lunedì 11 giugno 2018

Giornalisti&blogger: intervista doppia Claudia e Riky


Come ho già spiegato in un'altra occasione, il bello di questa mia esperienza da blogger, oltre che entrare nelle case di tutti, è aver conosciuto una rete di "colleghi", con storie, emozioni e vissuti assai simili tra loro, e vicini a me.
Tra tutti, mi sono imbattuta in Riccardo Giannini, al quale mi accomuna, in un certo senso, la "carriera". Le virgolette sono per me e non per lui, e capirete perché.
Quindi, ho ideato questa intervista doppia, in stile "Le Iene", per presentarvelo.
Troverete le mie risposte alle stesse domande sul suo blog, Il bazar di Riky, che vi invito a seguire.


Il giornalismo perché. Come nasce questa passione
Da ragazzino volevo fare l'ingegnere. Ma il calcio è sempre stata la mia più grande passione giovanile e mentre gli amici giocavano, io facevo telecronache, articoli e pagelle. Conseguito il diploma al Liceo Scientifico Albert Einstein, decisi di cambiare percorso e di diventare giornalista, prendendo nel contempo una laurea (in giurisprudenza all'Università di Bologna). Ho iniziato scrivendo di calcio sui giornali locali. Infine l'approdo alla mia attuale realtà editoriale: redazione giornalistica di Radio Bruno e portale di informazione Altarimini. Prima stage nell'autunno 2008 (proprio a ridosso della laurea), poi un primo contratto nel febbraio 2009, la promozione a 'titolare' nell'agosto 2009 e infine il 31 dicembre del 2014 un contratto a tempo indeterminato.


Giornalismo pratico: hobby o professione?
Professione, decisamente, sono anche iscritto all'ordine come pubblicista dal gennaio 2011. Faccio lavoro di "desktop", lo preferisco perché sono sempre stato molto pigro. Ma non crediate sia come stare in pantofole. E' un lavoro comunque impegnativo. Computer e telefono sono due strumenti indispensabili. Poi sono nato come giornalista radiofonico, quindi tra i miei attrezzi del mestiere ci sono anche il microfono e il mixer. Fare giornali radio significa preparare notiziari con un minutaggio preciso (prima erano di 4 e 2 minuti, adesso tutti di tre), selezionare bene le notizie. Ovviamente c'è anche la parte della lettura per la registrazione (con l'intonazione giusta per non addormentare, poi per carità, non ho dizione; però a scuola mi dicevano che ero bravo a leggere). Il calcio? Fa parte comunque del mio lavoro, anche se non vado più materialmente allo stadio. Non è comunque l'unica cosa di cui mi occupo.


Il giornalismo on-line è davvero un giornalismo di serie B?
Assolutamente no. E' sempre giornalismo. Chiaro che l'informazione on-line ha generalmente tempi diversi: un certo tipo di notizia va data quasi subito, quindi bisogna accertarsi di non scrivere cazzate, ma è possibile sbagliare alcuni dettagli. E' sempre utile affidarsi al "seguiranno aggiornamenti", in modo da sistemarla in un secondo momento. In fondo il giornalismo on-line è un giornalismo spesso "mordi e fuggi": entri su un sito, leggi ed esci. Ci sono però anche notizie "slow", come per i giornali. Si preparano prima e si fanno uscire in un dato momento. Poi nel calderone del giornalismo online finiscono anche testate che si spacciano per tali e non lo sono, questo è il vero problema. Per non parlare dei social, che aiutano a propagare il "lavoro" di queste testate.


Il blog perché.
Il blog nasce semplicemente per parlare di alcune passioni che nella vita di tutti i giorni faccio fatica a condividere, ad esempio la lettura di Topolino. Dalle mie parti, leggere Topolino a più di 12 anni è visto in modo negativo. In modo molto raro la mia attività di giornalista si incastra con ciò che scrivo sul blog. Giusto così. Sono due facce della stessa medaglia, cioé il sottoscritto, ma preferisco stiano separate.


Nel futuro ti vedi blogger o giornalista?
Spero giornalista! (siccome sono stato lungo nelle precedenti risposte, qui sono breve!).

