mercoledì 17 marzo 2021

Londra: giudice toglie l'affidamento dei figli obesi alla madre

 
Ha fatto molto discutere, negli ultimi giorni, in Inghilterra, una sentenza destinata a diventare storica.
Il giudice Ellis, del distretto del Sussex, a Sud di Londra, ha deciso, infatti, di togliere l'affidamento di due minori di 13 e 17 anni alla madre, a causa della loro obesità, e di rendere la sentenza di dominio pubblico (facendo in modo che i protagonisti non fossero riconoscibili) al fine di sensibilizzare gli Inglesi sul problema dell'obesità infantile (e non solo).

I due ragazzi, pur essendo cresciuti in una famiglia agiata in cui hanno ricevuto un'ottima educazione, erano nel mirino degli assistenti sociali a causa dei ripetuti atti di bullismo di cui erano rimasti vittime a scuola, per via della loro obesità.
Pertanto, questi si erano messi in contatto con la madre (affidataria dei figli dopo la separazione avvenuta nel 2019), per chiederle di eliminare i cibi troppo grassi dalla loro alimentazione e di fargli praticare dell'attività fisica.

Lei, però, non aveva accettato di modificare lo stile di vita della famiglia e, complice la quarantena dovuta al Covid, si era rifiutata anche di iscrivere i figli in palestra, come consigliato dagli assistenti sociali.
Inoltre, i ragazzi avevano continuato a fare merenda, a scuola, con gelati, patatine, panini e bibite gassate.

Il giudice ha, quindi, deciso di affidare i due fratelli (maschio e femmina) ad una nuova famiglia, a causa dell'incapacità della madre di garantire la loro salute.

Insomma, molti di noi tendono a sottovalutare il tema dell'obesità, sia quando questo ci riguarda in prima persona che quando tocca i nostri figli.
Di sicuro, però, nessuno si aspettava che il peso potesse mettere a rischio l'unione di una famiglia.

Pertanto, ancora una volta, vi invito a non minimizzare il fenomeno e a seguire piccoli accorgimenti alimentari (per voi e per i vostri ragazzi) che potranno migliorarvi lo stile di vita.
Ne avevamo parlato poco meno di due anni fa con la dottoressa Marycarmen Barnaba.
Potrete trovare i suoi consigli cliccando qui.

Vi ricordo, infine, che è stato dimostrato che anche il Covid-19 ha effetti più devastanti sui pazienti obesi, per quanto questi possano godere di buona salute.

31 commenti:

  1. Mi trovo d'accordo con il giudice: la legge deve intervenire nell'interesse dei minori, anche sfidando una fetta dell'opinione pubblica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà non so cosa pensare.
      L'ipotesi più logica è che vi sono migliaia di casi di figli maltrattati fisicamente e psicologicamente che, però, non catturano l'attenzione degli assistenti sociali.
      Dunque è paradossale che questi possano considerare l'obesità come un motivo valido e sufficiente per allontanare bambini o adolescenti dai propri genitori.
      Insomma, non credo che in Italia potrebbe accadere.

      Elimina
    2. Ho un paio tra amiche e conoscenti che sono assistenti sociali, ti posso dire che gli allontanamenti di minori da genitori "difficili" avviene anche se non ne esce la notizia, e spesso dopo mesi di tentativi di salvare l'unità familiare. In tal senso, ma è un dato credo prettamente locale, ai consigli degli assistenti sociali rispondono meglio le famiglie di immigrati che quelle italiane, specie in certi quartieri decentrati, dove per esempio l'istruzione dei figli è un optional.

      Elimina
    3. Certamente ogni giorno viene tolto l'affidamento dei figli ad alcune famiglie, senza che questo faccia notizia.
      Ma ogni volta che leggo di un caso di bullismo a scuola, ad esempio, mi chiedo dove siano gli assistenti sociali. Idem per la baby-gang. E potrei farti milioni di altri esempi.
      Adolescenti abbandonati a se stessi o, peggio, cresciuti in contesti familiari tossici (in senso non sempre metaforico) che, però, non vengono aiutati da nessuno.

      Elimina
  2. Situazione molto delicata, molto..
    Purtroppo l'obesità può portare a conseguenze gravi, non solo quando si rimane infettati dal Sars-CoV-2.
    Mi ha colpito il fatto che abbiano deciso di rendere pubblica questa notizia per sensibilizzare la popolazione...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Più che per sensibilizzare, diciamo per spaventare il popolo, in modo da rendere i genitori più responsabili.
      Insomma, un'idea che nulla ha a che vedere col politically correct... 😅

