sabato 26 maggio 2018

Panzerotti fritti pugliesi: che meraviglia!!



Oggi vi propongo la ricetta dei panzerotti pugliesi.
Non si tratta di quella classica, ovviamente, ma di quella di mia madre.
Provatela e non ve ne pentirete. Scommetto che non potrete smettere di mangiarli...
Le dosi sono calcolate su un chilo di farina. Otterrete almeno 50 panzerotti. Dimezzatele se vi sembrano eccessive. In Puglia si sa, certe cose si fanno in grande!

Prendete, per l'impasto:
- 1 chilo di farina 00,
- 1 lievito di birra,
- 130 grammi di burro,
- un bicchiere di latte intero,
- 100 cl di acqua
- 1 cucchiaio di sale.

Per la farcitura:
- un bicchiere di passata di pomodoro,
- prosciutto cotto sminuzzato,
- formaggio filante a dadini.

Per cominciare, in un pentolino scaldate leggermente l'acqua e scioglietevi il sale.
A parte, fate intiepidire anche il latte e il burro.
Adesso, in una ciotola capiente, versate la farina setacciata, creando la tipica fontana, all'interno della quale potrete versare l'acqua, e aggiungere il lievito.
Iniziate ad impastare, mescolando energicamente.
Infine, unite il latte e il burro, continuando a lavorare finché non otterrete un composto liscio ed omogeneo. Vi basterà quindi ricoprirlo con un canovaccio e lasciarlo lievitare per circa due ore, in un luogo caldo.

Dopodiché, formate delle palline delle stessa dimensione e, attraverso un mattarello o la macchina per la pasta, stendetele fino a raggiungere uno spessore di pochi millimetri.
A questo punto, potrete farcirli come preferite.
A me piacciono con, al centro, un cucchiaino di passata di pomodoro, un ciuffo di prosciutto cotto sminuzzato finemente, qualche cubetto di formaggio filante, e un pizzico di sale.
Chiudeteli, quindi a mezza luna e sigillateli con la rotellina per alimenti, oppure semplicemente con le mani, schiacciandone l'orlo.

Friggete, infine, in abbondante olio di semi di girasole, avendo cura di non perforarli, altrimenti il formaggio fuso sporcherà l'olio e lo farà schizzare pericolosamente.
Buon appetito!

Consigli:
Potete anche eliminare il burro. A me piace perché rende l'impasto più soffice e digeribile.
Insomma, provare per credere!

18 commenti:

  1. La preparazione dei paccheri con alici, melanzane e pomodori
    1) Per preparare questo gustoso primo piatto, bucherella innanzitutto la melanzana con la punta di un coltello e cuocila intera in forno a 200° per 30 minuti.
    2) Allontana dal forno, sbucciala e lasciala raffreddare.
    3) Taglia a tocchetti la polpa, trita basilico e l'aglio e aggiungili alle melanzane.
    4) Ora versa un po' d'acqua calda sui pomodori, lasciali rinvenire e, quando sono morbidi, scolali e tritali in maniera grossolana, poi aggiungili al composto.
    5) Scalda 4 cucchiai d'olio in una padella, aggiungi i capperi, le acciughe e un pizzico di peperoncino. Mescola bene con un cucchiaio, poi aggiungi il pangrattato.
    6) Metti a insaporire un minuto, aggiungi il resto della preparazione, mescola bene, aggiusta di sale e allontana dal fuoco.
    7) Cuoci i paccheri al dente e condiscili con la salsa di alici, melanzane e pomodori: decora con qualche fogliolina di basilico fresco e gusta subito.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ho capito Gus..
      Stai cercando di farmi la concorrenza proponendo una ricetta migliore della mia? 🤔🤔

      Elimina
  2. Io so fare solo il decoro con una fogliolina di basilico.

    RispondiElimina
  3. Slurposissimi.

    Togliendo il burro sono come i cascioni alla marchigiana, che rispetto ai cascioni (cassoni) romagnoli sono più sottili, hanno meno ripieno, ma sono fritti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non conosco i cascioni, ma se assomigliano ai panzerotti saranno buonissimi. 😋😋😋

      Elimina
  4. Claudia, io non so cucinare nemmeno una frittata. La ricetta l'ho copiata dalla rete ma due melanzane cotte così le ho mangiate ieri sera.
    Se dovessi mettermi in concorrenza con te non ci sarebbe partita. Lo sai benissimo che i migliori cuochi sono uomini, come del resto i sarti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahah
      Tranquillo. Era una battuta.
      Infatti, mio marito è cuoco.
      Però a casa cucino io. Finge di non saper far nulla pur di non lavorare anche nelle mura domestiche.. 🤣😉

      Elimina
  5. Claudia, lavora tanto fuori e mi sembra giusto che a casa si riposi.
    Guarda te che ti muovi tra i fornelli e si illumina d'immenso. Sai benissimo che sei una ragazza bellissima.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Gus.
      Troppo buono.
      Buon fine settimana.
      Un abbraccio.

      Elimina
  6. Ogni volta che torno in Puglia vado in un locale storico dove li fanno buonissimi. Sono leggermente più irregolari, nella forma, di quelli che hai postato. Bollenti, ti fanno bestemmiare XD

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh no, mio caro.
      Per mangiare il panzerotto bollente devi assumere "la posizione".
      O ti siedi attaccato al tavolo, sporgendoti in avanti, per far colare pomodoro e mozzarella in eccesso in un piatto, oppure, in piedi, leggermente piegato sulle ginocchia, pancia in dentro e sedere in fuori..
      Così se cola, finisce oltre i piedi, e non sporchi nulla. 😉

      Elimina
  7. Figurati, io sono siciliana... altro che dimezzare le porzioni, io dovrei raddoppiarle ahahahaha
    Comunque non li ho mai mangiati ma sembrano buonissimi 😍

    RispondiElimina
  8. Donna che non conosci i cascioni, o che sventurata! :D.

    Certo che la procedura per mangiare il panzerotto bollente in piedi non è molto invitante :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah
      Beh, se non vuoi sbrodolarti come i bambini, devi adeguarti.
      Provare per credere. 😜

      Elimina
  9. Gnammmm.... che buoni io li adoro!!😊

    RispondiElimina

Per colpa di chi ne ha abusato, minando l'atmosfera familiare che si respira su questo blog, sono vietati i commenti anonimi, così come quelli polemici e offensivi.
Se non prendi la vita con filosofia e ami mettere zizzania, sei nel posto sbagliato.