lunedì 7 gennaio 2019

Divorziato costretto a dormire in auto: la donazione anonima

Quella dei padri divorziati non tutelati dallo Stato, e costretti a vivere di stenti, è una piaga sociale fin troppo radicata nel nostro Paese.
Per fortuna, però, dove non arriva la legge giunge la solidarietà.
Qualche giorno fa, a Loreto, un donatore anonimo ha versato una somma che permetterà ad un padre divorziato di 60 anni di dormire per 20 notti in un hotel, invece che in strada.
Da quando l'uomo aveva perso il lavoro, infatti, pur di continuare a versare le somme utili a mantenere la figlia adolescente, aveva deciso di vivere in auto, dormendo in parcheggi pubblici, in modo da ridurre il più possibile le spese.
Alcuni volontari, però, tramite Facebook, hanno attivato la macchina della solidarietà, per trovare una sistemazione dignitosa a questo padre disperato.

A diffondere la notizia son state diverse testate nazionali, nonché la pagina Facebook Noi poliziotti per sempre.

La situazione di disagio va avanti da ben tre anni, e l'amministrazione di Macerata ha fatto sapere che si sta occupando del caso, per cercare di trovare una soluzione.
Intanto, grazie a tutti coloro che non hanno semplicemente voltato la testa dall'altra parte, e si sono adoperati per aiutare quest'uomo.

20 commenti:

  1. Cara Claudia, io non capisco perché ci si deve divorziare!!!
    Se ai deciso di fare una famiglia, rifletti bene prima!!!
    Ma questo vale per entrambi, ma già io non capisco sono di un'altra generazione!!!
    Ciao e buona retata con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Tomaso,
      I motivi validi per divorziare possono essere tantissimi.
      Quello che non dovrebbe mai mancare, però, è il rispetto tra gli ex coniugi, soprattutto quando ci sonl dei figli.

      Elimina
  2. il mese scorso ad una puntata de "i 10 comandamenti" fecero vedere 1 padre che appunto dormiva in auto, grazie all interesse del bravissimo conduttore Iannacone e della trasmissione, si è fatta avanti una persona che gli ha proposto un alloggio finchè non gli danno la casa popolare che gli spetta, cio' che mi ha stupito è che lui un lavoro ce l ha, ma dormendo in auto e quindi risultando non avere fissa dimora, rischiava il posto di lavoro e poi non aveva un luogo dove fare venire i 2 figli quando li voleva giustamente vedere....cio' perchè passava alla moglie 560 euro x il mantenimento figli....morale...era stato sfrattato non poteva permettersi di pagare assicurazione benzina etc x recarsi al lavoro x cui aveva la bici a fianco e si spostava con essa, l auto era come il suo dormitorio...insomma qst vicenda mi colpi molto e sono contenta che per ora abbia un luogo riparato dove dormire con sto freddo....vero?.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ho mai visto il programma che hai citato, ma son felice di apprendere questa storia.
      È triste pensare al divorzio come alla rovina dell'uomo, che la legge non tutela affatto.
      Quando leggo queste vicende sono molto triste.
      Dov'è finita l'umanità? 😓

      Elimina
  3. Bellissima storia di solidarietà.
    Eccola l'umanità, il problema è la disumanità della burocrazia e spesso della politica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per fortuna quello Italiano è un popolo molto solidale, e gesti del genere non sono rari.

      Elimina
  4. Le persone buone ed altruiste esistono, eccone qui un caro esempio :)

    RispondiElimina
  5. Esistono situazioni inimmaginabili. Purtroppo, con il divorzio, i padri perdono la casa, che lasciano alla moglie e ai figli, così si ritrovano con l'affitto da pagare e gli alimenti da fornire, non riuscendo più a far fronte alle spese. Sembra incredibile che due persone che si sono amate e hanno messo al mondo dei figli finiscano per odiarsi e per permettere che uno dei due finisca sulla strada. Io comunque conosco delle donne che, nonostante tutto, hanno permesso ai mariti di vivere in casa, anche se da separati, in modo da non farli finire sul lastrico.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non permetterei a mio marito di vivere ancora con me, ma sicuramente non accetterei un solo euro di mantenimento, nè per me e nè per nostro figlio, se lui fosse disoccupato.
      Vivere insieme espone i figli a frequenti litigi che possono, ahimè, degenerare, ma almeno basterebbe pensare col cuore e non col portafoglio..

      Elimina
  6. La solidarietà esiste, come le ingiustizie, i divorzi assurdi, quelli che ci provano, e mille altri casi da vedere uno per uno. Ma una cosa è certa, l'uomo con figli, è ancora bistrattato rispetto alla donna, in caso di separazione... :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È vero Franco, e non é giusto.
      Tutti i genitori dovrebbero avere uguali diritti (e doveri) dinanzi alla legge, a prescindere dal sesso.
      Ma questo, come tu ben dici, non avviene.
      Che amarezza.

      Elimina
  7. Il mio divorzio mi ha rovinato economicamente e affettivamente in generale. Non ci sono leggi che tutelino il divorziatO, per 15 anni ho pagato alimenti ad una donna che guadagnava tre volte me e non ho potuto pagare le somme per la pensione ( sono un libero professionista), Adesso è troppo tardi per tutto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questi sono i commenti che non vorrei mai leggere.
      Immagino che la tua ex moglie lavorasse a nero, per guadagnare molto più di te, senza perdere il diritto al mantenimento.
      Odio questo genere di donne. Offendono la categoria. Mio marito sa bene che se un giorno dovessimo divorziare non vorrei un solo euro da lui, e venderei subito la casa (pagata a metà) per prenderne una piccolina con la mia sola parte.
      Forse tu non hai figli, ma anche in questo caso mi fanno schifo le "donne" che li usano contro gli ex, per punirli di chissà quale errore.
      Voglio pensare che non sia mai troppo tardi.
      La pensione è solo un'utopia per molti di noi, ma la serenità è un'altra cosa. Sono certa che la troverai. Anzi, te lo auguro dal profondo.
      Un abbraccio

      Elimina
  8. Ho sempre pensato che il divorzio penalizzi l'uomo e non è giusto .
    Ho letto la storia di Liberius , ma il Giudice non ha tenuto conto
    che se la ex moglie aveva un lavoro lui non doveva pagare il
    mantenimento ? Questo è quello che ho sempre letto .
    Comunque è una storia tristissima . Ci sono poi le str....di ex che
    mettono i figli contro i Padri . Inamissibile !!!
    Auguro a Liberius un futuro migliore e tanta serenità .
    Ti abbraccio . Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti ho immaginato che sua moglie lavorasse a nero.
      Sul resto mi trovi d'accordo al cento per cento, ma purtroppo queste "donne" esistono.
      Buona giornata. Baci

      Elimina
  9. Il problema è che se nessuno avesse divulgato questa notizia nessuno avrebbe fatto niente...questa è l'Italia e per fortuna per esempio che c'è Striscia la Notizia..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In questo caso il "merito" è dei social network, che ultimamente fanno molto più rumore di qualsiasi trasmissione televisiva.

      Elimina
  10. povero cristo.
    ci sono storie tristissime, e donne moleste.
    meno male che gli uomini sanno fare miracoli quando ci si mettono

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche le Donne sanno farli.
      Quantomeno quelle degne di indossare la maiuscola.

      Elimina