      Elimina
  3. una cosa che mi dà da pensare :mi capita a volte di vedere programma su realtime delle persone obese ..e lì siamo all'estremismo..e vedi queste/i che han GROSSI problemi con il cibo ..ed i familiari che li seguono ..dicono che li aiutano..invece li riforniscono di cibo .spazzatura
    in quantità ..ma non li stai aiutando ANZI!! li stai facendo morire
    probabilmente anche questa mamma pensando di far loro del bene li riempie di cibo spazzatura
    la questione di togliere figli ai genitori è molto discutibile ..a volte vengono lasciati in case LAGER ..altre vengono tolti quando semplicemente si potrebbero aiutare ..lì si aprirebbe grande discussione
    ho conosciuto donna con 2 bambini ..momento buio economicamente ed emotivamente ..rimasta vedova senza lavoro e con debiti ..lì come mi disse assistente sociale sarebbe stato facile levare figli ..con grande eborso dello stato ..lei si è impegnata ..con psicologo e sussidi ..adesso si è ripresa lavora e sta con i figli ..a volte basrebbe usare il buonsenso ..
    ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io guardo spesso il programma "Vite al limite" e mi chiedo come possano i figli o i partner di questi pazienti super obesi aiutarli a rinfilzarsi di ogni porcheria possibile e immaginabile.
      Se mia madre avesse un problema del genere, proverei a spiegarle che non voglio perderla e che, continuando a mangiare in quel modo disumano, lei morirebbe.
      Ma di sicuro certe cose sono più facili a dirsi che a farsi.

      Elimina
  4. Non so. io credo che avrebbero potuto imporre alla madre, se erano necessarie, terapie da far fare ai ragazzi per ridurre il peso. Imporle, per esempio, portando degli agenti ogniqualvolta ci fosse da andare da un nutrizionista affinché fosse garantito il rispetto delle misure prese per ridurre l'obesità dei figli. E solo se ci fosse stata una violazione come ad es. non far trovare i suoi figli a casa quando gli agenti passavano a prenderli, poteva allora far considerare una azione mirata alla sottrazione dei figli ed al loro affidamento ad un'altra famiglia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Resto sempre dell'idea che in caso di genitori amorevoli, ci sia sempre una soluzione più valida dell'allontanamento dei figli dal nucleo familiare.

      Elimina
  5. Mi pare un po' esagerata questa decisione,ma siamo in UK!

    RispondiElimina
  6. L'obesità mi fa molta paura, soprattutto se infantile.
    Non so se sia giusto togliere i figli alla madre, per questo, non sono nessuno per poterlo dire.
    Ma di sicuro ha avuto una forte responsabilità perché i bambini non sanno cosa è giusto e cosa è sbagliato, desiderano semplicemente rispondere a degli impulsi. Se li abitui a cibi dolci o grassi, quelli vorranno continuare a mangiare. Se li abitui a dei pasti salutari, difficilmente andranno a cercare le porcherie.
    Vanno seguiti, vanno indirizzati. L'alimentazione è un aspetto importantissimo della vita di ciascuno ed è anche un concetto da imparare fin da piccoli.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mio figlio, a cinque anni, non sa cosa sia la cocacola, il ketchup, la maionese, ecc.
      Eppure, molti suoi amici pretendono che questi prodotti gli vengano forniti giornalmente, e per i loro genitori non c'è nulla di male.
      Ecco, da madre ritengo che si debba iniziare da piccolissimi e dalle piccole cose, nell'educazione alimentare.

      Elimina
  7. Io sono d'accordo con il Giudice . Mamma irresponsabile a crescere i figli
    che vengono anche bullizati . Obesi ora , obesi sempre se non si ricorre
    ai ripari come in questo caso .
    Alla famiglia alla quale noi forniamo borse di cibo (non spazzatura) hanno
    tolto i due figli minori e vivono in una struttura . Il maggiore glielo
    hanno lasciato . Sabato e domenica i minori rientrano in famiglia x il
    fine settimana e ...non sono certo obesi .
    Troppe Mamme hanno il pallino che i figli bisogna super nutrirli e poi
    danno cibo spazzatura . Dove hanno il buonsenso ?
    Ciao Claudia , bacio * Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi dispiace per questi genitori che hanno dovuto rinunciare all'affidamento dei due figli minori, ma se purtroppo non riescono ad ottemperare nemmeno alla loro sussistenza, forse è la decisione migliore.
      Voi, comunque, continuate ad aiutarli nei limiti del possibile, anche se forse sarebbe meglio trovargli un buon lavoro.

