venerdì 25 settembre 2020

Primo giorno di scuola: la mia preghiera laica

 
Oggi ricomincia finalmente la scuola, e Lorenzo inizierà il suo ultimo anno di asilo.
Vorrei precisare che, a differenza di quanto possa sembrare, l'avverbio "finalmente" non implica la mia gioia nel poter staccare la spina per qualche ora, dopo quasi sette mesi in cui mi sono occupata h24 di mio figlio, e quasi sempre da sola.
Al contrario, la gioia di questo nuovo inizio è tutta per lui, che non ha mai smesso di chiedermi quando avrebbe potuto rivedere i suoi compagni, le sue amate maestre, la pseudo normalità.

Premetto che Lorenzo è, per fortuna, molto intelligente, quindi ha capito perfettamente quale dovrà essere la sua nuova condotta. Niente baci, abbracci (un'impresa per lui che è così affettuoso), condivisione di materiale, corsa incontro alla mamma o al papà al momento dell'uscita, ecc.

La verità è, però, che per quanto si possa educare un bambino al rispetto delle regole, non gli si può impedire di vivere, di esternare la sua euforia, di toccare il mondo con le mani e con il cuore.
Lo abbiamo fatto fin troppo a lungo con la quarantena, e vi assicuro che i danni psicologici che i più piccoli hanno riportato sono ancora abbastanza evidenti.
Dunque, in attesa che questo virus smetta di agire indisturbato e che il vaccino diventi una realtà e non solo un progetto, non ci resta che vivere quanto più normalmente possibile, e sperare.

La mia preghiera è che il Covid-19 ci abbia insegnato che davvero la nostra esistenza è appesa a un filo e non possiamo permetterci il lusso di essere grossolani e superficiali.
Il senso di responsabilità genitoriale (e non solo) deve essere più forte di tutto.

Chissà se quei genitori abituati a lasciare i propri figli a scuola con qualche linea di febbre, la tosse, e il moccio verde che cola (sì, accadeva ogni giorno, non sto esagerando), si prenderanno davvero la briga di misurargli la temperatura tutte le mattine, prima di affidarli al personale scolastico.
Chissà se le maestre igienizzeranno le manine ai piccoli molto frequentemente, come promesso.
Chissà se i bambini riusciranno a non abbracciarsi, dopo mesi di allontanamento forzato.

La verità è che non lo so, e per la prima volta in questi (quasi) cinque anni di maternità, non ho il pieno controllo della situazione e non posso proteggere mio figlio da tutti i mali del mondo.
Allora prego. Laicamente s'intende.
Prego che lui sia sempre così prudente, ma al tempo stesso coraggioso. Che quest'incubo passi al più presto, diventando solo un lontano ricordo. Per Lorenzo e per me.

Buon anno scolastico, amore mio.
La decisione di mandarti a scuola è stata molto sofferta, ma lo abbiamo fatto per te, perché la tua felicità conta più di ogni altra cosa, e perché abbiamo molta fiducia nel piccolo uomo responsabile che sei.
"Mamma, ti prometto che starò attento".
Io, invece, ti prometto che andrà tutto bene, senza hashtag ed arcobaleni, ma con i nostri cuori all'unisono, come sempre.

In bocca al lupo, vita mia.
Ti amo.

48 commenti:

  1. Finalmente uno scritto sulla scuola senza troppe ansie...
    Io capisco i genitori preoccupati, ma è inutile fasciarsi la testa. Bisogna convivere con il virus...e il vaccino potrebbe arrivare - al più tardi - a marzo 2021 (forse anche qualche mese prima) per gli anziani e le persone fragili...quindi bisogna stringere i denti. Il problema è che bisognerebbe tenere i nonni alla larga dai nipoti, questo sì.
    Poi purtroppo nelle scuole c'è il rispetto rigoroso dei protocolli, ma fuori dalle scuole si creano facilmente assembramenti. Ci sono bambini e ragazzi responsabili, altri no, ma non perché siano brutte persone, semplicemente perché sono ancora..troppo giovani per capire tutto.
    Peggio i genitori che non credono nel virus.
    E mi raccomando: raffreddore? Il bambino deve stare a casa.
    Anche perché il 99,9% dei bambini il Covid lo prende in forma leggera.

    ps
    Abbraccione a Lorenzo.

