giovedì 22 luglio 2021

Donna molestata atterra l'aggressore con un pugno

 
La notizia di cui vi parlo oggi risale a domenica scorsa, quindi non è attualissima, ma l'ho appresa solo ieri e non potevo esimermi da scrivere qualcosa in merito.
Siamo a Marina di Ravenna, una 20enne sta percorrendo la pista ciclabile.
All'improvviso un uomo le taglia la strada con l'automobile e, strattonandola, inizia a palpeggiarla e prova a caricarla nella sua macchina.

La ragazza italo-inglese residente a Tredozio, però, lo atterra con un pugno ben assestato e corre a denunciarlo alle autorità.
Nel momento in cui le forze dell'ordine si recano sul posto l'uomo ha già fatto perdere le sue tracce e risulta, quindi, ricercato, sulla base della descrizione fornita dalla vittima.

Perché ho appreso questa notizia con enorme gioia?
Perché per una volta ad essere molestata è stata una ragazza esperta di arti marziali che ha potuto rompere il naso (spero) al suo aggressore, e quindi salvarsi la vita.
Chissà se la giustizia italiana spesso paradossale la accuserà di eccesso di legittima difesa o la condannerà a versare un risarcimento danni al suo aguzzino.
Quel che è certo è, però, che ha fatto bene e che tutte le donne dovrebbero conoscere le principali mosse di autodifesa.
Ritengo che queste dovrebbero essere insegnate a scuola o, meglio, offerte gratuitamente in corsi accessibili a tutte le età presso le palestre convenzionate dallo stato.
Perché è pur vero che non bisogna vivere nel terrore, ma nella società malata di cui facciamo parte è sempre meglio prevenire che curare!

31 commenti:

  1. Applausi a questa ragazza!
    Velo pietoso sulla legge italiana che purtroppo spesso, per scoraggiare il farsi giustizia da sé, alla fine "premia" i violenti, creando così sfiducia e ulteriore necessità di difendersi da soli...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ho mai creduto nella giustizia italiana.
      Se mi sentissi in pericolo, di sicuro farei di tutto per difendermi da sola, pur non avendo mai imparato le arti marziali.

      Elimina
    2. Esistono tecniche di autodifesa che si imparano in poche lezioni, quanto basta per sfruttare i movimenti dell'avversario per metterlo in una situazione di inferiorità e salvarsi, senza "creparlo di mazzate" come a volte meriterebbe.
      Certo, se non è uno contro uno, non basta.

      Elimina
    3. Resta che hanno un costo anche piuttosto elevato (mi sono informata varie volte), e dunque non sono alla portata di tutte.

      Elimina
  2. ..eee vai !!
    con le buone "maniere" si ottiene tutto!!
    un bel gancio e magari gli passa sta mania di palpeggiare le donne ..io opterei anche per una ginocchiata nelle p...e !
    è facile maltrattare chi non sa difendersi ..trova chi lo fà e sei ..Fregato!!
    ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. trova chi lo sa fare ..
      difendersi
      sempre più velocemente scrivo e sempre più ..male ;)))

      Elimina
    2. Ahahha
      Scrivi velocemente, ma io ti capisco sempre. 😉
      Comunque sì, facile aggredire una donna che non sa difendersi.
      Questo maniaco ha avuto la lezione che si meritava!

      Elimina
  3. Brava! Tutte le donne dovrebbero essere in grado di spaccare la faccia a certi maschi che non meritano affatto l'appellativo di uomini. E lo dice un uomo - uno che ha sempre fatto in modo di meritarselo, dichiaro con una punta di orgoglio.
    Adesso, se le forze dell'ordine fossero un po' furbe, e se davvero questa ragazza gli ha rotto il naso o comunque gli ha provocato qualche grosso danno, basterebbe che dessero la caccia a qualcuno che si è fatto ricoverare in ospedale per la frattura del naso o altro. Ne troverebbero parecchi, ma si restringerebbe abbondantemente il campo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il problema è che, una volta trovato l'aggressore, siamo certi che verrebbe punito lui e non la vittima? Io, purtroppo, no...

      Elimina
    2. Già, e tu stessa hai rigirato il coltello sulla piaga della "giustizia" italiana, sempre pronta a dar ragione ai potenti e a massacrare i poveracci anche quando sono loro le vittime. Magari se questo aggressore non è un figlio di qualche alto papavero potrebbe non cavarsela, una volta tanto.

      Elimina
  4. Complimenti alla ragazza, ce ne fossero!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti. Di sicuro questi maniaci balordi terrebbero più a bada gli ormoni e gli istinti violenti.

      Elimina
  5. Questa ragazza ha fatto benissimo !! Complimenti a lei per la prontezza !!! Buongiorno.

    RispondiElimina
  6. Ecco una cosa che vorrei frequentasse mia figlia...un corso di autodifesa. Hai ragione dovrebbero insegnarlo a scuola, magari usando l'ora di educazione fisica. E poi non servirebbe solo alle ragazze. Buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Servirebbe anche a tanti ragazzi bullizzati, ad esempio.
      Insomma, credo che potrebbe tornare utile in molte occasioni.

