venerdì 10 gennaio 2020

"Tolo tolo": Zalone stavolta fa sul serio

Anch'io ho scelto di andare al cinema per vedere il film campione d'incassi "Tolo tolo".
L'ho fatto con molto scetticismo, però, perché non nascondo che il personaggio di Checco Zalone mi abbia un po' stufata.
Non amo, infatti, le sue battute sgrammaticate sempre uguali e le smorfie che fa con la bocca.
Inoltre, non gradisco la classica comicità all'italiana.

PERÒ stavolta credo che questo film meriti di essere guardato, nonostante le molte critiche negative che si leggono in giro.
La verità é che Zalone ha commesso, a mio avviso, due gravissimi epic fail.
Il primo è che il trailer che ha scelto per il lancio del film ha completamente travisato il senso della pellicola.
Difatti, il pubblico si aspettava un film ironico e per versi demenziale, tipico del suo stile, ma si è trovato davanti una storia drammatica che non ha nulla a che vedere con le immagini de "L'immigrato".
Persino il protagonista di colore del trailer ha, nel film, un ruolo molto marginale.
Il secondo errore che, personalmente, non perdono a Luca Medici è di aver inserito dei frammenti di discorsi di Mussolini.
A prescindere dal fatto che il suo intento fosse quello di denunciare l'affezione al fascismo, ancora insita in molti Italiani, ho trovato di pessimo gusto l'idea di inserire nel film la voce e le movenze del Duce.
Più che una denuncia, infatti, rischia di sembrare un inno.
Insomma, credo che i riferimenti politici (oltretutto così ingombranti) andrebbero evitati.

Però, come detto, il film mi è piaciuto perché permette allo spettatore di immedesimarsi nei panni degli immigrati, seppur con leggerezza, e quindi apre le menti e le coscienze.
Forse il titolo non è efficacissimo, in quanto la battuta "Tolo tolo" è del tutto irrilevante ai fini della storia.
Dunque gli errori sono tre?
Ma no. Lasciamogli passare questa storpiatura della lingua italiana (che almeno stavolta trasuda dolcezza).

Un film che mi sento, quindi, di consigliare e che mi ha fatta uscire dal cinema soddisfatta, nonostante il finale troppo infantile per i miei gusti, ma passabile.
Qualcuno direbbe "fortuna che le è piaciuto!!"...
Mi sembra di aver enumerato solo gli aspetti negativi della pellicola.
In fondo, quelli belli non hanno bisogno di troppe parole, o no?

VOTO: 8

38 commenti:

  1. Sono curioso di guardarlo.
    Sereno giorno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fallo. Ne varrá la pena.
      Soprattutto per te che sei sensibile al tema dell'immigrazione.

      Elimina
  2. io invece resto onestamente perplesso su Zalone e molto più attratto dalla pellicola di Ken Loach. Lo attenderò cmq su Sky per provare a vederlo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non conosco il film a cui fai riferimento.
      Vado a documentarmi.

      Elimina
  3. Io ci sono stata con Michelle, dopo avere tentato più sere di andarci, ma le sale erano stra colme. Mi è piaciuto. Baci Valeria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io vado al cinema all'orario dei bambini (alle 17), quindi trovo sempre posto. 😉

      Elimina
  4. Questo attore per me è come se non esistesse.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Andrai sicuramente a guardare questo film, allora. 🤣🤣

      Elimina
  5. Non amo molto il cinema Italiano , non è il mio genere .
    Ricordo 2 film ,ormai datati , che mi sono piaciuti: Pane e tulipani e
    La sconosciuta . Di quest'ultimo ho visto i cartelloni anche ad Amsterdam .
    Ho detto alla mia amica di andarlo a vedere .
    Il filmino che hai postato è divertente .
    Buona giornata . Bacione . Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho visto solo "La sconosciuta" e mi piacque.
      Il trailer è divertente ma, come ho scritto, non ha nulla a che vedere col film.
      Quindi se la tua amica va al cinema per ridere, resterá delusa.

      Elimina
  6. Carissima Claudia !

    Il film di Checco Zalone non l' ho visto. Magari ci daró un'occhiata a tempo perso tra una cosa e l'altra, in linea di massima ti diró che Zalone seppure non rientri tra i miei comici preferiti, per stile e contenuti, non sia completamente da buttare tutto sommato nel panorama italico. Diciamo che ci si deve accontentare di quel che passa il convento.

