mercoledì 8 giugno 2022

81enne cerca volontario per accompagnarlo in spiaggia: gara di solidarietà

 
La storia che vi racconto oggi arriva da Riccione.
L'81 enne Luigi, detto Gino, Vallorani ha affidato un appello alle pagine del quotidiano locale "Corriere Romagna", per cercare un volontario che lo accompagnasse in spiaggia, non potendocisi recare da solo a causa della sedia a rotelle su cui è costretto a muoversi da un paio d'anni.
In cambio, l'uomo offriva ombrellone e sdraio gratis, in un lido del luogo.

"Chiedo a una persona o ad una coppia la disponibilità di accompagnarmi in spiaggia. Si tratta di portarmi, quando arrivo nel parcheggio, la carrozzina che lascio in deposito ai bagnini dello stabilimento 147 “Le dune” di Riccione che frequento da 8 anni e poi al momento di rientrare a casa di spingere la carrozzina fino al parcheggio per poi ricollocarla nel deposito. Un tragitto che conta al massimo 50 metri".

A causa delle barriere architettoniche presenti, infatti, il signor Gino non può raggiungere la passerella che conduce alla spiaggia, poiché il parcheggio non è direttamente collegato ad essa, e i bagnini non effettuano questo servizio extra.
Fino allo scorso anno, veniva aiutato dalla sua compagna che, però, adesso necessita dell'aiuto di una badante.

Nell'arco di poche ore, la redazione del giornale è stata letteralmente invasa di offerte d'aiuto da parte di cittadini residenti in zona.
Inoltre, anche la Croce Rossa di Riccione si è detta disponibile ad offrire il suo supporto a Gino.
L'uomo, però, ha scelto di accettare il sostegno di Gianetto Salvatori, 74enne pensionato del luogo, che si è offerto di accompagnarlo e di andare a riprenderlo all'ora prestabilita, rinunciando, però, ai benefit offerti da Gino.
Chissà che i due non diventino buoni amici e, alla fine, decidano di trascorrere la mattinata al mare insieme, giocando a carte e chiacchierando.

Per ora, i loro timidi sorrisi dimostrano che fare del bene rende felici, chi dà e chi riceve.
Buona estate, allora, a Gino e Gianetto!

25 commenti:

  1. La generosità distrugge tante barriere, anche quelle architettoniche.
    Pessima gestione di quel lido, che ne preclude l'accesso autonomo ai disabili ed esonera i bagnini dall'agevolare la situazione; mi chiedo perché non sia stato sequestrato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so, francamente, se anche il parcheggio dev'essere accessibile ai disabili per poter essere considerato a norma di legge.
      Il buonsenso lo imporrebbe, ma la prassi forse no.

      Elimina
    2. I lidi qui da me non sono certo gestiti da operatori sanitari, eppure l'accesso in spiaggia ai disabili è agevolato da apposite passerelle, pena sanzioni e revoca della concessione. Ergo...

      Elimina
    3. Anche qui. Ma le passerelle, solitamente, partono dal bar o dal chiosco d'ingresso e conducono sino agli ombrelloni. Il parcheggio, invece, è a parte e, spesso, sabbioso, dunque non percorribile autonomamente in carrozzina.

      Elimina
  2. tutte le volte mi regali delle storie bellissime dove è il cuore che parla, spesso si parla di cuori sempre più aridi, di indifferenza, poi scopri che un pensionato aiuta un altro pensionato. Si sono sicura che diverranno amici, parleranno, rideranno, e farà bene ad entrambi. Negli anni si sono fatti anche passi da gigante nel attrezzare le spiagge al passaggio delle carrozzine di ragazzi disabili e addirittura si è messo a disposizione del personale gratuito che li porta a fare il bagno. Forse un po' di umanità e gentilezza c'è ancora in questa povera Italia. Grazie per questo post

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, Valeria.
      Ne sono fermamente convinta.
      L'umanità e la generosità esistono, ma fanno meno notizia della cattiveria, in questa società spesso malata.
      Un abbraccio.

      Elimina
  3. Queste notizie ci donano speranza.
    Sereno giorno.

    RispondiElimina
  4. Oh, fa piacere leggere anche queste belle storie. E spero per loro che nasca anche una bella amicizia (i presupposti ci sono tutti).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti. Chissà quante cose potrebbero condividere!

      Elimina
  5. L'accoglienza della Romagna è leggendaria, non mi stupisco di trovare gente/persone così ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero? E detto da un meridionale.
      Non siamo noi i più accoglienti d'Italia? ;)

      Elimina
    2. Esperienza personale, poi chissà..

      Elimina
  6. Direi che, prima di tutto, quel lido, dovrebbe pensare anche ai disabili e cercare di abbattere le barriere architettoniche, comunque è stata una bella gara di solidarietà e questo è ciò che conta e spero che Gino e Gianetto diventino amici e possano trascorrere qualche giornata, al mare, insieme,. Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io spero che arrivino a voler trascorrere la mattinata insieme, e che Gianetto non si limiti a fare da "taxi" a Gino.
      Anche perché un po' di compagnia è ben accetta a qualsiasi età, figuriamoci alla loro.

      Elimina
  7. Penso a volte basta poco..1 aveva bisogno di aiuto..l'altro poteva dare aiuto ..
    Risultato 2 persone serene che vanno in spiaggia in compagnia..ridendo ..spettegolando..divertendosi ed abbronzandosi..tutto qua😉

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto.
      Basta pochissimo.
      Gino ha fatto benissimo a lanciare un appello pubblico. Tanti non ne sono capaci, ma spero che riescano comunque a chiedere aiuto a qualcuno che li ascolti.

      Elimina
  8. Ma che bella notizia ! Sì , speriamo diventini amici e che possano trascorre
    piacevoli giornate assieme . Peccato la spiaggia non sia adeguata per i
    disabili , speriamo che dopo questa notizia si adeguino .
    Auguri a Gino e Giannetto .
    Buona giornata a te . Lauta ***

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Auguriamo ad entrambi solo bellissime cose.
      Un bacione a te. 😘

      Elimina
  9. Brave persone quelle che hanno risposto.
    Questa storia mi ha fatto venire in mente una foto scattata un paio di settimane fa, con due anziani seduti su un muretto, come due grandi e vecchi amici, a guardare il mare. Uno aveva un bel cappello rosso.
    Baci.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ricordo la foto in questione (se l'hai pubblicata), ma col talento e la sensibilità che ti contraddistinguono sarà meravigliosa.

      Elimina

Per colpa di chi ne ha abusato, minando l'atmosfera familiare che si respira su questo blog, sono vietati i commenti anonimi, così come quelli polemici e offensivi.
Se non prendi la vita con filosofia e ami mettere zizzania, sei nel posto sbagliato.