lunedì 11 gennaio 2021

Gli hater non risparmiano nemmeno nonno Basilio, di 103 anni

 
Come ben sapete, sono molto sensibile al tema degli haters e del cyberbullismo, e non solo perché mi tocca frequentemente in prima persona.
Fui molto felice, infatti, di parlarvi della campagna #OdiareTiCosta, invitandovi a denunciare sempre gli attacchi subiti e a non sentirvi soli.
Quella che vi racconto oggi è la storia di nonno Basilio, attaccato dagli haters per la sola colpa di essere l'uomo più anziano in Toscana ad essersi sottoposto alla vaccinazione contro il Covid-19.

Basilio Pompei, infatti, ha 103 anni ed è ospite della RSA "San Biagio" a Dicomano, nel Fiorentino.
La scorsa settimana, dunque, come da protocollo, è stato vaccinato, e i giornali locali ne hanno diffuso la notizia in quanto si tratta, appunto, del Toscano più anziano interessato dalla campagna vaccinale.
Sicuramente i giornalisti non potevano immaginare il delirio che la vicenda avrebbe scatenato sui social.
Gli hater, infatti, non hanno avuto alcuna pietà per quest'uomo che è sopravvissuto persino ad una lunga prigionia in un campo di concentramento polacco, durante l'Olocausto.

"Facciamo morire i quarantenni e vacciniamo i centenari", "Una dose sprecata", "Diamo spazio ai giovani, tanto morirà lo stesso!".

Decine di commenti del genere hanno invaso le pagine delle testate in oggetto, fino a scatenare l'indignazione di Giampaolo Giannelli, vicecoordinatore di Forza Italia della provincia di Firenze, che ha denunciato la questione sui propri canali, rendendo la notizia di interesse nazionale e non più solo locale.

Insomma, come detto, i leoni da tastiera non si fermano davanti a nulla, né tanto meno risparmiano un uomo come Basilio che conserva in sé così tanta storia, coraggio e determinazione, da meritare un inchino.
Per fortuna, però, il nonnino non si è lasciato turbare da tanta cattiveria e ha garantito di non voler nemmeno leggere le accuse di coloro che considerano la vita di un centenario meno importante di quella di un giovane, e che covano una cattiveria tanto gratuita quanto pericolosa.

Bravo nonno Basilio! Questa sì che è una bella lezione di vita!
Io stessa dovrei imparare ad ignorare gli attacchi che subisco, e lo faccio nei tre quarti dei casi, quantomeno finché questi non perseverano al punto di farmi perdere completamente le staffe.
Ad averlo il tuo self control!

Intanto, ti giunga il mio abbraccio e quello di milioni di Italiani che, sono certa, fanno il tifo per te!

66 commenti:

  1. Gli insulti e le offese mi fanno schifo a prescindere e questi attacchi sono solo spregevoli. Anche non condividendo il tutto si può dissentireanche con fermezza ma sempre con educazione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si può dissentire con fermezza ed educazione, hai ragione.
      Oppure si può semplicemente NON intervenire.
      Dov'è scritto che occorra per forza dire la propria? Perché tutti si sentono in diritto di parlare a vanvera?

      Elimina
  2. Gente vigliacca, a prescindere dal contesto del vaccino! Con che faccia aggrediscono un anziano, che è un libro vivente di Storia e Tradizioni? Tanto più se è ospite in una RSA è maggiormente vulnerabile e se lì entrasse il covid farebbe una strage.

    Ci vorrebbe la chiusura degli account che scrivono tali frasi, e la denuncia di chi ospita e non modera tali commenti. Ingiurie, diffamazioni...
    Vigliacchi bastardi, entrate in una RSA prima di sprecare ossigeno respirando!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ossigeno rubato a chi davvero merita di respirare. Tra cui, ovviamente, anche nonno Basilio.

      Elimina
    2. "Nessuno tocchi gli indifesi." (altro che "... Caino" come recitava uno slogan).

      Elimina
  3. Un fatto vergognoso,complimenti a nonno Basilio!Buona giornata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bravissimo lui a non lasciarsi turbare da questi dementi.

