venerdì 12 marzo 2021

So ancora fare l'uncinetto

 
Un paio di settimane fa, sono andata a trovare la mamma di un mio carissimo amico, e l'ho trovata intenta a fare l'uncinetto.
Avrò avuto appena otto anni quando la mia nonna materna mi insegnò a farlo. Mi piaceva moltissimo e mi rilassava. A quei tempi riempii la mia casa di presine da cucina. Non ho mai provato a realizzare capi più articolati, perché non volevo che la mia ossessione per la perfezione intaccasse anche quello che era diventato un piacevolissimo hobby.

Vado a memoria, ma credo che l'ultima volta che ho impugnato un uncinetto avrò avuto, al più, tredici anni.
Dunque, ne sono passati almeno una ventina.
Insomma, non immaginavo minimamente di essere ancora in grado di tessere la lana, eppure le mie mani viaggiavano da sole, assieme alla soddisfazione nel cuore di riuscire in questa pratica artigianale, lasciando sbigottiti (ed orgogliosi) mio marito e mio figlio, che mi osservavano silenti mentre davo forma alla mia presina arancione.

Tornerò a farlo?
No. Da madre, moglie, figlia, amica, scrittrice e molto altro, il tempo libero è diventato un'utopia, quindi i maglioni e le sciarpe resterebbero sempre a metà.
Però, è stato bello scoprire che certe abitudini non si disimparano mai, un po' come l'andare in bicicletta.
Saranno secoli che non ne guido una, ma sono certa che potrei sfrecciare ancora come una volta.
E voi, avete un hobby o un'abilità che coltivavate da piccoli e che non avete mai più messo in pratica?
Oppure, c'è qualcosa in particolare che vi hanno insegnato i vostri nonni e che vi porterete sempre nel cuore?

48 commenti:

  1. Ciao Claudia...sai da ragazza avevo imparato bene a lavorare con l'uncinetto e creavo dei lavori anche molto complessi. Allora avevo quella passione e compravo riviste specializzate per realizzare modelli di centrotavola e tende. Poi è passata la moda, gli anni e la voglia, ma credo che una volta imparato il metodo sia difficile dimenticare, proprio come l'andare in bicicletta o nuotare. Grazie, mi hai rammentato un periodo lontano della mia vita.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora dovresti provare anche tu ad impugnare un uncinetto dopo tutti questi anni.
      Magari scopriresti che tessere ti piace molto più di allora.
      Buona giornata.

      Elimina
  2. Ho vaghi ricordi in cui da bambino facevo le caricature di profilo ad alcuni personaggi della televisione, cosa che poi iniziando ad andare a scuola ho totalmente abbandonato: da quello che rammento non erano disegni "bambineschi" ma piuttosto ben definiti, e nella caricatura era riconoscibile il personaggio.

    Mia mamma era molto brava col lavoro a maglia, conservo tutt'ora un maglione di lana fattomi interamente da lei, con due "trecce in rilievo" laterali; ne fece anche altri poi disfatti perché crescevo, nonché calzini da notte con laccetti e due scialli ricchi di colori sgargianti cui innestò una frangia recuperata da uno scialle più vecchio... All'uncinetto la ricordo meno, fece giusto qualche presina da cucina, di cui una a forma di cappello.
    Per me il lavoro a maglia è rimasto un mistero, non capirò mai come muovere i ferri per tessere la lana. 😁

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuramente tua madre te lo avrebbe insegnato, se tu fossi stata femmina.
      C'è molto pregiudizio di genere in questi tipi di arte.
      Hai mai visto un uomo lavorare a maglia? Io no...

      Elimina
    2. Credo sia stata una questione genetica: mio nonno materno faceva il calzolaio ma era in grado di realizzare scarpe da zero, altro che ripararle soltanto, mentre mio zio era un ottimo sarto, confezionava abiti da donna molto belli, prima che dei problemi di salute gli limitarono la possibilità di lavorare.
      Certo, il lavoro a maglia è un'altra cosa, ma comunque una pratica creativa.

      Elimina
    3. Invece Lucia, la mamma del mio amico che mi ha prestato l'uncinetto, aveva addirittura una scuola di taglio e cucito da giovane.
      Quindi era un'abile sarta che, però, sapeva anche lavorare a maglia.

