mercoledì 11 settembre 2019

Chi ha paura dell'amico immaginario?

Chi di voi ha avuto, da bambino, un amico immaginario?
Onestamente non ricordo di averne mai avuto uno specifico, sebbene dialogassi continuamente "da sola", facendo preoccupare mia madre.
Mio figlio, invece, da qualche tempo, ha un fratello immaginario.
E no, la sua non è un'esplicita richiesta di allargare la famiglia, semplicemente ha molta fantasia e gli piace raccontare le avventure di questo compagno di vita.

Considerando che, però, la gente cominciava a chiedermi dove fosse questo secondo figlio, gli ho spiegato che forse è meglio definirlo amico, piuttosto che fratello.
Così lui ha deciso di dargli anche un nome e trascorre le ore a raccontarmi le avventure di Filippo e, ovviamente, dei suoi tanti animali.
Amici e parenti ironizzano sul fatto che il vero cantastorie in famiglia sia lui e che presto mi ruberà il lavoro.

In verità, non mi sono mai preoccupata dei suoi racconti o dei lunghi discorsi che fa anche quando è solo.
E' per me evidente, infatti, che Lorenzo sia un bambino sereno ed equilibrato, pertanto è inutile farsi prendere dall'ansia. Preferisco lasciargli i suoi spazi e permettergli di crescere dando sfogo alla sua immensa creatività e fantasia.

Perché quindi parlarvi di questo argomento?
Qualche giorno fa leggevo che secondo uno studio diffuso nel Regno Unito, i bambini non hanno più l'amico immaginario per colpa di smartphone e tablet che oltre a coprire completamente i tempi morti annullano completamente l'estro dei più piccoli.
Sarà per questo, allora, che mio figlio cresce in compagnia di Filippo. Perché, come vi ho detto spesso, nonostante abbia ormai quasi quattro anni, non utilizza ancora nessun dispositivo elettronico.

La notizia, però, mi ha incuriosita e spinta ad effettuare delle ricerche.
Secondo gli psicologi, più del 60% dei bambini tra i 2 ed i 7 anni ha un amico immaginario.
Attenzione che non si tratta di bimbi timidi ed asociali, anzi.
I soggetti più esposti all'amicizia fantastica sono quelli più positivi, aperti al rapporto con gli altri, impegnati in giochi più ricchi di immaginazione e spesso dotati di un linguaggio più articolato. Insomma, il Filippo di turno è solo un modo per allenarsi a stare sempre meglio in gruppo e ad intessere relazioni reali.

Solitamente, con l'inizio della scuola elementare, i bambini si lasciano prendere da nuovi giochi ed interessi, mettendo da parte il loro amico immaginario che finirà nel dimenticatoio.
Quindi, se avete un figlio che parla "da solo" o che vi racconta di un amichetto Ics che gli tiene compagnia, non allarmatevi.
La situazione si fa preoccupante solo se quest'abitudine persiste dopo il compimento dei dieci anni. In questo caso vi converrà consultare uno psicologo.
Prima, invece, lasciate i vostri figli liberi di socializzare nel mondo reale e fantastico con chi più li aggrada.

Adesso, però, torniamo alla domanda iniziale.
Qualcuno di voi ricorda di aver avuto un amico immaginario?

51 commenti:

  1. Filippo? Non so se sai: nella prima stagione di "Tutti pazzi per amore" la piccola Nina ha un amico immaginario con quel nome.

    No, mai avuti amici immaginari io: preferivo sfogliare riviste e fumetti anche senza sapere ancora leggere, e giocare coi Lego (lo farei ancora).

    Ah, il Filippo di Nina, a un certo punto, va via di casa "da solo" senza lasciare traumi. 😉

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha
      No, Filippo è un nome che piace particolarmente a Lorenzo.
      Infatti il nostro pesciolino rosso si chiamava Filippo, così come qualsiasi animale lui incontri per strada o nelle masserie..
      "Mamma, questo lo chiamiamo Filippo. Va bene?". 🤣🤣

      Elimina
  2. Bon ricordo di amici immaginari...avevo e ho il mio Filippo perché è mio fratello! quanto al parlare da sola mi capita ancora oggi mi serve per evitare di fare danni con i diretti interessati o a provare qualche discorso da fare che mi mette un.po'di ansia
    Buona giornata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il problema dei discorsi provati allo specchio è che quando hai di fronte il destinatario gli dici tutt'altro, presa dalla rabbia o dall'emozione.. 🤣