      Elimina
  4. Mi pare che una cosa simile sia successa alla prima infermiera vaccinata dello Spallanzani, insultata dai no-vax e costretta a chiudere i suoi canali social. Purtroppo certa gente non ha di meglio a cui pensare e si sfoga con chiunque gli capiti a tiro.
    A dirla tutta, però, credo sia più giusto vaccinare un centenario che un quarantenne, visto che il primo ha maggiori probabilità di ammalarsi in forma grave. Mi pare che il fine della vaccinazione sia appunto di ridurre le ospedalizzazioni...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oltretutto va detto che, nel caso di specie, nonno Basilio è ricoverato in una Rsa e, purtroppo, moltissimi focolai si sviluppano proprio all'interno di queste strutture.
      Quindi è giustissimo che i pazienti siano tra i primi in assoluto ad essere vaccinati.
      Poi, magari, quegli stessi leoni da tastiera, quando verrà il loro turno, rifiuteranno la vaccinazione perché "ci iniettano veleno", "il 5G", ecc...

      Elimina
  5. sii teniamo in vita i centenari !! come nonno Basilio, grande signore .
    quei coglioni ..sorry parolaccia .. li invece dovrebbero usare le mani non per scrivere in anonimato ..perchè lo fanno SOLO in anonimato ..ma andare a zappare la terra .
    questi son solamente de vigliacchi che scrivono dietro il "nomigliolo"
    gino546..esempio...avessero il coraggio di scrivere con foto e nome vero ..invece son come dei ragazzini stupidi che tirano il sasso e scappano a nascondersi.
    a qualsiasi età ogni ESSERE UMANO ha diritto di rilanciare i dadi ..
    dunque nonno Basilio ha DIRITTO di farsi vaccinare ..
    ricordiamo che i nonni sono la nostra memoria storica .spesso lo dimentichiamo ..
    e quei schifosi li devono sapere che anche loro invecchieranno ...
    ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nonno Basilio ha tutti i diritti di vivere altri cent'anni.
      E non importa se in realtà ne vivrà solo altri due o dieci.
      Finché il suo cuore batterà, non dovrà mai essere considerato una persona di serie B.

      Elimina
  6. Mi viene in mente un ragionamento sottile. Visto che abbiamo coltivato nell'ultimo anno questo feticismo di dividere tutti in due schieramenti, Buoni contro Cattivi, in modo che chi metta la mascherina, rispetti le regole e dichiari di fare il vaccino sia un Buono, mentre chi opti per il negazionismo e dichiari di non volersi vaccinare sia automaticamente un Cattivo, occorre adesso aggiornare questa categorizzazione. All'interno della cerchia dei Buoni bisogna a questo punto distinguere i Meno Buoni, quelli che rispettano regole e si vaccineranno ma se il vaccino lo fa prima (e giustamente sia dal punto di vista sociale che medico) un centenario allora si lasciano andare alle oscenità che hai riportato prima.
    Assurdo poi che non si comprenda la dinamica del "prima i più fragili" e perché questa cosa debba generare tutto quest'odio è la dimostrazione di un senso del rispetto che è ormai irrimediabilmente perduto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non sono assolutamente un'antivaccinista (lo prova il fatto che sia io che mio figlio abbiamo tutte le vaccinazioni in regola), ma francamente farei volentieri a meno della mia dose, perché ritengo di condurre uno stile di vita che non mi espone al rischio di contagio.
      Poi, magari mi sbaglio. Vengo contagiata e muoio dopo tre giorni, chissà.
      Ma di sicuro non chiederei mai ad un anziano di rinunciare al vaccino per poterlo fare io. Al contrario, gli cederei la mia dose.

      Elimina
    2. Sono d'accordo in pieno. Prima e soprattutto i più fragili e i medici e poi tutti gli altri. Se possiamo ridurre il rischio di contagio e al tempo stesso salvaguardare chi è esposto ben venga l'attesa. Io farò il vaccino quando sarà il mio turno e senza sopravanzare nessuno.
      C'è chi arriva a 103 anni con il cervello funzionante e chi se lo è bevuto a 30 o meno...

      Elimina
  7. "Se poi qualcuno scrive o commenta, io non ho proprio nulla da dire".
    A 103 anni, devo dire, ha ancora una grandissima lucidità di pensiero.
    E' un gigante.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un gigante che dovrebbe e potrebbe insegnarci a vivere.

      Elimina
  8. Sono contrario agli insulti sul web a prescindere, ma prendersela con anziani o minorenni è una vigliaccata bella e buona. C'è un proverbio ebraico che amo molto che dice più o meno così:"Chi salva una vita salva un mondo" Ebbene, una vita è importante a prescindere che si tratti di un quarantenne o di uno di 103 anni, e con questo anche io ho detto tutto quello che avevo da dire.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di sicuro, la vita di nonno Basilio è molto più importante di quella di un odiatore seriale che trascorrere il suo tempo ad insultare gli altri sui social, sui blog, ecc.
      Perché la cattiveria non merita di esistere.
      A prescindere che cresca nel cuore e nel corpo di un trentenne, o di un centenario.

