venerdì 29 giugno 2018

Quella volta che... mi bocciarono all'esame di guida!

Qualche giorno fa vi accennai del mio disastroso esame di guida, dunque ho deciso di spiegarvene la dinamica.
Premetto che, quando ho preso la patente, mio padre aveva da poco acquistato una nuova automobile, e non intendeva minimamente distruggerla a causa mia.
Quindi decise che avrebbe pagato tutte le guide che mi sarebbero servite per imparare, a condizione, però, che non toccassi la sua "seconda moglie".

E vabbé. Cosa sarà mai? In fondo, sono una cervellona. Non potrò mica essere così inetta.
Considerazione troppo frettolosa...
Feci ben 19 guide prima che il mio istruttore mi dicesse che ero pronta a sostenere l'esame.
Premetto che, all'epoca, indossavo gli occhiali per una grave forma di astigmatismo. Considerando che di lì a poco mi sarei sottoposta ad un intervento di chirurgia refrattiva per eliminarli, però, mi fu consigliato di non dichiararli, in modo che sulla patente non mi apponessero l'obbligo di guida con lenti.
Quindi, avrei dovuto sostenere l'esame in versione semi Ray Charles.

La mattina in oggetto mi svegliai col ciclo. Chi mi conosce sa che mi ha sempre dato il tormento. Pensate che ogni volta, mi assentavo persino da scuola, perché ero praticamente invalida.
Ma ormai l'istruttore mi attendeva.
Avrei dovuto "soltanto" guidare cieca, in preda ad un'inondazione nel basso ventre, e con dei dolori tali da farmi contorcere. Ah, il sorriso. Quello non doveva proprio mancare.
Peccato che, su via Nazionale dei Trulli, in salita, una stronza decidesse di attraversare senza preavviso e in mancanza di strisce pedonali.
Diciamo che ho rischiato di investirla, e l'istruttore seduto alle mie spalle non ha gradito.
Agitazione. Al posto della terza entra la quinta. La macchina arranca. Non ti spegnere, ti prego, non farlooooo!! Fiuu, resiste.
Nei successivi dieci minuti, non sapevo se sarei morta dissanguata o per un attacco di panico.
Parcheggio. In salita. Ma quante diavolo di salite ci sono a Fasano?? Non me n'ero mai neppure accorta.
Esito?
"Non ci siamo signorina. Ha rischiato di investire una donna, e l'auto non si è spenta per intercessione... diciamo divina. Il parcheggio è incommentabile.. Ritenti, sarà più fortunata!".
Feci altre tre guide e, senza ciclo e senza malattie avverse, superai la nuova prova.

Ricordo che piansi per questa bocciatura.
Fu la prima della mia vita e, devo dire, l'ultima.
Non ero abituata a fallire. Avevo sempre avuto pretese altissime da me stessa.
Tuttora ne ho, sebbene chi mi vuole bene sostiene che dovrei essere più morbida. Ma forse la vecchiaia mi aiuterà a smussare gli angoli.
Intanto, due anni fa ho rinnovato la mia patente, sebbene non possa sostenere, in tutta onestà, di aver davvero imparato a guidare...
Conduco una Smart, infatti! 😜


28 commenti:

  1. Pensavo che al momento dell'esame ti fossi seduta nel sedile del passeggero e non in quello del guidatore:)

    RispondiElimina
  2. Mi dispiace per la bocciatura, però sei stata molto simpatica nel raccontarlo. Mi hai fatta sorridere! 😂

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Era esattamente il mio scopo. 😉
      Sono passati molti anni. Adesso ci rido di gusto anch'io.

      Elimina
  3. Non so il parcheggio come sia andata, ma altrimenti è una bocciatura ingiusta.

    A) Pedone che si butta sulla strada senza le strisce merita di essere investito, non solo non ha la precedenza. Io quando non attraverso sulle strisce mi appuro che non vengano veicoli. Come si dice: cazzi miei, se mi investono.

    B) Mettere una quinta al posto di una terza non è un errore così pesante, per un novizio. Poi si impara in questi casi a correggere al volo :D.

    Di solito all'esame di scuola guida bocciano per errori tipo:

    a) mancata precedenza a pedone SULLE STRISCE;
    b) mancato rispetto di stop o precedenza;
    c) entrare in una rotatoria da una parte sbagliata :D;
    d) sorpassare dove non si può.

    Di fronte quindi a mancato rispetto di regole del codice della strada o a manovre pericolose.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, Riky.. Dalle mie parti bocciavano per molto meno.
      Poi l'esaminatore quel giorno era il più stronzo del gruppo. Fummo bocciati in 3, su 5 o 6.

