mercoledì 29 settembre 2021

Cartello discriminante al bar: stavolta sto con i no-vax

 
Sapete bene che ho scelto di vaccinarmi appena i nati alla fine degli anni Ottanta hanno potuto farlo.
Inoltre, non ho mai tollerato le campagne d'odio generate dai no-vax ai danni dei commercianti che, semplicemente, fanno rispettare le disposizioni governative, magari senza nemmeno condividerle.
Però, siccome mi vanto di essere una persona intellettualmente onesta e senza pregiudizi, stavolta voglio spezzare una lancia a favore dei non vaccinati e vi spiego perché.

Siamo a Cattolica e il "Bar del Porto" ha esposto in vetrina un cartello a dir poco opinabile.
Si tratta di un menu speciale, rivolto ai propri clienti.
Così, chi possiede il green pass potrà ordinare delle spianate farcite, chi non ce l'ha, invece, solo vuote.
I vaccinati, inoltre, potranno gustare tutti i tipi di gelato, cocktail, birre, superalcolici, mentre i no-vax dovranno accontentarsi di acqua e menta, ghiaccioli e camomilla.

La foto di questo menu particolare ha fatto il giro del web, poiché è stata condivisa su Facebook dal dottor Burioni, con una certa punta di orgoglio.
Ne è seguito che il gestore ha dovuto fare i conti con telefonate minatorie e proteste.

Va detto che questi non è presente sui social e sostiene di aver sempre esposto cartelli sarcastici in vetrina, e di essere famoso in città proprio per questo.
Stavolta, però, trovo la sua idea di pessimo gusto, pur appartenendo al gruppo che potrebbe mangiare e bere di tutto (anche) in questo bar.

Insomma, che si sia trattato di una strategia pubblicitaria o meno, è davvero opportuno scatenare, inutilmente, queste guerre di opinione?
Perché ghettizzare chi sceglie o meno di vaccinarsi, avvalorando sciocche tesi che paragonerebbero il periodo storico che stiamo vivendo addirittura agli anni dell'Olocausto?

La mia imparzialità mi porta, dunque, stavolta, a schierarmi dalla parte dei no-vax, pur non giustificando in alcun modo le minacce rivolte al gestore del locale, il quale ritengo che dovrebbe chiedere scusa alla collettività, per il suo humor alieno, più che inglese.
Che ne pensate?

35 commenti:

  1. Qualche settimana fa ho smesso di cercare il falegname del mio paese perché, dopo vari tentativi di trovare la saracinesca della sua bottega alzata, quel giorno lo era ma la porta recava un cartello tipo "Smettete di cercarmi, ho vinto alla lotteria e sono in viaggio! Non insistete..."
    Io ora questo falegname non lo conosco, non posso sapere se quanto ha scritto sia vero o no, sta di fatto che ho contattato un artigiano di fuori.

    Quindi cartelli come quello del barista non li trovo affatto divertenti, perché se vuoi scherzare fallo con chi conosci e non con tutti. E questo atteggiamento lo rilevo anche a livello vocale e in ambienti meno "frivoli" di un bar o una bottega artigiana, tipo da parte di impiegati ASL che ti invitano col sorrisino a rifare la fila un altro giorno perché l'addetto a mettere un timbro quel giorno è assente. 😠

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai, almeno il falegname non ha offeso nessuno. Quindi mi sento di assolverlo.
      Gli impiegati pubblici, invece, no comment.
      Venerdì dovrò recarmi all'ufficio anagrafe per onorare una prenotazione fatta un mese fa (sono rapidissimi, come vedi!) e chissà se riuscirò davvero a fare la carta di identità a Lorenzo. 😰

      Elimina
  2. PS: ma che è la spianata? Mi viene a tappare le buche davanti casa?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo sia una specie di focaccia.
      Ma noi siamo Pugliesi, quindi nessun asfalto potrà equiparare quella barese. 😉

      Elimina
    2. ma va là... mai assaggiato la piadina romagnola o i cassoni??? una goduria per il palato ... però per i buongustai tutto fa brodo

      Elimina
    3. La piadina la mangio spesso, ma di sicuro in Romagna sarà tutta un'altra musica.
      I cassoni mi pare siano simili ai panzerotti pugliesi. Dunque saranno buonissimi. 😉

      Elimina
    4. Quindi la spianata è la piadina?

