domenica 3 gennaio 2021

Il compleanno di Michael Schumacher

 
Oggi ricorre il compleanno di uno dei pochissimi miti sportivi che io abbia mai avuto.
Si tratta di Michael Schumacher, che compie 52 anni.
Sebbene non sia mai stata un'appassionata di Formula 1, infatti, quando c'era lui alla guida della Ferrari, non mi perdevo un gran premio.
Un campione che, nonostante la sua spocchia, mi è sempre stato molto simpatico.

Purtroppo, come tutti sappiamo, in seguito ad un gravissimo incidente sugli sci avvenuto il 29 dicembre  del 2013, l'ex pilota ha rischiato di perdere la vita e, da allora, la famiglia si è trincerata dietro un assoluto riserbo, e nessuno ha più avuto sue notizie, se non per qualche indiscrezione non autorizzata.
Stando alle poche dichiarazioni rilasciate da sua moglie in questi anni, però, Michael seguirebbe un accurato percorso riabilitativo presso la sua abitazione a Gland, che si spera darà dei frutti.

Insomma, non conosciamo le sue reali condizioni, ma di sicuro, come lui stesso aveva più volte dichiarato, val sempre la pena di lottare, e Michael continuerà a farlo con le unghie e con i denti.

Non ci resta che augurargli un buon compleanno, quindi, sperando che sia vigile e che possa riprendersi al più presto.

Auguri, campione!

35 commenti:

  1. Come dimenticare, oltre la cima dei monti a Nord di dove abito c'è la pianura modenese con Maranello. Nel festeggiare una vittoria Ferrari ero lì Michael anche lui ma lontano visto la calca. Auguro a distanza tanti auguri a Lui e Famiglia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quindi, anche se in lontananza, sei riuscito a vederlo dal vivo?
      Wow.
      Spero davvero che prima o poi potremo rivederlo tutti.

      Elimina
  2. Wooooow....uno dei miei idoli assoluti...
    Come non ricordare le clamorose imprese sotto la pioggia, oppure - gara che porto nel cuore - quella di Magny Cours dove vinse facendo 4 pit stop (!) facendo giri da qualifica durante la gara per poter guadagnare il tempo necessario alla quarta sosta.
    Un pilota da leggenda che trasformò la Ferrari in un grande team.
    Dopo di lui, il vuoto, nonostante il prodigarsi di ottimi piloti.
    Se sapesse in che condizioni è finita la Ferrari...gli piangerebbe il cuore.
    Poi, da testimonianze dirette, ho saputo che era una grande persona, davvero.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Ho saputo che E' una grande persona".
      Il verbo al passato, a maggior ragione in questo scenario delicato, potrebbe essere frainteso.
      Michael c'è e, spero, ci sarà.

      Elimina
  3. Uno dei pochi Campioni con la maiuscola. Un eccellente perfezionista, uno stratega delle corse. Ho seguito la Formula Uno per qualche anno e ho visto di conseguenza svariate sue vittorie, anche in Benetton prima che in Ferrari.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io lo seguivo con la Ferrari e mi trasmetteva un'adrenalina immensa.
      La domenica pomeriggio, dopo il suo ritiro, non fu più la stessa.
      Infatti, non ho più seguito un gran premio.

      Elimina
    2. Io ho smesso di seguire la Formula Uno perché non condividevo gli ordini di scuderia secondo cui il secondo pilota, se davanti, doveva cedere il posto al primo pilota, strategia molto in voga proprio in Ferrari.
      Poi cambiò lo staff, ma oramai avevo mollato l'automobilismo rendendomi conto di quanto fosse uno sport inquinante.

      Elimina
  4. L'unica cosa che non mi andava a genio di lui era il fatto che non parlasse quasi mai in italiano, nonostante sia stato con la Ferrari per tanti anni. Tuttavia, l'ho stimato come campione e quando andò via ci rimasi malissimo: il sui addio alla scuderia è stata una delle botte al cuore peggiori della mia vita

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai che mi chiedevo spesso anch'io perché non parlasse in italiano, pur conoscendolo benissimo?
      Effettivamente non era un bel biglietto da visita per un campione che porta alta la bandiera di uno Stato.
      Ma avrà avuto le sue ragioni, che magari prima o poi spiegherà.

      Elimina
  5. Un grande campione , del quale non se ne sa più niente !! Nemmeno quali siano le sue condizioni, se c'è stata una ripresa piccola, grande.... Il figlio sembra voler ripercorrere le orme del padre. Auguri a questo campione, con la speranza che possa recuperare bene la salute. Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero che Mick sia altrettanto abile al volante.
      Peccato che i familiari tengano i fan e il mondo all'oscuro delle condizioni di Michael.
      E' davvero molto triste questo aspetto.

