mercoledì 13 giugno 2018

La solitudine - Laura Pausini


Era il 1993 quando una giovanissima Laura Pausini portava a Sanremo, nella sezione nuove proposte, il brano "La solitudine", aggiudicandosi il primo premio.
Quello che nessuno immaginava è che su quel palco saliva quella che, negli anni a seguire, sarebbe diventata una delle cantanti italiane di maggior fama internazionale.
Eppure, era tutto cominciato da un Marco che l'aveva abbandonata, lasciandole nel cuore il peso della solitudine.


Le musiche del brano furono composte da Angelo Valsiglio e Pietro Cremonesi, mentre il testo è firmato dallo stesso Cremonesi insieme a Federico Cavalli.
Un anno dopo la vittoria sanremese, il brano fu tradotto anche in spagnolo, e pubblicato con il titolo La soledad in Spagna, Sud America e negli Stati Uniti d'America. Nel 1995, Laura ne incise anche una versione in inglese, adattata da Tim Rice e intitolata La solitudine (Loneliness).
Come detto, oggi Laura è una delle cantanti più apprezzate nel mondo, seppur, spesso, poco valorizzata nel suo Paese, dove non mancano le critiche sia ai testi che al timbro vocale.
Eppure, anche in Italia, milioni di fan la adorano e riempiono gli stadi ad ogni suo concerto.

Intanto, per una nostalgica come me negli anni Novanta, questa canzone resta uno dei pilastri assoluti della musica italiana.



La solitudine - Laura Pausini

Marco se n'è andato e non ritorna più
Il treno delle sette e trenta senza lui
È un cuore di metallo senza l'anima
Nel freddo del mattino grigio di città

A scuola il banco è vuoto, Marco è dentro me
È dolce il suo respiro fra i pensieri miei
Distanze enormi sembrano dividerci
Ma il cuore batte forte dentro me

Chissà se tu mi penserai
Se con i tuoi non parli mai
Se ti nascondi come me
Sfuggi gli sguardi e te ne stai

Rinchiuso in camera e non vuoi mangiare
Stringi forte al te il cuscino e
Piangi non lo sai
Quanto altro male ti farà la solitudine...

Marco nel mio diario ho una fotografia
Hai gli occhi di bambino un poco timido
La stringo forte al cuore e sento che ci sei
Fra i compiti d'inglese e matematica

Tuo padre e i suoi consigli che monotonia
Lui con il suo lavoro ti ha portato via
Di certo il tuo parere non l'ha chiesto mai
Ha detto: "un giorno tu mi capirai"

Chissà se tu mi penserai
Se con gli amici parlerai
Per non soffrire più per me
Ma non è facile lo sai

A scuola non ne posso più
E i pomeriggi senza te
Studiare è inutile tutte le idee
Si affollano su te

Non è possibile dividere
La vita di noi due
Ti prego aspettami amore mio
Ma illuderti non so

La solitudine fra noi
Questo silenzio dentro me
È l'inquietudine di vivere
La vita senza te

Ti prego aspettami perché
Non posso stare senza te
Non è possibile dividere
La storia di noi due

La solitudine fra noi
Questo silenzio dentro me
È l'inquietudine di vivere
La vita senza te

Ti prego aspettami perché
Non posso stare senza te
Non è possibile dividere
La storia di noi due
La solitudine...

25 commenti:

  1. Grazie Claudia.
    Buona giornata.

    RispondiElimina
  2. Ma solitude di Charles Aznavour


    PARLÉ: Je ris si fort et parle tant Que tu crois que je suis futile et charmant A la fois Car lorsque je te vois J'ai peur Et par une étrange pudeur Ma vie Te joue avec mon coeur La comédie J'ai fait du bruit pour mieux masquer Ma solitude Car elle est très lourde à porter Ma solitude Lorsque ta main frôle ma main Que ton regard croise le mien Pour cacher mon trouble je feins Une attitude Alors tu ris et viens combler Ma solitude Mais as-tu jamais mesuré Ma solitude Sais-tu que je rêve à ce jour Où tu remplirais pour toujours Par ta présence et ton amour Ma solitude Ma solitude

    RispondiElimina
  3. Non ho capito se la canzone ti piace, Gus. Buona giornata anche a te. 😘

    RispondiElimina
  4. https://www.youtube.com/watch?v=pRhS5UAyobs



    Questa è la canzone sulla solitudine c he mi piace di più.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'avevo sentita un paio di volte, ma preferisco sempre la musica italiana.

      Elimina
  5. Lo ammetto: il trittico La solitudine - Non c'è - Strani amori è l'unico che ascolto volentieri della Pausini :D.

    Ricordi anche della mia vacanza in Corsica dell'estate 1993!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alleluia!!!
      Non sono mai stata in Corsica. Dici che ne vale la pena? Quasi quasi ci penso..

