto perché credo che l’unico modo per uscire da una cosa del genere sia la scienza, l’ho fatto per proteggere i miei, l’ho fatto perché francamente non credo ci siano alternative. Non perché credo di avere la verità in bocca.
    Credo anche una cosa… noi paesi ricchi siamo fortunati, possiamo permetterci di fare i No Vax i No maschere i No green pass… i paesi poveri chiedono a gran voce il vaccino. E per loro non parla nessuno.
    Servirebbe lotte per chiedere di liberalizzare il vaccino, renderlo gratis, chiedere ai governi di impegnarsi nello studio dei casi specifici magari prima di fare la dose, chiedere ai governi di investire sulla sanità pubblica, quella in cui cresceva Gino Strada che oggi ci ha lasciato e che molti continuano a dimenticare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Effettivamente noi Italiani abbiamo sempre avuto la pancia troppo piena e ci siamo lamentati del nulla in moltissime situazioni.
      Come tu dici, ci sono Paesi che pagherebbero oro per avere il vaccino, ma non hanno la possibilità di sobbarcarsi questa spesa.
      Qui, invece, addirittura alcune dosi vengono sprecate a buttate, per colpa degli scienziati fai da te che considerano il vaccino pericoloso.
      Insomma, è il solito paradosso all'italiana (e non solo, visto che queste mode esistono anche in Germania, Francia, ecc).

      Elimina

Per colpa di chi ne ha abusato, minando l'atmosfera familiare che si respira su questo blog, sono vietati i commenti anonimi, così come quelli polemici e offensivi.
Se non prendi la vita con filosofia e ami mettere zizzania, sei nel posto sbagliato.