lunedì 7 gennaio 2019

Al via oggi le iscrizioni a scuola: come fare

A partire da questa mattina alle ore 8 e fino alle 20 del 31 gennaio, sarà possibile effettuare le nuove iscrizioni per l'anno scolastico 2019/2020.
Fino al 2018, le domande si aprivano a metà gennaio, per terminare ad inizio febbraio.
Quest'anno, invece, il ministro Marco Bussetti ha scelto di anticipare i tempi, per avviare la macchina organizzativa che permetterà ai docenti di coprire tutte le cattedre del Paese.

Disposta la procedura online per le scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado.
Per iscriversi basterà collegarsi al sito www.iscrizioni.istruzione.it, nei suddetti tempi, e completare i campi indicati.
Per la scuola dell'infanzia, invece, la domanda resta cartacea e potrà essere consegnata a mano presso la segreteria dell'istituto prescelto, sempre dal 7 al 31 gennaio.
Ricordiamo che potranno essere iscritti alla scuola materna tutti i bambini che compiranno 3 anni entro il 31 dicembre 2019. In caso di disponibilità di posti, inoltre, saranno accettate le iscrizioni di coloro che compiranno 3 anni entro il 30 aprile 2020.
I medesimi limiti valgono per la scuola primaria, con la differenza che, ovviamente, gli anni compiuti devono essere 6.

Al momento dell'iscrizione, infine, i genitori sceglieranno se richiedere la formula del tempo pieno, o se barrare l'opzione dell'orario ridotto.
Allo stesso modo potranno esprimere preferenze di lingue straniere e/o strumenti musicali.

Insomma, non vi resta che accedere al sito e scoprire come procedere.
A tutti gli altri, invece, buon rientro a scuola, dato che proprio oggi si ritorna tra i banchi, dopo la pausa per le festività natalizie.

16 commenti:

  1. Cara Claudia, vedi passate le feste ogni mamma si trova molto occupata!!!
    Ciao e buon inizio della settimana con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
  2. che belle le procedure on-line :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma un pensiero ai genitori sprovvisti di pc o, semplicemente, non tecnologizzati, lo vogliamo dedicare? ;)

      Elimina
  3. l’espressione sconsolata di mio figlio mi accompagnerà tutta la giornata: “ci devo andare per forza?”
    porello 😌

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha
      E tu, perfida, a gongolare, vero? :P
      Lorenzo continuava a dirmi "Mamma, no sevve bimbi, no sevve bimbi". Ed io "Sì che serve. A me sicuramente!". :P

      Elimina
  4. Spiegazione utile e ben fatta, complimenti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie.
      Ogni tanto ci vuole un post utile, anche se fa poco audience. 😉

      Elimina
  5. Quest'anno si cambia scuola causa trasferimento..ho già l'ansia..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma no, dai. Quale ansia?
      Scommetto che andrà tutto benissimo. :*

      Elimina
  6. Oggi toccherà iscrivere mia figlia primogenita alle scuole superiori.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Wow.
      Crescono in fretta, vero?
      Allora invia questo link a tua moglie, così saprà come fare. ;)

      Elimina
  7. Quest'anno e il prossimo saltiamo.. ma ormai sono preparata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Preparata quanto vuoi, ma qui le procedure cambiano ogni anno.
      Sembra proprio che lo facciano apposta per metterci in difficoltà.
      Pensa che nella mia città hanno modificato le condizioni di pagamento della mensa scolastica, a partire da gennaio, ma ancora non sanno spiegarci come procedere.
      Dicono di attendere e che garantiranno comunque il pasto a tutti i bambini. Mah!

      Elimina
  8. Per fortuna ho già dato, e da parecchio tempo :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci pensi se ci costringessero a tornare tra i banchi di scuola, come nel film Immaturi? Sì, lo so che non ti piace, ma l'ho usato solo come esempio.

      Elimina

Per colpa di chi ne ha abusato, minando l'atmosfera familiare che si respira su questo blog, sono vietati i commenti anonimi, così come quelli polemici e offensivi.
Se non prendi la vita con filosofia e ami mettere zizzania, sei nel posto sbagliato.