mercoledì 16 dicembre 2020

Albero o presepe? Per me entrambi (anche se sono atea)

Mi sono chiesta più volte cosa spinga le famiglie italiane a scegliere tra la preparazione dell'albero e quella del presepe, in occasione del Natale.
Mi pare che i più preferiscano il secondo.
Io, invece, li adoro entrambi e avendo a disposizione parecchio spazio, posso permettermi di non rinunciare a nessuno dei due.

Chiarisco, per eventuali hater o polemici di turno, che la mia scelta di preparare il presepe non è assolutamente incoerente col mio ateismo. Anzi. Vi spiego perché.
Per me il presepe non ha alcuna valenza religiosa. E' come andare a teatro, o al cinema, per guardare un bel film.
Mi piace dal punto di vista dello spettacolo e del calore che emana, non per il suo significato, appunto, religioso.
Potrei allestire in salotto un teatro dei burattini, è vero, ma magari lo farò in altri periodi dell'anno, chissà.
Con questo, come al solito, non voglio minimamente offendere o giudicare i credenti, ma invitarli ad aprire la mente e a non condannare chi (come me) la pensa diversamente da loro.
Ma andiamo avanti e perdonate la piccola precisazione off topic.

Come vedete nelle foto che ho inserito in alto, e che vi propongo di seguito anche separatamente, non lesino sulle decorazioni, sebbene per tradizione le prepari dal sette dicembre al sette gennaio, non un solo giorno in più.
Non amo, infatti, chi decora la casa o il balcone già dal mese di novembre, poiché mi incute un po' d'ansia. (Ma questo è un altro discorso che abbiamo già affrontato in passato, e non vorrei divagare ancora).



Insomma, eccovi il mio angolo di Natale casalingo.
Che ne pensate?
Avete già decorato la vostra casa? Di solito preparate l'albero, il presepe, o entrambi?

Vi regalo anche un piccolo video che ho girato qualche sera fa con lo smartphone.
La musica che sentite in sottofondo non è stata aggiunta, ma viene emessa dal trenino che ruota ai piedi dell'albero.

53 commenti:

  1. Per decenni la mia famiglia di origine ha fatto l'albero, prima cercandone uno vero con l'aiuto di un mio zio che stava nel Corpo Forestale e ci procurava degli alberelli, a detta sua, ricavati in modo controllato dalla nostra pineta Regina; poi passammo all'albero finto, del quale scoprii essere più inquinante di una decina di alberi veri "uccisi" per essere addobbati in salotto. Si tratta infatti di alberi, realizzati con materiali plastici, quasi certamente in Cina, che viaggiano via nave non certo in barca a vela...
    In occasione di uno dei primi Natali da fidanzato, la mia ex mi regalò una piccola Sacra Famiglia in terracotta, realizzata e dipinta a mano in Perù, che da allora allestisco velocemente ai primi di dicembre.
    Nemmeno io do al presepe un significato religioso, piuttosto tradizionale, ma tranquillamente allestirei il castello di Hogwarts di Harry Potter, Fantàsia della Storia Infinita, la Città Incantata di Miyazaki o il ponte di comando dell'Enterprise se i personaggi si trovassero facilmente come i pezzi del presepe.
    Tra i due, da vedere preferisco il presepe specie se ricco di piccoli dettagli anche non necessariamente animati.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ricordo la foto carinissima del tuo presepe.
      Comunque non saprei dirti quale apprezzo di più, perché li ho sempre fatti entrambi.
      Quando Lorenzo iniziò a gattonare li riprodussi in versione mignon, sul frigorifero, pur di non rinunciarvi.

      Elimina
  2. Anche a casa mia facciamo sia l'albero che il presepe quest'ultimo più sentito perché in famiglia siamo chi più chi meno credenti.
    La materia non può essere nata dal nulla...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molte volte le tradizioni si rispettano, come nel mio caso, perché apprezzate al di là drl credo da cui nascono.
      Comunque posso dirti che mio figlio adora il mio presepe e lo elogia sempre con amici e conoscenti. Però senza l'albero comunque la casa gli sembrerebbe vuota.

      Elimina
  3. Anch'io li faccio entrambi anche se non ho un presepe da Guinness dei primati e di dimensioni giganti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche il mio non è da guinness, dai.
      Ho spazio in salotto e mi piace sfruttarlo. 😉

      Elimina
  4. A casa mia da anni metto un alberello finto e un presepe di scus(cartoccio di pannocchia)-Buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarà un presepe molto caratteristico. Non conosco il materiale.
      Buona giornata a te.