      Elimina
    5. è un modo locale per chiamare la focaccia ;)

      Elimina
    6. No assolutamente.
      Come ti ho detto, è una specie di focaccia.

      Elimina
    7. @Claudia i cassoni sono fatti con impasto della piadina farciti con verdure cotte, oppure prosciutto e formaggio o salsiccia e patate vengono chiusi come i calzoni e poi cotti sul testo ... sicchè si una sorta di calzone !!! mo scappo che mi vien fame .... ciao

      Elimina
    8. Io stamattina sto cercando di camminare un po', come facevo ogni giorno fino a giugno.
      Ma ho letteralmente l'acquolina. Finirà che appena torno a casa mangerò la prima cosa che trovo, vanificando i tre o quattro chilometri percorsi. 😂😂😂😂

      Elimina
    9. L'utilizzo di termini molto "turistici" per illustrare il menù me la dice lunga circa i modi di questo barista che forse avrebbe fatto migliore carriera nelle sitcom di Teledue.

      Elimina
  3. Lo trovo molto divertente e ironico ... credo che sia un modo per sdrammatizzare il problema ... mi viene da pensare che per il mio concittadino, sia stato un modo per far parlare visto che è famoso per questo come emerge dal tuo articolo...... sorrido al ricordo di un commerciante in paese, anni fa aveva posto il cartello sulla sua saracinesca ... chiuso per andato via !!! divertente anche questo no??.... suggerirei al barista di cambiare nome al locale ...meglio " il gladiatore .... con sottotitolo ... ad ogni mio cartello scatenate l'inferno.... " Chi vuole offendere veramente lo fa senza apporre alcun cartello o avviso ... Però vedi ha suscitato scalpore ... come dire se non vi vaccinate vi perdete sto ben di Dio ....buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'intestazione proposta da te mi sembra perfetta per questo locale. 😅
      Sai cosa? Con i tempi che corrono è meglio risparmiare l'ironia spicciola, altrimenti i no-vax continueranno a dire che viviamo in dittatura, che siamo governati da razzisti, ecc. 😉

      Elimina
  4. Mahhh...
    A me sembra una stupidaggine..un modo per attirare attenzione che poi a quello che scrivi si è rivoltata contro..senza green pass non entri ..e BASTA ...ma certamente se chiedi mojito te lo danno anche a caro prezzo ..anzi sicuramente a caro prezzo..
    Insomma questo è uno dei tanti modi per cavalcare la tigre ..solo che la tigre di è rivoltata contro ..
    Insomma prendiamola x quel che è ..una stupidata..
    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuramente è una stupidata, ma mi sembra fuori luogo, visto il momento critico che stiamo vivendo.
      Basterebbe rispettarsi un po' di più. Tutti, anche nello scherzo.
      Buona giornata.

      Elimina
  5. Purtroppo il modo in cui il governo ha gestito la questione era destinato fin dal principio a creare una sorta di apartheid; se avessero istituito l'obbligo vaccinale – no, non è incostituzionale – i no-vax convinti sarebbero semplicemente andati incontro a conseguenze penali, non ci sarebbe stata questa menata del coso verde e non sarebbero venuti fuori cartelli come quello, che ricordano molto da vicino il famigerato "Ingresso vietato agli ebrei e ai cani" di epoca fascista. Quindi, il primo da biasimare per quel cartello è proprio il governo. Quanto al bar, mi aspetto che le persone ragionevoli, che abbiano o meno il coso verde, vedano quel cartello, girino le spalle e vadano a cercarsi un altro locale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Proprio perché il cartello può ricordare quelli esposti in epoca fascista andrebbe evitato.
      L'umorismo è un'altra storia, dai.
      Che poi si offendano solo i non vaccinati, ci sta. Ma a me che sono lucida e convinta delle mie idee, dà comunque fastidio.
      Lo trovo di pessimo gusto.

