lunedì 13 settembre 2021

Da Bari arriva il libraio in bicicletta

 
La storia che vi racconto oggi arriva da Bari (il mio capoluogo di provincia) e l'ho appresa grazie ad un'intervista pubblicata da Telebari.
Ho deciso di condividerla con voi perché mi è sembrata molto originale, sebbene non sia un'idea unica in Italia.
Come detto, siamo nel capoluogo pugliese e il giovane Giorgio De Chirico ha deciso di portare letteralmente una libreria per le strade della città, a bordo della sua bicicletta speciale.

Il ragazzo, appassionato di lettura sin da piccolo, lavora per una libreria, ma ha deciso di non restare chiuso nelle mura di un negozio, bensì di portare la lettura direttamente tra la gente, accogliendo felicemente il progetto della libreria itinerante "Passaparola", promosso da Giunti.
Così, ogni sera, dalle 17.30 alle 22, percorre le principali strade della città, incontrando turisti e abitanti del luogo e consigliandogli nuovi titoli da leggere.

L'iniziativa sta riscuotendo un certo successo, com'è giusto che sia.
In un'epoca in cui si legge sempre meno e le librerie attraversano momenti difficili, dovuti tra l'altro alla diffusione degli e-book e alle vendite online, infatti, è bello che un giovane si prodighi per trasmettere il culto nella lettura tra giovani e meno, nelle piazze di una città abbastanza caotica.
Perché leggere resta sempre il modo migliore per viaggiare, conoscere nuovi mondi, persone e personaggi, paure, relazioni. Tutto restando comodamente seduti in salotto o, magari, su una panchina all'aperto con vista mare, proprio come possono fare i Baresi.

34 commenti:

  1. Molto toccante, mi puace vedere che in questo mondo che aspira alla virtualità assoluta, si stia riscontrando invece anche un forte desiderio di contatto umano in questo caso poi impreziosito dalla fame di cultura.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, non avevo visto la cosa sotto questa chiave di lettura, ma effettivamente il contatto umano che si instaura tra un lettore e il suo libraio è prezioso.

      Elimina
  2. Non conoscevo questa bella iniziativa. Ci vorrebbero più biciclette così per ogni città. E meno camion che vendono materassi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E se i materassi fossero sistemati nelle piazze per creare aree adibite alla lettura?
      Ahaha
      Scherzo, ovviamente.

      Elimina
    2. Nemmeno io conoscevo questa iniziativa, dalla libreria giunti ci passo quasi ogni giorno!

      Elimina
    3. Magari adesso ci farai più caso.

      Elimina
  3. [Modalità pedante scassamaroni attivata]
    "Bicicletta"? Bugia: è un triciclo.
    [Modalità p. s. disattivata]
    🤣
    Scherzi a parte, se iniziative come questa riescono a riaccendere l'interesse per un po' di buona e sana lettura in questo mondo che si sta troppo ipertecnologicizzando ben vengano. E qui non ce l'ho con gli ebook, che comunque fanno parte dell'universo della lettura, ma con tecnologia schiavizzante come i dumbphone – no, come dico anche nel mio blog, non sono proprio per niente smart – su cui troppi, dai giovanissimi agli anziani, si fulminano il neurone solitario. Non ho idea di quanto successo abbia questo giovanotto, ma gli auguro di riuscire a convincere tanta gente nei suoi giri per la città. Soprattutto, gli auguro di essere di esempio per introdurre quell'iniziativa anche in altre città.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perdona la mia demenza (senile?!), ma vorrei capire l'etimologia di dumbphone.
      Verrebbe da Dumbo? 😅

      Elimina
    2. Se tu sei senile, io sono un fossile vivente! 🤣
      Naaa, Dumbo è molto più furbo di un dumbphone...

      Elimina
    3. Ahahah
      Meno male. Io adoro l'elefantino volante. 😉

      Elimina
  4. Sarebbe il lavoro perfetto per me, visto che amo sia i libri che la bicicletta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Potresti portare l'idea nella tua città, allora.
      Pensa che spasso!

      Elimina
  5. Che meraviglia.
    Ammetto che se trovassi una di queste librerie itineranti mi fermerei a dare un'occhiata e probabilmente comprerei qualcosa.
    Buon lunedì.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ne ero certa.
      Ti ci vedo proprio a chiacchierare con Giorgio e a perderti amabilmente nei suoi consigli letterari.

