martedì 27 luglio 2021

Parroco non vuole chierichetti femmine: è polemica

 
Siamo a Ventimiglia e una tredicenne vorrebbe fare la chierichetta, ma il parroco che la conosce sin dal battesimo le nega questa possibilità in quanto vuole solo maschi.
La madre della ragazzina, interdetta, decide di cambiare parrocchia non prima, però, di aver affidato uno sfogo ai giornali.
Secondo don Thomas Le Bourhis, il termine "chierichetto" deriva da "chierico" e non di certo "chierica".

Da tempo, però, il Vaticano permette alle femmine di diventare chierichette, ma a discrezione del parroco.
Da qui la scelta di cambiare chiesa, per poter permettere alla ragazzina di realizzare il suo sogno, ma anche per prendere le distanze da un atteggiamento fortemente retrogrado e maschilista.

Sui social, il dibattito ha visto divisi i cattolici ferventi che rivendicano il culto delle tradizioni, sostenendo che le donne debbano arrendersi a determinate circostanze senza creare inutili polemiche, e coloro che condannano, nel 2021, atteggiamenti così discriminanti da parte della Chiesa che dovrebbe dare il buon esempio e aprire le porte a tutti.
Il vero problema è che, come sempre, ci si sente tutti autorizzati ad ergersi a giudici, senza neppure soffermarsi sul senso delle cose.
Davvero una bambina non può indossare una veste religiosa e ricoprire un determinato incarico per la sola colpa di essere nata femmina?
Accade, da secoli, nel mondo del lavoro, sebbene molte dinamiche vengano nascoste, ma almeno nei luoghi di formazione ed educazione quali la chiesa, la scuola e la famiglia non dovrebbero esistere distinzioni di genere.
Siete d'accordo?

Intanto auguro a questa ragazza di farsi strada nel mondo della chiesa, se è quello che desidera davvero, magari trovando una guida che la apprezzi e la coordini al di là del suo essere maschio o femmina.

32 commenti:

  1. Dunque, da bambino ho disgraziatamente fatto il chierichetto per alcuni anni.
    Bambine a fare il chierichetto c'erano già allora.
    Oggi di anni ne ho 42, quindi fate il calcolo.

    Conclusione
    E' un problema del parroco: parroci stronzi o con teste fatte alla propria maniera ce ne sono sempre stati, quindi che cambino parrocchia e via.
    Dopotutto che senso avrebbe per questa ragazzina fare la chierichetta in un ambiente dove fosse stata imposta, invece che spontaneamente accettata? Non sarebbe comunque una bella atmosfera da vivere, no?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo.
      E' come lavorare in un'azienda in cui tutti ti odiano.
      Finisci per soffrirne. Quindi tanto vale cambiare aria, come ha giustamente deciso la mamma della ragazzina.

      Elimina
  2. Perche le donne non sono preti? Perche all'ultima cena erano 13 uomini e Gesù disse loro di portare la parola di Dio tra le genti ..si tutti uomini .. si ma chi aveva cucinato??? Donne ..dunque erano li ..un prete illuminato mi aveva detto a tale proposito ..si ma se aspetti riconoscimenti da parte della chiesa alle donne..devi aspettare che fan pipì galline!!
    Il papa parla delle suore ..ma sempre come ruolo marginale. Personalmente conosco suore che fan messa e comunione..ma son in Africa..e non c è prete..di solito.
    Se aspetti riconoscimenti diritti donne nella chiesa ..e tutte le religioni..devi aspettare che facciano pipì galline!!
    Dunque a questa ragazzina dico: cerca se trovi preti più illuminati..altrimenti lascia perdere e vai per la tua strada . Sicuramente chi non ti vuole non ti merita ..
    A direi anche di mandarli a.....ma lasciamo perdere

    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh un sonoro vaffanbagno quel prete se lo merita eccome. :)))

      Elimina
    2. Il problema è a monte. Ci vuole un papa illuminato, che però da solo non basta: ci vogliono anche cardinali illuminati che non si mettano di traverso al papa. A fare cosa? A permettere il sacerdozio femminile, prima di tutto, oltre all'annosa questione del permettere ai religiosi, qualunque sia il loro rango nella gerarchia ecclesiastica, di metter su famiglia se lo desiderano. Che Gesù e i suoi apostoli fossero tutti uomini è una mera coincidenza, secondo me – anche se va detto che la religione ebrea era e continua a essere fondamentalmente maschilista. Tutte le confessioni cristiane protestanti permettono, anzi, incoraggiano il sacerdozio femminile; ma mi sa tanto che davvero, come dice Tissi, col cattolicesimo bisognerà aspettare che le galline piscino...

      Elimina
    3. Mi sono occupata diverse volte del celibato ecclesiastico che trovo del tutto inutile ed anacronistico.
      Per il resto, attenderemo queste famigerate urine. Ahahaha

      Elimina
  3. Quel po' di buono che hanno le religioni viene insozzato dalle regole imposte da chi le amministra.

    Mi chiedo innanzitutto se a quella tenera età abbia senso introdurre differenze di genere. Quando andavo in chiesa un buon 30% degli assistenti il parroco alla Messa erano femminucce, e il parroco non era certamente di stampo "modernissimo".
    Direi quindi che il problema stia tutto nella mente di questo parroco di Ventimiglia. E avrei qualche altro pensiero cattivello da esprimere ma lo lascio all'intuizione dei lettori.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà ai miei tempi mi pare che i chierichetti fossero tutti maschi, ma francamente non ho mai dato peso alla cosa.
      Nel gruppo delle letture e nel coro, invece, prevalevano sicuramente le donne di tutte le età.