      Elimina
  8. Discorso molto delicato, difficile da trattare.
    Ma da ex obesa l'argomento lo conosco bene. Nessuno mangia per il gusto di mangiare, il cibo è un rifugio dove ci si vuol nascondere, il fatto che questo ci metterà ancora più in evidenza non ci sfiora minimamente.
    Il disagio emotivo,la frustrazione e un passato tutt’altro che roseo innesca una necessita che solo il cibo soddisfa nell'immediato.
    La madre non è una cattiva madre, ma conosce solo quel sistema. Io penso che un aiuto psicologico per tutta la famiglia potrebbe essere un aiuto ma solo se la madre se la sente di affrontare il suo tutto...
    Come detto all’inizio è davvero difficile stabilire chi ha torto o ragione, e chi deve pagare il disagio sono loro con un altro disagio ancora più grande.Poveri tutti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per fortuna non sono mai stata obesa, ma da sempre in sovrappeso.
      Eppure mangio davvero poco, ma ho un pessimo metabolismo.
      Mia madre ha sempre curato la mia alimentazione quand'ero piccola, ma con scarsi risultati.
      Quindi, non me ne cruccio ed ho imparato ad accettarmi.
      Però, di sicuro se avessi problemi di salute correlati al mio peso o se fossi, appunto, obesa, mi farei seguire da uno specialista.

      Elimina
  9. Una decisione forse un po' estrema, per quanto sia vero che l'obesità è un problema di salute da non sottovalutare. Però, ecco, allora forse per analogia la revoca della custodia genitoriale potrebbe estendersi ad altri casi. Per esempio a quei genitori i cui figli si rendono responsabili di atti di bullismo, per non averli educati ad essere cittadini corretti. Perché in questa storia sembra che la causa del bullismo sia da ricercare nella madre, come se, dopotutto, bullizzare una persona perché obesa è una cosa normale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono sempre stata convinta che la responsabilità degli atti di bullismo fosse dei genitori dei bulli, anche se in questo caso sembra, appunto, che ad avere la colpa sia la madre delle vittime.
      Chissà se gli assistenti si sono presi la briga di indagare anche sul contesto familiare dei bulli.

      Elimina
  10. Giusto, se non è un problema di ghiandole o quant'altro, ma di mangiare, e senza controllo, allora sì.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giusto che si prendano provvedimenti, ma togliere l'affidamento dei figli ad una madre a me continua a sembrare eccessivo.

      Elimina
  11. Tutti i dca sono aumentati in questo periodo. Lunedì era la giornata nazionale contro i disturbi alimentari. I dati di quest'ultimo anno sono allarmanti.
    E' una malattia cha va diagnosticata e curata in modo tempestivo.
    Ben vengano le decisioni, seppur drastiche, prese per il bene dei ragazzi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non mi aspettavo, da madre di quattro figli, che tu fossi a favore di questa sentenza.
      Davvero pensi che un figlio, obeso o meno, possa vivere bene lontano da sua madre?

      Elimina
    2. Sì! Non è detto che il solo fatto di mettere al mondo un figlio fa di te un buon genitore.
      Io sono dalla parte dei bambini, del loro equilibrio, del loro crescere in modo armonico.
      Ci sono dei professionisti che valutano queste situazioni, mi fido del loro giudizio.

      Elimina
    3. Mi riferivo al fatto che il giudice ha tenuto a precisare che alla base della sentenza non vi fossero altre motivazioni e che, infatti, come detto, i ragazzi fossero seguiti dalla madre, amati e ben educati.
      Ecco perché credo che si sarebbero potute trovare altre soluzioni.
      Se questi, invece, fossero stati maltrattati dai genitori, avrei approvato appieno la scelta del giudice.

      Elimina
    4. Sai Claudia, con i figli non basta solo l'amore.
      Se il mio amore te lo dimostro ingozzandoti come un tacchino, non è un amore giusto.
      Se il mio amore te lo dimostro non rimproverandoti mai, non è amore giusto.
      Se il mio amore è difenderti a prescindere di quello che tu combini, non è amore giusto.
      Hai scritto che la mamma non li ha iscritti in palestra, non ha modificato lo stile di vita...li ha amati come sapeva fare lei, in modo sbagliato.

      Elimina
  12. I figli non si tolgono alle famiglie per motivi come questi, non scherziamo! Ma si sa che in Inghilterra i giudici spesso hanno emesso sentenze discutibili.

    RispondiElimina
  13. Essere normopeso è importante, altroché, e i genitori hanno delle responsabilità. Sottrarre alla famiglia due ragazzi, però, mi sembra un'esagerazione. Se si trattasse di bambini piccoli avrebbe più senso, ma 13 e 17 anni...? Non so come li convinci a stare a dieta contro la loro volontà.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molte volte, poi, va detto che le diete sono del tutto inefficaci, poiché alla base dell'obesità vi sono altre ragioni.
      Chissà se questo giudice ha prima disposto che ai due ragazzi venisse fatto un check-up completo, prima di sottrarli alla loro famiglia.

      Elimina

Per colpa di chi ne ha abusato, minando l'atmosfera familiare che si respira su questo blog, sono vietati i commenti anonimi, così come quelli polemici e offensivi.
Se non prendi la vita con filosofia e ami mettere zizzania, sei nel posto sbagliato.