      Elimina
  5. qua siamo in una succursale dei mercatini della Val di Non ;)))
    no dai negli ultimi anni mi sono un pò ridimensionata ..albero 1,80.. il presepe(da Maria ..alle pecore..casa ..Stella ) quello che avevo da anni e anni l'ho regalato ...e l'ho già visto allestito..adesso ho una sacra famiglia fatta da uno dei scultori della mia associazione ..è in legno ..che tiro fuori a Natale ..poi ne ho uno piccolino..ino in una cassettina ..molto bello ..poi ci son angeli ,babbo natale ,stelle ..adesivi sulle finestre ..insomma si vede il natale a casa mia ..ah e fuori altro albero.. solo luci..alto più di 3 metri ..poi cornice luminosa e piccolo albero( 1 metro )..regalo...ingresso casa .. e renna luminosa su poggiolo cucina ..e alcuni gnomi e renna in legno sparsi per il giardino...ma mi son ridimensionata ..;)))))
    mi piace tanto il natale ..come dico sempre ci son anche nata a natale ;))) ... fin da piccola ho sempre addobbato casa con quel poco che avevo e tanta fantasia i miei non erano per spese x decorazioni allora muschio ,carta ,rami ginepro ,e FANTASIA e la casa risplendeva letteralmente ..per me è un modo di festeggiare ..
    il natale mi piace TANTO ....ma sotto sotto mi dà una malinconia ..tipo vedo film natale spessissimo ...in questo periodo ..alla fine spesso però arrivano lucciconi ;(


    ciao
    bellissimo il tuo albero con trenino sotto
    ed il presepe scenografico

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Parleremo dei film di Natale sabato prossimo, spero che tornerai a raccontarmi il tuo preferito.
      Immagino la tua casa come un villaggio di Babbo Natale e la adoro!!
      Non ho mai perso lo spirito natalizio, nonostante questo periodo sia molto duro per me, poiché ricorra l'anniversario della perdita di mio padre.

      Quest'anno Lorenzo mi aveva chiesto di addobbare anche il balcone, ma sta piovendo così spesso che ho avuto paura di corti circuiti, e ho rimandato al prossimo anno.

      Elimina
  6. Si li faccio entrambi.
    Però sai cos’è..?
    Passato l’effetto meraviglia immediato sia per l’albero che il presepe mi viene sto pensiero: cazzo sono uguali all’anno scorso ..che erano uguali all’anno prima..e così via.
    Dovrei cambiare decorazioni e statuine ogni anno per farli veramente “diversi”.
    In compenso mo sbizzarrisco con le luci esterne che cambio spesso di posizione durante il periodo in corso 😘
    Ciao e belli sia l’albero che il presepe..tuoi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io, invece, cambio albero e presepe ogni anno.
      Ho addobbi di tutti i colori che uso a rotazione.
      Quest'anno ho messo quelli bianchi, con le luci blu.
      L'anno prossimo userò quelli rossi, con le luci bianche.
      Per il presepe, invece, le statue contano poco. È la base che fa la differenza. E allora mi sbizzarrisco aggiungendo laghetti, steccati, caverne, ecc.
      Quest'anno ho avuto poco tempo, ma per il prossimo mi impegnerò molto di più. 😉

      Elimina
  7. Ci sono tradizioni nella mia famiglia che si tramandano dai tempi dei nonni. Una è il presepio. Mia nonna lo faceva sempre, con poche statuine di gesso e il muschio che nelle mie zone non manca mai e le montagne con la carta del pane. Poi negli anni mia nonna ha regalato le statuine di gesso a mio cugino e io gliele ho comprate di terracotta. Gli ultimi anni lei aspettava me, che salissi e gli facessi il presepio in una grande cesta. Quelle statuine le ho io in ufficio e ogni anno le tiro fuori pensando a lei. Quando le ritirava le avvolgeva una a una nella carta da cucina e io ho ancora la stessa carta. A casa mia tocca ai miei figli addobbare la casa, Michelle è l'addetta al albero, Andrea al presepe. Ma entrambi li addobbano come hanno visto fare da me. Andrea ha sostituito il muschio, perchè qui ha nevicato, con il pane grattugiato per fare il deserto, le montagne sempre con la carta del pane come facevo io. Michelle continua a mettere le palline le più grandi in fondo, le più piccole sopra, i festoni luccicanti e le palline che hanno fatto i miei figli negli anni, come le ho insegnato io.
    Queste sono le nostre tradizioni. Il tuo è molto bello, pieno di particolari. Un abbraccio Valeria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi hai fatto ricordare che quand'ero piccola amavo creare le statuine del presepe col Das, sotto la guida di mia madre che è un'artista.
      Le dipingevamo con le tempere e anche se erano piuttosto imprecise e bruttine, per noi erano il top del top.
      Qualche anno dopo, però, acquistammo delle vere statuette e lei mi insegnò a creare presepi sempre più articolati.
      Da quando sono sposata, giocosamente, facciamo una gara a chi prepara il presepe più bello.
      Quest'anno mi ha battuta alla grande. Sono rimasta abbagliata dalla particolarità e dalla ricchezza di dettagli a cui ha dato vita.