      Elimina
  9. Ma che simpatiche persone! Soprattutto calcolare il valore di una persona in base alla sua età è segno di grandissima maturità, complimenti.

    RispondiElimina
  10. Ciao Claudia! Che dire, questi sono attacchi di persone veramente piccolissime... la meschinità a volte non ha fine, questa gente quando è arrivata in fondo inizia a scavare! Auguri invece a nonno Basilio :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il problema è che non si rendono conto di aver toccato il fondo, e creano pericolosissimi tunnel sotterranei.

      Elimina
  11. Proprio per questo è meglio tenersi un centenario al posto di un 40enne (esempio) che semina odio gratuitamente e in questo modo. Un essere umano ha tutto il diritto di aggrapparsi alla vita e cercare di morire quanto più tardi possibile e nel migliore dei modi. Basilio è un essere umano ancora sano che a 103 anni ha ancora voglia di vivere: ne ha il pieno diritto! Chi l'ha criticato non è migliore, anzi, coloro che hanno attaccato questo anziano sono quelli che forse votano Salvini, che odiano le altre "razze" ecc, ecc, ecc!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oppure sono semplicemente degli imbecilli.
      Bella la tua concezione dell'aggrapparsi alla vita, che condivido, nonostante io sia a favore dell'eutanasia.
      Qui parliamo di un uomo in salute, lucido, che ha ancora tanta voglia di vivere e fa bene ad averne.
      Ed io gli auguro di vivere molto più a lungo di chi gli ha gettato addosso odio immotivato.

      Elimina
    2. a dirla tutta anche io sono in favore dell'eutanasia, ma qui parliamo di un uomo di 103 che vuole campare ancora un po'

      Elimina
  12. Ignobili creature . Diventeranno vecchi anche loro e avranno bisogno
    di cure o , li lasciamo morire ? Tanto sono vecchi ...
    Un abbraccio a Nonno Basilio e auguro lunga vita .
    Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E cos'avranno da raccontare ai loro nipoti?
      Che passavano i pomeriggi ad insultare chiunque sul web?
      Che pochezza!
      Un bacio a te.

      Elimina
  13. quanta cattiveria c'è a questo mondo, non ho parole.
    Un abbraccio Valeria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo io non me ne stupisco più.
      Fortuna che nonno Basilio sa come ignorarla.
      Buona giornata. :*

      Elimina
  14. Le persone che hanno insultato Nonno Basilio, dovrebbero solo vergognarsi. E spero che nonno Basilio viva ancora tanti e tanti anni !! Ciao Claudia, buona settimana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come dice Laura, anche loro saranno anziani prima o poi e qualcosa mi dice che resteranno soli.
      Come meriterebbero.
      Buona settimana a te.

      Elimina
  15. La cosa buona è che probabilmente non sta tutto il giorno attaccato ai social e che dunque queste cattiverie non le legge.
    La gente non sta bene, comunque. Sempre a sputare sentenze e odio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le ha lette, le ha lette, ma ha spiegato che non gli dà importanza.
      E' proprio questo il suo insegnamento.

      Elimina
    2. Gliele avranno riportate magari.
      Non ce lo vedo questo nonnino a star dietro a questi meccanismi da bettola sul web.
      Poi magari invece un profilo facebook ce l'ha e lo usa come tutti.

      Elimina
    3. Io l'ho cercato e non sono riuscita a trovarlo. No, non ce lo vedo nemmeno io. Ma in un'intervista ha dichiarato di essere a conoscenza nei dettagli del fenomeno.
      Quindi si, immagino che gli avranno riportato la cosa, spero evitando di leggergli i commenti in cui gli augurano di morire. 😔

      Elimina
  16. Sinceramente , non ho parole!!!
    Ma siamo sicuri che "questi"...sono essere umani!??
    Mio Dio!!
    Ciao Claudia , un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E no, temo proprio che di umano non abbiano nulla.
      Un bacio a te.