    Piuttosto un giorno dovresti affrontare il tema del bullismo. Da quando ho iniziato a leggerti mi sono sempre chiesto con una certa curiositá se posso essere indiscreto : una tipa come te a scuola come ha fatto a sopravvivere ? Voglio dire con il cognome come il tuo, a scuola devi averne passate di tutti i colori, tra punzecchiature e prese per i fondelli. D'altro canto "turchiarulo" si presta a tutta una serie di rime goliardiche ... gia' immagino i varii sfottó durante l'appello o in palestra durante l'ora di educazione fisica "turchiarulo... vaffanculo !"... ecc ecc.

    Magari non erano cosi punzecchiatori i tuoi compagni di classe .. ma io ricordo che ai tempi tutti quelli con cognomi un po' strani o fuori dall'ordinario venivano presi in giro senza pietá.

    A te la risposta !

    Saluti,
    Vedetta Lombarda

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti rispondo subito.
      Ho parlato varie volte di bullismo, tanto che nei racconti trovi addirittura la storia vera di una ragazza bullizzata.
      Personalmente non ne ho mai subito, però, e te ne svelo il segreto.
      Semplicemente mi son sempre fatta benvolere dai miei compagni. Tendenzialmente ero tra i più bravi della classe, ma passavo sempre i compiti e il titolo di secchiona non mi si addiceva.
      Poi, son sempre stata molto allegra ed ironica, e circondata, appunto, da affetto.
      Inoltre, una personalità forte come la mia non può essere sottomessa dal primo cretino di turno. Quindi sfido chiunque a deridermi senza che sappia ben difendermi.
      Solitamente, infatti, il bullizzato è colui che non ha amici e che viene emarginato da tutti. La mia antitesi, insomma.
      Poi, il cognome, dalle mie parti, è abbastanza "nobile". Il mio trisnonno era il sindaco di Monopoli, sai?
      Qui esistono ancora palazzi e strade che portano questo nome.
      Ma quest'ultima osservazione era giusto per "salvarmi la faccia". Ahah
      Negli anni avrò sentito al massimo qualche TurchiaCulo, ma nulla di che.
      Rare battute goliardiche a cui ho sempre risposto a tono.
      Il bullismo è una cosa seria.
      Magari fosse (solo) questo.

      Elimina
  7. ho visto alcuni film di Zalone, mi fanno ridere quelli che pensavano di trovare un film “sovranista” contro l’immigrazione. Questo però non l’ho ancora visto

    RispondiElimina
  8. Bellissima recensione
    Mi ha incuriosito 😉

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Wow! Pensa se avessi davvero elencato tutte le bellezze del film. ;)

      Elimina
  9. Andrò a vederlo domenica,orario bambini anch'io. La tua recensione mi ha ulteriormente convinta che ne vale la pena.Dopo anni ho ripreso ad andare al cinema e se mi propongono una novità in TV o PC,mi sembra un surrogato..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ho ripreso l'anno scorso con il film sui Queen.
      Da allora ci sono andata abbastanza spesso e ne sono felice.
      Anche se il volume troppo alto in sala mi fa un po' venire il mal di testa. ;)

      Elimina
  10. Trovo la comicità di Zalone attuale e pungente.
    A me piace.
    Sono anni che però non vado al cinema, non ne ho il tempo.
    E sinceramente, se adesso dovessi scegliere, andrei a vedere sicuramente 'Piccole donne'. Amo alla follia le sorelle March!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Attenderai allora che arrivi su Sky o, fra un paio d'anni, in chiaro. 😉

      Elimina
  11. Cara Claudia, non saprei cosa dire di questo film, sento molte critiche sia a favore e pure anche negative, a me personalmente non è un comico che fa ridere, sono solo stupidate.
    Pensando ai comici di un tempo oggi è tutta un'altra cosa, ci vuole il vero talento!!!
    Ciao e buon fine settimana con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Effettivamente è una comicitá che può non piacere, ma stavolta è molto marginale.
      Buon pomeriggio.

      Elimina
  12. Comunque ... per chi non lo ha visto... ci fai un po' un riassunto ?
    Il titolo ad esempio cosa vuol dire "tolo tolo" ..!?