      Un bacio a te.

      Elimina
    2. Pensa che mia mamma ha un presepe fatto con le bottiglie di succo di frutta rivestite di Das, fatto da Andrea quando aveva tre anni. Ma quest'anno la mia mamma è triste e non ha fatto nè l'albero, nè il presepe, ho provato a convincerla ma non c'è verso. Cercherò l'aiuto dei miei figli per convincerla, magari lo fanno insieme.
      Un altra cosa carina che non ti ho detto che a casa mia le statuine del presepio camminano, quando passano li davanti o Andrea o Michelle ne sposta qualcuna, come quando erano piccoli eheh!

      Elimina
    3. Ahahah
      Mi hai fatto ridere un sacco.
      Qui, invece, il problema sono le pecorelle che, pascolando pascolando, finiscono sempre ovunque... Chissà perché... 😉

      Comunque mi dispiace per la tua mamma. Ti racconto un aneddoto molto triste.
      Papà morì il 17 dicembre, quando in salotto c'erano albero e presepe giganti che allestivamo tutti insieme per l'Immacolata.
      Essendo un sabato e con le chiese tutte impegnate con i presepi, fummo costretti a vegliarlo a casa fino al lunedì mattina.
      Quindi, togliemmo tutti gli addobbi in quattro e quattr'otto, perché l'atmosfera della festa non aveva alcun senso.
      Il giorno dopo il funerale, però, in accordo con mia madre e per tutelare mio fratello che era giovanissimo, decidemmo di ripristinare gli addobbi, per respirare un soffio di normalità.
      Papà adorava quando mamma creava il suo fantastico presepe e se avesse potuto dirci qualcosa, sicuramente ci avrebbe chiesto di farlo ancora e per sempre. 🖤

      Elimina
    4. domani è il 17, per noi è il compleanno di Gio. Bellissimo questo tuo ricordo, bellissimo pensare che avete tramandato questa cosa anche quando lui non c'è più. Ecco perchè la tua mamma avrà fatto un presepio bellissimo, pensando a lui. Come le statuine di terracotta della mia nonna, insolito vederle in un ufficio ma io le ho qui sulla mia scrivania e penso a lei. Un abbraccio

      Elimina
    5. Il posto di quelle statuine è accanto al tuo cuore, dov'è giusto che sia.
      Non ricordo chi sia Gio, perdonami.
      😔

      Elimina
    6. mio marito, ma è a lavorare in Liguria e non so se rientrano domani...ma la torta Michelle gliela farà lo stesso

      Elimina
    7. Ah ecco.
      Beh,rientrasse anche la sera, sono certa che Michelle e Andrea non gli faranno mancare dei festeggiamenti come si deve. E anche tu. 😘

      Elimina
  8. Faremo entrambi, come sempre!
    Il problema è che stiamo dissipando il vantaggio..l'albero è fermo alle lucine da 3-4 giorni, il presepe è ancora a zero :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo sai, vero, che fra una settimana è già la Vigilia?!?!?!

      Elimina
  9. A casa nostra ci sono sempre stati entrambi. Da qualche anno però non facciamo più l'albero (lo facevamo più che altro per i figli quando erano più piccoli, così ci mettevamo i regali sotto), invece mettiamo delle decorazioni in giro. Anche il presepe si è evoluto: da quallo classico, siamo passati a piccoli presepi di vario genere (mio marito li colleziona), anche quelli distribuiti in giro per casa. Quelli che mettono le lucine a metà novembre non li sopporto manco io!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bello collezionare i presepi.
      Io ne ho solo uno piccolo, in una palla di Natale, realizzato artigianalmente da una mia amica.
      Lo acquistai due anni fa e lo appendo al centro dell'albero.

      Elimina
  10. Tutto molto bello e quel trenino mi piace tanto ;)
    Da piccolo mi piaceva preparare il presepe a casa di mia nonna, a casa mia invece l'albero che presepe mai aveva :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E tutt'ora fate solo l'albero?
      Potresti proporre ad Angela di riprendere le tradizioni della nonna.

