lunedì 3 maggio 2021

Perché le patenti vengono rinnovate con leggerezza?

 
Lo scorso fine settimana, dalle mie parti, un terribile incidente stradale ha smosso l'opinione pubblica.
A causarlo, un'utilitaria che ha imboccato la statale contromano, con a bordo due anziani, entrambi deceduti.
Immediatamente, sui social si è scatenato l'inferno. Secondo i più, agli anziani non dovrebbe essere rinnovato il titolo di guida poiché, nella stragrande maggioranza dei casi, non hanno più le doti fisiche e psichiche idonee per condurre un mezzo.

Ho rinnovato la patente una sola volta, qualche anno fa.
All'epoca non avevo ancora gli occhiali che oggi uso per stare al PC.
La visita oculistica durò esattamente due minuti.
Il dottore mi indicò due lettere nelle prime due righe del tabellone (quelle gigantesche) e stop.
Pagai, e la patente fu mia.
Premetto di averla rinnovata direttamente presso gli uffici dell'azienda sanitaria locale, ma che nelle autoscuole la prassi è la stessa.
Se io fossi stata ipovedente, non se ne sarebbero nemmeno accorti.
Mi è tornato alla mente un triste aneddoto.

Sin da quando avevo tre anni, ho sempre portato gli occhiali, a causa di un serio deficit visivo.
Li avevo anche quando, a 18 anni, presi la patente, ma chiesi al mio istruttore se vi fosse un modo per non far risultare l'obbligo delle lenti alla guida, in quanto avevo già deciso di operarmi di chirurgia refrattiva non appena avessi avuto l'età giusta (21 anni).

Mi spiegò che avrei dovuto fingere di non aver bisogno degli occhiali, in fase di visita preliminare e in sede d'esame, e tutto sarebbe filato liscio.
La seconda volta, per miracolo, mi promossero.
Non ho mai guidato senza occhiali fino al mio intervento, lo giuro. Se fossi stata più incosciente, però, avrei potuto farlo e magari investire un bambino che attraversava all'improvviso o causare un tamponamento a catena.

Insomma, perché la patente viene data o rinnovata con tanta leggerezza anche a chi ha questo genere di impedimenti?
Nel caso degli anziani, oltre all'abbassamento della vista, bisognerebbe valutare i problemi all'udito e, soprattutto, la carenza di riflessi.
So che è difficile pensare alla propria vita senza automobile, a maggior ragione se non si vive in centro, ma non è meglio essere vivi (a piedi) che morti (in auto)?
Che ne pensate? È capitato anche a voi che vi rinnovassero la patente con troppa disinvoltura?

39 commenti:

  1. Al mio rinnovo di patente mi tennero parecchio a cercare di farmi riconoscere dei numeri su dei fogli con dei fitti "arabeschi", mentre al tabellone sembrava effettivamente che non gli importasse se vedessi tutto o meno.
    Sinceramente, dato che non amo guidare, non ho mai preso troppo a cuore quell'esame, anzi un mancato rinnovo per deficit visivo mi regalerebbe oggi una dimensione più su misura per il mio attuale stile di vita.

    I balordi al volante non sono però riconducibili all'età o a carenze riscontrabili con un esame di rinnovo: vedo giovani passare spavaldi col rosso, tagliarmi la strada durante un loro sorpasso perché hanno raggiunto l'uscita dalla statale... E gli va troppe volte bene!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Comprendo il tuo disappunto, ma qui non non si parla di incoscienza alla guida (problema serissimo difficile da debellare), ma di gente al volante che non ha le abilità necessarie ed indispensabili per condurre un mezzo e che, spesso, causa incidenti anche mortali.
      Ovvio che anche molti giovani siano un pericolo, così come drograti, ubriachi, ecc.
      Resta che la patente non dovrebbe essere rinnovata con tanta disinvoltura. E allora i pericoli su strada diminuirebbero.
      Non scomparirebbero, ma sarebbero quantomeno ridotti.

      Elimina
    2. Già, se l'esame di rinnovo fosse rigoroso, chiaramente ci sarebbe meno gente in circolazione, quindi meno traffico e meno potenziali incidenti.
      Purtroppo tra gli automobilisti anziani ci sono anche quelli che, consapevoli di non essere più abilissimi nei riflessi, guidano molto piano (velocità da trattore), costringendo gli a manovre di sorpasso spesso azzardate, dato che nemmeno tengono strettamente la destra, usando la striscia di mezzeria come un "binario" per le ruote di sinistra!