51 commenti:

  1. Ho letto sia qui che da Riky.
    Le impressioni sono che Riccardo diventerà giornalista e tu andrai avanti con il blog.
    Complimenti a voi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Gus.
      Ti rispondo su entrambi i blog.
      Le tue impressioni mi sembrano abbastanza fondate.
      Buona giornata.

      Elimina
  2. Grazie Gus! E grazie a Claudia per la bella idea :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco la mia guest star!
      Grazie a te per aver accolto la mia idea ispirata a Moz e Pier. 😉

      Elimina
  3. Vero, hai avuto due ottimi modelli di ispirazione :)

    RispondiElimina
  4. Sei Un personaggio interessantissimo Ricky 🙃

    Ora corro a leggere Claudia 😏

    RispondiElimina
  5. Comolimenti ad entrambi!! È bello scoprire qualcosa in più delle persone che sono "dietro" al pc!
    Riky lo conoscevo finora solo per aver letto spesso i suoi commenti qui e ancor prima da Miky e altri amici comuni nella blogosfera, ora mi è più chiaro il quadro 😊
    Ci accomuna la passione per la scrittura, anche se io non ho mai fatto esperienze di giornalismo.
    Ora vado a leggere le risposte tue, Claudia 😉
    Ciaoooooo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È proprio arrivato il momento di iniziare a seguirlo, allora. 😉

      Elimina
    2. Infatti! Ho iniziato proprio ora 😊

      Elimina
  6. Molto bravo anche Ricky, secondo il mio parere spesso i migliori giornalisti sono quelli indipendenti, perché sono vere voci libere.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahimè è un po' difficile trovarne. Esclusi i presenti, s'intende.. 😉

      Elimina
  7. Beh, allora in bocca al lupo Riky per il futuro! :)
    Il giornalismo online è di serie B, percepito come tale, proprio perché online (tranne se si tratta di testate comprovate). Questo perché il web è pieno di... webeti, complottari e cazzari.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E tu a quale categoria appartieni?
      I Mozzari? Ahahah 😜😜

      Elimina
  8. @Maris: grazie per aver letto tutte le interviste e per essere passata da me. Devo dire che questo post ti dà un bell'excursus sul mio "profilo", diciamo il profilo professionale. Per il resto sicuramente avrai letto da Moz che ci accomunano molte passioni "pop" :D.

    @Cav: grazie mille. Purtroppo la non indipendenza dei giornalisti è un'altra nota dolente. Anche nella mia piccola realtà a volte ci sono delel problematiche. Però un pregio c'è: non siamo affatto legati a logiche di partito, anzi. L'editore è sempre stato chiaro: "Politica non è una priorità".

    @Miki: crepi il lupo! Sì, il web è pieno di cazzari. E di finte testate giornalistiche. A cui certi utenti dei social danno più credito di testate professionali. Poi, sia chiaro, anche grandi giornali cadono in scivoloni.

    @Anna: ma noi blogger siamo comunque pieni di entusiasmo per ciò che facciamo! :)

    RispondiElimina
  9. Mi ha fatto piacere conoscere un po' di più Riccardo. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benissimo.
      Adesso vai a farti un po' i fatti miei, però. 😉

      Elimina
  10. Interessanti le vostre interviste, non sapevo (o non ricordavo) quale fosse la vostra attività principale.. ho sempre pensato che noi blogger abbiamo molto in comune con i giornalisti, e voi me ne avete dato conferma!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A volte è bello raccontare un po' di sè per rinfrescare le memorie.. 😗

      Elimina
  11. Grazie sia a Marco, sia a Fabrizio. Eh sì: in particolare la prima risposta mi ha permesso di fare un breve riassunto su una fetta consistente della mia vita XD

    RispondiElimina
  12. Cara Claudia eccomi! ho letto le risposte di Riccardo e poi leggerò le tue da lui; Innanzi tutto trovo molto simpatica questa iniziativa e le sue risposte rivelano schiettezza, sincerità e quel grado di professionalità che contraddistinguono un vero giornalita! spero, perchè se lo merita, che farà grande strada e a te sinceri complimenti per questa iniziativa. Io il tuo blogger lo consiglierei a molti, hai carattere e determinazione! Mi piace ciò in una persona!In bocca al lupo! (vado da Riccardo) Un caro saluto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho letto entrambi i tuoi commenti, ma ti rispondo solo qui.
      Grazie mille per i tuoi complimenti. Spero che la tua strada sia più in discesa della mia, e che troverai un giornale disposto a pagarti quanto meriti.
      Io di gavetta ne ho fatta tantissima, ma prima o poi occorre "salire di grado", altrimenti meglio concentrarsi in progetti più proficui.
      Un abbraccio.

