mercoledì 25 agosto 2021

Madre denuncia figlia che ha vandalizzato il parco giochi

 
Ho affrontato più volte il tema dell'educazione dei figli e l'esigenza, a mio avviso, di insegnargli a chiedere scusa e a riconoscere le proprie colpe, senza mai coprire o minimizzare i fatti.
Spesso, però, mi sembra di essere una voce fuori dal coro, in quanto attorno a me vedo realtà a dir poco opinabili.
Ieri, però, leggendo i quotidiani nazionali, ho scoperto una notizia molto gratificante.

Siamo a Palazzolo della Stella, in provincia di Udine.
Su alcuni gruppi e pagine Facebook del luogo, si diffonde la notizia che ignoti hanno vandalizzato il parco giochi del piccolo comune.
Dalle foto pubblicate per denunciare l'accaduto, si notano chiaramente scritte poco gradevoli, lasciate sulle giostre.

Una madre, però, da quelle immagini, riconosce la firma di sua figlia minorenne e decide di affrontarla.
La ragazza confessa di aver imbrattato il parco giochi assieme a due amici.
Senza esitare un solo istante, la donna organizza la pulizia del luogo. Suo marito e suo figlio, infatti, si prodigano per smacchiare le giostre, mentre la figlia viene messa in punizione.

Non paga, inoltre, la madre decide di pubblicare sulle stesse pagine Facebook le foto del parchetto ripulito, scrivendo che la responsabile è sua figlia e chiedendo un incontro col sindaco, perché lei possa chiedergli scusa.

Ora. L'unica cosa che non mi è piaciuta di questa storia è che a pulire le scritte siano stati il padre e il fratello della vandala.
Io avrei costretto proprio la responsabile a ripristinare lo stato dei luoghi con olio di gomito.
Di sicuro, però, l'umiliazione pubblica dell'ammissione di colpa le sarà valsa da lezione.

Insomma, io sto con questa madre che non ha messo la testa sotto la sabbia, cercando di coprire le malefatte di sua figlia, bensì l'ha denunciata e punita nel modo che ha ritenuto più opportuno.
Voi cosa avreste fatto al suo posto?

19 commenti:

  1. Io avrei costretto la figlia a ripulire le scritte, magari con gli amici vandali come lei. La punizione sarebbe stata più dura. Padre e fratello non c'entrano nulla. La madre ha fatto bene a denunciare, forse servirà da lezione.
    Mafi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti. Sono d'accordo.
      Magari, faticando per ripulire tutto, ci avrebbe pensato due volte prima di rifare una bravata del genere!

      Elimina
  2. concordo con te ..altrimenti son sempre i genitori a rimediare ..hai sporcato ? pulisci!!
    anche se l'umiliazione mi sembra già un buon punto ..
    qua qualche anno fà dei ragazzi con fionde han rotto lampioni appena messi ..individuati dalle telecamere ..i genitori volevano pare danni ..NOO!!
    il sindaco li ha fatti lavorare per il comune ..pulizie varie ..fino a che non son andati in pari con la spesa .
    è un insegnamento per la loro vita , sbagli /rompi ..lo paghi!!
    ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bravissimo il sindaco!
      Per quanto i genitori possano avere la colpa di non aver saputo educare i figli, non è giusto che paghino per i loro errori!

      Elimina
  3. Concordo sul fatto che i genitori siano stati troppo morbidi e che avrebbero dovuto costringere la ragazza a mettersi lì con olio di gomito a ripulire tutto: semplicemente costringerla a chiedere scusa non basta a impedire che ci ricaschi in futuro. In ogni caso, purtroppo, per una coppia di genitori così ce ne sono a migliaia che invece vanno poi a difendere a spada tratta i loro "angioletti", dicendo "eh, son ragazzi". Con questi sarebbe forse efficace la strategia di obbligarli a ripulire i disastri combinati dai loro "angioletti" – o, ancora meglio, a cacciare il grano affinché ci pensi un'impresa specializzata, di quelle dalle tariffe altissime. Toccali nel portafoglio...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Effettivamente molte volte fa più male dover spendere una bella cifra che mettersi a ripulire un'area pubblica con guanti e olio di gomito. ;)

      Elimina
  4. Per me la madre ha fatto benissimo così, ma che senso ha coinvolgere l'altro figlio?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma anche il marito, eh?
      Cos'è, la figlia si sarebbe rovinata le unghie probabilmente laccate?

      Elimina
    2. Io ho visto nella scelta dei genitori un modo per "punirsi" dell'avere sbagliato con la figlia, mancando di trasmetterle una base di civiltà, non entro nel merito dell'esclusione della figlia dal ripulire il parco, ogni famiglia sa i fatti propri e non tutto sarà stato divulgato ai giornali.

      Elimina
  5. Una su mille fortunatamente c'è..

    RispondiElimina
  6. Sì proprio una notizia positiva. Una volta vidi una madre sgridare la figlia che scriveva su una statua ma ascoltando la motivazione mi cascarono le braccia, e non solo. "Smettila di scrivere sulla statua che se si rompe la penna, nuova non te la compro!"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oddio.
      Credevo che certe assurde scenette accadessero solo nei film.
      Che disastro...

      Elimina
  7. Io ho sempre pensato che se le mie figlie commettevano qualche cosa
    di grave , sarei stata la prima a castigarle o addirittura denunciarle .
    Hanno sbagliato , in qualche modo devono pagare e imparare il rispetto
    per tutti e TUTTO .
    Buona giornata . Laura ***

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono d'accordo. Spero di non trovarmi mai in una situazione del genere, ma di sicuro mio figlio non la passerebbe liscia!
      Buona giornata a te. :*

      Elimina
  8. Credo che oggigiorno ai tempi dei social media l'umiliazione pubblica sui social sia molto più drammatica per una ragazzina rispetto al pulire quello che ha vergognosamente imbrattato. Ottima madre, ottimo esempio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dici?
      Magari la ragazza avrà già dei profili social e avrà subito anche un calo di seguaci. Chissà.

      Elimina
  9. Se c'è ancora qualche madre così; pronta a far capire al proprio figlio che ha intrapreso la strada sbagliata, allora c'è un briciolo di speranza per l'umanità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono d'accordo.
      E mi vanto di annoverarmi tra queste madri.

      Elimina

Per colpa di chi ne ha abusato, minando l'atmosfera familiare che si respira su questo blog, sono vietati i commenti anonimi, così come quelli polemici e offensivi.
Se non prendi la vita con filosofia e ami mettere zizzania, sei nel posto sbagliato.