sabato 6 marzo 2021

Jukebox: 'Sleeping satellite' di Tasmin Archer

 
Buon sabato amici.
Torna l'appuntamento col jukebox di Chi scrive non muore mai.
Questa settimana tocca a Riccardo Giannini del blog "Il caffè di Riky".
La sua scelta è caduta su un brano famosissimo del 1992, "Sleeping Satellite" di Tasmin Archer, il cui titolo, però, non mi diceva nulla. Ma è bastato cercarlo su YouTube per tornare indietro nel tempo.

Come molte hit di quegli anni, confesso di non essermi mai soffermata sul testo, tentando di tradurlo, in modo da capirne il significato.
In questo caso, la musicalità mi ha sempre fatto pensare ad una canzone d'amore, e invece siamo lontani anni luce dal tema dei sentimenti.

Infatti, il brano si riferisce alle missioni Apollo che portarono l'uomo sulla Luna, tra il 1969 e il 1972, e al fatto che al momento della scrittura del testo, nel 1989, a vent'anni di distanza dalle prime esplorazioni lunari, nessun uomo avesse replicato l'impresa, nonostante l'enorme progresso tecnico scientifico raggiunto.

La canzone fu sicuramente una bandiera per la cantautrice britannica che continua ancora oggi a cantare, ma senza mai produrre successi che lascino il segno.

Qualcuno di voi ne conosceva il reale significato?
Forse solo Riccardo che l'ha scelta per questa rubrica.  😅
Adesso vi ricordo che il jukebox è sempre aperto e che aspetto le vostre richieste.
Bacioni.

16 commenti:

  1. E invece no, non conoscevo affatto il significato!
    Ma è una canzone cult del periodo.
    Se non sbaglio anche colonna sonora dello spot di un'automobile dell'epoca.

    RispondiElimina
  2. Canzone meravigliosa, ottima scelta di Riky! 👍
    L'argomento della canzone lo sapevo, io l'ho inteso come una critica alle missioni lunari che hanno posto fine a un romanticismo durato secoli, andando a scoprire che il nostro satellite non è altro che un "pezzo di roccia" con ben poco di romantico, ancora meno delle fantasiose allegorie di Méliès o Verne.
    Nel testo si parla di "eagles", aquile, ma le Aquila sono le astronavi utilizzate nel telefilm Spazio 1999, in cui la Luna si stacca dall'orbita terrestre e inizia a vagare nel cosmo. Citazione?

    Scoprii il brano durante il mio primo anno universitario (1993/94), grazie a un collega del corso, tale Antonio di Manduria, che aveva il 45 giri e mi duplicò la canzone su cassetta intuendo, parlando dei miei gusti musicali, che l'avrei apprezzata. Come infatti è stato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Wow.
      Allora questa canzone ti rievoca anche l'amicizia con questo Antonio.
      Chissà se vi siete più visti da allora.

      Comunque sono felice che questa canzone ti piaccia e, soprattutto, che tu ne conosca il reale significato.

      Elimina
    2. Purtroppo con Antonio ci siamo persi di vista ben presto: si iscrisse a un concorso per entrare nei Finanzieri e questo annullò il suo rinvio militare, per cui fu chiamato a servire la Patria interrompendo gli studi.
      Ha peraltro un cognome molto comune per cui vattelapesca su Facebook. 😁

      Elimina
    3. Che peccato!
      Comunque il cognome sarà pure comunissimo, ma nella foto non puoi non riconoscerlo.
      Quindi spulcia tutti i profili dei suoi omonimi!! 😅

      Elimina
  3. Bello il jukebox..mi fa ritornare indietro..il titolo non lo ricordavo ..ma sentendola ho ricordato...
    Serana serata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dovresti scegliere anche tu una canzone.
      Mi farebbe tanto piacere.

      Elimina
  4. No , non la conoscevo e mi è piaciuta .
    Mi fa ricordare mio Padre che negli anni Cinquanta diceva che l'uomo
    sarebbe arrivato sulla Luna e noi , giù a ridere .
    Chissà cosa direbbe oggi . E tutta questa tecnologia poi...
    Aspetto il racconto delle tue vacanze .
    Bacioni . Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dovrai attendere fino a martedì, allora, perché lunedì è l'otto marzo, e avevo programmato da tempo un post molto divertente dedicato alle donne. 😉

      Elimina
  5. Me la ricordo come pubblicità degli assorbenti Lines 😀 !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensa, io che sono una donna e uso gli assorbenti Lines dal lontano settembre del 2000, non so di quale pubblicità parli.
      Sarà che li usi anche tu? 😅

      Elimina
  6. Canzone molto bella, di quelle che un po' ti fanno sognare e tornare indietro nel tempo :)
    Bello riesumarla in questa domenica sera. Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ringrazia Rick per averla scelta.
      P.S. Facendo zapping, in queste sere, ho beccato l'esibizione di Aiello al Festival.
      Posso dire che mi è sembrato molto stonato?
      Mi vorrai bene lo stesso? 😅

      Elimina
  7. Significato? No. Comunque la canzone è bella ma non tra le mie preferite del periodo ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà ce ne sono così tante belle di quel periodo che non saprei quale scegliere.

      Elimina

Per colpa di chi ne ha abusato, minando l'atmosfera familiare che si respira su questo blog, sono vietati i commenti anonimi, così come quelli polemici e offensivi.
Se non prendi la vita con filosofia e ami mettere zizzania, sei nel posto sbagliato.