      Elimina
  6. Io sono l'unica che va controcorrente?
    Seguo la formula uno da circa trent'anni, ma lui proprio non l'ho mai sopportato. Lo so, sono una italiana anomala, ma nè Schumacher, né la Ferrari sono 'nel mio cuore'.
    Perdonami per questo pensiero. Comunque, buon compleanno a lui.
    Mafi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non devi assolutamente chiedermi scusa, anzi.
      Schumacher ha un carattere particolare. Per certi versi mi ricorda Ibrahimovic.
      Quindi quelli come loro o li ami o li odi. ;)
      Piuttosto è insolito che pur amando la Formula 1, non tifi per la Ferrari. Wow.

      Elimina
  7. Shumi che sfortunato...gli auguro di migliorare!

    RispondiElimina
  8. Ammiro e rispetto il grande campione che è stato ma , come uomo non mi
    è mai piaciuto . Lingua Madre tedesca , nelle interviste parlava in Inglese ,
    mai sentito parlare Italiano e io la sento come una forma di disprezzo
    per il nostro Paese . Un po di rispetto per chi lo pagava in Lire o Euro .
    Io lo sentivo molto arrogante . (mi posso sbagliare , ovviamente ).
    Sembra sia in uno stato vegetativo .
    Auguri Schumacher , torna presto tra il Mondo dei VIVI.
    Ti ho delusa , Claudia ? Bacione .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, tesoro.
      Non potresti mai deludermi.
      Non è pensandola allo stesso modo su tutto che si va d'accordo.
      Quantomeno non per me.
      Comunque hai fatto la stessa considerazione di Pakos. Io non ci avevo nemmeno pensato, forse perché ero troppo giovane per far caso a questi dettagli.
      In ogni caso, spero davvero che lui possa tornare a parlare ai fan prima o poi. In inglese, tedesco, arabo, o come preferisce. 😉
      Bacione a te e buona domenica.

      Elimina
  9. Veramente 2013?? Così tanto tempo è passato? :O
    Comunque, mai stato fan di Schumacher... per me l'unico Schumacher che conta è il regista :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì. Sono passati molti anni e ancora non sappiamo come stia. 😔

      Elimina
  10. Ciao Claudia...un grande campione sì, da ammirare nel suo campo ma, alla pari del defunto Maradona, antipatico da morire. Ti lascio un abbraccio e un sorriso di cuore. Buona domenica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Magari l'alta competitività dello sport e il fatto di essere campioni indiscussi non hanno aiutato ad ingentilirne i tratti caratteriali.
      Felice domenica a te.

      Elimina
  11. Mitico Schumi. Da amante della Ferrari, non posso mancare nel fargli gli auguri. ❤

    RispondiElimina
  12. Un grande campione, che mio padre amava alla follia e che seguiva sempre con la luce negli occhi.
    Spero che stia bene, ma mi spiace che non si riescano ad avere sue notizie certe. Buon compleanno!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a me dispiace tanto.
      Perché si tende a pensare che stia malissimo, quando invece MAGARI se la cava.
      Cioè, in assenza di notizie è logico ipotizzare il peggio.

      Elimina
  13. Cara Claudia, questo tuoi post Mi piace tanto ma tanto.
    Ciao e buona serata con un forte forte abbraccio.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Tomaso.
      Non ho fatto altro che riportare le parole di Schumacher per augurargli buon compleanno.
      Un bacio

      Elimina
  14. Ammazza, sono già passati 7 anni dall'incidente? Sembra ieri 😱

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io pensavo fossero meno, prima di scrivere questo post, sai?
      Sembra davvero recentissimo l'incidente.

      Elimina
  15. Auguri ..non mollare ..!!!


    Ciaoo

    RispondiElimina
  16. Ho amato la Formula Uno grazie a Schumacher e ho avuto la fortuna di leggere interviste disinteressate dove si raccontava che tipo di persona sia: un professionista ma anche un grande uomo. Mi è dispiaciuto quando ho appreso la notizia dell'incidente e ho pensato che fosse veramente stupido che dopo una vita passata ad andare a 300Km/h poi dovesse essere una caduta in sci a far finire tutto. Spero si rimetta al meglio.

    Un pensiero anche al figlio Mick, mio omonimo, che è arrivato in F1 e debutterà a marzo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dicono che il figlio sia molto bravo.
      Sarebbe bello se riuscisse a raggiungere il livello di suo padre.
      Ma sarebbe ancora più bello se potesse fare (ancora) pratica proprio con Michael.

      Elimina

Per colpa di chi ne ha abusato, minando l'atmosfera familiare che si respira su questo blog, sono vietati i commenti anonimi, così come quelli polemici e offensivi.
Se non prendi la vita con filosofia e ami mettere zizzania, sei nel posto sbagliato.