martedì 22 giugno 2021

Richard compie un anno. E' il bambino nato più prematuro al mondo

 
Richard Scott William Hutchinson nacque il 5 giugno del 2020, a Minneapolis, a sole 21 settimane di gestazione (su un totale di 40/41) ed un peso di appena 340 grammi.
I medici lo davano per spacciato, ma i suoi genitori non smisero di crederci e, difatti, dopo sei mesi, riuscirono a portarlo a casa con sé.
Due settimane fa, Richard ha spento la sua prima candelina, diventando il bambino più prematuro al mondo, ed entrando di diritto nel guinness world record.

E pensare che, appena nato, entrava nel palmo di una mano.
Cinque mesi di anticipo erano troppi per la sua completa formazione, ma questo non gli ha impedito di aggrapparsi alla vita con le unghie e di farcela.
Un solo medico dell'intero staff del "Children’s Minnesota hospital" aveva spiegato ai genitori che se Richard avesse superato la prima settimana di vita, ce l'avrebbe fatta. E così è stato.

Beth e Rick (mamma e papà) sono ancora increduli all'idea di non aver dovuto dire addio al proprio figlio, e hanno deciso di condividere la notizia col mondo intero per sensibilizzare al tema delle nascite premature e per dare una speranza a tutti i genitori che si vedono costretti ad affrontare questo calvario.

Allora buon compleanno (in ritardo) piccolo grande guerriero, e tanti auguri a chi vive una situazione simile e teme di non farcela.
I miracoli (della medicina) esistono, e Richard ne è la dimostrazione!

21 commenti:

  1. Mi imbattei nella notizia di questa nascita prematura... Bene che Richard ce l'abbia fatta. 😊👍

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non l'avevo mai letta. Sono felice di averla scoperta quando già il lieto fine era ufficiale, altrimenti avrei sofferto pensando alla sorte di questo bambino e al dolore dei suoi genitori.

      Elimina
  2. Piccoli guerrieri crescono .
    AUGURI tesoro ,BUONA VITA .
    ho una mia idea sulla vita ,alcuni ci si aggrappano e non la mollano ..ipiccoli guerrieri ancora di più .
    ne ho conosciuti alcuni durante la mia vita ..e con le unghie ed i denti attaccati non mollano !!
    sarà perchè ho cominciato a circa 2 anni con meningite ..e poi..e poi..
    ma non mi dò mai per vinta ..cado ..smoccolo ..mani a terra alzo il culo e sù!!
    Abbraccio grande ai piccoli /grandi guerrieri ..
    ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu sei l'esempio di quanto si possa e si debba lottare nella vita, senza arrendersi mai.
      Diciamo che Richard sarebbe un nipotino perfetto per te. 😉
      Buona giornata. Un bacio.

      Elimina
  3. Avevo collega + di 20 fa ..rimane incinta .2 figlio ..grande sorpresa felicissima..a 6 mese e mezzo partorisce..bimba neanche 6 etti..grandi problemi..cuore polmonite occhi..vien operata cuore ..3 volte nei primissimi ..occhi non vedono ..polmoni si sistemano ..occhialla fine 1 recuperato in pieno 1 poco...ma non ho visto mamma e bimba così tenaci ..se mollava un po bimba la mamma incoraggiava..ha e papà ed anche sorellina..il 1 anno è stata in ospedale 4 mesi ..mamma sj è licenziata ..ma a 4 anni era una meravigliosa bimba cicciottona ..riciolona con 2 meravigliosi occhi azzurri...la mamma MAI MOLLATO..anche quando medici dicevano lasciamola andare..è una donna meraviglio
    Ed adesso fa morire di paura mamma ..
    Lei e sorella fan lanci con paracadute
    🤣🤣🤣🤣🤣.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bello che questa bambina ce l'abbia fatta.
      Ma povera mamma, dopo tutto quello che ha subito, anche il paracadute??
      Prego perché a mio figlio non vengano mai certi desideri. Ahahaha ;)

      Elimina
    2. Il paracadute è sicuro: al massimo si sbaglia una sola volta. 😅

      Elimina
    3. Ahahaha
      Ma pensa l'ansia di chi ti aspetta sulla terraferma.

      Elimina
  4. Ecco, queste cose sono così belle da leggere, che mi emozionano e mi rallegrano tantissimo. Buona giornata con un bel abbraccio

    RispondiElimina
  5. Che meraviglia, questa è proprio una bella storia.
    Richard è un guerriero, ma anche i suoi genitori non scherzano mica!
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti.
      Credo che la forza maggiore l'abbiano avuta proprio loro a non arrendersi mai, trasmettendo coraggio anche al piccolo.

      Elimina
  6. Un vero lottatore, grande Richard ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un vero Supereroe vorrai dire.
      Altro che Batman e company. 😉

      Elimina
  7. Una bella storia a lieto fine . Sì , la parola guerriero è perfetta per lui .
    Richard ,che pesava così poco alla nascita , è bello cicciottello .
    Tanti anni fa , una mia parente ha dovuto rimanere a letto otto mesi per
    pericolo di aborto . Al momento del parto , difficoltà . Niente taglio
    cesareo dissero i ginecologi . Il bimbo nacque e morì . Inutili molteplici
    tentativi , non rimase più incinta . Una vita senza un figlio molto desiderato , così la decisione dei "dottucoli"....
    Besos . Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che stronzi a non farle il cesareo. In caso di parto prematuro dovrebbe essere obbligatorio.
      Io ho partorito di 36 settimane, e nemmeno a me l'hanno fatto, nonostante il travaglio fosse lunghissimo e problematico. Per fortuna Lorenzo è nato sano e salvo, perché era già cicciottello, pesava 3 kg e 620 grammi.
      Alcuni medici sono davvero degli irresponsabili e andrebbero radiati!

      Elimina
  8. Io ho avuto l'esperienza di Junior, nato di 32 settimane e quindi considerato prematuro.
    Alla sua nascita abbiamo trascorso quasi tre settimane in terapia semi-intensiva. Dal vetro vedevo i bimbi della TIN Terapia Intensiva Neonatale e i genitori che lottavano con loro.
    Guerrieri!
    Ogni piccolo miglioramento una conquista miracolosa.
    Chiedimi quanto ho pianto in quei giorni???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci credo bene.
      Lorenzo è stato solo 24 ore sotto la lampada, e sono invecchiata di vent'anni per la preoccupazione. 😔

      Elimina
  9. Mentre mio figlio era in rianimazione, dopo la nascita, ho visto anch'io un prematuro di quel peso. Che creaturina incredibile, così vulnerabile e così forte. I medici mi dissero che era un caso difficile, ma non impossibile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chissà se quel piccolo guerriero ce l'ha fatta.
      Spero proprio di sì.

      Elimina

Per colpa di chi ne ha abusato, minando l'atmosfera familiare che si respira su questo blog, sono vietati i commenti anonimi, così come quelli polemici e offensivi.
Se non prendi la vita con filosofia e ami mettere zizzania, sei nel posto sbagliato.