domenica 13 dicembre 2020

Perché si dice che quello di santa Lucia sia il giorno più corto dell'anno?

 
Buongiorno e buona domenica.
Oggi si festeggia santa Lucia (auguri a tutte coloro che portano questo nome).
Per tradizione, questo viene considerato il giorno più lungo dell'anno, anche se non è propriamente vero.
Vediamo perché.

Fino al 1582, il solstizio d'inverno cadeva tra il 12 e il 13 dicembre.
Pertanto, quella di santa Lucia era, appunto, la notte più lunga dell'anno, poiché diminuivano le ore di luce.
Da allora, però, il solstizio cade il 21 dicembre, quindi questa giornata ha tolto lo scettro a quella di santa Lucia.

Tantissimi sono i proverbi e le filastrocche dedicate alla santa, ma chi era Lucia?
Secondo la tradizione, si tratta di una ragazza di Siracusa nata sul finire del III secolo a.C. e morta il 13 dicembre del 304, quando aveva solo 21 anni.
Condannata al martirio dalle persecuzioni di Diocleziano ai danni dei cattolici, secondo la leggenda le furono tolti gli occhi.
Sarà anche per questo che viene considerata la patrona della vista.

Come detto, esistono tanti proverbi per ricordarla.
Io ho scelto il più famoso.
Voi ne conoscete altri?

26 commenti:

  1. Sapevo che era la patrona della vista. Interessante l'altro aspetto di cui non sapevo molto. PS se passa me eccezionalmente anche stamattina ho qualcosa per te.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie. Sei stato molto caro a pensare al mio blog.
      Io non partecipo a queste iniziative, ma ti commenterò con piacere.

      Elimina
  2. Grazie per questo post molto interessante.Buona domenica

    RispondiElimina
  3. Non ho capito bene . S.Lucia dici che è nata a.C ma , il Cattolicesimo non
    è nato con Cristo ?
    La Reliquia della Santa si trova a Venezia appunto nella chiesa di S.Lucia .
    L'ho vista diverse volte ( le zie andavano a Messa lì essendo la loro
    Parrocchia). L'ho pregata di proteggermi la vista e devo dire che alla
    mia "veneranda età" ci vedo ancora bene . Grazie S.Lucia .
    Buona Domenica a te . Laura***

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ovviamente la datazione a.C. è postuma, gli anni non si contavano a ritroso all'epoca... E pare ci sia comunque un buco di vari decenni dei quali non esiste traccia in termini di fatti accaduti.

      Elimina
    2. Laura, non posso aiutarti. Lo sai che sono disinformatissima in quanto a religione. ;)

      Elimina
  4. La storia di Santa Lucia mi era nota. Certo che gli antichi Romani, bell'esempio di civiltà eh? E li si deve pure studiare...

    Cooomunque, di Santa Lucia conosco un detto che si può collocare immediatamente dopo il tuo, di origine contadina: "Dopo Santa Lucia la giornata si allunga di un passo di gallina"
    Se infatti è il giorno più corto dell'anno in termini di ore di luce, dal giorno dopo il tramonto inizia a posticiparsi, anche se in maniera poco percettibile, appunto di un passo di gallina alla volta.😊

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci farò caso, allora, a questi piccoli passi di gallina.
      Domani pomeriggio mi metterò a contemplare l'orizzonte. ;)

      Elimina
  5. A Siracusa oggi c'è Il santuario della Madonna delle Lacrime forse anche quelle cadono dagli occhi. Il solstizio di inverno era il giorno che le giornate iniziavano a crescere e scapito della notte...giorno magico per i Celti quando i Druidi circondati da corone di vischio bruciavano rami ci quercia e di cinepro... Salutavano guerrieri erranti nel cielo in scontri apocalittici che tornavano ai luoghi di origine

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non conosco la Madonna delle Lacrime.
      Sarà quella che lacrima sangue di tanto in tanto?

      Elimina
  6. Auguri a mia sorella e a tutte le Lucie :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È vero. Tua sorella!
      Me n'ero completamente dimenticata.

      Elimina
  7. Proverbi no, protettrice degli occhi sì, Auguri a tutte le Lucia, anche la sorella di Riky ;)

    RispondiElimina
  8. Mia madre fa di secondo nome Lucia ( io non me ne ricordo mai ...😂) infatti nel web utilizza il secondo nome associato alla traduzione in inglese del suo cognome!
    Un genio e pensa che lei è molto più informatica di me.
    Era sul web ancora prima che cominciassi a frequentare io🤔😱
    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tua madre è avanti, c'è poco da fare.
      Ed è troppo simpatica!!!

      Elimina
  9. Ciao Claudia, da noi a Bergamo è santa Lucia che porta i doni ai bambini e la tradizione vuole che arrivi di notte con un asinello, e per questo si usa lasciare del fieno fuori dalla porta di casa, oltre a lette e biscotti per la Santa sul tavolo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bella questa tradizione.
      Quindi doppi doni per i vostri bambini, perché immagino che credano lo stesso a Babbo Natale.

      Elimina
    2. Adesso non lo so, ai miei tempi era solo S.Lucia!

      Elimina
  10. Io mi limito a esclamare "Santa Lucia!!" quando non si vede qualcosa di palese :p
    Ma penso anche alle mozzarelle.
    Per me comunque resta sempre il giorno più corto... nel senso che la mia mente da domani pensa che c'è già più luce^^

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo che la tua esclamazione è come il cacio sui maccheroni e sta bene molto spesso, per quel che mi riguarda.
      Anche senza nessun nesso con la vista. 😅

      Elimina
  11. Me lo sono sempre chiesta in questo giorno, per cui ti ringrazio per aver risposto alla mia curiosità ;)
    Buona domenica sera.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Felice di esserti stata utile, allora.
      Buon inizio di settimana. 😘

      Elimina
  12. Qui a Palermo la festa di S.Lucia è molto considerata, per quel giorno non si mangia pane, pasta e derivati e poi si usa fara la "CUCCIA" un dolce fatto facendo bollire i chicchi di frumento dopo essere stati ammollati per qualche giorno conditi con crema latte e cioccolato, ma la più richiesta è con la ricotta simile ai cannoli, buonissima. Oltre alle arancine ripiene ormai con svariati ingredienti. Per il detto popolare "Santa Lucia cuoceva cuccia", ricordo vagamente. Però la vera tradizione è quella del digiuno o mangiare la cuccia bollita condita con un pò di olio, o ceci bolliti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che buona dev'essere questa cuccia.
      Se poi mi dici che assomiglia ai cannoli... Ho l'acquolina in bocca!

      Elimina

Per colpa di chi ne ha abusato, minando l'atmosfera familiare che si respira su questo blog, sono vietati i commenti anonimi, così come quelli polemici e offensivi.
Se non prendi la vita con filosofia e ami mettere zizzania, sei nel posto sbagliato.