      Elimina
    3. La colpa, però, è anche delle loro famiglie.
      Quando mio nonno diventò ipovedente a causa del diabete, mio padre e i suoi fratelli gli stracciarono letteralmente il titolo di guida e gli tolsero le chiavi della macchina.
      Lui si sentiva ancora forte e spavaldo, considerando che aveva fatto il camionista per tutta la vita, ma in realtà non era più capace di guidare con sicurezza.

      Elimina
  2. Credo che per gli anziani se di età maggiore agli 80 debba esserci una visita che attesti lo stato psicofisico del soggetto. Quelle non so come funzionino perchè non ho ancora quell'età :-))))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una visita seria, però.
      Non come quelle che fanno adesso.
      Guarda caso non conosco un solo anziano a cui non abbiano rinnovato la patente...

      Elimina
    2. Io, ahimé, ce l'ho. Ho preso la patente a 24 anni, in un modo un po' rocambolesco, fra alcuni mesi ho il rinnovo, ho da sempre gli occhiali per miopia, ho 56 anni di patente e non ho mai subito o provocato incidenti di rilievo. Tamponamenti stupidi in città andando a -5 all'ora e niente più. La vista, la salute in generale, fisica e psicofisica, il controllo approfondito va benissimo, ma credo che la verifica del curriculum di guida dalla prima patente in poi sarebbe più credibile che un esame di cinque minuti, che può dire e non dire. E anche i data-base delle assicurazioni (ormai convogliati in un unico centro) direbbero se la storia automobilistica di un soggetto può o meno continuare a guidare un mezzo. La vista può essere corretta, una condotta troppo "sbarazzina", quando confermata da recidive, non si corregge più.

      Elimina
    3. Sono d'accordo.
      Il curriculum di guida dovrebbe anche influire.
      Io, in 14 anni di patente ho subito un solo incidente, per una mancata precedenza a destra.
      Guarda caso un anziano, in pieno centro, andava velocissimo e non si fermò all'incrocio che io stavo attraversando.
      La mia macchina fu sbalzata dall'altra parte della strada, tanta la foga con cui guidava.
      Fu fortunato che sono sempre stata leale e non mi rivolsi al pronto soccorso per finti colpi della frusta, ecc.
      Però i danni alla mia Smart furono importanti, e magari il nonnino avrà imparato a dare la precedenza.

      Elimina
    4. Torno su quanto accennato: se il tuo nonnino fosse risultato pervicace in mancato rispetto delle regole, tanto avrebbe dovuto bastare per non rinnovargli la patente. Il mancato rispetto di uno stop può essere dovuto a una distrazione casuale (e bene va se non provoca vittime), ma se risultasse che, oltre a quello, anche le altre indicazioni gli sono ostiche, dovrebbe essere sottoposto a un esamino come si deve, e se non lo supera, il mancato rinnovo dovrebbe essere automatico. L'esempio citato nella tua apertura, a parte il dispiacere per la perdita delle due vite: l'anziano alla guida che ha provocato l'incidente, non credo fosse fresco di patente, e l'età avrebbe richiesto, in sede di rinnovo, una verifica approfondita delle sue capacità di guida. Anche Filippo buonanima, che aveva superato quella certa età eppure ancora guidava, all'ennesimo incidente è stato costretto a munirsi di autista e lasciare il volante. Vero è che in UK sono più severi che da noi, ma credo che, anche nell'interesse degli anziani stessi, scavare nel passato (automobilistico) di questi non sarebbe violazione della privacy.

      Elimina
    5. Magari, nel caso di specie, l'anziano era stato fortunato e non aveva mai fatto incidenti stradali.
      Però, diciamocelo chiaramente, a quanti giovani (non ubriachi e non drogati) può capitare di imboccare una statale contromano, e di viaggiare per un tratto senza rendersi conto che le macchine ti vengono di fronte?
      Secondo me, a nessuno. Ma non sono una scienziata...

      Elimina
  3. concordo con te,buona giornata!