    Saluti,
    Vedetta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vuoi un riassunto?
      Zalone apre un'attivitá in Italia che, però, chiude per fallimento due mesi dopo.
      Dunque si indebita col fisco e decide di emigrare.
      Si trasferisce in Africa doge scopre che tutti sognano di andare in Italia e lui non capisce perché.
      Alla fine decide di strappare il suo passaporto e di affrontare un viaggio durissimo da immigrato, per mari e deserti, verso il Belpaese, in compagnia di tanti Africani.

      Elimina
    2. E il titolo ... TOLO TOLO ?

      Elimina
    3. Dovrai guardare il film.
      Non faccio spoiler. 😜

      Elimina
  13. Il trailer in ogni caso è fighissimo, mi ha convinto a vederlo, o meglio ne cerchero' una versione scaricabile sul mare magnum internettiano !
    Mi ha fatto scompisciare dalle risate quando diceva "favorisca pure l'altro lato" :D

    PS.: La moglie pero' nel trailer non ci fa tanto una bella figura... anzi diciamolo proprio .. è un po' zokkola !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se hai letto la mia recensione saprai che il film fa tutt'altro che ridere.
      Quindi, se il tuo scopo è questo, non te lo consiglio.

      Elimina
    2. Si si .. ho letto .. capisco che il film ha un taglio sociologico da un certo punto di vista. Ma non é un film drammatico si tratta pur sempre di una commedia. Il trailer comunque per quanto ingannevole serve proprio ad attirare il pubblico nelle sale... è un po' fuorviante.

      Elimina
    3. Secondo tanti che hanno commentato il mio post su Fb, il trailer altro non è che uno specchietto per allodole, per attirare al cinema tutti quelli che vivono il fenomeno dell'immigrazione con amarezza.
      E devo dire che la strategia ha funzionato.

      Elimina
  14. Ciao .
    Non so se la gente si aspettasse qualcosa di diverso da Zalone...non credo.
    Non penso ci sia niente da scherzare o da prendere in giro sul dramma dell'immigrazione..non lo puoi considerare alla stregua di un cinepanettone ad esempio .
    Zalone è da un mese che gira le Tv e che viene intervistato assieme al bambino di colore e si capisce che il film non è una goliardata .
    D’altronde pure Fantozzi aveva il suo messaggio sociale e i nuovi comici odierni hanno riscoperto un modo di far cinema e ridere strizzando l'occhio a temi sociali importanti.
    Ma non è il primo che usa la satira e la comicità a questo scopo ..il suo è una maniera per far giungere un messaggio importante ridendo si, ma riflettendoci pure.
    Un film simile che trattava di immigrazione e precariato giovanile è stato IL Vegetale con Rovazzi , due anni fa mi pare.
    Anche quello è stato una piacevole sorpresa.
    Non so se lo guarderò...probabilmente mi toccherà 😀 non è il genere di film che amo ma riconosco che possa piacere e molto , vedendo i risultati al botteghino.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma sí, vedilo.
      A me e mio marito è piaciuto molto.
      Lorenzo stavolta non è venuto con noi, perché si sarebbe annoiato.
      Ma il messaggio di Fantozzi qual era?
      Io l'ho sempre detestato...

      Elimina
  15. Ciao! Io andrò domenica, credo… e ti farò sapere che ne penso!

    RispondiElimina
  16. La questione del trailer secondo me non è un errore ma una genialata. Checco Zalone è anche un imprenditore e ha capito subito che un trailer di quel genere avrebbe portato al cinema un sacco di gente di un certo partito politico, cosa che non sarebbe accaduta qualora avesse inserito i veri spezzoni del film. Chiaro che poi loro ne siano usciti malcontenti, ma intanto il biglietto lo avevano già pagato.

    Io sono andata a vederlo con Fred, non lo abbiamo apprezzato completamente.
    Buona serata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sarebbe piaciuto sapere cosa non avete apprezzato.
      Ma sí, mi avete convinta.
      Si è trattato di una perfetta strategia di vendita.

      Elimina
  17. A mio fratello non è piaciuto come gli altri di Checco, comunque sai che vedrò però non credo riuscirei a dargli 8 :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma no. Conoscendo i tuoi standard gli darai 6.5.
      Scommettiamo? ;)

      Elimina

Per colpa di chi ne ha abusato, minando l'atmosfera familiare che si respira su questo blog, sono vietati i commenti anonimi, così come quelli polemici e offensivi.
Se non prendi la vita con filosofia e ami mettere zizzania, sei nel posto sbagliato.