martedì 24 maggio 2022

#cuoriconnessi, un fumetto contro il cyberbullismo

 

Sei anni fa nasceva il progetto #cuoriconnessi, da un'idea di Unieuro, in collaborazione con la polizia di stato, al fine di sensibilizzare i ragazzi (e non solo) sul tema del cyberbullismo e sull'uso consapevole dei dispositivi connessi alla rete.
Oggi, nell'ambito della stessa iniziativa, arriva la storia di Madi, un fumetto ispirato a fatti realmente accaduti, che guarda i pericoli del web con gli occhi delle vittime, ma senza trascurare i pensieri dei carnefici.

"Madi è la protagonista di un’esperienza purtroppo comune: una ragazza vessata per il suo aspetto fisico e vittima poi di body shaming, un fenomeno sempre più diffuso in rete".

La dispensa, ideata come lettura estiva per i ragazzi delle superiori e per le loro famiglie, è disponibile in versione cartacea in qualsiasi negozio Unieuro, oppure si può scaricare gratuitamente dal sito ufficiale, in versione PDF, EPUB e MOBI.

Insomma, un'altra iniziativa lodevole che va ad inserirsi in quelle già realizzate in questi anni, tra cui:
- incontro fisico con oltre 30mila studenti italiani da nord a sud;
- appuntamenti in streaming nelle scuole;
- pubblicazione di tre libri tematici gratuiti;
- produzione di due docufilm visibili da chiunque sugli adolescenti alle prese col cyberbullismo;
- creazione di un canale YouTube con interviste e approfondimenti settimanali dedicati al tema.

Complimenti ad Unieuro per aver preso a cuore un argomento così delicato, e per aver ideato un progetto così prezioso e articolato, col supporto imprescindibile della polizia di stato.
Perché nessuna vittima di cyberbullismo possa più sentirsi sola.

15 commenti:

  1. Ottima iniziativa per contrastare questo fenomeno molto diffuso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto. Ogni iniziativa in questo ambito è sempre molto utile.

      Elimina
  2. Ottimo! Il bullismo è un fenomeno che va contrastato in tutte le sue manifestazioni.
    Un'altra insidia che ho scoperto di recente è costituita dalle sfide challenge.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quelle sfide sono terribili ed esistono ormai da diversi anni.
      Ne ho parlato diverse volte anche sul blog, se non erro, ma sempre cercando di non pubblicizzarle troppo, per prevenire il rischio di emulazione.

      Elimina
  3. si un bellissimo progetto ma mi piacerebbe che queste storie venissero lette a scuola, perchè fino a quando non arrivano direttamente nelle teste e negli animi di questi ragazzi, non si risolverà mai niente. Buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti il progetto riguarda, appunto, le scuole.
      Le letture sono scelte come dispense estive, ma non manca occasione per dialogarne in classe.

      Elimina
    2. Il dialogo in classe è importante, in estate molti ragazzi non li leggeranno

      Elimina
  4. Unieuro davvero? Sorprendente ma soprattutto utile ed interessante.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì sì. Non avrei immaginato che Unieuro fosse così sensibile a queste tematiche sociali.

      Elimina
  5. Bella iniziativa!! Veramente ..magari farà poco ..ma qualcosa sicuramente smuove..basta anche 1.2 ragazzi subito ..poi pian piano si allarga... bello !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto.
      Bastasse anche a far sentire meno solo un bullizzato, sarebbe comunque un successo.

      Elimina
  6. Un bel progetto che spero abbia successo .
    Ciao Laura

    RispondiElimina
  7. cara Claudia, io non sono molto social, ma ho visto che sei diventata mia amica su fb, troverai molto del mio paese, talmente tanto che magari il prossimo anno a maggio ti vedo arrivare con la tua bella famiglia e questo sarebbe un abbraccio che durerebbe 10 minuti con tanto di miei lacrimoni. Ma per ora la distanza ci permette solo questa amicizia a distanza, se vuoi ci sono nuovi post e sopra tutto quello del Presidente che è Andrea e che ha organizzato tutto questo e nei prossimi giorni ci sarà un video bellissimo. Grazie perchè ormai tu conosci tutta la mia famiglia, come io la tua, ed è strano che un blog unisca due persone così lontane da renderle amiche dentro. Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Solo dieci minuti?!?!?!
      Ma come minimo ti abbraccerei per il doppio del tempo! 😍
      Sì, comunque. Ho approfittato dell'invito nel tuo post per seguirti anche su Facebook, ed è stato bello guardare quei video e quelle immagini che trasudano amore ed impegno da ogni poro.
      Non mi perderò i nuovi.
      Un abbraccio

      Elimina

Per colpa di chi ne ha abusato, minando l'atmosfera familiare che si respira su questo blog, sono vietati i commenti anonimi, così come quelli polemici e offensivi.
Se non prendi la vita con filosofia e ami mettere zizzania, sei nel posto sbagliato.