martedì 11 gennaio 2022

Desidera incontrare i poliziotti: esaudito il sogno di un bimbo malato

 
Spesso, gli agenti della polizia di Stato sono degli eroi, e non solo perché salvano vite.
La scorsa settimana, infatti, i poliziotti di Acerra hanno esaudito il desiderio di Andrea Pio, bambino affetto da una patologia rara molto aggressiva che gli impedisce di esporsi in pubblico a causa delle difese immunitarie bassissime, e lo costringe a frequenti ricoveri ospedalieri.
Il suo sogno era di conoscere dei veri poliziotti, come quelli ammirati in tv o sui giornali.

Così, attraverso l'intervento dell'associazione "Teniamoci per mano Onlus", i poliziotti si sono recati a casa del loro piccolo amico, a Caivano, e gli hanno portato dei gadget marchiati polizia di Stato.
Ma non solo. Seguendo tutte le premure del caso, hanno permesso ad Andrea Pio di salire a bordo di una vettura di servizio e di farsi scattare qualche foto per immortalare il momento.
Insomma, ancora una volta i poliziotti non si sono limitati a svolgere il proprio dovere, ma hanno scelto di schierarsi dalla parte di un piccolo guerriero che sognava soltanto di stringergli la mano.
La notizia è rimbalzata su Facebook ed è stata condivisa da decine di pagine, tra cui quella dell'Agente Lisa che seguo sempre con affetto.

Un abbraccio ad Andrea Pio, poliziotto per un giorno, e a tutti coloro che hanno permesso al suo sogno di realizzarsi.
Perché gli angeli esistono. E spesso camminano tra noi.

12 commenti:

  1. Un bel regalo per Andrea Pio. 🤗

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un dono preziosissimo che, sono certa, lo avrà reso il bambino più felice al mondo, nonostante la malattia.

      Elimina
  2. Risposte
    1. Tutti i bambini dovrebbero ricevere gioie così grandi.

      Elimina
  3. Bravi!!
    Anche perché a volte basta poco per far felice un bambino ..e spero che oltreAlle foto gli abbiano fatto far un giro su auto con sirena accesa😉

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A beh, questo non saprei.
      Forse entrare in auto con lui non sarebbe stato troppo prudente, vista la patologia di Andrea.

      Elimina
  4. Complimenti ai poliziotti di Acerra dal cuore generoso .
    Come dice Tissi , la felicità di Andrea avrebbe raggiunto il culmine
    con un giro in auto a sirene spiegate . Se lo sarebbe ricordato per
    tutta la vita .
    Io tappata in casa x raffreddore. Besos .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uffffff.
      Mi dispiace per il tuo raffreddore.
      Ma per fortuna passerà in un paio di giorni, dai.
      Un bacione.

      Elimina

Per colpa di chi ne ha abusato, minando l'atmosfera familiare che si respira su questo blog, sono vietati i commenti anonimi, così come quelli polemici e offensivi.
Se non prendi la vita con filosofia e ami mettere zizzania, sei nel posto sbagliato.