      Elimina
  3. Sai Claudia, io sono grande ormai, ma mi capita e forse mi manca qualche rotella, di immaginarmi accanto una persona a qui ho voluto bene, e di parlargli...Immagino che mi abbracci nei momenti no, gli parlo dei miei figli...Forse è un sogno ad occhi aperti...Forse è un mio modo per affrontare la vita...Valeria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se ti riferisci ad una persona che non c'è più è normalissimo.
      Anch'io parlo con papà e a volte mi sembra davvero di sentire il suo abbraccio.. ❤

      Elimina
  4. No onestamente mai avuti ma concordo con te che non ci sia da preoccuparsi soprattutto nel caso di un'età come quella di tuo figlio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Magari non lo ricordi, perché stai diventando anzianotto.
      Proprio come me. 🤣🤣😜

      Elimina
  5. Mai avuto, ero troppo impegnata a leggere. Erano i personaggi dei libri a farmi compagnia. C'è pure un libro "L'amico immaginario", l'avevano regalato a mio figlio ma l'ho letto io, e mi era piaciuto. Quando Lorenzo sarà più grande, forse piacerebbe anche a lui :)

    RispondiElimina
  6. dopo i 10 anni? ne ho due, di amici immaginari. ma non giocano con me, ché gli sto sui maroni :-)

    RispondiElimina
  7. tengo 3 amici ma sono veri da oltre 60 anni.
    Buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahah
      Sei fortunatissimo a coltivare amicizie da tutta la vita.
      Buona giornata

      Elimina
  8. Io avevo Michele, mi somigliava molto: stava sullo specchio grande di camera di mamma e papà 😄

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E quando se n'é andato?
      Avete litigato? 😜

      Elimina
    2. Ahaha no, a dir la verità di preciso non ricordo... Ho solo un ricordo/flash di me davanti allo specchione dietro la porta della camera dei miei con il mio orsetto in braccio mentre racconto a mamma che «anche Michele ha l'orsetto»...probabilmente facevo come il tuo Lorenzo e altrettanto probabilmente Michele se n'è andato quando ho cominciato la scuola! 😊😊

      Elimina
    3. Spero che anche tua madre, come me, capisse la normalitá del caso e non si preoccupasse del fatto che tu potessi avere qualche rotella in meno. 😅

      Elimina
    4. Ma certamente, Claudia!!
      Ora ti saluto che è ora delle medicine...e rimetto quel bel soprabito bianco con le maniche dietro che qua fa freschino.

      Elimina
    5. Ahahah
      Sai farlo da solo?
      E come fai di cognome? Houdini? 😅

      Elimina
    6. Ma nooo, che sciocchina! Basta metterla al verso e poi girare la testa di 360°: è lì il difficile!

      Elimina
    7. Ho fatto male i conti: bastano 180° 😂😂😂

      Elimina
    8. 🤣🤣🤣
      Basta con sti gradi, che se scendi ancora diventano potenziali istruzioni hard. 😜

      Elimina
    9. Basta basta! Ahiiii qua non passiamo il visto censura! 😁😁

      Comunque, tornando semi-seri, ecco ti dicevo che non ricordo quando questo amico se n'è andato, dovrei chiedere a mia mamma se ricorda qualcosa! Ormai mi è venuta la curiosità 😄

      Elimina
    10. Sperando che sia più affidabile della mia..
      Mamma sostiene che io avessi diversi amici immaginari, di cui non ricorda il nome, solo perché parlavo da sola.
      Allora non se ne sono mai andati..

      Elimina
  9. Nessun amico immaginario che io ricordi... Ero una bambina molto timida e chiusa anche con gli amici di fantasia...☺ Credo sia bello averlo per un bambino e anche crederci un po'. ❤🌹😘

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Confermi il parere degli esperti, secondo cui i bambini più chiusi e timidi non si aprono nemmeno con gli amici immaginari.
      Sì, credo che appagante per un bambino. Quasi quasi dovrebbero provarci anche gli adulti.. ;)

      Elimina
  10. Cara Claudia, ho letto con attenzione il parere di questo amico immaginario.
    So che la fantasia e l'immaginazione di noi adulti, è infinita, e sempre non fa bene!!!
    Ciao e buon pomeriggio con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come dico sempre, dovremmo imparare tante cose dai bambini.
      Ad esempio ad essere felici.
      Buona giornata a te. :*

      Elimina
  11. Sinceramente non ricordo, ma i miei figli hanno avuto entrambi, i loro amici immaginari.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Significa che hanno avuto un'infanzia felice. Ma non avevo dubbi in merito.
      Buona serata.

