mercoledì 15 settembre 2021

Motociclisti donano mini auto elettriche ai bambini dell'ospedale di Belluno

 
Probabilmente, la figura del motociclista è associata, per antonomasia, al concetto di forza, spavalderia e, se vogliamo, poca sensibilità.
Da Belluno, però, arriva una notizia che ci racconta tutt'altro.
Lo scorso fine settimana, infatti, un gruppo di bikers Harley-Davidson, guidato da Paolo Viel, ha donato due mini auto elettriche al reparto di pediatria dell'ospedale "San Martino".
In questo modo, i bambini potranno raggiungere la sala operatoria o le visite specialistiche giocando e, quindi, senza avere paura.

Le due automobiline sono una Fiat 500 e un Gaucho Grande.
Assieme ad esse, i motociclisti hanno regalato anche dei peluche e degli sterilizzatori.


Insomma, un applauso a questi bikers che hanno avuto la sensibilità di portare sorrisi in un reparto in cui molti bambini sono costretti a convivere con ansia e preoccupazione, perdendo la spensieratezza che dovrebbe caratterizzare la loro età.

Bravi ragazzi, e forza piccoli eroi!
A bordo di queste nuove auto, la permanenza in ospedale sarà quasi "un gioco".

22 commenti:

  1. Splendido.
    E sì, i motociclisti non sono per forza come l'immaginario ce li raffigura. Scrissi anche io un articolo su di loro e che cercavo di ritrovare qualche giorno fa.

    Chissà perché me l'aspetto più da qualche politico un gesto di generosità del genere, magari lontano dalle elezioni...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ho ben capito.
      Secondo te è più comune che un politico abbia questa delicatezza? A maggior ragione non in periodo elettorale?

      Immagino fosse sarcasmo. Altrimenti saresti fuori strada. 😂😂

      Elimina
    2. Sì è sarcasmo. 😁
      Nel mio mondo utopico i politici, quando non sono riuniti in Parlamento, girano per le città a prendere visione dei problemi di famiglie, lavoratori e associazioni, per dare una mano a risolverli.
      Mentre i motociclisti fanno esclusivamente gli spavaldi, coi tatuaggi che spuntano dalle loro giacche di pelle e gli anelli borchiati alle dita...

      Elimina
    3. Ahahah
      Un mondo distopico più che utopistico.
      Nemmeno nei fumetti accade tutto ciò. Purtroppo. 😅

      Elimina
  2. Mi unisco al tuo applauso, sono iniziative da lodare.
    Sereno giorno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È sempre bello scovarle in rete e condividerle con voi.

      Elimina
  3. Ma poveri motociclisti ....Io credo vi siano tantissime persone generose che si donano per aiutare il prossimo.. anche questo un bellissimo esempio. Bella notizia che consola. Buona giornata Claudia ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se non altro questi ragazzi sono la dimostrazione vivente che gli stereotipi non sono mai giusti.
      Buona giornata a te.

      Elimina
  4. Da quello che ho visto in giro, ho sempre notato che gli harleyisti sono personaggi rudi e fracassoni, ma sempre molto generosi: se possono aiutare lo fanno, e se possono compiere un gesto di solidarietà non si tirano indietro. Sono, insomma, degli orsi buoni, ben simboleggiati da quel peluche in sella alla moto della seconda fotografia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti.
      Sicuramente la scelta dell'orso non è stata casuale.
      Che poi, esistono gli orsi cattivi? Penso proprio di no. 😉

      Elimina
  5. Oh ma sai che mi fa proprio piacere leggere delle buone notizie e veri e propri atti di bontà, il mio cuore respira.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo so Daniele, lo so.
      Mi impegno apposta per scovare queste notizie. Proprio per regalare a voi e a me stessa un po' di respiro.

      Elimina
  6. Bravi !!!
    c'è sempre 'sta storia ..bello pulito sei bravo ,esci dall'abbigliamento ordinario e sei cattivo ..
    spesso scopriamo però che è l'inverso ..la bontà /gentilezza/solidarietà stà dove meno te lo aspetti .
    bello andar con l'automobilina in sala operatoria ..beh ci fosse stata ai miei tempi ..mica mi avrebbero preso però!
    ciccia che vado lì dove mi tagliuzzano !!
    ;)))
    ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahaha
      E no, ai tuoi tempi non c'era.
      Che peccato! ;)))

      Elimina
  7. Un bel gesto di generosità e solidarietà che dai motociclisti non me lo
    sarei mai aspettato . E' vero , non si può fare di tutta l'erba un fascio .
    Complimenti a loro per questo splendido pensiero . Altri seguiranno ?
    Chissà i bambini come saranno super felici .
    Buona giornata . Besos . Laura
    PS . Io odio il rumore eccessivo delle moto .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, vedi? Anche tu pensavi che dietro quei caschi si nascondessero uomini dal cuore duro.
      Sono caduta persino io nella trappola del luogo comune.
      E invece no.

      Io non amo le moto, perché, come sai, ho quasi perso la vita a causa di uno scooter.

      Elimina
  8. Un dono davvero molto bello, di cui questi bambini faranno sicuramente buon uso.
    Bravi ragazzi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti.
      Un gesto esemplare che servirà a rallegrare moltissimi bambini.

      Elimina
  9. Dopo aver visto "svalvolati on the road" la percezione del motociclista un po' cambia... :-P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai che l'ho visto molti anni fa ma, come al solito, non lo ricordo più? 😅

      Elimina

Per colpa di chi ne ha abusato, minando l'atmosfera familiare che si respira su questo blog, sono vietati i commenti anonimi, così come quelli polemici e offensivi.
Se non prendi la vita con filosofia e ami mettere zizzania, sei nel posto sbagliato.