      Elimina
  6. Più biciclette ma soprattutto più libri per tutti!

    RispondiElimina
  7. Bellissima iniziativa , sperando che susciti interesse e clienti .
    Io ho viaggiato tutto il Mondo leggendo . Australia , Nuova Zelanda ,
    Africa , India ,Russia , mar di Bering ecc..
    Mi sovviene una circostanza simile anche se diversa .
    In Olanda andammo con le amiche a camminare nei boschi . Ci sedemmo
    in un piccolo prato ad ammirare uno dei tanti canali . Passò una barca ,
    era un gelataio che vendeva , ovviamente , gelati . Sentito che eravamo
    Italiani , cantò un pezzo d'opera in Italiano . Comprammo i gelati .
    Chissà se qui i gelatai conoscono pezzi d'opera di una lingua straniera...
    Leggete , gente , leggete , il libro è un amico sincero .
    Buona giornata . Bacione . Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai capito il gelataio che bravo!
      Come al solito mi incanti con i tuoi racconti di vita vissuta.
      Un abbraccio.

      Elimina
  8. Bravissimo questo ragazzo !! Un bel modo per invogliare la gente alla lettura !! Ciao Claudia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti.
      E un ottimo servizio per chi già ama leggere.

      Elimina
  9. Buon pomeriggio Claudia
    Grazie di questo bel passaparola iniziative che fanno bene
    la lettura è indispensabile per allontanare la solitudine e tutto il resto
    Speriamo che approfittano i Baresi e acquistino libri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oltre che approfittarne i Baresi, spero che l'iniziativa possa giungere in più parti d'Italia.
      Buona settimana.

      Elimina
  10. Ciao Claudia! Un'idea molto bella ed originale :-) Mi manca la lettura in riva al mare, ma anche qui a casetta, che sia salotto o giardino... va sempre bene!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Magari prima o poi, passeggiando per le vie del centro, incontrerai un libraio in bicicletta proprio come Giorgio. 😉

      Elimina
  11. Bellissima idea. Però bisogna stare attenti a non spendere troppo in libri come tendo a fare io, senza poi riuscire a leggerli tutti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahah
      Dai, prima o poi il tempo per leggerli tutti lo si trova.
      O si finisce per abbandonarli in libreria come le magliette nuove mai indossate?

      Elimina
  12. Troppo carina e simpatica questa iniziativa !!!! ... Una sorta di libreria itinerante.. libreria a cielo aperto che ti segue ovunque...mi ricorda: il carretto passava e quell'uomo gridava .... gelati!!! Fantastica idea. Buona serata Claudia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche tu, come Laura, hai pensato in qualche modo ai gelati.
      E al mio amatissimo Lucio. 😍
      Buona serata a te. Bacino.

      Elimina
  13. Ma che splendida idea, molto simpatica, sarebbe da copiare anche in altre città.....

    RispondiElimina
  14. Amo sia la bicicletta che i libri (quelli cartacei, a quelli elettronici non mi sono mai abituato) e quindi non posso che applaudire all'iniziativa del tipo. Ho qualche dubbio che serva a qualcosa (penso che chi non legge, molto difficilmente ne sarà invogliato da questo stratagemma), ma sicuramente male non fa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il punto è che anche chi legge frequenta poco le librerie, ormai.
      Quindi, l'idea potrebbe funzionare anche soltanto riuscendo a convincere i lettori ad acquistare libri (cartacei s'intende).

      Elimina
  15. se le persone non vanno ai libri ..i libri vanno dalle persone !!
    bella iniziativa!! bravo questo ragazzo ,perche se non entri da me io vengo da voi, ha avuto un'idea molto buona ..
    leggere è una delle cose meravigliose che ci da la vita ,leggere esplorare .fantasticare ,conoscere..e molto altro ..LEGGERE !!!
    CIAO

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il fatto che a portare la lettura in giro sia un ragazzo molto giovane, non fa che regalarci la speranza che non tutto sia perduto.
      Buonanotte.

      Elimina

Per colpa di chi ne ha abusato, minando l'atmosfera familiare che si respira su questo blog, sono vietati i commenti anonimi, così come quelli polemici e offensivi.
Se non prendi la vita con filosofia e ami mettere zizzania, sei nel posto sbagliato.