giovedì 17 giugno 2021

13enne smarrisce tablet sul pullman: autisti glielo ricomprano

 
La storia che vi racconto oggi arriva dalla capitale e riguarda un 13enne di nome Tomas.
Ogni giorno, il ragazzo si reca a scuola a bordo di un pullman della linea 86.
Nel tragitto, studia sul suo tablet che i genitori hanno acquistato con molti sacrifici per permettergli di frequentare la didattica a distanza (e non solo). 
Qualche giorno fa, però, Tomas lo ha dimenticato a bordo dell'autobus e a nulla è servito correre al capolinea per segnalare lo smarrimento, in quanto del dispositivo non c'era più traccia.

A raccogliere la sua denuncia è stato Fabio, autista Atac di Grottarossa.
Il ragazzo gli ha spiegato quanto quel tablet fosse prezioso per la sua famiglia di origini egiziane, e come non potesse farne a meno per terminare gli studi.
Così, l'autista non ha esitato un solo istante a sottoporre la vicenda ai suoi colleghi e ad organizzare una colletta per poter comprare un nuovo tablet da regalare a Tomas.

Nell'arco di poche ore, Fabio e i suoi colleghi hanno raccolto la cifra di circa 500 euro e acquistato per Tomas un tablet di ultima generazione, che gli hanno consegnato al capolinea Conca d'Oro, con la complicità di suo padre.
Insomma, tutto è bene quel che finisce bene.
Bravo Fabio ad aver preso a cuore la richiesta d'aiuto di questo giovane studente, e a tutti i colleghi che hanno perorato la causa.
Tomas ha ricevuto molto di più di un nuovo tablet. L'amicizia e la generosità di queste persone, infatti, vale più di qualsiasi bene materiale.

22 commenti:

  1. Bel gesto di sensibilità e generosità da parte della squadra Atac. 👏

    RispondiElimina
  2. bellissimo gesto di generosità.

    RispondiElimina
  3. Bellissimo gesto ..bravi !!!

    Anche perché se lo acquisti da solo spesa grande ..ma tutti insieme ;meno spes

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuramente con 500 euro hanno acquistato un tablet molto performante, perché se ne trovano di validi a molto meno.
      Quindi doppiamente generosi.

      Elimina
    2. Anni fa davano in regalo un tablet in allegato a una certa pubblicazione di informatica...
      Una scuola di formazione comprò decine di copie di quella rivista garantendo in regalo quel tablet agli iscritti ai loro corsi. Peccato che io abbia seguito un loro corso ma del tablet manco l'ombra...

      Elimina
    3. Chissà che fine hanno fatto.
      Comunque per esperienza personale so che un ottimo tablet marchiato Samsung si trova anche a 200€.
      Francamente non ne ho mai visti molto più costosi. Perché ritengo che sia sempre meglio acquistare un notebook, visto che con la stessa cifra si trovano buone macchine.

      Elimina
  4. Mi fa sempre piacere leggere storie come questa, sorrido e penso che la gente non è tutta stronza, per fortuna!

    RispondiElimina
  5. Un bel gesto da parte degli autisti . Chissà come è stato contento Tomas .
    Fa piacere , ogni tanto , leggere queste storie di solidarietà e
    generosità dato che con meno meno soldi avrebbero potuto comunque
    acquistare un Tablet .
    Io , sul bus a Londra ho perso il portafoglio . Telefonato al capolinea
    ma non han trovato nulla . A Genova , in treno , non mi sono accorta
    che mi erano caduti gli occhiali da vista : persi . Ci rimango male .
    Happy day . Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gli occhiali da vista sono un bel problema, altro che.
      Voglio proprio capire cosa se ne fa chi li raccoglie.
      Che schifo!

      Elimina
  6. Un gesto tutt'altro che scontato, davvero molto generoso.
    Complimenti a questo bel gruppo di autisti.
    Ed ora speriamo che il ragazzo abbia maggiore cura delle sue cose.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuramente Tomas starà attentissimo d'ora innanzi alle sue cose.
      Purtroppo è molto facile perdere oggetti nel pullman o nel treno, ma anche per strada.

      Elimina
  7. Dell'Atac gli autisti sono l'unica cosa che funziona dopotutto...battuta a parte, bravi!

    RispondiElimina

Per colpa di chi ne ha abusato, minando l'atmosfera familiare che si respira su questo blog, sono vietati i commenti anonimi, così come quelli polemici e offensivi.
Se non prendi la vita con filosofia e ami mettere zizzania, sei nel posto sbagliato.