      Elimina
  13. E così sei giornalista... ammetto che la cosa mi era sfuggita :-)
    Adesso resterai in radio o provi anche con qualche testata editoriale?
    Sul giornalismo online non sono così negativa: di bufale e cazzari è piena anche l'editoria "seria" (proprio come con la storia delle case editrici "grosse" vs quelle indipendenti).
    Un abbraccio, che allargo a Claudia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Franci.
      Come ho dichiarato più volte, a te devo l'ingresso nel vero meccanismo dei blog, e non è mica poco!
      Prima o poi m'invento qualcosa per disturbare anche te.
      Anzi, qualche altra cosa.. Visto che l'ho già fatto abbondantemente.. 😉😗😗

      Elimina
  14. So Riky è un giornalista.
    Molto bene, un giorno capirò dov'è questa stazione radio e lo ascolterò. Sono come Curious George!
    Invece per te, Claudia, comprerò il giornale "Confidenze" e ti leggerò.
    Bella intervista!
    Kiss kiss kiss

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo sai che nel privato parlo spesso come te? Adoro troppo la tua lingua, e mischiarla con l'italiano mi diverte.
      Comunque, se davvero vuoi comprare Confidenze, prendilo domani, perché ci sarà il mio racconto preferito in assoluto.
      Anche se, dopo qualche tempo, lo pubblicherò anche sul blog. 😉
      Un bacio a te e grazie di seguirci.
      Love. 😗😗

      Elimina
  15. Claudia, ahaha io sono il Re dei Cazzari^^

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah
      Però Mozzari è più bello.
      P.S. Riky ti vende che è una meraviglia. Dovresti assumerlo come agente matrimoniale, qualora ce ne fosse mai bisogno.. 😜

      Elimina
  16. @Stella: rinnovo i ringraziamenti, ma va bene anche una strada non troppo stretta XD, grande è anche troppo! Comunque, collegandomi a quello che dice Claudia, se hai bisogno di qualche consiglio siamo qua. Ma la gavetta non finisce quasi mai :D.

    @Francy: per adesso mi piace qua, anche per comodità avendo il posto di lavoro vicino casa :D.

    @Susanna: eh, dovresti passare in Provincia di Rimini :D. La Radio è abbastanza famosa al Nord Italia, ma nelle altre località sentiresti le voci degli altri giornalisti delle redazioni locali. Si chiama "splittaggio": dalla centrale mandano un segnale ai computer, tramite i ponti radio, e nelle zone vanno in onda i diversi notiziari locali.

    @Moz&Claudia: beh, il Moz non è l'unico che vendo bene. Non sono molto bravo forse a vendere me stesso XD.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sull'ultima parte, effettivamente, c'è da lavorare, ma ce la farai.
      Intanto, ti vendo io.. 😉

      Elimina
  17. È stata una bella intervista anche se alcune cose, leggendo ormai Riccardo da un po', le conoscevo! Sono altrettanto curioso di leggere quella che ha fatto a te! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà le domande sono identiche.
      A differenza di te e Moz abbiamo scelto di rispondere agli stessi quesiti. 😉

      Elimina
  18. Però abbiamo valutato inizialmente di preparare un tot di domande e di rispondere entrambi a metà domande su un blog; all'altra metà sull'altro blog :).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bugia.
      Tu l'hai proposto, ma ti ho frenato subito perché era troppo complesso.
      Lunga vita alla semplicità! 😜

      Elimina
  19. Ho scritto valutato, non proposto :D.