      Elimina
  4. Da noi saranno almeno 40 anni che ci sono bambine e bambini come chierichetti, non vedo proprio la difficoltà...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' giusto che sia così, ma alcuni parroci sono fortemente anacronistici.

      Elimina
  5. Io da ragazzina, molti anni fa, facevo già la chierichetta, anche perchè nella mia frazione c'era un solo maschietto e non indossavo la tunica. Qui qualche mese fa, il Parroco ha deciso che le ragazze si devono dedicare alle letture mentre solo i ragazzi hanno il compito di fare chierichetti. Così una ragazzina c'è stata molto male. Pensavo fosse un evento ristretto, ma a quanto pare avviene anche da altre parti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, la tua testimonianza dimostra che quello che ho raccontato oggi non è un caso isolato.
      Queste discriminazioni avvengono nella chiesa molto più spesso di quanto non si possa credere.
      Spero che la ragazzina tua compaesana possa cambiare parrocchia, proprio come ha fatto quella di Ventimiglia.

      Elimina
    2. A fatto di più, ha radunato tutte le ragazzine e hanno manifestato a loro modo che era una decisione maschilista...se vinceranno questa piccola battaglia lo scopriremo solo tra qualche mese...Anche perchè fare le letture non è una cosa facile per dei bambini, fare il chierichetto si, anche se bisogna stare ben attenti a non addormentarsi, come è accaduto una volta e il chierichetto è caduto dalla sedia eheh

      Elimina
    3. Bravissima allora. Questa ragazzina ha le idee chiare.
      Leggere sull'altare non è facile. Io l'ho fatto fino alla Cresima e l'emozione era tanta. Ma effettivamente il rischio di addormentarsi facendo il chierichetto è molto più alto. Ahahahahah

      Elimina
  6. questo parroco è davvero curioso!

    RispondiElimina
  7. Quando ero piccola i chierichetti erano tutti maschi, però, da allora, sono passati tanti ma tanti anni, che mi sembra proprio senza senso, impedire a una ragazzina di far la chierichetta. Buona giornata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti. Anche la Chiesa, come tutto il resto, dovrebbe evolversi. Per quanto sia possibile.

      Elimina
  8. Don Thomas? =-O
    Ho chiamato padre Thomas un prete che compare nel mio attuale racconto a fumetti, ma quello è di tutt'altra pasta e non si farebbe di questi problemi ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora quello di questa storia dovrebbe prendere esempio dal suo omonimo ideato da te. 😉

      Elimina
    2. già :D ... non sarebbe male se ogni tanto fosse la realtà a prendere spunto dalla fantasia, invece che il contrario :P
      Comunque adesso il blog ce l'ho anch'io e quindi, se ti va, padre Thomas lo puoi anche vedere ;)

      Elimina
    3. Ohhhhhh. Era ora!
      Vengo subito a curiosare.

      Elimina
  9. Sai non saprei proprio, se è a discrezione diciamo che il parroco avrebbe pure ragione, non penso sia discriminazione, certamente impedire alla ragazzina di fare il chierichetto è sbagliato, un altro parroco gli darà questa possibilità, tutte queste polemiche sono inutili.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A discrezione del parroco significa che questi dovrebbe agire secondo buonsenso, e la sua decisione non mi sembra così brillante.

      Elimina
  10. Quando ero bambina , tutti i chierichetti erano maschi .
    Qui , ora nella mia Parrocchia ci sono anche femminuccie .
    Io sono credente e praticante ma , certe imposizioni della Chiesa ,
    sono veramente anacronistiche . La Chiesa , oggigiorno , deve evolversi .
    Io sono x il matrimonio dei Preti . Le suore sono spose di Cristo ?
    Allora lasciatele dire Messa e dare la Comunione e anche togliere il velo
    se si innamorano . Nulla è per sempre , nemmeno la vita .
    Ciao e buona giornata . Laura ***

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo che se tutti i cattolici e, soprattutto, gli uomini di chiesa, la pensassero come te, vivremmo in un mondo più... Vivibile. 😉
      Bacione.

      Elimina
  11. Premesso che per fortuna ho evitato simili esperienze, pur di non vuol dire che anche in questo campo debbano essere ammesse discriminazioni. È davvero patetico che soprattutto in un momento come questo un prete non senta il bisogno di predicare unione, amore fratellanza.

    RispondiElimina
  12. Tutta questa voglia di fare i chierichetti... :D ma dove gli viene?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahahahaha
      Dove sono finiti i videogiochi?! 😂😂

      Elimina
  13. Certo è che a volte alcuni preti fanno di tutto per allontanare ancor di più i giovani dalle chiese e dalla fede in generale. Che cercassero di fare il contrario, invece...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto.
      Già la disaffezione da parte dei giovani (e non solo) verso la Chiesa è sempre più forte, ci mancano solo le idee geniali di alcuni preti!

      Elimina

Per colpa di chi ne ha abusato, minando l'atmosfera familiare che si respira su questo blog, sono vietati i commenti anonimi, così come quelli polemici e offensivi.
Se non prendi la vita con filosofia e ami mettere zizzania, sei nel posto sbagliato.