martedì 19 giugno 2018

Mariano Di Vaio papà bis: il piccolo ha già un account Instagram


Ieri è venuto alla luce il piccolo Leonardo Liam Di Vaio, secondogenito del blogger Mariano e di sua moglie Eleonora Brunacci.
Innanzitutto, confesso, visto il clamore della notizia, ero convinta che si trattasse di un calciatore di fama internazionale.
E invece no.
Si tratta del fashion blogger più influente in Italia, con più di sei milioni di seguaci su Instagram, secondo solo a Chiara Ferragni che ne conta circa 11,7.
Vabbé, mi perdonerete.
Io e il gossip siamo due mondi a parte. Non sono mai stata la classica ragazzetta che idolatrava un vip o un altro, sebbene ne abbia intervistati moltissimi per lavoro.
In ogni caso, il punto non è che professione svolga questo bel pezzo di manzo (la moglie mi perdonerà, ma di bello è bello!!), ma che ad un'ora dalla nascita del piccoletto, questi avesse già il suo account Instagram, che ha superato i 30mila follower in pochissimo tempo.


Ora.
Posso pur capire che un uomo che vive di pubblicità e di immagine abbia ideato questa trovata anche "sulla pelle" del proprio figlio, ma cosa passa esattamente nella testa di queste migliaia di persone che si sono iscritte alla pagina della creatura?
Quanto è pericoloso gettare i propri figli minori in pasto ai social network?
Personalmente, ho sempre bocciato la tesi della pedofilia. Immagino che se un pedofilo fosse alla ricerca di immagini di bambini, saprebbe dove trovarle, senza perdere tempo con inutili fotomontaggi nelle fotografie che ritraggono neonati, completamente vestiti, in braccio ai loro genitori.
In ogni caso, però, come in tutte le cose, non amo gli eccessi.
Perché esporre un bambino al mondo sregolato dei social, sin dai suoi primi vagiti?
Forse, si stava meglio una volta, quando le foto dei nostri figli venivano stampate e conservate in  grossi album di cartone, da mostrare ad amici e parenti durante i fastosi pranzi di famiglia.

Benvenuto al piccolo Leonardo Liam, futuro fashion blogger?
Chi vivrà vedrà...

20 commenti:

  1. Anche a me sembra una esagerazione e molto business, e mi sembra esagerato anche perché il primo figlio ha già un instagram, quindi mi pare proprio un voler apparire e raccattare (anche perché si parla sempre di outfit ed oggetti).
    Sono anche io contro la tesi della pedofilia, anche perché vorrebbe dire nemmeno far uscire i bambini di casa in questo senso ed è impossibile, però aspetterei che sia un po' più senziente per metterlo in pubblica piazza!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È proprio triste fare business persino sui figli..
      Ma chi siamo noi per giudicare? Magari nel loro mondo è un must. 😓

      Elimina
  2. Mariano Di Vaio chiii?

    Davvero, mi mancano i bei tempi delle foto che venivano scattate e sviluppate, poi andavano a formare il famoso album di famiglia :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il bello è che quasi tutte erano sfocate, o con gli occhi rossi, perché con i rullini non si potevano mica selezionare.. 😍😍

      Elimina
  3. Ciao, nuova follower;: complimenti per blog e post; questo l'ultimo pubblicato da me: http://ioamoilibrieleserietv.blogspot.com/2018/06/recensione-taboo-ava-lohan.html


    Se ti va ti aspetto da me come lettrice fissa


    Grazie

    RispondiElimina
  4. Purtroppo va di moda.
    Personalmente non approvo, anche se rispetto chi la pensa diversamente.
    Ognuno dovrebbe avere la possibilità di dare il suo consenso a foto sue pubblicate in rete e poiché i minori non possono i genitori dovrebbero, in primis, preservarli e invece!
    Io, per esempio, mi arrabbierei tantissimo, tanto che non esiste una mia foto in rete, solo piedi e gambe, ah, ah, ah. Buona serata, cara.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma quindi i passi di danza classica sono tuoi?
      Credevo fossero le gambe di tua figlia.. 🤔🤔😆

      Elimina
  5. Ciao di nuovo .. ^_^ premesso che, personalmente, non condivido molto le idee di chi mette online foto di bambini, (non tanto per lo sfruttamento dell'immagine,perchè un genitore pensa solo alla felicità -e ci sta- quanto perchè tutti sappiamo che in un'epoca esposta come la nostra gli atti di pedofilia sono all'ordine del giorno), mi congratulo per l'arrivo del nascituro!! Come ho detto già più di una volta, una nascita è sempre una cosa molto bella! Poi si sa che ognuno a casa sua fa come vuole! A presto! ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto Stefy.
      Le nascite sono sempre belle, soprattutto in un momento storico come questo in cui il tasso di natalità in Italia è bassissimo.
      Un bacio.

      Elimina
  6. Concordo co Stefania.
    I pedofili commerciano con le foto dei bambini.
    Che peste li colga.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Poche cose al mondo schifo più della pedofilia.. ☹

      Elimina
  7. Avevo pensato anche io al calciatore...
    I fashion blogger mi suscitano interesse come la carne ad un vegano e concordo sull'assurdità di esporre i propri figli a internet. Sarò antico ma a 'sto punto, viva l'essere antichi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà i valori migliori sono proprio quelli della nostra epoca.
      La società attuale non mi ispira alcuna fiducia.. 😓

      Elimina
  8. Ma sta gente, Ferragni, Di Vaio, oltre a farsi le foto tutto il giorno, cosa fa attualmente?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fa soldi a palate.
      Evidentemente ha capito qualcosa della vita che noi ignoriamo.. 😭😭

      Elimina
  9. 😂😂😂, quello sfacelo sono io 😂😂😂. Alla mia età! 😂😂😂

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha
      Allora complimenti per le gambe!!
      Sembravano proprio quelle di una ragazza. 😉

      Elimina
  10. Io non li conosco questi cosidetti 'influenzer' e non ci tengo a consacrarli perché non vedo in loro niente che mi interessi.
    Non capisco neAnche come si possa considetarli influenzer se qui nessuno di noi li conosceva.Bho.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Magari siamo noi poco avvezzi al gossip. Se ci pensi è un po' come la discografia italiana.
      Tutti questi neo cantanti usciti dai talent che vendono milioni di dischi.
      Ecco, io non ne conosco nemmeno uno...

      Elimina

Per colpa di chi ne ha abusato, minando l'atmosfera familiare che si respira su questo blog, sono vietati i commenti anonimi, così come quelli polemici e offensivi.
Se non prendi la vita con filosofia e ami mettere zizzania, sei nel posto sbagliato.