    L'ho proposto io e l'abbiamo valutato insieme

    prrrrrrr (pernacchia)

    RispondiElimina
  20. Ciao Claudia, bello scoprire tante cose su di te.
    Confidenze è una delle riviste amate da mia madre e che tempo fa leggevo anch'io, ora un pochino meno lo ammetto. Leggo altro.
    Ora che so forse lo ricomprero`.
    Ti abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei sempre molto cara.
      A me piace Confidenze perché mi ricorda il caro vecchio Cioè. Non mi perdevo neppure un numero da adolescente.
      Ricambio l'abbraccio. 😗

      Elimina
  21. Percorso molto bello, Riky (che poi non sapevo fossi laureato in giurisprudenza, ciò che sto studiando io!).
    Ecco, il lavoro del giornalista non so quanto mi piacerebbe proprio perché non amo l'idea di avere degli orari prestabiliti in cui scrivere, è una cosa che mi da fastidio a pelle (lo vedo come un pittore costretto a dipingere in determinate fasce orarie, mi fa strano ahah) XD

    Comunque, ottima iniziativa creare questi articoli collegati :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Servono a scoprire qualcosa in più di ciascuno di noi blogger, trovando tanti punti in comune.
      Magari la prossima intervista sarai proprio tu ad idearla..
      Senza orari prefissati.. 😉

      Elimina
  22. Già, Kiral, mi sono cimentato anche io con l'affascinante mondo della giurisprudenza :D

    RispondiElimina
  23. Mi piace l'idea di un Riccardo bambino che fa la telecronaca alle partite con gli amici :) che tenerezza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oddio, mi credi che non avevo immaginato la scena fino a questo tuo commento?
      Effettivamente è un ricordo dolcissimo.. 😍

      Elimina
  24. ^_^ (e le facevo anche durante i videogiochi ahah)

    RispondiElimina
  25. Conoscevo già molto della vita professionale di Riky ma qui ho letto altri interessanti dettagli!
    Per me ha un'ottima dizione, si sente che è romagnolo ma in modo lieve, i suoi corregionali sono di gran lunga peggiori! Poi magari in privato fa come me che mi lascio andare quando solitamente non uso molto il romanesco.
    Io volevo fare l'archeologo ma poi mi sono buttato sull'imprenditoria (sorpassata anche quella, lo dico per Claudia che non mi conosce). Che tristezza!
    Un giorno andrò a trovare Riky, solo per mettermi in piazza a leggere Topolino o a far finta, così da poter prendere a calci nel culo chi mi guarda storto. Il giorno dopo finalmente riuscirebbe a leggersi 'sto benedetto settimanale in pubblico e in santa pace!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahah
      Se abitassi più vicino verrei a trovarvi anch'io.
      Comunque, ho dato uno sguardo al tuo blog. Effettivamente le parolacce abbondano ma.. quanno ce vò ce vò.
      Giusto? 😉

      Elimina
  26. ahahah, il commento di Ema è meraviglioso, specie la parte finale, mi sono immaginato la scena :D.

    Ema che legge Topolino in piazza e che incenerisce con lo sguardo i ragazzini che lo guardano male :D.

    Ho deciso, assumo Ema e Moz come guardie del corpo e segretari per due settimane almeno. La qualità della mia vita si alzerebbe a livelli esponenziali. Vitto e alloggio pagati. Un investimento che mi ripago :D

    RispondiElimina
  27. Sì, quando ci vuole ci vuole ma io ho la deformazione romana, le usiamo un po' troppo come toscani e bergamaschi con le bestemmie (che non tollero molto).

    Quando torno a Viserba (se non è quest'anno, sicuramente l'estate prossima), ti vengo a trovare per un pomeriggio a leggere Topolino in pubblico 😄
    La sera però devo tornare in riviera ad ubriacarmi che quando sono lì sono pochi i momenti in cui sono sobrio!

    RispondiElimina
  28. Volentieri...ti faccio respirare un po' di aria novafeltriese :D.

    RispondiElimina

Per colpa di chi ne ha abusato, minando l'atmosfera familiare che si respira su questo blog, sono vietati i commenti anonimi, così come quelli polemici e offensivi.
Se non prendi la vita con filosofia e ami mettere zizzania, sei nel posto sbagliato.