domenica 5 dicembre 2021

Chi è il genio?

 
Il 5 dicembre nascevano Walt Disney, Maurizio Crozza e Roberta Capua, e morivano Nelson Mandela, e Wolfgang Amadeus Mozart.
Perciò, ho deciso di dedicare l'almanacco della domenica ad un compositore che amo molto (il suo Rondo alla Turca è il mio brano preferito al pianoforte, che imparai da autodidatta alle medie).

Mozart mi ha permesso di interrogarmi sul ruolo del genio.
Davvero per essere geniali basta essere molto intelligenti o fantasiosi?
Secondo lui, l'ingrediente segreto è ben altro...
“Non è un elevato grado di intelligenza,
e nemmeno l'immaginazione,
e nemmeno le due cose assieme
che creano un genio.
Amore, amore, amore,
quella è l'anima del genio.”.
Ecco, senza l'amore per quello che si fa è sicuramente impossibile eccellere in qualsiasi campo.
Che si tratti di un lavoro, di un hobby o di una relazione.
Siete d'accordo?

Allora buona domenica alla genialità che è in ciascuno di voi, ma che arriva soprattutto dal cuore.

22 commenti:

  1. Più che amore, io parlerei di passione. Ma non sono Mozart. 😁

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo che amore e passione siano sinonimi in questo caso.

      Elimina
  2. De André diceva che il fenomeno della genialità consiste nel sapere prima di conoscere. I genî (e uno come Mozart, che a 17 anni suonava davanti a papi e re, lo era) credo siano tali semplicemente perché dotati di capacità e talenti preclusi alle persone "normali". Poi, certo, c'entra anche l'amore e la passione per ciò che si fa. Se Mozart non avesse avuto la passione innata per la musica non sarebbe probabilmente diventato ciò che è diventato; ma credo che nascere genî sia più che altro una questione di innata fortuna.
    Il Rondo alla Turca, o Marcia alla Turca, è una delle maggiori espressioni di questa genialità. Anche io mi sono spesso cimentato nel tentare di eseguirla (l'ultima volta qui), ma non mi ci sono mai avvicinato neppure lontanamente. Ma non demordo, prima o poi ci riuscirò :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu sei fenomenale.
      Io non ho mai seguito lezioni di pianoforte, e non ho mai imparato a suonare a due mani.
      Ma il Rondo alla Turca mi riesce abbastanza bene, nonostante non tocchi un pianoforte da anni.
      Mi stai quasi facendo venire voglia di riprovarci.
      Vedrò di usare quello della biblioteca della mia città. 😅

      Elimina
  3. Ho letto diverse definizioni della genialità, ma questa mi mancava e francamente non la condivido. Per quanto sia fondamentale amare quello che si fa, non penso che l'amore sia alla base della genialità. Invece credo sia azzeccato dire che il genio vede cose che gli altri non vedono, pur avendole comunque sotto il naso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io credo che Mozart intendesse che l'intelligenza e l'immaginazione sono fondamentali, ma non possono bastare, in quanto l'amore e la passione per quello che si fa sono l'aspetto più importante.

      Elimina
  4. Concordo! E' impossibile diventare geni in qualcosa se non lo si ama profondamente. Io credo che tutto nasca da quella piccola scintilla che si crea dentro di noi nel momento in cui ci rendiamo conto che qualcosa che facciamo ci piace particolarmente :)

    RispondiElimina
  5. Genio chi è?
    Chi ama curiosare nella vita ..andare oltre al visto ..vedere di la ..e poi farsi tante domande .su tutto ..anche cose sconosciute o conosciute solo in parte ..e poi sperimentare..la musica ..la scrittura..la scienza..ma fermarsi al conosciuto ..
    Buona domenica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuramente la curiosità è l'arma segreta per non smettere mai di imparare e, di conseguenza, diventare sempre più geniali. 😉

      Elimina
  6. Io penso una cosa. Che il genio se nasce nell'epoca sbagliata non riesce a esprimersi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io credo, invece, che il genio sappia come esprimersi, a prescindere dal tempo e dallo spazio in cui vive.

      Elimina
  7. Spessi si rimane un genio incompreso, ma bisogna coltivare le proprie passioni.

    RispondiElimina
  8. Passione e amore vanno sempre a braccetto in tutte le cose. Ciao e buona settimana, Angelo.

    RispondiElimina
  9. Non saprei definire un genio, forse perché non ne ho mai incontrato uno.
    Conosco persone molto talentuose ma non le definirei geniali, non ai livelli di Mozart o di Einstein sicuramente :D
    Che poi l'amore per ciò che si fa sia un ingrediente fondamentale è vero. Concordo sicuramente.
    Baci.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siamo abituati ad associare il concetto di genialità ai grandi mostri sacri della musica, della letteratura, ecc.
      Eppure, avere un gran talento, per me è già una buona base.

      Elimina
  10. Non sono pienamente d'accordo con Mozart . Se la Natura non ti ha donato
    talento passione e capacità "Solo uno su un milione ce la fà".
    Gute Nacht . Laura ***

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, senza talento spero proprio che ce la faccia meno di uno su un milione. 😉
      Buonanotte. 😘

      Elimina
  11. Conoscendo Mozart, il suo personaggio intendo, comprendo benissimo le sue parole. Diciamo che in disaccordo non sono, ma la genialità non la si raggiunge così facilmente.

    RispondiElimina

Per colpa di chi ne ha abusato, minando l'atmosfera familiare che si respira su questo blog, sono vietati i commenti anonimi, così come quelli polemici e offensivi.
Se non prendi la vita con filosofia e ami mettere zizzania, sei nel posto sbagliato.