      Elimina
  3. No, no perchè ho studiato da piccolo alcuni anni pianoforte ed ero anche bravo ma non era un hobby suggerito ed insegnatomi da genitori o nonni. Quindi qualcosa di insegnato da membri della famiglia, ed assimilato come hobby, no, non ne ho avuto nessuno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho già detto mille volte che farei follie per un uomo che sa suonare il pianoforte.
      Ma siamo entrambi impegnati. 😂😂😉

      Elimina
  4. Ciao Claudia,
    come dice il proverbio "impara l'arte e mettila da parte", e tu l'hai imparata eccome dato che ti ricordi ancora come si fà.
    Anche a me la mia nonna paterna aveva insegnato l'uncinetto, che ho ripreso in mano anni fà e con fatica all'inizio e passione poi, sono riuscita a farmi una sciarpa.

    Poi, il tutto relegato di nuovo nella scatola dei ricordi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che peccato.
      Dovresti fartene un'altra. Poi, se ricordo bene, hai una nipotina piccolissima. E allora vai di guanti, sciarpine, cappellini, ecc. 😉

      Elimina
  5. Io ho un ricordo bellissimo...mia nonna mi aveva insegnato a fare l'uncinetto, il mio primo lavoro un piccolo centrino con il filo arancione...quando è morta tra le sue cose c'era la scatola del cucito e in un pacchettino il mio centrino con un bigliettino scritto da lei a mano..."il primo lavoro di Valeria"...Lei l'aveva conservato...ora io lo tengo tra i miei ricordi e se lo odoro, mi sembra di sentire il suo profumo. Buona giornata Valeria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma che ricordo meraviglioso.
      Quindi tua nonna era speciale proprio come te.
      Chissà se a tua volta hai tramandato a Michelle l'arte dell'uncinetto.
      Un bacione.

      Elimina
    2. No, ma lei sa cucire grazie agli insegnamenti di mia mamma

      Elimina
  6. Io ho già molti hobby e non riesco a gestirli tutti quindi non ne aggiungerei altri! ^^

    Da piccola ho provato l'uncinetto ma non sono assolutamente capace.. non fa per me nel modo più assoluto.

    Durante le superiori ho seguito per un anno un corso di pianoforte e l'insegnante mi diceva che ero portata ma non potendo avere un piano in casa ho lasciato perdere ma penso che mi sarebbe piaciuto continuare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non mi dire!
      Sai realizzare a mano oggetti meravigliosi, e usi anche la macchina da cucire, ma l'uncinetto ti sembra difficile.
      Stranissimo. Per me è una passeggiata. Ma non ho mai provato altro (ferri, ricamo), quindi non saprei confrontarli.

      Elimina
  7. Mia nonna sapeva cucire, lavorare a maglia e all'uncinetto. Avevo imparato qualche rudimento di maglia, subito abbandonato, nulla di uncinetto e nulla di cucito. Pure mia madre sapeva cucire: ai suoi tempi a scuola si studiava economia domestica, che a qualcosa serviva.
    Quindi dai nonni non ho appreso nulla; di mio me la cavo a disegnare a matita, negli anni 90 ho fatto 4 disegni che ora sono appesi in corridoio, e poi ho mollato pure quelli. Pure con la collezione di gommine ho smesso, per mancanza di spazio e novità. Ma la presina poi l'avevi finita?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La presina del video, dici? No.
      Sono andata a trovare Lucia per tenerle compagnia, non per rubarle i ferri del mestiere. 😂😂
      Quindi ha messo a posto tutto e abbiamo chiacchierato.

      Mia madre non sa nemmeno rammendare un calzino, ma giura di saper fare l'uncinetto per insegnamento materno.
      Chissà se è vero. 😅

      Elimina
  8. Mia Mamma sapeva fare tutto : Cucire a macchina , uncinetto , ferri e altro.
    Una perfetta casalinga . Avevo imparato l'uncinetto ma non mi piaceva .
    Ai ferri ho lavorato tantissimo : maglie x me , tantissimi maglioncini
    per le mie figlie . Con dispiacere di Mamma non sono riuscita imparare
    cucire a macchina . In compenso ha imparato mia figlia e fa tante cosine
    per Nora . Io mi sono messa in pensione , leggo , scrivo , cammino ecc..
    Lorenzo va alla scuola materna ? O è tutto chiuso ?
    Bacione Laura *

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il governatore della Puglia ha richiuso le scuole da oggi al 6 aprile, nelle province di Bari e Taranto. Dunque, da stamattina addio scuola e compagni. È la solita barzelletta delle scuole chiuse ogni due per tre. Non ne posso piuuuuuuuuuú!!