      Elimina
  7. Anche a me fa molto piacere leggere questa notizia! Tra l'altro proprio pochi giorni fa coi miei figli si parlava di catcalling e quello che studia a Milano mi diceva che le sue amiche lo subiscono in continuazione. Già sentirsi apostrofare è brutto, ma c'è da preoccuparsi che alle parole segua altro. Sarebbe decisamente consigliato saper tirare qualche pugno all'occorrenza...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà il catcalling non mi ha mai spaventata. Fino a vent'anni fa (anche meno) se una donna subiva apprezzamenti (anche volgari) per strada, si sentiva quasi lusingata all'idea di piacere.
      Oggi, invece, fa tutto scandalo.
      Attenzione che non sto giustificando né condivido questi metodi cavernicoli di corteggiare una ragazza, però non sentirei in pericolo qualora li subissi in prima persona, e mi farei una risata passando oltre.
      Per quanto riguarda, invece, gli episodi di violenza e molestie, là sì che qualche pugno ben assestato sarebbe una soluzione.

      Elimina
    2. Penso che sia una questione personale. Queste ragazze lo vivono molto male, per dire. Magari invece c'è chi risponde per le rime e si fa una risata.

      Elimina
  8. Così si fa, l'autodifesa comunque è per tutti, e prevenire che curare sempre meglio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti.
      Peccato che in Italia si pensa ai problemi solo col senno di poi.

      Elimina
  9. Sono d'accordo sull'insegnamento nelle scuole per autodifesa e , anche
    palestre accessibili a tutti .
    Guarda caso , a Roma , circa le sei di sera camminavo sul marciapiede
    per raggiungere la casa della mia amica . Un'ombra mi segue , tengo stretta
    la borsetta , dopo un po' l'ombra sparisce e una mano s'insinua sotto la
    gonna . Caccio un'urlo che mi si strozza in gola dalla paura .
    Arrivo dalla mia amica sotto shock , tremavo tutta . Mi ha fatto bere un
    "bicchiere di cognac" per calmarmi . L'ombra poi è sparita ma non posso
    dimenticare che dopo aver girato L'Europa , proprio a Roma doveva succedere .
    Se sapevo difendermi ,con le mani , da dietro l'avrei preso per il collo
    e fatto volare sopra la mia testa per schiantarsi al suolo . Sì , come
    nei film , e poi scappavo . Chi mi trovava ? Non c'erano testimoni .
    Scusa la lungaggine ma , te l'ho detto , non mi sono fatta mancare nulla .
    Baciobaciobacio . Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Puoi dirlo forte che non ti sei fatta mancare nulla.
      Questa del palpeggiamento a Roma mica me l'avevi mai raccontata.
      Ma pensa un po' che storia!
      Per fortuna l'uomo scomparve senza andare oltre, altrimenti non staremmo qui a parlarne. :(

      Elimina
  10. E no ,proprio nulla . Come quella volta , appena adolescente , in stazione
    a Venezia mi si affiancarono due della polizia ferroviaria e mi portarono
    in ufficio per interrogarmi . La cosa fu chiarita (non per me) e mi
    lasciarono andare dalle zie . Chissà cosa volevano o pensavano di trovare
    nella mia borsa . Mah !...???
    Buonanotte . Laura ***

    RispondiElimina
  11. Fantastica. E' davvero un bene che abbia saputo difendersi.
    Ora spero proprio che trovino il malfattore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io spero che lo trovino e che finiscano di rompergli il muso...

      Elimina
  12. rimane il fatto che purtroppo è fuggito.
    Speriamo che lo trovino.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà sarei più felice se lei gli avesse rotto il naso e lui non potesse nemmeno rivolgersi al pronto soccorso per non essere identificato.
      Sono pronta a scommettere che un pugno in pieno volto insegni la lezione molto più di due mesi di reclusione...

      Elimina
  13. Premettendo che la violenza non è mai la risposta e che sarebbe bello vivere in un mondo in cui la giustizia funziona come si deve, sono totalmente d'accordo con te! Dovrebbero essere insegnate a scuola le tecniche base di autodifesa, sia a maschi che femmine, per prevenire questo tipo di eventi orribili e per scoraggiare molestatori di ogni genere. Fa schifo tutto ciò ma come hai detto bene te, meglio prevenire che curare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo nella nostra Italia non si pensa mai alla prevenzione.
      Dunque, episodi di violenza continueranno a verificarsi e le vittime innocenti saranno sempre di più. :(

      Elimina

Per colpa di chi ne ha abusato, minando l'atmosfera familiare che si respira su questo blog, sono vietati i commenti anonimi, così come quelli polemici e offensivi.
Se non prendi la vita con filosofia e ami mettere zizzania, sei nel posto sbagliato.