      Elimina
    2. Non la istigareeeee che devo sudare sette camicie per farla andare piano 😤😤😤

      Elimina
    3. E che c'entra la velocità.. Al massimo mi stava istigando a fare a botte con l'esaminatore, per una bocciatura ingiusta. Ma vabbè, ormai è caduta in prescrizione. 😂😂

      Elimina
  4. Ciao, anch'io sono stata bocciata al primo esame pratico! Già non ero un genio a guidare (e non lo sono tutt'ora) in più, poco prima di uscire dal parcheggio che miracolosamente avevo fatto bene, la ruota s'incastrò in una buca e quando riuscii a liberarla non guardai se arrivavano altre macchine (non sapevo che si sarebbe liberata proprio in quel momento), così mi fecero rifare il parcheggio in un altro posto che non riuscii a eseguire perchè ormai avevo perso ogni tipo di concentrazione! Per fortuna la seconda volta andò bene, anche se me la fecero sudare ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In tutta onestà la seconda volta fu semplicissimo perché l'esaminatore era un amico del mio istruttore. Non avrei potuto tentare una terza volta senza rinnovare il foglio rosa, e quindi andammo sul sicuro. 😉

      Elimina
  5. In effetti i guidatori di Smart sanno essere pericolosi :D io impreco in tutte le lingue quando vado agli 80 su strada in cui il limite è dei 70 e vengo sorpassato da una Smart che fa i 100 XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. We pischello, con chi credi di parlare? La mia Smartina arriva a 160 comodi comodi, ed io la sfrutto spesso al massimo. Se no mi compravo una cariola.. 😜

      Elimina
  6. Mamma Carmen, sua figlia è indisciplinata! :D

    RispondiElimina
  7. Dai eri più che giustificata :D Io pure feci un piccolo errore all'esame, o meglio l'esaminatore mi disse di girare in un posto e non girai, ma non avevo giustificazioni.

    RispondiElimina
  8. Attualmente non è poi tanto semplice prendere la patente, forse in passato chiudevano un occhio oppure entrambi. Però forza e coraggio e lascia perdere la SMART, io ho imparato a guidare con una mirafiori 1300.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buongiorno Capitano e benvenuto.
      Sì, hai ragione. Dovrei guidare un'auto "vera", ma sono così pigra che preferisco sfrecciare con la mia citycar.
      Prima o poi la vendo e divento una vera pilota. Ahaha

      Elimina
  9. Io a guidare faccio schifo. Punto.

    RispondiElimina
  10. La Smart che io chiamo Peg Perego!
    Io ho detto direttamente di essere cecato, tanto non potrei proprio gudare senza, quindi perché dichiarare il falso? L'ho fatto solo una volta in motorino perché mi si era rotta una lente e sono dovuto tornare a casa per cambiarla (prima di partire per la Sardegna).
    Comunque porto le lenti a contatto e nessuno si è mai accertato che le stessi portando nel momento in cui mi hanno fermato...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io all'epoca ero molto astigmatica e non potevo indossare le lenti a contatto. Dopo pochi anni grazie ad un intervento risolsi completamente, ecco perché non volevo l'obbligo delle lenti sulla patente.
      Adesso sono diventata un po' miope, ma in maniera leggera e dovrei usare gli occhiali solo per riposarmi.

      Elimina
    2. Peg perego ahahahhahahahaha

      Elimina
  11. E vabbè ma che sfortuna tutto insieme! Comunque dai anche se non andò "buona la prima" non fa niente...certo lì per lì "te ce còce" come diciamo qua ma poi passa! E una volta preso il tesserino rosa diventi un diavolo al volante! 😈
    Certo, il tizio della scuola guida che CONSIGLIA di fare l'esame da mezzo cecato non mi sembra tanto per la quale!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah
      Però ci aveva visto lungo (almeno lui).
      Dopo pochi anni dissi finalmente addio agli occhiali..

      Elimina
    2. Io ancora sono "attalpato" e quindi quadriocchiuto...miopia e un pd' di astigmatismo, vorrei informarmi se ci sono gli estremi per fare l'intervento. A mia suocera l'hanno fatto e ci vede benissimo, ha buttato via gli occhiali!

      Elimina
    3. Gli estremi ci sono sempre, ma l'intervento è a pagamento (come nel mio caso).
      La ASL copre solo i casi "gravi".

      Elimina
    4. Sisi lo so infatti mia suocera lo ha fatto a pagamento in una clinica privata...intendevo "gli estremi" per quanto riguarda lo spessore della cornea e altre cose che devono prima verificare tramite una visita preliminare. Se lo spessore è troppo poco il laser non lo possono adoperare che io sappia...ma non sono certo Luciano Onder per saper tutto di medicina! 😄 Coooosa occorre faaaare se siete attalpaaaati??

      Elimina
    5. Ahaha
      Comunque hai ragione. Pensavo ti riferissi al servizio sanitario pubblico.
      Effettivamente io ho fatto diverse visite prima di ottenere il via libera per l'intervento.
      Ma considerando che ero strabica, astigmatica, ipermetrope e miope, immagino che tu abbia buone speranze.. 😅

      Elimina

Per colpa di chi ne ha abusato, minando l'atmosfera familiare che si respira su questo blog, sono vietati i commenti anonimi, così come quelli polemici e offensivi.
Se non prendi la vita con filosofia e ami mettere zizzania, sei nel posto sbagliato.