      Elimina
  9. Beh, con me sfondi una porta aperta, lo sai: tutto quello che ho imparato da piccola, a lavorare a maglia, con l’uncinetto, è ancora fra i miei hobby preferiti. Di solito, lavoro davanti alla tv, così non tolgo tempo ad altre attività che richiedono maggiore concentrazione.
    Con l’uncinetto ho anche, di recente, imparato a fare gli amigurumi, quanto mi piacciono!
    Una cosa c’è, però, che ho abbandonato da subito: a scuola ci facevano fare il mezzo punto. Mi piaceva, poi i quadretti che venivano fuori erano démodé e ho lasciato perdere. Ah, non mi conquista nemmeno il punto croce, in cui mia madre è un vero asso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so cosa siano gli amigurumi.
      Vado subito a documentarmi.

      Tu comunque sei fantastica con la tua creatività. Io posso solo inchinarmi.

      Elimina
  10. Ciao. Da un po' di tempo riesco a realizzare gli oggetti tridimensionali, è stata come una scommessa, ho iniziato con piccoli oggetti per passare piano piano con quelli più complessi. Invece con i ferri in mano sono un vero disastro, ho provato diverse volte ma non c'è nulla da fare, non sono mai riuscita a creare nulla se non dei campioncini.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gli oggetti tridimensionali realizzati all'uncinetto, dici?!?!
      Che figata!!
      Io mi fermo alle presine. 😅

      Elimina
  11. Dimostrazione del detto "impara l'arte e mettila da parte" XD
    Anch'io facevo l'uncinetto da bambina perchè mi aveva insegnato mia nonna; facevo i vestiti per le Barbie, pensa! Poi da adolescente ho imparato a usare i ferri e mi sono dedicata per anni a quelli, ma adesso è da un sacco che non faccio più niente. Idem per il punto croce: ho passato anni facendo un sacco di ricami, poi ho smesso. Però so che, se mi venisse la voglia di lavorare ai ferri o di ricamamre sarei ancora capace, ci vorrebbe poco a riprendere la mano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti. Di sicuro saresti brava come un tempo.
      Io, invece, che non ho mai più coltivato hobby del genere, ero proprio convinta di non esserne più in grado.

      Elimina
  12. il tempo si trova sempre Claudia, basta volerlo e non dispiacerebbe vedere la foto di un tuo lavoro. X me il tempo libero: falegnameria e fissare a lungo il cielo, che non sta mai fermo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chissà quanti oggetti meravigliosi sei capace di creare intagliando il legno.
      Il tempo libero? Quando mio figlio crescerà ne avrò molto di più.
      Adesso preferisco dedicare a lui ogno istante.

      Elimina
  13. L'uncinetto faceva anche mia nonna, mi fece una sciarpa una volta, mi piaceva arrotolare e srotolare i gomitoli ;)
    Il cervello e la sua memoria, straordinario connubio :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io, invece, non ho mai indossato nulla creato da mia nonna, nonostante fosse bravissima.
      Ma è sempre stata una mamma, nonna lavoratrice, quindi non aveva il tempo di creare capi per noi.
      Chissà se da quando è in pensione ha ripreso a lavorare a maglia. Non gliel'ho mai chiesto.

      Elimina
  14. Io purtroppo sono negata per i lavori manuali.Buon pomeriggio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Avrai sicuramente altre doti. 😉
      Buon pomeriggio a te.

      Elimina
  15. A me piace molto ricamare a punto croce (l'unico punto che so fare) è una cosa che mi rilassa. Purtroppo la vista è quel che è perciò devo ricamare per poco tempo, altrimenti non ci vedo più. Quando ero più giovane, lavoravo molto a maglia, ho fatto maglioni e camicette ai ferri , che son venuti molto bene. So usare anche l'uncinetto, non mi dispiace è semplice e veloce ma lo uso raramente. Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quindi sei molto creativa.
      L'abbassamento della vista è un bel problema, in questi casi, ma son felice che tu non perda l'abitudine di ricamare, anche se solo per dieci minuti al giorno.

      Elimina
  16. La mia nonna era una magliaia, una maga con ago, filo ma non le ho mai visto preparare una torta. Per la legge della compensazione io sono bravissima a fare le torte ma faccio fatica anche ad attaccare un bottone!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Immagino che i tuoi figli saranno molto più felici per il tuo talento, che per il suo... 😉

      Elimina
  17. Una volta che si impara a fare una cosa è difficile dimenticarla, te lo dico io che dopo una quarantina di anni che non disegnavo più, hai visti il video sulla cala che cos'è? E ripeto tutto rigorosamente fatto a mano con squadrette pennini retini da lucido ormai introvabili e tutto quanto occorre per un disegno tecnico. A dire il vero ho lavorato sempre nel settore tecnico quindi la mano era abituata, ma dopo l'artistico a Roma e i primi anni di architettura tutto era svanito nel nulla, poi con l'ausilio delle mostre personali si è ricominciato a fare qualcosa. Nel mio blog se clicchi sulle locandine delle mie mostre si vedono alcuni lavori. Quindi tranquilla puoi benissimo riprendere a fare l'uncinetto ( a proposito so fare il punto a catinella e ai ferri so fare il dritto). Ciao e buon fine settimana, un abbraccio Angelo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bello che un uomo sappia lavorare a maglia.
      I tuoi disegni sono fantastici e sembrano davvero realizzati al computer. Sono felice che tu non abbia perso questa abilità, col passare degli anni.
      Buon fine settimana a te.