      Elimina
    2. Sì, mentre l'altra cosa no, decisamente no, troppo "disordine" :D

      Elimina
  11. Da me la magia è andata completamente persa. Un tempo da mia madre facevamo albero e presepe, a quest'ultimo ci pensava mia sorella che aveva tanta fantasia; avevamo una serie di Gesù Bambini con cui giocavamo a rapirceli, e c'era pure quello cattivo (con la faccia venuta particolarmente torva). Poi la valigia con le statuine e il resto è andata buttata dopo l'invasione di piccioni in soffitta, ed è rimasto solo l'albero. Mia madre una volta rimasta sola è stata capace, per svogliatezza, di lasciarlo nella mia ex camera da un Natale al successivo. Da sposata mio padre mi regalò un presepe abbastanza ingombrante fatto a mano da mio zio (non una delle sue opere migliori), che ho dato via insieme all'albero prima di traslocare qui. In giardino ho un abete vero, un po' difficile da rivestire di luci per distribuzione disomogenea dei rami, ma un certo effetto lo fa. Avrei anche un proiettore laser che mi scordo sempre di metterci. A mio figlio non frega niente di allestimenti e addobbi, e se non mi avesse aiutato il compagno non avrei fatto nulla.
    Tu sei bravissima, l'albero è molto raffinato e adoro quel trenino!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il trenino è la new entry di quest'anno. Lo ha regalato mia suocera a Lorenzo, al suo compleanno, sapendo che impazzisce per qualsiasi cosa abbia a che fare con Babbo Natale.
      Lo spirito natalizio è qualcosa che non tutti hanno.
      Io non sono riuscita a perderlo nemmeno quando il periodo ha cominciato a parlarmi solo della mancanza di mio padre.

      Elimina
  12. Io, in questi giorni , preparerò il presepe. Pensa che le statuine sono ancora quelle di quando ero piccola (ora sono in pensione !!), ci tengo che siano sempre quelle , sono un ricordo dei miei genitori , che non ci sono più. L'albero l'ho fatto per diversi anni, era un pino finto, poi, quando si son rotti i rami, non l'ho più fatto , anche perchè non ho molto spazio. Ciaooo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bello che le conservi ancora.
      Immagino sia come se tu faccia il presepe ancora con/per loro. <3

      Elimina
  13. La scelta può sussistere sia per questioni di spazio che per gusto personale. A me ad esempio fare il presepe non è mai piaciuto e se anche avessi una casa enorme eviterei. Al massimo mi piacciono quelli da guardare, ma farli è un altro paio di maniche.
    Sempre preferito l'albero. Il tuo è bellissimo, comunque ;)
    Baci.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie.
      A me piace tutto quello che ha a che fare con la creatività, anche se non sono mai stata pratica con le attività manuali.
      Magari trascorrerò la terza età a ricamare a maglia? Ahahaha

      Elimina
  14. Io quest'anno non faccio nulla. Comunque in soffitta ho ancora il presepe che usava fare mio padre (tipo il tuo). Da quando sono rimasta sola ho sempre fatto solo l'albero (finto), diverso negli anni...prendendo in montagna degli addobbi in legno fatti da uno scultore. Non ho molto spazio. Comunque in questo momento verrei volentieri a trovarti, per assaporare un po' aria di festa. Ciao cara Claudia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti farebbe proprio bene passare da qui... <3
      Comunque il mio presepe non è rigido, come credo sia quello di tuo padre.
      Non ha nessuna base. Ogni anno ricavo grotte e tutto il resto, sul mobile del salotto, con l'apposita carta, dei libri e delle scatole di scarpe. ;)

      Elimina
  15. Da bambina facevo l'albero e il presepe . Il muschio lo andavo a raccogliere nei boschi e il laghetto con la stagnola . Quando Mamma si è trasferita in
    Liguria , ha regalato o buttato TUTTO . Per anni non ho quasi festeggiato
    il Natale . Per le mie figlie ho sempre fatto solo l'albero .
    Quest'anno il Natale quasi non lo sento dato la situazione e , senza figlie
    e nipotina , solo tristezza .
    Bellissimo il tuo , chissà com'è contento Lorenzo .
    Un caloroso abbraccio . Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lorenzo ne è stato felicissimo.
      Non vedeva l'ora che decorassi la casa.
      Credo che l'albero o il presepe possano scaldare il cuore anche a te, nonostante quest'anno il Natale appaia lontano anni luce da noi.
      Anche senza figlie e nipotina... <3