    Io, invece, ti prometto che andrà tutto bene, senza hashtag ed arcobaleni, ma con i nostri cuori all'unisono, come sempre.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La convivenza col virus è per me fondamentale.
      Non so in che mondo vivano quelli che sperano in un secondo lockdown o che si auspicavano che le scuole non aprissero più.
      Magari sono gli stessi che non si sono fatti problemi ad andare a ballare in discoteca quest'estate, stretti stretti e, ovviamente, senza mascherine.

      Noi, invece, che abbiamo rispettato tutte le restrizioni... preghiamo. ;)

      Elimina
  2. Mi fa ridere che Lorenzo è in maniche corte e pantaloncini è noi siamo già con giacche è scarpe invernali. Qui la scuola è iniziata da un pò è il grande è già a casa, come un terzo della classe, con un tampone a carico. Secondo me è surreale e pure ridicolo perché certe precauzioni ci sono solo a scuola

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qui si muore ancora dal caldo, quindi le maniche corte sono un must.
      Mi spiace che tuo figlio sia già fermo.
      Non so come andrà dalle mie parti, ma sarà dura.
      Intanto, in bocca al lupo a voi.

      Elimina
    2. Confermo, anche qui uscire di giorno a maniche lunghe e pantaloni è sauna assicurata!

      Elimina
    3. Io muoio già con pinocchietti, t-shirt e infradito. :))

      Elimina
  3. Preoccuparsi sì, essere negativi no. Direi che lo spirito adottato sia quello giusto. Lorenzo è bravo e intelligente, starà sicuramente facendo la sua parte con responsabilità. 😊

    RispondiElimina
    Risposte
    1. All'arrivo a scuola la maestra Antonella gli ha chiesto "Lorenzo, mi riconosci così bardata?", e lui ha risposto "Più o meno".
      Sono scoppiati tutti a ridere.
      E' ironico e ottimista come me. E contribuirà a tenere tutti allegri. ;)

      Elimina
  4. Condivido il tuo post, non puoi impedire, nei limiti della situazione attuale, ad un bambino di vivere e vivere per loro è toccare, sperimentare, abbracciare. Un grande in bocca al lupo a te ed a Lorenzo di tutto cuore.

    RispondiElimina
  5. Ma quant'è bello Lorenzo, io che sono coccolona se ce l'avessi tra le mani lo strapazzerei.
    Credo che alla lunga avremo tutti a che fare col virus, che spero si indebolisca col tempo. Fai bene a farlo felice :) in quanto ai genitori che mandano i ragazzini a scuola con la peste addosso, temo che dietro non ci sia solamente menefreghismo e incoscienza, ma anche qualcuno che se si assenta dal lavoro rischia il licenziamento :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo lo stato è assente con le mamme lavoratrici, e questo l'ho sempre detto.
      Soprattutto dalle mie parti, non puoi prendere permessi al lavoro senza preavviso e per un banale raffreddore, e non tutti hanno nonni, zii e simili a cui affidare i figli.
      PERO' non è giusto che per colpa di questi casi debbano ammalarsi decine di bambini.
      Crescere i figli, ormai, è diventato un lusso, una possibilità che non tutti hanno. Ma bisogna preventivare tutto, senza lasciare le cose al caso.

