lunedì 24 gennaio 2022

Nuova vita per Munzir e Mustafa: saranno curati a Siena

 
Tutti voi conoscerete la foto simbolo della guerra in Siria, che raffigura Munzir e Mustafa, padre e figlio mutilati, mentre sorridono alla vita, nonostante tutto.
Lo scatto realizzato da Mehmet Aslan, intitolato "Hardship of Life", ha vinto l'edizione 2021 del "Siena International Photo Awards", e proprio in Italia i due protagonisti potranno ottenere una vita migliore, grazie alle cure del Centro protesi Vigorso di Budrio.
Grazie ad una campagna donazioni lanciata proprio dal concorso fotografico, sono stati raccolti 100mila euro, che verranno ora utilizzati per curare Munzir e Mustafa.
Ricordiamo che il piccolo è nato con una malformazione agli arti, a causa dei farmaci assunti dalla madre mentre era incinta, per sopravvivere all'intossicazione da gas nervino. Mentre il papà ha perso una gamba nell'esplosione di una bomba.

Quindi una famiglia intera distrutta dalla guerra, che potrà oggi tornare a sognare una vita migliore grazie alla sanità italiana e al buon cuore di tanti.
I due, infatti, lo scorso weekend, sono stati ospitati in una casa della Caritas a Siena, messa a disposizione dall'Arcidiocesi e, come detto, saranno curati nella clinica di Budrio.

Insomma, la macchina della solidarietà è stata impeccabile, ancora una volta, e potrà restituire vigore a due guerrieri che non hanno mai smesso di sorridere, ma che adesso potranno rincorrersi con le gambe e non solo col cuore.
Grazie a chi ha reso possibile tutto ciò.
Le vittime delle guerre sono, purtroppo, tantissime, e aiutarle tutte è impossibile, ma fosse anche solo una goccia in mezzo al mare, la gioia di un padre e di suo figlio vale tantissimo.
Buona fortuna a loro!

24 commenti:

  1. Una notizia commovente. A chi si ostina a fare guerre risponderà sempre chi vorrà lenire ferite... E meno male che c'è questa dualità nell'essere umano, anche se impari.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La cosa terribile è che nel 2022 esistano ancora le guerre. Assurdo e aberrante.

      Elimina
  2. Risposte
    1. Molto. Non vedo l'ora di vedere le foto del bambino in piedi grazie alle protesi.

      Elimina
  3. Nella loro grande sfortuna un po' di fortuna è toccata anche a loro. Bella impressione mi ha fatto la vivacità del bambino.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Immagina quanto potrà essere felice quando potrà correre come qualsiasi bambino della sua età.

      Elimina
  4. Ogni tanto na gioia. 💖
    Buona vita a loro ed a tutta la famiglia .
    💖🌈

    RispondiElimina
  5. Spero che questa famiglia, tanto provata, possa trovare un pò di serenità, soprattutto il bambino, che ha tutta la vita davanti, spero in un fututo migliore. Buona settimana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo speriamo tutti.
      Nessun bambino dovrebbe mai provare una simile sofferenza. Ma accade fin troppo spesso. :(

      Elimina
  6. Buona fortuna sì, che questa famiglia trovi finalmente un po' di pace.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Speriamo di avere presto loro notizie. E che siano buone.

      Elimina
  7. La prima cosa che ho provato guardando la foto , è stata una grande tenerezza.
    Spero tanto che a Budrio riescano a dare gli arti mancanti a Padre e Figlio
    Tantissimi auguri a questi guerrieri . Tienici informati .
    Buonissima serata . Laura ***

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo spero tanto anch'io.
      Se già adesso sorridono, figuriamoci quando otterranno le loro protesi.
      Felice serata a te. 😘

      Elimina
  8. Siamo sempre unici per fare bene, ogni tanto buone notizie per questa famiglia provata dalla guerra,come tante altre in tutto il mondo. Ciao Claudia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione, caro Angelo.
      Gli Italiani sono sempre i primi a scendere in campo nelle gare di solidarietà.
      Buona settimana.

      Elimina

Per colpa di chi ne ha abusato, minando l'atmosfera familiare che si respira su questo blog, sono vietati i commenti anonimi, così come quelli polemici e offensivi.
Se non prendi la vita con filosofia e ami mettere zizzania, sei nel posto sbagliato.