      Elimina
  16. Adoro entrambe le cose, anche se preferisco l'albero perché il presepe mi sa spesso di sporco.
    M piace vederlo, farlo, col muschio e tutto... però boh, in casa mi sembra una cosa "di troppo", rispetto all'albero.
    Devo scenderne sempre a patti.
    Da piccolo mi faceva impazzire, ma usavo poi muschio, montagne di cartapesta e tavolone enorme di legno (con i bordi) dove lo realizzavamo... per giocare coi lego, costruendoci i set per castelli e pirati^^

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io uso il muschio sintetico, infatti, altrimenti quella sensazione di sporco viene anche a me.
      Va detto, però, che quello naturale è molto più bello e performante.

      Elimina
  17. Come hai visto dalle mie foto li faccio entrambi, in famiglia siamo credenti, però farei il presepe anche da atea. Bello anche il trenino!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il tuo presepe è gigantesco, e colora l'intera casa.
      Ci credo che lo faresti a prescindere da tutto.
      Trasmette molta serenità.

      Elimina
  18. molto bello, brava e non mollare.
    chiedi e rispondo: da noi facciamo entrambi ma diamo il meglio nel presepe della borgata. Collaborano tutti e spuntano anche personaggi non proprio del presepe classico. C'è il nano Berlusconi, Diego, Papa Francesco, due cani, un serpente, non ti dico le pecorelle e pastori. L'asino e nano mentre il bue è gigantesco. Non manca il briaco come il prete...
    Piace e al bambinello non mancano mai le caramelle, lasciare da mani ignote

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fate anche il presepe vivente?
      Dalle mie parti prima del Covid ne facevano tanti e mi piaceva andarli a visitare.

      Elimina
  19. Io li faccio entrambi, molti anni fa era d'obbligo l'albero vero (forestale ecc. tutto in regola) e siccome erano molto grandi riempivano il salone, lo spazio lo consentiva, ma con il passare degli anni il trasporto è diventato sempre più problematico e quindi decisione albero finto, ma sempre grande. Il presepe è sempre diverso fatto artisticamente, prossimamente posterò entrambi sul blog, una tradizione comunque che viene da molto lontano e mi piace ricreare l'atmosfera soprattutto da quando mio figlio è nato e ora per i nipotini, anzi la piccola Chiara mi aiuta nella realizzazione dell'albero. Quest'anno ha addobato anche tutte le maniglie con palline e affini, mobili e soprammobili, un passatempo per tutti. Ciao Claudia e buona serata, Angelo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma che meraviglia decorare persino i mobili.
      Non vedo l'ora di vedere le foto sul tuo blog.
      Buona serata. 😘

      Elimina
  20. Ciao Claudia...con me parlando del presepe tocchi un tasto giusto, non so se te l'ho già detto ma sono una presepista in alcune parrocchie del mio comune. Ho la passione per il presepe e amo costruirmi da me le ambientazioni e le case di sughero e di tegole. Comunque sono anche un'amante dell'albero e non rinuncio né all'uno né all'altro, perlomeno, fino a questo anno maledetto. Non me la sono sentita.,, nemmeno in parrocchia. Ciao Claudia e buona serata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma che peccato. Avresti dovuto, invece.
      Proprio per donare un po' di amore e speranza ai tuoi compaesani, e non solo. 😔

      Elimina
  21. A casa mia ambo le cose sempre. A me poco importante essendo ateo, ma mia madre ci tiene e per me va bene così. Ogni suo desiderio per me è sinonimo di gioia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bella questa dichiarazione d'amore verso tua madre... ❤️

      Elimina
  22. Da piccola sempre e solo il presepe. Ho iniziato ad addobbare l'albero dopo sposata. Adesso un piccolo albero e una capanna sul pianoforte. Un altro piccolo albero in cucina, così posso godere delle sue luci sia in una stanza che nell'altra.

    RispondiElimina
  23. Noi facciamo albero e villaggio di Natale. Interessante comunque la tua interpretazione del presepe da atea, che sento di sposare in pieno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi hai fatto venire in mente che potrei realizzare il villaggio di Babbo Natale al posto del presepe.
      L'anno prossimo ci lavoro su. 😉

      Elimina

Per colpa di chi ne ha abusato, minando l'atmosfera familiare che si respira su questo blog, sono vietati i commenti anonimi, così come quelli polemici e offensivi.
Se non prendi la vita con filosofia e ami mettere zizzania, sei nel posto sbagliato.