giovedì 27 giugno 2019

Ci risiamo: bimbi dimenticati in auto. E' emergenza.

Nei giorni scorsi non ho potuto fare a meno di leggere diverse notizie di bambini dimenticati in auto e, per fortuna, salvati dall'intervento dell forze dell'ordine.
Non sempre, però, queste storie hanno un lieto fine.
Che si tratti di amnesia dissociativa o di semplice incoscienza, cosa è importante fare e non fare per salvare la vita ai bambini in difficoltà?

Ve ne avevo già parlato l'anno scorso, ma ve lo ripeterò.
Secondo la Polstrada è importante equipaggiare tutti i seggiolini auto con un dispositivo anti-abbandono. Intanto, considerando che la normativa tarda ad essere adottata, eccovi alcuni semplici consigli per prevenire queste tragedie, tra cui:

- Se vedete un bambino solo chiuso in auto, senza adulti presenti nelle immediate vicinanze, allertate immediatamente il 112.
- Depositate accanto al seggiolino i vostri effetti personali, quali borsa, telefono, chiavi di casa. Allo stesso modo, posate sul sedile anteriore oggetti che vi ricordino la presenza in auto di un bambino, quali biberon, pannolini, ecc.
- Inserite nel cellulare un promemoria che vi ricordi di accompagnare il bambino al nido o altrove, e chiedete alla persona che si prenderà cura di lui di telefonarvi nel caso in cui il piccolo non sia stato consegnato all'ora prevista.

Nei casi di cronaca delle ultime ore, però, non è sembrato trattarsi di amnesia.
A Catania, infatti, un bambino di quattro anni è stato lasciato chiuso nell'abitacolo di un'automobile, in aeroporto, con una temperatura esterna che sfiorava i 40 gradi.
La tragedia è stata evitata grazie al provvidenziale intervento di un sovrintendente della polizia di Stato che, resosi conto dell'emergenza (il bambino si dimenava e chiedeva disperatamente aiuto), non ha esitato ad infrangere il finestrino della vettura col calco della pistola di ordinanza, portando in salvo il minore.
I genitori (due Svizzeri di 28 e 32 anni) sono stati denunciati per abbandono di minore in concorso.

A Saffron Walden, cittadina dell'Essex, in Inghilterra, un bimbo di un anno e mezzo è stato abbandonato per un'ora in auto, con una temperatura esterna di 25 gradi, con i finestrini chiusi.
Anche in questo caso, per fortuna, le urla del bambino non sono passate inosservate alla gente che transitava sul posto, che ha potuto immediatamente allertare le forze dell'ordine.
Così i vigili del fuoco hanno potuto salvare il piccolo.
A diffondere la notizia è stato il Sun.

Insomma, quella dei bambini dimenticati in auto è una vera emergenza che coinvolge non solo l'Italia.
Molte volte basta una piccola leggerezza per generare una tragedia.
Immaginiamo, ad esempio, che il piccolo stia serenamente dormendo nel suo seggiolino e che sua madre abbia necessità di comprare le sigarette.
In fondo, basteranno pochi minuti, quindi le basterà parcheggiare l'automobile all'ombra e scendere indisturbata.
INVECE NO!!!
Perché al tabacchino potrebbe incontrare chiunque che, tra una chiacchiera e l'altra, le farebbe perdere di vista il temo che scorre.
Oppure potrebbe squillarle il telefono nel tragitto. Insomma, per una qualsiasi banalissima evenienza quel bambino rischierebbe di restare intrappolato in auto per un'ora. E morire.

Non scherziamo con la vita. Soprattutto con quella dei bambini.
Non lasciamoli in auto come un qualsiasi bagaglio!

53 commenti:

  1. Trovo assurda 'sta cosa di dimenticarsi un figlio, a prescindere dal dove e dal come! Ma i genitori si drogano o cosa??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Adesso ti accuseranno di essere insensibile.
      L'amnesia dissociativa è devastante, non lo sai?
      Per me è solo assurdo!

      Elimina
    2. mi trovo d'accordo con Gas. Non hanno scusanti. Diamoli pure una scusante medica.. che pietà. Punto.

      Elimina
    3. Completamente assurdo ed imperdonabile...sono d'accordo con voi! Vuol dire che non te ne importa niente: possibile che portare dietro TUO FIGLIO o una busta della spesa sia uguale??

      Elimina
    4. A me sembra solo un modo per farla franca.
      Penso alle tante madri che, purtroppo, uccidono i figli in qualsiasi modo e vengono arrestate. A prescindere dalle loro turbe psicologiche, gli darei l'ergastolo.
      Ecco, nel caso dell'abbandono in auto dovrebbe accadere la stessa cosa!