      Elimina
  6. Non è né una stupidata né tantomeno una goliardata ma una cosa veramente di pessimo gusto ed hai fatto molto bene a sottolinearla prendendone severamente le distanze. Io mi limito a ringraziarti per questo post.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Apprezzo il tuo ringraziamento, sebbene non sia necessario.
      Come detto, non peroro una causa a priori tappandomi gli occhi verso tutte le anomalie o le brutture che le girano intorno, anzi!
      Preferisco analizzare i fatti con oggettività, in qualsiasi ambito.

      Elimina
  7. Anche secondo me è ironico,almeno si spera!

    RispondiElimina
  8. Immagino che il cartello sia nato in buonafede, per ridere e scherzare su una questione tutt'altro che simpatica.
    Solo che a volte prima di scrivere certi cartelli sarebbe meglio contare fino a 10. O 100.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco. Meglio fino a cento.
      Perché qui non si fa altro che peggiorare una situazione già drammatica.

      Elimina
  9. Schierarmi anche no, tuttavia è più che di cattivo gusto, è sbagliato, è quasi una forma di "razzismo", meriterebbe il gestore una multa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una multa per la poca sagacia e per il pessimo gusto. ;)

      Elimina
  10. No dai , Claudia , penso che il gestore volesse scherzare e ne è nata
    una "guerra" tra no wax e i sì wax . Certo , la scritta è di cattivo
    gusto ma , le "condanne" che ho letto , mi sembrano esagerate .
    Keep calm .
    Bacioni , Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le minacce, come ho scritto, sono sempre deprecabili, ma su questo tema non ci vedo proprio nulla su cui scherzare.
      Bacio.

      Elimina
  11. Quello che penso io è che si sta esagerando. Da tutte le parti, eh. Il gestore di sicuro voleva fare una cosa ironica, non ha pensato che avrebbe invece scatenato un putiferio. Avrebbe potuto dimostrare più discernimento? Probabilmente sì. Però siamo ancora in un paese dove c'è libertà di espressione e non è che ha scritto nulla di offensivo, a ben vedere. Da parte dei no vax invece c'è una grande mancanza di senso dell'umorismo e di ironia. Penso che porterebbero avanti molto meglio il loro punto di vista senza augurare la morte a chi non la pensa come loro, ma cercando di argomentare razionalmente (posto che sia possibile).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La morte non andrebbe augurata nemmeno ai pedofili o agli stupratori seriali, figuriamoci ad un ristoratore con la sola colpa di avere un pessimo senso dell'umorismo.
      Però, anche lui, nell'era del politically correct e degli scandali facili, doveva aspettarselo.

      Elimina
  12. Da uno che dice che i no vax puzzano non mi aspetto che questo, a dimostrazione che i cretini e gli ignoranti sono diciamo... eterogenei.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti riferisci al gestore del bar?
      Oddio, questa non l'ho sentita.
      Dunque ha deciso di peggiorare ulteriormente la sua posizione, rilasciando assurde dichiarazioni?? 🤦

      Elimina
    2. No no, parlo del signor Burioni e della sua ultima elegantissima sparata!

      Elimina
  13. Io invece l'ho trovata divertente 😂 Certo, visto il periodo può sembrare "forte", ma preferisco cose del genere (evidentemente ironiche) a quelle (evidentemente per nulla ironiche) portate avanti dalla maggior parte dei no-vax.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma il problema dei no-vax per nulla ironici è che su queste cose ci marciano. Quindi perché dare legna al loro fuoco?

      Elimina

Per colpa di chi ne ha abusato, minando l'atmosfera familiare che si respira su questo blog, sono vietati i commenti anonimi, così come quelli polemici e offensivi.
Se non prendi la vita con filosofia e ami mettere zizzania, sei nel posto sbagliato.