    RispondiElimina
  4. E dove li lasciamo quelli che non avendo neanche la patente guidano tranquillamente e provocano incidenti? Esperienza di mio figlio, scaraventato sull'asfalto, trauma cranico, varie fratture...da un automobilista senza patente e senza assicurazione. E non anziano. Certo, visite più accurate servirebbero, e valutazione caso per caso. Ma non ritiro della patente a una età fissa per tutti.
    Buona giornata. Mafi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quella sottospecie di automobilista spero stia scontando una pena carceraria, altro che!
      Così come spero che tuo figlio si sia rimesso completamente. 😔

      Elimina
  5. Io ho la patente speciale, che fino all'ultima volta andava rinnovata ogni 5 anni presso la commissione medico legale della ASL. A volte si limitavano a farmi guardare il tabellone, una o due volte anche le tavolette per il daltonismo, e una volta non devo essere andata molto bene perché mi prescrissero di ritornare con un esame del campo visivo effettuato, e poi me la rinnovarono per solo 2 anni. Adesso le regole sono cambiate e l'ultimo rinnovo vale 10 anni. Io ci vedo malissimo di notte anche con gli occhiali, causa miopia, astigmatismo e tendenza allo strabismo, ma mi regolo di conseguenza e toccando ferro me la cavo. Per fortuna nell'ultimo anno ho guidato pochissimo.
    Non conosco anziani da appiedare; il padre del mio compagno l'ha rinnovata da poco a 85 anni, ma il figlio dice che è ancora abile e comunque va più in bici che in macchina. L'idea del curriculum di guida mi sembra sensata, anche se i lumaconi non verrebbero intercettati. Ci vedrei meglio piuttosto un giretto nella propria macchina, affiancati da un ispettore che prenda nota della condotta. Ma forse è troppo complicato...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È una proposta troppo sensata, non prenderà mai piede. Per quanto mi riguarda, da poco sono stato operato di cataratta a entrambi gli occhi, il che ha reso non più indispensabili gli occhiali. Li porto da quando avevo vent'anni, presentarmi al rinnovo senza questi, mi sembrerebbe di essere nudo; li metterò, magari con le lenti neutre da riposo prescrittemi dall'oculista.

      Elimina
    2. Livia, ovviamente immagino che tu abbia la saggezza e la prudenza di non guidare di sera, perché purtroppo la fortuna non sempre ci assiste.
      Però trovo geniale la tua idea.
      Un bell'esame di guida ad ogni rinnovo sarebbe più che opportuno.
      Anche se i tanti che non hanno mai guidato, ma rinnovano la patente presa da giovanissimi, per non perdere la medaglietta al valore, non avrebbero scampo.

      Elimina
    3. Evito il più possibile le guide serali, ma a volte mi toccano soprattutto d'inverno. Se c'è mio figlio mi fa due scatole così con le sue indicazioni, ma guardacaso ha già fallito 3 volte i quiz e sta ancora appiedato. Per il rinnovo, la mia proposta vale solo se consentono di usare il proprio mezzo: passare al cambio manuale della macchina dell'autoscuola mi metterebbe subito fuori gioco!

      Elimina
    4. Anch'io guido da sempre la Smart e verrei sicuramente bocciata con un'automobile "normale". 😅

      Elimina
  6. A mio padre, arrivato a 80 anni (forse anche qualcuno in più) non gli è stata più rinnovata la patente, era sordo , aveva problemi di catarrata ma non poteva essere operato per via dell'età. Lui ci è rimasto male ma io ho pensato che fosse meglio così, temevo, appunto, che causasse qualche incidente, anche se, per la verità usava l'auto solo per andare al cimitero. Da allora, l'ho sempre accompagnato io, oppure andava in bici. Io , da quando avevo 18 anni, ho l'obbligo di guidare con le lenti, per me va bene così, non è certo un problema, quando rinnovo la patente , mi fanno l'esame della vista, con gli occhiali. Buona giornata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti fanno l'esame della vista con gli occhiali, è giusto, ma quanto dura questo esame? È lontanamente paragonabile ad una normale visita oculistica?
      Perché io ho fatto centinaia di visite oculistiche nella mia vita, e non sono mai durate due o cinque minuti...
      Buona giornata anche a te.