      Elimina
  6. Buona scuola Lorenzo!!!1
    tanti tanti baciotti ..virtuali!!
    stiamo positivi ..tanto con 'sto "simpaticone" alla fine ci dobbiamo convivere ..dunque seguiamo le regole ..sopratutto gli adulti..!!
    i bambini secondo me a volte sono più bravi ..ti ascoltano e cercano di seguire le regole
    gli adulti spesso fanno come c***o gli pare ..tranne poi lamentarsi allo sfinimento quando vengono puniti..
    IMPORTANE è: che oggi Lorenzo inizia scola ..il futuro lo scopriremo vivendo ..
    ciao
    p.s. ti vedo che stai festeggiando !!..non scusa che stai piangendo la mancanza di Lorenzo ;))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahaha
      Festeggiano le mie orecchie (visto che lui parla a mitraglietta ininterrottamente), ma non io.
      Troppi distacchi, ultimamente.
      Da pochi giorni ha imparato a dormire nella sua stanzetta. Ma la tristezza lascia presto il posto alla soddisfazione di star crescendo un piccolo uomo autonomo e coraggioso. <3

      Elimina
  7. Credo che la sua espressione felice al momento di ripartire la dica lunga su quanto desiderasse ricominciare. Sette mesi sono tanti, sopratutto per un bambino. Lui è un bimbo responsabile e con i piedi per terra, sono sicura che starà attento il più possibile.
    Io gli mando un abbraccio amorevole come se lo conoscessi, perché gli si vuol bene anche a distanza a questo ometto qui. Sul Serio.
    E anche a te che lo vedi uscire con un po' di apprensione. Baci.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Sara.
      Come ti ho detto altre volte, sono certa che lo adoreresti se lo conoscessi davvero.
      Ricambio l'abbraccio. :*

      Elimina
  8. Forte tuo figlio !!! Lorenzo il Magnifico . Vedo lui e la mia nipotina .
    Stesso sorriso furbetto , occhiali , zainetto giallo per Nora .
    Sono da coprire di baci .
    Mi sembri un po' troppo preoccupata per il Covid . Non mi risulta che in
    Puglia ci siano così tanti casi . Sicuramente Lorenzo ti darà ascolto e
    si comporterà secondo le tue raccomandazioni .
    Un forte abbraccio a tutti e due . Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Francamente non sono mai stata troppo preoccupata, considerando che appunto nella mia regione i contagi sono sempre stati bassi.
      Qualche settimana fa, però, abbiamo avuto un focolaio a soli dieci chilometri da casa. Si tratta di circa 100 persone, ma abituati come siamo a numeri quali 20, 30 o su di lì, è stata una bella botta.
      Di sicuro, però, così come accadeva a marzo, non ho nessuna intenzione di barricarmi in casa per la paura del contagio.
      Mi restano ancora cinque vite (delle sette dei gatti)... Saprei affrontare anche questa impresa. ;)
      Un bacione a te.

      Elimina
  9. Io prego che con le aperture in tutta Italia delle scuole non succeda il finimondo, che vada tutto bene, per Lorenzo e per tutti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Penso che le scuole siano l'ultimo dei problemi.
      Quest'estate hanno fatto carne da macello ovunque e i risultati li stiamo vedendo.

      Elimina
  10. Che l'avventura cominci!
    Per tutta la famiglia, non solo per Lorenzo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A te è già iniziata.
      Chissà se come Nia hai già avuto qualche erede in isolamento forzato...

      Elimina
    2. Per ora no, speriamo che la botta di cu*o continui!!!

      Elimina
  11. Bellino della zia che è tuo figlio :)
    Comunque quest'anno per i più piccoli è stato pazzesco, sicuramente. Scaraventati in nuove abitudini senza probabilmente capire molto dei motivi scatenanti. Non sarà sicuramente nemmeno semplice trattenersi dal fare cose normalissime prima, come condividere un gioco, abbracciare un amichetto.
    Ma sono sicura che andrà tutto bene e che sapranno godersela lo stesso <3
    Buon anno scolastico a tutti i nostri piccinini :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuramente la quarantena li ha destabilizzati molto.
      Le nuove norme, invece, gli appariranno presto normali, perché i bambini hanno un forte spirito di adattamento, a differenza di noi adulti.
      Buon anno scolastico anche ai tuoi nipoti.
      Un bacio.

      Elimina
    2. Pensa che hanno iniziato ieri ed oggi e domani a casa perché c'è stato un incendio in una sede di smaltimento dei rifiuti, quindi nube tossica a spasso per città. Viva questo 2020 xD

      Elimina
    3. No vabbè, che sfiga!
      Sembra una barzelletta...
      Maledetto anno bisesto...