      Elimina
    5. Io insensibile? Se non sanno accudire i figli, evitassero di procreare!

      Elimina
  2. Io ho il terrore che succeda a uno di noi due, dima dimenticarli dico. Lasciarli apposta in macchina con i finestrini chiusi però è da delinquenti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non ho questo timore sia perché guido una Smart, e quindi Lorenzo è sempre sotto ai miei occhi, sia perché come dice Gus non c'è stress che tenga da permettere la dimenticanza di un FIGLIO.

      Elimina
  3. Non ci sono parole, mi sembra veramente impossibile "dimenticare" o trascurare la presenza un figlio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo penso anch'io.
      Ho sofferto molto dopo il parto a livello psicologico, ma non ho mai smesso di proteggere ed accudire mio figlio.
      Mi dispiace ma non mi sento affatto solidale verso chi compie queste "dimenticanze".

      Elimina
  4. È criminale lasciare un animale in macchina, è inconcepibile “dimenticare “ un figlio.
    Leggendo le cronache di genitori STRONZI che massacrano di botte e uccidono i loro figli si può persino chiedere si facciano seggiolini che avvisino che hai ABBANDONATO il figlio in macchina.
    Ciao felice giornata, un abbraccio
    enrico

    RispondiElimina
  5. Cara Claudia, leggere queste cose mi viene la pelle d'oca, mi sembrava che avevano pensato di fare dei impianti elettronici in machina in modo che suonasse!!!
    Ciao e buona giornata con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'hanno proposto, Tomaso, ma l'entrata in vigore della normativa continua ad essere rinviata. Purtroppo.

      Elimina
  6. Ma possibile che è solo da qualche anno che si sentono queste notizie?
    Un tempo si trattava di bambini lasciati in auto che al massimo sfrenavano le vetture! XD
    Ma i finestrini erano aperti!
    Boh, io non riesco a credere che ci si possa dimenticare di un figlio in una trappola infernale. Addirittura gente che se ne va beatamente a lavoro.
    Se non hai testa per essere genitore, nessuno ti obbliga a procreare, cristo santo!

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esattamente, Moz! 😒

      Elimina
    2. Parole sante.
      Nessuno obbliga nessuno a procreare.
      E se le gravidanze capitano "per sbaglio", esistono l'aborto e l'adozione.
      Chi mette al mondo consapevolmente una creatura indifesa ha l'obbligo morale di accudirla nel miglior modo possibile.
      E no. La genitorialità è un privilegio che molti non dovrebbero concedersi..

      Elimina
    3. Gravidanze "per sbaglio" fino a un certo punto... Se non giochi coi coltelli non ti tagli...

      Elimina
    4. Gas, stavolta non sono d'accordo con te.
      Conosciamo tutti validissimi metodi anticoncezionali, ma "l'errore" è ahimé umano e colpisce anche le coppie più responsabili.
      Ma i farsi maestri in questi casi.
      Potrebbe accadere anche a me e te.

      Elimina
  7. Da mamma, a volte stanca, sfatta, incasinata posso immaginare che qualcosa 'scappi'.
    L'idea che questa 'cosa' si un figlio dimenticato in auto mi terrorizza e sconvolge.
    Non mi sento di accusare un genitore a cui è successo un fatto del genere ( se è accidentale e non voluto - naturalmente!) perché posso solo lontanamente immaginare il dolore e i sensi di colpa che lo tormenteranno a vita.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma per quanto tu possa essere sfatta, dimentichi di accendere la lavastoviglie, di svuotare la lavatrice..
      Io una volta ho lasciato l'automobile con le chiavi inserite e per fortuna non se n'è accorto nessuno.
      Un'altra volta ho lasciato le chiavi di casa inserite nella toppa del portone che mi sono tranquillamente chiusa alle spalle.
      Insomma.. Ci si può dimenticare di tutto. Ma di un figlio no!

      Elimina
    2. A me capita certe mattine, mentre infilo le chiavi della macchina, di avere già la testa alle mail lette sul cell.
      L'attenzione è già spostata dalla famiglia al lavoro.
      Non dico che giustifico, però un conto è uscire con i figli per una scampagnata un altro è far incastrare i pezzi di una quotidianità che, mannaggia alla frenesia moderna, ti fagocita.
      Detto questo: noi qualche volta i figli li abbiamo dimenticati in palestra...vai tu, no vado io...non è andato nessuno!

      Elimina
    3. Penso che questa dimenticanza sia molto più comune e giustificata.
      Comunque resto dell'idea che bisognerebbe avere l'onestà intellettuale di rendersi conto di essere troppo stressati o depressi e di non potercela fare. Quindi, di farsi aiutare.
      Con la vita dei bambini (e degli esseri umani in generale) non si scherza..