      Elimina
  18. Ho imparato anche io in età adolescenziale. Ho ancora qui delle presine che feci e che mi sono più utili di quelle che ho comprato, appunto perché le avevo fatte proprio bene :D
    In questa vita frenetica non so se riuscirei a dedicare tempo ad una cosa simile, ma spero un giorno di riprendere. E' un'attività molto bella e rilassante, secondo me.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rilassante è l'aggettivo giusto.
      Credo che ti farebbe bene.
      Io quasi quasi domani vado a comprare l'occorrente.
      Da lunedì saremo di nuovo in zona rossa, quindi di tempo libero ne avremo. 😭😭😭

      Elimina
  19. Non vedevo una persona lavorare all'uncinetto da tempo immemore. Hobby? Beh ho sempre e solo scritto, forse l'unica cosa che credo di saper fare meglio. non ho mai fatto modellismo, non ho mai imparato a suonare la chitarra, eh... beh una cosa che ho è il cabaret. In molti dicono che ho un talento innaturale nel fare spettacolo ma, ovviamente, mica l'ho coltivato? Certo che no! Brava Claudia cmq.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Effettivamente saresti un ottimo cabarettista.
      Dovresti registrare dei video e lanciarti su YouTube. Magari diventi ricco, eh? O sei troppo anziano? Visto che i baby-influencer fanno fortuna... 😜

      Elimina
  20. la nonna mi ha insegnato ..come si "conviene " ad una brava donna di casa ..a far un pò di tutto dalla cuna ai lavori vari ..mia mamma mi ha anche obbligato a far corsi cucito per 3/4 anni ..mai fatto un abito ..ma cartamodelli perfettamente tecnici ! e posso dire che alla fine anni fà lavoravo controllo qualità calzature e accessori ..ma mi son tornati utili anche le tecniche sartoriali così ho potuto lavorare anche controllo qualità settore tessile ..dunque quel che si impara rimane ..
    nonna mi ha insegnato a far sfoglia sottilissima ..ne ho fatte in quantità considerevoli ..adesso non le farei neanche con pistola puntata
    mi ha insegnato a ricamare ..e son pochi i punti che non sò..ho insegnato a nuora varie tecniche (lei VUOLE ricamare ) anche questo per rifarlo pistola puntata ..ed anche uncinetto ..
    ah la maglia ogni anno a settembre mi prendo lana e mi faccio sciarpona per l'inverno ..1 sola !! e poi qua ogni anno fanno manifestazione con coperte /sciarpe x sostenere casa della donna ..ed han scoperto che le sò fare ..e partecipo ogni anno con lavori ..ah quando si poteva ..
    ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bello che tu sappia fare tutti questi lavori artigianali.
      Chissà se, a tua volta, li hai insegnati a qualcuno.

      Elimina
  21. Oh cara ....che brava!!! penso che per qualsiasi passione che ci travolga si trovi il tempo ... persino la notte invece di dormire .... invece di mangiare,
    ogni minuto libero pensi solo a quello ...magari quando tuo figlio sarà cresciuto e avrai meno impicci ... se ti rilassera' ricomincerai a farlo ... come si suol dire ... impara l'arte e mettila da parte ... non si può mai sapere ...un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La mia più grande passione resterà sempre la scrittura.
      Per tutto il resto, quindi, troverò il tempo quando ne avrò voglia. 😉
      Un bacione.

      Elimina
    2. lo vedi? è quello il trucco!! ciao

      Elimina
  22. Effettivamente di hobby non ne ho mai avuti...Ho sempre seguito le mie passioni, tutto qua.
    Poi qual è la differenza tra hobby e passione? :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo che l'hobby sia strettamente connesso alla creatività e, quindi, alla manualità.
      Il collezionismo, ad esempio, rientra nelle passioni.
      Ma forse no. Perché anche la lettura è considerata un hobby.
      Mi cogli impreparata, insomma. :))

      Elimina

Per colpa di chi ne ha abusato, minando l'atmosfera familiare che si respira su questo blog, sono vietati i commenti anonimi, così come quelli polemici e offensivi.
Se non prendi la vita con filosofia e ami mettere zizzania, sei nel posto sbagliato.