sabato 8 maggio 2021

Jukebox: '9 primavere' di Ermal Meta

Buon sabato amici.
Torna l'appuntamento col jukebox di Chi scrive non muore mai.
Questa settimana tocca alla richiesta di Paola del blog "A chi non è come neve" che ha scelto una canzone di Ermal Meta, "9 primavere".
In verità non si è trattato di una vera richiesta, ma di un consiglio d'ascolto sul tema dell'amore finito.

"9 primavere" è un singolo del cantautore albanese, pubblicato il 12 ottobre 2018 nell'album "Non abbiamo armi".
Apprendo da Paola che il testo è autobiografico e racconta la fine di una storia d'amore in maniera serena, nonostante sia durata ben nove anni.
"Nove primavere, Nove inverni
Altrettante estati e dopo quegli autunni ci piacevano da matti.
Quattro case, tre traslochi, 3400 giorni
In due".
Come si fa a ricominciare a vivere, da soli, dopo aver trascorso così tanto tempo accanto ad una persona?
E' dura, inevitabilmente, ma ciascuno di noi dovrebbe trovare la forza per farlo, poiché la fine di un amore non dovrebbe assolutamente portare alla fine di una vita, in senso metaforico o forse neanche troppo.

"Dici che mi devo prender cura di me stesso
Adesso che non è lo stesso
Adesso che è cambiato tutto
Ma l'unico modo che conosco per volermi bene
È attraverso te
Sì, attraverso te
Sono solo lacrime
E non è proprio niente di speciale
Una per ogni passo fatto insieme
Una per tutte quelle notti svegli ad ascoltare canzoni d'amore
Quelle che fanno sempre stare male
Una per ogni piccola emozione
I tuoi vestiti in sette borse da portare chissà dove
Chissà dove".

Non conoscevo questa canzone, anzi, questa poesia, e ringrazio Paola per avermela fatta scoprire.
L'ho apprezzata moltissimo nella sua delicatezza, e nel dolore che trasuda da ogni sillaba.
Una sofferenza, però, scevra da ogni rancore o risentimento.
Proprio come dovrebbe essere sempre, anche se è difficile.
Insomma, dopo questa bella scoperta musicale, attendo ora le vostre richieste.
A presto.

14 commenti:

  1. Oggi mi hai ripescato una canzone che beccai tempo fa in radio mentre guidavo, e che non riuscivo a ritrovare. E ora che l'ho riascoltata mi è sceso il magone perché è uno di quei testi che "parlano di me" con abbastanza precisione. E il tempo che passa non aiuta per niente a superare quella perdita, guardi oltre per affrontare giorni che si succedono in automatico, ma non è vivere.

    Resto convinto che quando è amore non finisce, fosse per me abolirei dalla grammatica la coniugazione di "amare" al passato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando ho ascoltato questa canzone ho pensato proprio a te, sai?
      Mi sembrava appunto che mi stessi racconrando la tua storia.
      Poi trovo delle similitudini anche tra te e l'autore.

      Insomma, non mi stupisce affatto che possa sentirla tua.

      Elimina
  2. Eccomi anche se in ritardo e tu sai il perchè .
    Non conoscevo questa canzone ma mi è piaciuta molto ,
    belle anche le parole . Alla mia età , l'Amore è ancora un mistero .
    Buonanotte . Un bacione a te e Lorenzo .
    Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse il bello dell'amore è proprio che non gli si possa dare una spiegazione univoca.

      Da lunedì finalmente saremo gialli anche qui in Puglia, sai? Quindi il sabato o la domenica potrò ricominciare ad andare da mia madre! Evviva.
      Un bacione a te e auguri per domani. 😘

      Elimina
  3. Una canzone nella quale mi rivedo parecchio per alcuni trascorsi. Lui è uno dei pochi cantanti italiani che mi faccia esclamare ogni tanto "bravo!"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me, in realtà, Ermal non piace.
      Però questa canzone mi ha colpito e sì, è facile immedesimarcisi.

      Elimina
  4. Claudia, grazie ❤️ non mi sarei sicuramente persa in generale il post ma grazie lo stesso di avermi avvisata ❤️
    La canzone è dolcissima, la prima volta che l'ho sentita mi ha toccato il cuore nonostante fosse un periodo comunque tranquillo della mia vita. La fine di un amore ti travolge sempre, sia da una parte che dall'altra. Ho sempre poco apprezzato chi parla di vincitori e vinti, di vittime e carnefici ma quando una coppia si divide tutti cercano sempre di attribuire all'uno o all'altra un ruolo piuttosto che un altro.
    Sarebbe bello concludere un percorso bellissimo con un addio così, come quello di questo testo ma quasi mai è possibile, purtroppo.
    L'amore è una cosa semplice e per questo, quando finisce, dovremmo semplicemente lasciarlo andare...
    Sono contentissima ti sia piaciuta quest canzone, davvero 😘

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il gioco delle colpe è così inutile, ma hai ragione nel sostenere che è troppo diffuso.
      Se un rapporto non può essere salvato, bisognerebbe andare avanti con maturità, ben prima che l'amore possa trasformarsi in odio.
      Sono convinta che trascinare i rapporti ormai spenti faccia molto più male che bene.

      Grazie a te per avermi fatto scoprire questa canzone delicatissima.
      Un bacio.

      Elimina
  5. Mi piace molto questo ragazzo ..mi piacciono le sue canzoni ,come le interpreta ..insomma mi piace ..
    buona serata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me, invece, non piace lui.
      Però questa canzone merita.

      Elimina
  6. Non esattamente nelle mie corde ma bella, soprattutto del perché della scelta, a Paola gli vogliam bene :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahah
      Non vale. Sei di parte allora.
      Quindi apprezzeresti anche se lei scegliesse una canzone di Gigi D'Alessio? :)))

      Elimina
  7. Dovendo solo giudicare il testo, potrei anche dire che la canzone mi piace.
    Il problema è che lui lo digerisco proprio male, purtroppo mi annoia profondamente.
    Baci.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahha
      Ti capisco bene, perché fa lo stesso effetto a me.
      Dovrebbe fare (solo) l'autore. ;)

      Elimina

Per colpa di chi ne ha abusato, minando l'atmosfera familiare che si respira su questo blog, sono vietati i commenti anonimi, così come quelli polemici e offensivi.
Se non prendi la vita con filosofia e ami mettere zizzania, sei nel posto sbagliato.