      Elimina
    4. È sufficiente stare nel momento presente. Ma abbiamo dimenticato come si fa.

      Elimina
  8. Può capitare. Una svista, mille pensieri, il caldo asfissiante, la pressione che si abbassa. Può capitare.
    Per questo si dovrebbero dotare le automobili di dispositivi anti-abbandono, e non capisco perché questa normativa tardi tanto ad arrivare.
    Chi abbandona consapevolmente non ha scusanti, invece. Merde.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Dama! Non so, può succedere di tutto nella vita per l'amor di Dio. Ma secondo me cominciare ad affidare queste responsabilità a dei dispositivi elettronici non è giusto...noi da piccini nelle Fiat 126 di mamma o nelle Opel Kadett di papà non avevamo nulla, nemmeno il "bling" delle cinture di sicurezza per dire, eppure non ricordo tutti questi casi di abbandono... Forse saranno i tempi, i ritmi di vita cambiati...che ne pensi?

      Elimina
    2. Sara, per una volta non sono d'accordo con te.
      Non può e non deve capitare.
      Ha ragione Gas.
      Ci manca solo che adesso la tecnologia ci aiuti ad accendere e spegnere il cervello..

      Elimina
    3. Ragazzi, che dirvi, io non me la sento di condannare, di puntare il dito, di pensare che i genitori debbano sempre essere invincibili.
      E si, nelle vecchie Fiat questi dispositivi non c'erano. E magari di cose come queste ne saranno accadute, solo che il telegiornale non le raccontava.
      Ma poi, vogliamo mettere la difficoltà della vita frenetica di oggi con quella almeno più pacifica di di 30 anni fa? Un tempo tante mamme non lavoravano, stavano a casa e si occupavano dei figli. Adesso se non hai due stipendi non vivi. E questo significa dover fare sempre tutto al massimo del ritmo, come macchinari che non possano incepparsi mai.
      Io vi auguro con tutto il cuore di non incepparvi, di non commettere errori, di farcela sempre, di stare sempre sul pezzo. Ma non dimenticate che lì fuori c'è anche chi per una volta inciampa, cade, si fa male, distrugge la sua vita e quella dei suoi familiari...e non si rende conto di come sia potuto succedere.
      Sono vicina a questi genitori. Non sono bestie, sono persone che hanno avuto un cedimento.
      Un abbraccio.

      Elimina
    4. Ciao! Grazie per la risposta... Infatti io ti chiedevo una riflessione proprio sul mondo cambiato a livello di ritmi di vita e di stress, hai colto perfettamente! 🙂 In ogni caso trovo inconcepibile, nonostante tutto, un tipo di "dimenticanza" di questo calibro!

      Abbracci e saluti a tutti, buon pranzo se ce la fate...io mi vorrei solo tirare delle secchiate d'acqua per pranzo!!

      Elimina
    5. Sono d'accordo con David, ma Dama è sempre meravigliosa nella sua sensibilità e nobiltà d'animo.

      Elimina
    6. Grazie ragazzi :)
      Non è sempre necessario essere tutti d'accordo, credo l'importanza sia esporsi in modo civile come abbiamo fatto noi.

      Si, io ho pranzato :D diciamo che un po' me lo impongo perché poi le ore a lavoro sono tante e non sempre ho a portata di mano qualche spuntino.
      Un abbraccio.

      Elimina
    7. *importante, non importanza. Sorry.

      Elimina
  9. Ciao! Che pensiero terribile...con questo caldo, poi! Poveri bimbi…

    RispondiElimina
  10. Per me è assurdo, dimenticarsi dei figli è da imbecilli punto e basta. Comunque i seggiolini prima non c'erano e non succedeva niente, e quindi?

    RispondiElimina
  11. Certo che accade sempre più spesso!!
    Ma come si fa!!? Dimentichi TUO FIGLIO in macchina??
    Follia, o … questi idioti di genitori … FUMANO DI BRUTTO!!!

    Ciao Claudia , un caro saluto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco Marinetta..
      Purtroppo non fumano. Infatti accade ai più insospettabili.
      Ma non deve passare come una giustificazione.
      Questo mai!
      Buona giornata. A presto.

      Elimina
  12. Probabilmente non sarà giusto affidare la sicurezza dei bambini a dei dispositivi elettronici ma se questo serve a salvarli di fronte ad evidenti limitazioni intellettive dei loro genitori ben vengano!
    Trovo assurdo dimenticarsi i figli in macchina però purtroppo succede .
    Ed è da parecchi anni che succede.
    Se non è possibile risolvere il problema affidandoci alla responsabilità dei genitori cerchiamo la maniera di limitare i danni.
    Poi se nonostante questi dispositivi anti abbandono continuano ad esserci morti ...forse i genitori non potranno più giustificarsi dicendo di essersi dimenticati il figlio in macchina.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuramente questi dispositivi aiuteranno, ma io spero come Gas che si possa farne a meno per la semplice responsabilità genitoriale che non dovrebbe mai mancare.
      Lo so, sono un'illusa..