      Elimina
  17. A scrivere queste cose "nu tocc d saiett" gli dovevano venire..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahah
      Posso capirlo solo io che sono Pugliese.
      Per tutti gli altri sarà un messaggio in codice. :))

      Elimina
    2. L'ho capito anch'io:)))
      È bellissimo!!!
      E quello gli deve veni!!!!! 😊😊😊

      Elimina
  18. Bellissima ...l'espressione...in codice :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molise
      Capisco bene il dialetto pugliese
      Non siamo lontanissimi :)
      E poi ....grossomodo si dice anche qua quello che ha scritto Pietro...:))))
      Mi unisco ....al codice di Pietro :))

      Elimina
  19. Purtoppo di idioti che scrivono a vanvera ce ne sono anche troppi soprattutto se mascherati dall'anonimato di un nickname, e l'episodio in questione mi fa tornare alla mente le dichiarazioni del Presidente della Liguria di qualche mese fa.
    Un applauso a nonno Basilio che non spreca tempo ed energie a dar retta agli imbecilli.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ricordo il caso a cui ti riferisci.
      Sicuramente molti pensano di essere impunibili per le calunnie e le ingiurie che disseminano sui social, ma spero davvero che non sia così!

      Elimina
    2. Non è certo daa assimilare agli haters abituali ma fu comunque una clamorosa gaffe istituzionale visto che si tratta del presidente di una Regione. Queste le testuali parole che scrisse su twitter “Per quanto ci addolori ogni singola vittima del Covid 19, dobbiamo tenere conto di questo dato: solo ieri tra i 25 decessi della Liguria, 22 erano pazienti molto anziani. Persone per lo più in pensione, non indispensabili allo sforzo produttivo del Paese che vanno però tutelate”.

      Elimina
    3. Oddio, adesso che l'hai trascritto l'ho ricordo eccome.
      Che schifo.
      Poi ci lamentiamo degli odiatori seriali, se i primi a dare il cattivo esempio sono proprio coloro che ci governano!

      Elimina
  20. nulla di nuovo purtroppo verrebbe da dire, i social stanno tirando fuori il peggio del peggio dell’uomo, la colpa non è del mezzo logicamente ma della disumanità di troppe persone

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La disumanità dilagante è il vero male del secolo.

      Elimina
  21. Sempre più convinta che gli alberi non dovrebbero dare l'ossigeno a tutti indistintamente!
    Altro che vaccino: a certa gente bisognerebbe togliergli l'ossigeno!!!!
    Capre

    RispondiElimina
    Risposte
    1. O bisognerebbe trovare un vaccino per curargli la cattiveria.
      Questa sì che sarebbe la scoperta del secolo!

      Elimina
  22. Ciao Claudia...i vigliacchi non hanno altra arma che la cattiveria. Siamo tutti con nonno Basilio e con tutti quelli che subiscono in silenzio perché privi di difesa. Un saluto e un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per fortuna nonno Basilio non è solo, ma può contare su un sacco di gente pronta a difenderlo e supportarlo.
      Buona serata.

      Elimina
  23. Mi ripeto ma da dove esce tutta questa cattiveria?...è giustissimo preservare i più deboli e i più esposti al pericolo...mi ha fatto troppo ridere il secondo commento sopra ....risparmiamo ossigeno ...però poi si rischia di diventare come loro...meglio proseguire col buon senso... buona serata Claudia e Buon Anno...!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Effettivamente i commenti di chi disprezza questi hater possono sembrare quasi al loro livello, ma sono certa che non lo siano.
      Buon anno a te cara Giusi.
      Un bacio.

      Elimina
    2. mi riferivo alla cattiveria degli hater non dei commenti dei tuoi lettori...mi sarò espressa male?

      Elimina
    3. No, no. Eri stata chiarissima.
      Forse sono io che non mi sono espressa bene. Intendevo che non c'è il rischio che chi ha commentato possa scendere al loro livello, sebbene sia facile indurre in tentazione, augurando a questi hater di fare una brutta fine.

      Elimina
  24. Quanta miseria umana sta facendo emergere questa emergenza sanitaria. Altro che ne usciremo migliori...
    Grande nonno Basilio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il buonismo, purtroppo, esiste solo nei disegni con l'arcobaleno e nei cori dai balconi...

      Elimina
  25. Non mi meraviglio che nonno Basilio abbia preso la cosa con filosofia. Con la saggezza che deve avere accumulato in una vita così lunga, al massimo avrà sorriso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È proprio vero. Anche se non sempre l'età ci rende saggi.
      Ma nel suo caso sono certa che sia così.

      Elimina
  26. Forse è arrivato a quell'età facendosi scorrere le cose negative addosso!

    Per il resto... Incommentabile guarda.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E sì.
      Probabilmente l'elisir di lunga vita è proprio questo...

      Elimina

Per colpa di chi ne ha abusato, minando l'atmosfera familiare che si respira su questo blog, sono vietati i commenti anonimi, così come quelli polemici e offensivi.
Se non prendi la vita con filosofia e ami mettere zizzania, sei nel posto sbagliato.