      Elimina
  6. Non sono tipo da Pausini, per puro motivo di preferenze musicali; però questa canzone, come giustamente dici, è un pilastro anni '90... Per me rappresenta il Karaoke di Fiorello... la cantavano sempre!
    Terribile la foto della copertina del singolo XD

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ogni volta che mi ricordi il Karaoke mi regali un'emozione.
      Quella giacca gialla, quel codino riccio. Io c'ero.
      Immenso Fiore! 😍😍

      Elimina
  7. Io sono fedelissima, anche quando per alcuni album è entrata nel lato oscuro.
    Le sono rimasta vicina.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bravissima. Lunga vita agli artisti Italiani. È triste che vengano valorizzati più all'estero che nel proprio Paese!

      Elimina
  8. Di cantanti meglio di Laura Pausini negli States ce ne saranno almeno 1000.
    Fammi qualche nome di cantante italiano valorizzato all'estero.
    Questo è nazionalismo becero.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Moltissimi cantanti italiani sono apprezzati all'estero. Vedi Eros Ramazzotti, Tiziano Ferro, ecc.
      Io amo il made in Italy. A tavola, nell'armadio, alla radio e ovunque.
      Ma non disdegno i capolavori esteri.

      Elimina
  9. Per le canzoni penso che solo quella napoletana valga qualcosa.
    Questo non significa che De Andrè, Battisti, Mina e Rino Gaetano erano bravissimi.

    RispondiElimina
  10. Ma scusate, non è importante che un artista sia più o meno conosciuto all’estero, che faccia milioni e che il suo volto sia in ogni dove ( quello lo decidono le case discografiche, scommettendo, investendo, su di un cantante o artista, piuttosto che su d’un altro, tutto sta’ a cosa e chi, le grandi case discografiche decidon di “ sponsorizzare “ ) l’importante è che creino in noi un emozione, un sentimento, è importante che la musica, le parole di una song, abbiano un significato, una forza che deve essere trasmessa a chi l’ascolta . . . NOI
    Quanti artisti in Italia, si, soprattutto che “ se la suonan e se la cantan “, si, mi riferisco ai cantautori, che han da sempre proposto la “ Loro “
    Musica, senza genuflettersi alla ragion di mercato, quanti ne abbiamo e se li filan in pochissimi ?!?! :+{ ! Purtroppo si è voluto trasformare la musica . . . in un enorme ovile !
    Ciao ragazzi sccaaappooo !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ottima analisi, ma non hai lasciato trapelare se Laura ti piace o no..... 😜

      Elimina
  11. Certo. Infatti gli inglesi hanno insistito sui Beatles fino a farli diventare famosi, invece sono pure stonati!

    RispondiElimina
  12. Io avevo nove anni, sai che taglio di vene!
    La Pausini è indubbiamente brava, però io amo le voci più profonde come quella di Fiorella Mannoia o interpretative come Ornella Vanoni :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi piacciono entrambe, anche se non riesco a guardare la Vanoni senza scoppiare a ridere.. 😉

      Elimina
  13. Può essere che qualche CD della Pausini, l’abbia anche, davvero non ricordo. Non è il tipo di song che ascolto tutti i giorni, ma ci può stare. Non è importante se alla mia persona piaccia o meno. La Pausini, come Ramazzotti ed altri, Celentano, Drupi, Cutugno ed altri che non ricordo ora, son tutti nomi scelti in tempi lontani, per il mercato estero. Gli stessi Famigerati Albano /Romina ad esempio tiravan molto se non ricordo male in sud America e sul mercato Canadese. Non perché piacciono in giro per il mondo, ma perché te li “ fan piacere “.
    I nostri gusti li definiscon altri a tavolino, sono “ imposti “. È un discorso troppo lungo e che probabilmente mai nessuno affermerà essere vero. Son argomenti già incontrati e dove mi son tirato addosso montagne d’insulti e di altro che non sto a specificare. Ma a parer mio son fatti lì da vedere e con una piccola ricerca si riescon a trovare anche dei riscontri.
    Gus, non ho capito se è ironica o meno la frase che hai scritto, ma è la verità più vera che tu potessi dire in riguardo a questo argomento!
    I Beatles eran solo&soltanto un’enorme, spropositata macchia da soldi. Eran tutto tranne che dei grandi musicisti, tant’é vero che Yoko Ono, ha sempre cercato di spaccare la band, che a detta sua era ridicola!
    Ve lo dico, siete da codice penale, da denuncia ahah. Istigazione all’abbandono del Posto di Lavoro nei riguardi di terzi 🤪🤪🤪🙃🤩
    Scaaaaaappooooo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha
      Torna al lavoro va. Se ti licenziano io alzo le mani.. 😜
      P.S. Credo che Gus dicesse la verità. Non mi è sembrato sarcasmo.

      Elimina
  14. No! Era sarcasmo velenoso.
    Che vuoi che ti dico. C'è chi ha la Pausini e chi Ella Fitzgerald e Sarah Vaughan.

    RispondiElimina

Per colpa di chi ne ha abusato, minando l'atmosfera familiare che si respira su questo blog, sono vietati i commenti anonimi, così come quelli polemici e offensivi.
Se non prendi la vita con filosofia e ami mettere zizzania, sei nel posto sbagliato.