      Elimina
    2. Esattamente il mio pensiero che esprimevo poco fa anche a Dama Bianca: se si comincia a "delegare" alle macchine si innesca una spirale per cui dovremo averli anche a casa i dispositivi per evitare che i piccoli si facciano male, mentre noi siamo "impegnati" in altre cose, magari col tablet o col telefonino...

      Elimina
    3. Bocca mia taci....
      In questo momento Lorenzo mi russa accanto, nel lettone, ed io ne approfitto per rispondere ai vostri commenti.
      Diversamente, il telefono non esiste.
      Mio figlio non sarà mai secondo alla mia dipendenza dai social network o dal blog!

      Elimina
    4. Su questo, se poco poco ho imparato a conoscerti, non ho alcun dubbio!! 😊😊

      Quanto vorrei farmi ora una "pennichella alla Lorenzo"!! 😄

      Elimina
    5. Sai che non riesco a dormire di giorno neppure quando lavoro nove ore e sono in piedi dalle 6?
      Mi viene il mal di testa e mi sento tutta scombussolata.
      Però la sera crollo alle 22 come una brava nonnina... 😅

      Elimina
    6. Io non ho mai tempo in pausa pranzo, sennò una "siestina" me la facevo pure...poi dopo mi lamento perché sto rinco tutto il resto del giorno! E brontolo come un nonnino! 😅😅😅

      Elimina
    7. Allora rintontisce anche te. Non sono l'unica. Fiuuuuuu 😉

      Elimina
    8. Tranquilla! 😉😉😃

      Elimina
  13. @Dave
    Il problema è che i dispositivi perchè i bimbi non si facciano male ce li hai già a casa... ma da un bel pezzo!
    Penso a quei cosi da mettere a protezione degli spigoli dei mobili oppure i cancelletti da posizionare davanti alla rampa di scale ...i copri prese elettriche ecc..
    Il seggiolino dell'auto è gia' un dispositivo di protezione di per se meglio se integrato a questo punto anche con un sistema anti abbandono.. no?
    Il discorso di" delegare alle macchine "... una mia amica ( molto responsabile )mi ha detto una volta che si parlava male della TV e dell'effetto che ha sui bambini.
    "Sarà anche una cattiva abitudine la televisione ma ogni volta che sono a casa da sola e devo fare le pulizie e non posso stare a controllarli (ha due marmocchi) ogni minuto , la Tv è un ottima babysitter!"
    A volte bisogna arrangiarsi con quello che si ha a disposizione.
    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No ma ti dò ragione, Max! Mi spiego meglio, non sono "a prioristicamente" contro i dispositivi, voglio dire, se una cosa può aiutare ben venga!
      Come quei sensori che ti possono aiutare in macchina se per caso ti addormenti, o i sensori che rilevano i sorpassi azzardati...
      Dico solo che in quanto esseri umani dotati di intelligenza propria non dobbiamo dimenticarci di esserlo sentendoci facilitati dalle macchine!

      Elimina
  14. Non ho mai dimenticato di andare a prendere una figlia all'asilo
    a scuola , alle attività sportive . Forse perchè non lavoravo , non
    ero stressata , non c'era lo Smart.phone e la vita era più lenta.
    Non potrei MAI perdonarmi di aver dimenticato una figlia in auto

    Per un bimbo , svegliarsi e trovarsi solo in auto con 40 gradi ,
    deve essere una cosa terribile . No , non ci sono scusanti per i
    genitori , i figli devono essere prima di tutto nei loro pensieri
    Finita la siesta di Lorenzo ??? Ti "volo" due baci . Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì. Si è svegliato una mezz'oretta fa e adesso sta "torturando" la nonna.
      Ed io me la rido in disparte.. 😉

      Elimina
  15. Ho letto la normativa su seggiolinoantiabbandono.net, a quanto pare la legge è entrata a tutti gli effetti in vigore a Novembre 2019, soltanto le sanzioni sono state rinviate a partire da Marzo 2020.

    RispondiElimina

Per colpa di chi ne ha abusato, minando l'atmosfera familiare che si respira su questo blog, sono vietati i commenti anonimi, così come quelli polemici e offensivi.
Se non prendi la vita con filosofia e ami mettere zizzania, sei nel posto sbagliato.