      Elimina
  12. In bocca al lupo davvero! Capisco molto bene le tue preoccupazioni...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per fortuna non sono mai stata ansiosa, altrimenti non sarei riuscita a trasmettergli tanta serenità.
      Però il timore è inevitabile.

      Elimina
  13. Speriamo che andrà veramente tutto bene, anche io sono in ansia per la mia nipotina di cinque anni, che venerdì è tornata in asilo dopo la chiusura. Speriamo e preghiamo in qualunche modo che non succeda niente. Ciao Claudio e buon fine settimana, Angelo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In bocca al lupo anche alla tua nipotina, allora, coetanea di mio figlio.
      Un bacio.

      Elimina
  14. Complimenti Claudia a l tuo bel Lorenzo che nella foto ha un sorriso enorme che mostra la sua grande gioa a ritornare a scuola, al suo tran tran quotidiano che gli è tanto mancato in questi mesi.
    Sono fiduciosa sul fatto che tutti a partire dai più piccoli, per andare sui più grandi saranno attenti e tutto andrà per il verso giusto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io diffido un po' dalla responsabilità e correttezza degli adulti.
      I bambini, come al solito, hanno molto da insegnarci...

      Elimina
  15. Anche i miei figli sono ritornati a scuola dal 14, un grande in bocca al lupo a Lorenzo.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
  16. che distacco...
    da noi si chiamano farfalle i bambini dell'ultimo anno della materna
    volano verso il mondo
    penso a Mary Popins al suo ombrello volante
    Auguri Lorenzo futuro guerriero.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bello il paragone con le farfalle.
      Buon fine settimana. 😘

      Elimina
  17. In bocca al lupo per questo nuovo anno scolastico. Penso sarà felice anche di ritrovare i compagnetti. Un salutone a te.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siiiì, non vedeva l'ora.
      Infatti è tornato super euforico.
      Un bacio.

      Elimina
  18. I bimbi come Lorenzo ( complimenti! Un vero amore!) sono molto ubbidienti e coscienziosi. Le maestre hanno rigidi protocolli da seguire e tutto andrà bene. Purtroppo, man mano che crescono, i ragazzi cominciano a non preoccuparsi più per le regole e anche certi genitori non controllano che i loro figli si attengano ai regolamenti. Non ci resta che sperare che vada tutto bene! Un grosso "In bocca al lupo al tuo bravissimo e simpaticissimo bimbo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Effettivamente credo che saranno più problematiche le scuole medie e superiori di asili ed elementari.
      Paradossalmente da piccoli i bambini sono più gestibili, anche se non tutti.

      Elimina
  19. Qui da noi la scuola è iniziata già da un po', ma è notizia di ieri che una scuola accanto a quella di Michelle ha lasciato a casa 43 alunni, due classi in attesa dei tamponi, e si sta procedendo come da norme. Penso che attiveranno di nuovo la didattica a distanza. Per ora nel Istituto di Miki è tutto apposto. Il controllo della febbre avviene ogni mattina direttamente a scuola prima di entrare e consegnano le mascherine. L'intervallo si fa seduti nei banchi. Ginnastica al aperto. Speriamo ciao Valeria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La didattica a distanza sarà un disastro, così com'è stato a marzo.
      Io spero davvero per gli studenti che si possa evitare.

      Elimina
  20. Buon anno scolastico, Lorenzo ! Un saluto alla tua mamma !

    RispondiElimina
  21. buon anno scolastico!!! Sulla responsabilità genitoriale di molti ho qualche dubbio purtroppo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ce li ho anch'io i dubbi.
      Purtroppo. Ma che scelta abbiamo?

      Elimina

Per colpa di chi ne ha abusato, minando l'atmosfera familiare che si respira su questo blog, sono vietati i commenti anonimi, così come quelli polemici e offensivi.
Se non prendi la vita con filosofia e ami mettere zizzania, sei nel posto sbagliato.