      Elimina
  7. Anch'io penso che dovrebbero essere più accurati nella visita, specialmente con gli anziani. Non è discriminazione, è realismo. Per dire, il cugino di mio padre (che abitava in campagna) ha continuato a guidare ben oltre gli ottant'anni e ogni volta che prendeva l'auto per venire in città, i suoi parenti lo davano per spacciato, visto che stava in mezzo alla strada. Ha avuto fortuna che non gli è mai successo nulla. Però, per dire, un altro mio parente che era anziano e guidava male, ha continuato imperterrito nonostante i figli, preoccupati, avessero cercato di fargli togliere la patente. Mi sembra veramente assurdo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come dicevo a Gaspare, quei figli preoccupati avrebbero dovuto e potuto fare di più, visto che la legge è assente in questi casi.
      Io non esiterò a stracciare la patente di mia madre, un giorno, se lei non dovesse essere più capace di guidare responsabilmente e, come ha testimoniato Mirtillo, offrirmi di accompagnarla personalmente in ogni dove.
      Ma in realtà è più facile che accada il contrario e che sia lei a sequestrare la mia patente visto che
      A. è giovanissima (ci passiamo solo 18 anni),
      B. è una pilota mancata. :))

      Elimina
  8. Non ho lo patente, però ad una certa età ci vuole più attenzione. Io comunque ho visto il video, grave che nessuno suonasse per avvertire del pericolo, insomma va bene gli anziani ma la gente più responsabile deve essere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho scaricato quel video pensando che fosse una delle gag comiche che un mio caro amico mi inoltra abitualmente. Invece era il momento dell'impatto e ne sono rimasta sconvolta.
      Tutta la dinamica dell'incidente è stata assurda, come anche la diffusione di quelle immagini.

      Elimina
  9. Non penso sia solo la questione di vista buona il vincolo unico per il rinnovo della patente.
    Mio suocero ( 76 anni) ci vede bene ma in macchina mi fa venire la pelledoca.
    Per fortuna la usa solo per muoversi in paese o negli ospedali vicini per le sue visite e quelle di mia suocera.
    Come tira le marce lui.....povera la sua panda grigia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se la frizione della Panda potesse parlare... Ahahah
      Però, anche voi, offritevi a turno di accompagnarlo alle visite e sequestrategli la patente... 😭😭

      Elimina
  10. più che giusto il tuo dire e anche qui anche a 92enni è stata confermata la patente con obbligo di usare la macchina nel raggio di 20km
    Il vicino di casa 92enne così può andare con la moglie 96 in pizzeria e fare la spesa alla COOP 12km. C'è da segnarsi comunque quando parte con sgassata e ripresa della normalità con energica sterzata. Perché negargli una così grande libertà. Ogni anno commissione speciale per conferma, credo 300€

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quindi il tuo vicino potrebbe fare incidenti solo oltre i 20 km?
      Buffa questa interpretazione del codice della strada.
      Dunque una persona mezza cieca e acciaccata può guidare per venti km senza provocare incidenti, ma al ventunesimo scatta il pericolo. 😂😂🤦

      Elimina
  11. ho rinnovato patente più volte ,ma sta a chi fà rinnovo aver correttezza ..perchè la visita è una c....a!!

    insomma sta a me sapere se son in grado di gestire auto ..se vedo,se sento..perchè non vedere è grave ,ma anche non sentire è grave..
    per adesso me la cavo ..ma mi trovassi in difficolta lascerei perdere ..
    va bene che magari persone anziane ..fan sempre stessi percorsi e stesse strade .avevo suocero ha guidato fino a quasi 89 anni .messa ,posta, macellaio ,cimitero ,isola ecologica e supermercato ..3km il
    percorso più lungo..ed in orari "tranquilli" ..ma era molto attento e attivo ..
    ah una volta mi presta sua auto ..arrivo allo stop e non frena o frenava poco rispetto come ero abituata con mia auto..allora torno a casa con calma .dico al marito guarda auto tuo papà non frena ..marito è meccanico e la sistema ..poi diciamo al nonno :ma non ti sei accorto che non frenava?
    ..Lui :ma io mica freno ,vado a piano e scalo le marce ;)))
    magari i signori che hai detto tu si son confusi con strade nuove ..
    ah qua un pò di tempo fà una signora è entrata in autostrada con la bicicletta ..non è successo niente per fortuna..ma la polizia l'ha recuperata che pedalava a lato corsia d'emergenza ..ah non era tanto anziana ..ed ai poliziotti a detto ;mi sembrava che era strada sbagliata ..non arrivavo più!!!


    però dico sempre a mio figlio :quando vedi che mi comporto male alle guida ,levami chiavi/auto!! ..lui dice :ok dammele subito , guidi come una pazza!!..una volta l'avevo dietro con la sua auto(non mi ero accorta) ..arrivata a casa mi ha fatto una ramanzina di quelle !! corri troppo!!

