venerdì 25 maggio 2018

Oggi è la giornata internazionale per i bambini scomparsi


Secondo stime recenti, sarebbero almeno 8 milioni i bambini scomparsi ogni anno nel mondo, ovvero circa 22.000 al giorno.
Per questo, dal 1983, ogni anno, il 25 maggio, si celebra la giornata internazionale per i bambini scomparsi, nata per ricordare il piccolo Ethan Patz, rapito a New York il 25 maggio 1979, e per sensibilizzare l’opinione pubblica sul fenomeno.
L'obiettivo è anche quello di lanciare un messaggio di solidarietà e speranza ai genitori che non hanno più notizie dei loro bambini ma, nonostante tutto, non perdono la speranza di riabbracciarli, neppure dopo molti anni.

Per l'occasione, le forze dell'ordine e le organizzazioni non governative di diversi Paesi, tra le quali in Italia il Telefono Azzurro, organizzano, ogni anno, eventi e convegni per sensibilizzare l'opinione pubblica sull'esigenza di sviluppare nuove e più efficaci forme di collaborazione e di coordinamento per proteggere i bambini ed evitare scomparse e rapimenti.

Allo stesso modo cresce l'attenzione dei media sul fenomeno.
Tantissimi sono, infatti, ogni giorno, gli appelli dei genitori sui giornali e in tv.
D'aiuto sono anche i social network, sebbene diffondere queste notizie sia un'arma a doppio taglio, poiché moltissime volte si ricevono segnalazioni errate che danno ai familiari speranze illusorie.

14 commenti:

  1. Numeri che fanno riflettere.
    Sereno giorno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E che aumentano di anno in anno..
      Buona giornata a te.

      Elimina
  2. Non solo bambini, peraltro. Sono tantissimi i casi di persone scomparse, il cui destino è ignoto. Ti ricordi Guerrina Piscaglia? Ebbene, lei è originaria del mio paese e viveva a qualche km dalle mie parti, in terra toscana, ma all'interno della nostra provincia, dal punto di vista geografico. Purtroppo nessuno sa il suo destino, anche se c'è una sentenza di primo grado, confermato in secondo, che ha individuato un colpevole.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sinceramente non ricordo la vicenda di Guerrina, ma andrò subito a documentarmi.
      Comunque, su colpevoli presunti e accertati e sulla giustizia italiana ci sarebbe molto da dire.
      Ma questa é un'altra storia..

      Elimina
  3. La pedofilia è tollerata.
    E' uno schifo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cosa c'entra la pedofilia Gus??
      Qui parliamo di bambini rapiti o scomparsi..

      Elimina
  4. Rapiscono bambini e li vendono ai pedofili che poi li ammazzano.
    Si rapiscono anche per usarli nell'accattonaggio, o per utilizzare gli organi, come reni e fegato, per i trapianti illegali. Ci sono cliniche private illegali che effettuano trapianti d'organi.

    RispondiElimina
  5. È qualcosa che, fin quando non succede vicino a noi, ci sembra esotica. Ci sembra che possa succedere solo in qualche paese povero/esotico/lontano.
    Che fine faranno questi bambini (o queste persone, come ha detto Riccardo?). Non so. Gus sbaglia a dire che la pedofilia è tollerata (??) ma non sbaglia quando elenca le probabili motivazioni di certe scomparse (tranne gli zingari, più leggenda che effettiva verità). Eppure credo non possa essere tutto qui.

    Moz-

    RispondiElimina
  6. Gus ha ragione e questa volta devo dire "Purtroppo ha ragione".

    RispondiElimina
  7. Gus, non avevo colto che ti riferivi al fine dei rapimenti, poiché sarebbe un concetto molto più ampio rispetto alla sola pedofilia.
    Moz, non succede solo agli altri. Infatti, molte volte, se sono fuori forma, preferisco restare a casa, piuttosto che portare mio figlio al parco e rischiare di distrarmi. Perché sì, basta un istante.
    Scusatemi, ma non ci posso pensare. Da genitrice, mi viene la pelle d'oca.

    RispondiElimina
  8. Complimenti sia per il post che per il blog. Ora ti seguo anche io

    RispondiElimina
  9. Grazie cara.
    Torna quando vuoi.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  10. E' una cifra esorbitante, ma qui non se ne sente mai parlare.
    Certo i motivi possono essere molteplici, tutti abbietti.
    Non so se serva a qualcosa che in America mettano le fotografie , per esempio sui cartoni del latte, ed è un modo per allertare le persone, segnalando magari vicini strani, sui quali, se già schedati per qualche ragione di pedofilia o altro, ci si può informare perché , in questi casi, non esiste la privacy.
    Cristiana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me serve eccome.
      Pensa, ad esempio, se accanto a casa tua si trasferissero un uomo, una donna ed una bambina.
      Tu daresti per scontato che si tratta della loro figlia, non conoscendo i dettagli.
      Se invece vedessi la foto della bimba sul latte, correresti a denunciarli.
      Buona serata. Un bacio.

      Elimina

Per colpa di chi ne ha abusato, minando l'atmosfera familiare che si respira su questo blog, sono vietati i commenti anonimi, così come quelli polemici e offensivi.
Se non prendi la vita con filosofia e ami mettere zizzania, sei nel posto sbagliato.