      Elimina
  12. Onestamente non ricordo di aver avuto un amico immaginario (forse ero troppo impegnata a litigare con mio fratello per averne) ma alcuni bambini mi hanno raccontato del loro.

    Io parlo da sola anche adesso... ahahahahahah!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Effettivamente credo che gli amici immaginari siano più diffusi tra i figli unici. Perché con un fratello con cui fare a botte h24 non si ha il tempo di dedicarsi "agli amici". 😅

      Elimina
    2. Appunto! «Figlio unico» : presente! 😄

      Elimina
    3. Io lo sono stata per nove e mezzo. Ti credo che parlavo da sola.... 😅
      Lorenzo comunque ha iniziato a parlare DI Filippo (attenzione perché non parla CON Filippo) prima ancora di capire cosa siano i fratelli e le sorelle.
      Quindi è nato già accessoriato. 😅

      Elimina
    4. La differenza d'età col primo dei miei due fratelli è di soli 2 anni quindi non ho avuto modo di farmi l'amico immaginario.. ahahahaha!

      Elimina
  13. Io c’e ‘ho ancora😀
    Prima gli ho offerto una birra...ma non l’ha bevuta , sto maleducato ..ho dovuto farlo io al suo posto.
    Spetta che mi sta chiamando in sto momento....ti saluto vado a sentire che vuole..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fallo aspettare, no?!
      Mica puoi scattare ogni volta che ti chiama.
      Devi essere più prezioso. 🤣🤣

      Elimina
  14. Quando era più piccolo mio figlio aveva un amico immaginario di nome Carlo, il cui fratello si chiamava Beddhu miu. Vivevano in uno stabilimento balneare vicino al paesino dove andiamo d'estate. Poi a un certo punto ci ha comunicato che è morto.
    Ammetto che anche io da piccola avevo un amico immaginario, ma non ne ho mai parlato con nessuno, diciamo che le nostre conversazioni avvenivano nella mia testa. Comunque poi mi è passata ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caspita.
      Pragmatico tuo figlio.
      Chissà se gli ha organizzato anche il funerale.. Di solito vengono soltanto dimenticati.
      Per sicurezza, io spendere un R.I.P. per Carlo. 🤣🤣😜

      Elimina
  15. W il potere dell'immaginazione (^^)

    RispondiElimina
  16. Ciao Claudia, dopo una pausa lunga un anno rieccomi.
    E' un piacere vedere che scrivi sempre sul tuo blog con così tanta passione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il piacere è mio di ritrovarti qui.
      Bentornata e spero che l'entusiasmo non manchi neppure a te. 😗

      Elimina
  17. No, nessun amico immaginario, però a volte parlo da solo anche adesso, mi devo preoccupare? :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma che preoccupare...
      Io mi incazzo pure da sola. Ahahahah

      Elimina
  18. Il mio si chiamava Luca, era moro ed indossava una maglia gialla.
    Poi ho avuto anche un figlio immaginario, lui si chiamava Manuel.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahaha
      Un figlio immaginario è bellissimo. Quanti anni avevi? Cinque?
      E si chiamava come mio fratello. ;)

      Elimina
    2. Quando c'era Luca ero piccolissima, forse anche meno di 5.
      Manuel più tardi...forse 6 o 7.

      Elimina
  19. Io sono talmente poco socievole che non mi sono fatta nemmeno l'amico immaginario! :D

    Però scherzi a parte, quanta tristezza mi fanno questi bambini buttati sui passeggini con questi telefoni in mano, imbambolati, affinché non rompano le scatole.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non me lo dire.
      Per non parlare dei bambini di cinque anni ancora "buttati nei passeggini", come tu dici.
      Non ci entrano praticamente più, ma i genitori li piazzano lì dentro per non non prendersi il fastidio di farli passeggiare.
      Io ho buttato il passeggino quando Lorenzo aveva solo due anni. Da allora cammina mano nella mano con noi e se si stanca il papà lo prende sulle spalle. Se non c'è, invece, mi siedo qualche minuto e lo faccio riposare..

      Elimina