    ;)))
    ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahah
      Fortuna che c'è tuo figlio che ti controlla, allora. 😂😂
      La storia che tuo suocero non frenasse mai, mi ha fatta morire dal ridere.
      Effettivamente è vero che, di solito, gli anziani viaggiano a dieci km orari. E che fatica stargli dietro. Mi viene una rabbia. 😂😂

      Elimina
  12. E' consigliabile tenere sempre una certa distanza dalle auto , specialmente
    se alla guida ci sono anziani . (mio marito lo fa) .
    A me però sono accaduti due episodi con gente giovane alla guida .
    Ero nella mia piazza (grande) sulla sinistra , signora guarda a destra
    in cerca di parcheggio , una botta sul fondo schiena e mi trovo in terra .
    Un male...sono stata seduta 10 minuti , non ce la facevo a muovermi dal
    dolore . La signora voleva portarmi al pronto soccorso , non ho voluto
    ma da allora soffro di mal di schiena e non sono operabile . Faccio
    terapia del dolore .
    Un'altra volta inizio attraversare su strisce pedonali , un'auto mi supera
    e si ferma . Io incomincio attraversare e l'auto fa marcia indietro ,
    faccio un salto da record e mi metto in salvo con cuore che batte a mille .
    Già mi vedevo stesa in terra schiacciata . Erano due giovani donne .
    Chi gliela ha data la patente ? Quindi non sono solo gli anziani pericolosi.
    Bisogna valutare caso per caso .
    Good evening . Gute Nacht . Laura ***

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che peccato che tu non sia andata subito al pronto soccorso.
      Magari avrebbero potuto curarti, nell'immediato.
      Io, per fortuna, non ho mai rischiato di essere investita, ma alla guida più di una volta qualche imbecille non si è fermato allo stop, oppure mi ha attraversato la strada all'improvviso, e ho rischiato di schiantarmi.
      Lo spavento più grosso, però, l'ho avuto una sera. Era mezzanotte e, stanchissima dopo un turno di nove ore alla reception di un hotel, tornavo a casa.
      Ad un certo punto ricordo solo di aver chiuso gli occhi e di averli riaperti un istante dopo, mentre ero quasi finita su un muro.
      Saranno stati tre secondi in tutto. Un colpo di sonno brevissimo, ma che poteva costarmi caro.
      Da allora ho sempre scelto il turno di mattina e, nelle rare volte in cui mi toccava la sera, non facevo straordinari e fuggivo alle 23 esatte.

      Elimina
  13. Ciao Claudia! Come te, anche io ho fatto solo un rinnovo per ora, e la visita era durata due minuti netti, non mi avevano neanche dato retta in pratica... almeno per gli anziani dovrebbero fare visite più lunghe!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa piacere constatare che sia un'abitudine diffusa in tutta Italia e che questi rinnovi non siano superficiali solo al sud, come si potrebbe pensare da un'analisi grossolana.
      La situazione dovrebbe cambiare, per il bene di tutti.

      Elimina
  14. Dicono che non si debba farne una questione di età, ma io penso invece che andrebbe fatta. Una persona ultraottantenne non ha più la vista né i giusti riflessi per mettersi alla guida, c'è poco da fare.
    L'automobile può diventare un'arma, bisogna rendersene conto.
    Baci.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo gli anziani sono intoccabili.
      Se glielo fai notare, ti rispondono che statisticamente sono molti più gli incidenti causati da giovani scellerati, ubriachi o drogati.
      Lo stesso accade col Covid.
      Loro sono la categoria più a rischio, e se ne vanno beatamente in giro h24 con zona rossa, arancio e blu, ma il contagio lo diffondono i giovani davanti ai bar.
      Sì, come no...

      Elimina
  15. beh basta pagare, le visite che fanno per il rinnovo spesso sono imbarazzanti

    RispondiElimina

Per colpa di chi ne ha abusato, minando l'atmosfera familiare che si respira su questo blog, sono vietati i commenti anonimi, così come quelli polemici e offensivi.
Se non prendi la vita con filosofia e ami mettere zizzania, sei nel posto sbagliato.