mercoledì 24 luglio 2019

#OdiareTiCosta: la campagna contro i leoni da tastiera

Grazie a Tgcom24 apprendo un'iniziativa che mi tocca da vicino.
In seguito alla vicenda della capitana Carola Rackete, infatti, bersaglio di numerosissimi haters sul web e sui giornali, nasce la campagna #OdiareTiCosta, grazie alla collaborazione di WildSide e Tlon.
"Lo scopo è permettere a chi riceve commenti di odio sui social di tutelarsi e a chi ha l'abitudine di insultare e minacciare online di percepire che ciò che sta facendo è illecito. Le cause legali su questo fenomeno sono poche, costosissime, lunghe, quindi non alla portata di tutti. OdiareTiCosta vuole semplificare le procedure e cambiare il modo in cui si percepisce ciò che accade sul web".

La notizia mi tocca da vicino poiché, come ben sapete, sono rimasta vittima di diffamazione a mezzo blog da un tale Catone Pensatore che ha poi fatto sparire le proprie tracce, ma che scommetto continui ad agire altrove, o ricomincerà presto a farlo.
Il motivo?
Chi lo sa.
Evidentemente colui o colei che si nasconde dietro questo nick (e molti altri) avrà una vita talmente vuota ed infelice da avere il tempo e la voglia di controllare ogni sillaba che scrivo, per poi accusarmi pubblicamente di mentire, di violentare la grammatica italiana e molto altro.

Effettivamente, se avessi avuto "soldi da buttare", avrei assunto un avvocato per scovare questa persona e fargliela pagare.
Ma, come scrivono Cathy La Torre dello studio Wildside Human First Legali Associate e la filosofa Maura Gancitano di Tlon, queste cause sono lunghissime e molto costose.
Quindi, la maggior parte degli offesi (proprio come me) rinunciano ad intentarle, permettendo all'hater di turno di continuare indisturbato, o peggio di allargare il giro delle vittime, insultando a macchia d'olio sempre più persone.

E' proprio per questo motivo che sono felicissima di diffondere l'avvio di questa campagna (non solo mediatica).
#OdiareTiCosta invita, infatti, a segnalare i commenti violenti mandando una mail all'indirizzo odiareticosta@gmail.com con il link (non la fotografia) al contenuto ritenuto lesivo.
L'iniziativa mette a disposizione un team composto da avvocati, esperti forensi, hacker etici, investigatori privati ma anche filosofi, scrittori, divulgatori.

Quasi quasi ci proverei.
Che ne pensate?

22 commenti:

  1. Fallo, che lo faccio anche io.
    Calunnie, stalking, bugie e attacchi assurdi.
    Cioè, da un lato provo anche pietà e manco ne varrebbe la pena... chissà ...

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma sì, facciamolo!
      (Non strano, eh??).. 😂😂😜

      Elimina
  2. lo farei. ma senza aspettative, solo per tracciare una strada.

    una sorta di educazione civile perché, non va dimenticato, dietro a un leone da tastiera c'è un coglione reale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi piace questo slogan.
      La prossima volta lo uso come titolo..
      "Dietro a un leone da tastiera c'è un coglione reale"...

      Elimina
  3. Cara Claudia, ne hanno dette tante della storia della capitana, che si sono dimenticati della vera ragione, per me scandaloso, il resto lascio i cervelloni di dire solo stronzate.
    Lascio da parte le polemiche, tu sai che non voglio giudicare nessuno, direi che faccio come al solito l'aspettatore, nn voglio nemmeno persare che ci sia odio!!!
    Ciao e buona serata con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'odio purtroppo c'è eccome.
      Ed è radicato ovunque, ormai. 😓

      Elimina
    2. Cara Claudia, forse dico questo perché ,, io non so odiare...
      Ciao e buona giornata con un forte abbraccio e un sorriso:-)
      Tomaso

      Elimina
    3. E questo è meraviglioso.. ♥️

      Elimina
  4. Purtroppo l'odio in rete ha raggiunto livelli pazzeschi, ogni iniziativa per contrastare questo fenomeno, può essere utile.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
  5. Fallo!!!
    Sti cretini non meritano pietà
    Ciao

    RispondiElimina
  6. Tra le categorie di gente che detesto ci sono proprio i leoni da tastiera...
    Non so cosa deciderai di fare, tuttavia sono molto felice di questa iniziativa, considerando il fatto che il fenomeno sembra in netta espansione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo non sembra, ma lo è.
      E sì, questa iniziativa è lodevole.

      Elimina
  7. Ottima segnalazione! Da divulgare!

    RispondiElimina
  8. Credo che l'oblio sia il metodo migliore... a 'sto catone gli hai fatto più pubblicità tu che un inserto a pagamento... certa gentaglia deve svanire nel proprio nulla.. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahah
      Sarà. Ma l'oblio non funziona quasi mai.
      Vedi il mio commentatore vecchio e filosofo?
      L'ho ignorato per mesi, ma torna sempre..
      Sono sfortunata.

      Elimina
  9. Io lo faccio. Ho copiato il post di mariella che è simile altuo. E faccio e creo il mio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non seguo Mariella e non so cosa scrive, ma più se ne parla di queste iniziative e meglio è.
      Fai pure.

      Elimina
  10. Provaci, anche perché non ti costa niente no?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E sì, lo farò.
      Anche se loro chiedono il link ed il blog di Catone è chiuso.
      Vedrò se possono utilizzare gli screen.

      Elimina

Per colpa di chi ne ha abusato, minando l'atmosfera familiare che si respira su questo blog, sono vietati i commenti anonimi, così come quelli polemici e offensivi.
Se non prendi la vita con filosofia e ami mettere zizzania, sei nel posto sbagliato.