domenica 2 gennaio 2022

Io scrivo perché

 
Il 2 gennaio nasceva Isaac Asimov e moriva Fausto Coppi.
Per il primo almanacco dell'anno, quindi, ho scelto di condividere con voi un frase del padre della robotica che ci permetterà di riflettere sul senso del nostro scrivere.
Capita spesso di interrogarci sul perché non riusciamo a tenere i polpastrelli a freno, o la penna appesa al chiodo.

Personalmente, ho smesso di farmi domande, poiché sono consapevole che scrivere è la mia essenza, e non potrei farne a meno. Un po' come accade per i musicisti, i pittori, o qualunque altra forma d'arte.
Perché cosa può essere la scrittura se non una meravigliosa arte?

E allora sono completamente d'accordo con Isaac Asimov che sosteneva:
“Scrivo per lo stesso motivo per cui respiro -
perché, se non lo facessi, morirei.”.

Non è certo un'iperbole, per quel che mi riguarda.
Se mi inibissero completamente la possibilità di scrivere, morirei. Oppure, preferirei morire.

Voi, invece, per quale ragione tendete ad imprimere i pensieri su carta o su un display?

Intanto, buona domenica.

26 commenti:

  1. Perché scripta manent. 😊
    Lo trovo inoltre un modo per "fotografare" ricordi e sensazioni, per comunicare senza il bisogno che il mio interlocutore sia ad ascoltarmi in quel preciso momento, e perché... mi piace leggere e quindi anche fare leggere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Condivido soprattutto la prima parte.
      Proprio a causa della mia memoria labile, infatti, scrivo tutto quello che conta, per ricordarmene in futuro.
      Emozioni, sensazioni, esperienze, incontri.
      Ecco, già solo per questo non smetterei mai.

      Elimina
  2. Scrivo perchè per me è il modo più semplice per comunicare i miei pensieri, e perchè è quello con cui so farlo meglio. A parole sono sempre stato un disastro...
    Scrivere richiede tempo, calma, concentrazione. Per tanti anni, forse sbagliando, ho scritto anzichè uscire fuori con gli amici, sacrificando la mia socialità. Ma scrivere per me non è mai stato un sacrificio: il mio piccolo blog lo leggono in venti ma a me non importa. E' il mio sguardo sul mondo, senza non ci so stare...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi dispiace che tu abbia sacrificato le relazioni sociali, chiudendoti nella scrittura.
      Io, per fortuna, sono sempre stata molto estroversa e socievole. Però, da giovanissima, tendevo ad esprimere le emozioni più importanti per iscritto, poiché mi vergognavo nel farlo a parole.
      Da adulta, invece, ho imparato a non soffocare i sentimenti.

      Elimina
  3. Sinceramente non mi sono mai chiesta il motivo. Al di là di questioni pratiche come annotarsi che cosa comprare al supermercato o le cose da fare, scrivere è un'urgenza che sento da sempre. Già alle elementari supplicavo mia madre di darmi un quaderno per scrivere quello che mi pareva. Che poi chiamare questo "urgenza" forse non è corretto, è piuttosto qualcosa che mi viene naturale come respirare: lo devo fare, a prescindere dal motivo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chissà se conservi ancora qualche diario di quei tempi.
      Io li ho buttati tutti. Ma non me ne sono mai pentita, perché erano sentimenti legati all'adolescenza, e non avrebbe senso rispolverarli, o farli conoscere a mio figlio.

      Elimina
    2. In effetti pensare che i figli li leggano... anche no XD

      Elimina
  4. Non è impellente, tuttavia mi piace, e scrivo quando ho voglia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, sul blog scrivi parecchio.
      Anche quello è scrivere, eh? 😉

      Elimina
  5. Mi piace sia scrivere che disegnare, i miei racconti a fumetti mi permettono di unire le 2 cose insieme :) poi mi piace la ricerca creativa nell'esposizione anche di un singolo commento come questo, che infatti ho riscritto più volte prima di inviarlo... :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come mai l'hai riscritto più volte?
      Io non rileggo nemmeno i post prima di pubblicarli, pensa un po'.
      Al liceo non facevo nemmeno la brutta copia. Sono sostenitrice della prima e unica bozza. 😉

      Elimina
    2. mi piace scrivere qualcosa che mi soddisfi e perché questo avvenga occorre trovare le parole adatte...ma senza arrivare a essere pignoli, qualche errorino scappa anche a me... 😄

      Elimina
    3. Beh dai, meno male.
      La pignoleria è terribile. 😉

      Elimina
  6. Io scrivo per tenere la mente allenata e passare il tempo.Buona domenica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sembra un ottimo motivo.
      Buona domenica anche a te.

      Elimina
  7. Scrivi, scrivi che io leggo, bacio!

    RispondiElimina
  8. Buona domenica... Buon Anno ...quante calorie si sciuperanno a scrivere? ... forse dopo sti bagordi meglio una corsetta ... breve eh che ci si sciupa ;) ... bacioni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Temo che a scrivere non se ne bruci manco mezza, se no sarei magrissima.
      E invece...
      Ahahahha
      Buon anno a te. 😘

      Elimina
  9. Scrivere è un po' come una terapia, una lunga ed affascinante conversazione con sé stessi. E' imprimere su carta un pensiero, un'idea, un'immagine, dargli un volto. Come si può stare senza? io non ci sono mai riuscita.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora appartieni alla stirpe di coloro che non potrebbero rinunciarvi mai. 😘

      Elimina
  10. Si scrive per tanti motivi, io sono curioso di natura, quindi nella vita bisogna sempre migliorarsi.
    Buon anno.

    RispondiElimina
  11. scrivo ..anche tanteeee baggianate ..perchè mi piace ..tutto qua!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lunga vita alle baggianate, allora.
      Scritte, orali e disegnate.
      Toh, t'ho fatto la rima. 😂😂

      Elimina

Per colpa di chi ne ha abusato, minando l'atmosfera familiare che si respira su questo blog, sono vietati i commenti anonimi, così come quelli polemici e offensivi.
Se non prendi la vita con filosofia e ami mettere zizzania, sei nel posto sbagliato.