venerdì 22 novembre 2019

A Pesaro i senzatetto potranno ripararsi in albergo

Quante volte ci sarà capitato di incontrare un senzatetto e di continuare il nostro cammino senza far nulla? Spesso, infatti, a parte lasciare una minima offerta, non si sa davvero come intervenire per tutelare chi, per forza di cose, è costretto a vivere in strada.
L'idea solidale arriva da Pesaro e si chiama "Protezione freddo".

L'inverno sarà, infatti, meno gelido per i senzatetto marchigiani.
Grazie ad una collaborazione tra pubblico e privato, diversi alberghi del territorio hanno messo a disposizione delle stanze per accogliere gli homeless.
Fondamentale sarà anche il contributo dei cittadini.

Il progetto, avvitato in questi giorni, prevede che chiunque possa segnalare la presenza di un clochard alle forze dell'ordine che, dopo averne appurato lo stato di salute, decideranno se condurlo in pronto soccorso, oppure contattare l'associazione promotrice dell'iniziativa, o i servizi sociali, perché possano collocarlo presso uno degli hotel aderenti all'iniziativa.
In quest'ultimo caso, il senzatetto potrà godere di cinque pernottamenti gratuiti, con relativi pasti caldi, ovvero un tempo utile affinché si liberi un posto in una casa di accoglienza del territorio.

La speranza è che "Protezione freddo" aiuti a togliere dalle strade quanti più homeless possibile e che, al contempo, altre città italiane possano agire in questa direzione.
Perché nessuno dovrebbe vivere, e spesso purtroppo morire, al freddo, sotto un groviglio di cartoni.

22 commenti:

  1. Bella iniziativa "umana". :)
    Non mi è chiaro il discorso sulle case di accoglienza: prima di questa iniziativa col transitorio in albergo, non funzionavano?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ho idea, onestamente.
      Mi viene da pensare che le associazioni provino prima a collocare il senzatetto in una struttura idonea.
      In caso di mancanza di posti, quindi, utilizzano l'albergo mentre continuano a cercare un luogo più idoneo alla sua accoglienza.

      Elimina
  2. Ottima iniziativa civilissima.
    Anche se, ti dirò, ho saputo di certi che VOGLIONO vivere per strada. Al freddo.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai che è una condizione abbastanza vissuta?
      Io ne conosco uno.
      Nonostante la sua famiglia sia anche abbastanza abbiente, vive in strada da almeno vent'anni.

      Elimina
  3. Speriamo che almeno i senzatetto ne vogliano usufruire..

    RispondiElimina
  4. Cara Claudia, sai io cerco di capire, ma non capisco!!! perché vogliono vivere all'aperto!!!
    Ciao e buon fine settimana con un abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso 

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A volte non hanno alcuna alternativa a causa della loro povertà. Altre volte, però, lo fanno per scelta.
      Difficile capire perché.

      Elimina
  5. Non è importante che i senzatetto vogliano un tetto, è meraviglioso che qualcuno ne metta a loro disposizione. C'è umanità, ed è bellissima

    RispondiElimina
  6. Una bella iniziativa che spero sia di esempio ad altre città . Mi chiedo ,
    se non trovano un'altra struttura entro 5 giorni , che fanno ? Spero non
    li ributtino in strada !
    In un giornale ho letto la richiesta di lana che poi le volontarie avrebbero
    sferruzzato dei quadrettini per fare coperte patch-work per i bisognosi .
    Ho spedito un plaid in pail e parecchia lana . Spero che qualcuno apprezzi.
    Buona sera a te e Lorenzo . Bacini . Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Magari li sistemano in un altro albergo, non so.
      Sono certa che il tuo plaid e la tua lana saranno molto apprezzati da qualcuno che purtroppo vive in strada.
      Sei sempre un angelo.
      Un abbraccio

      Elimina
  7. Finalmente una bella notizia! Io mi sento spesso stringere il cuore passando davanti a questi senzatetto...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero che, prima o poi, tutti i senzatetto in Italia e nel modo scelgano quantomeno di provare a vivere dignitosamente.

      Elimina
  8. Una bella iniziativa.
    Buon fine settimana.

    RispondiElimina
  9. E' una splendida iniziativa, davvero lodevole.
    Oltretutto nelle Marche in inverno fa freddo sul serio. E' bene che qualcuno pensi a queste persone che passano la notte all'addiaccio, letteralmente gelandosi :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non credevo che il clima delle Marche fosse così gelido. Lo immaginavo più mite, quasi come al sud. Ma non mi ero mai documentata.

      Elimina
  10. Non posso che dire "Viva Pesaro", a maggior ragioni in occasioni come queste.
    Sul clima: le città di mare del versante adriatico romagnolo-marchigiano non scherzano, di inverno, magari le temperature sono anche leggermente più alte dell'entroterra, ma i forti venti dal mare danno percezione di maggior freddo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mentre scrivevo questo post pensavo proprio a te e mi chiedevo se magari non ci fosse qualche tuo parente nell'organizzazione di questa bella iniziativa.
      Se la sensibilità è una dote di famiglia, non me ne stupirei.

      Elimina
  11. Che bellissima iniziativa!
    Tempo fa a Torino il comune aveva adibito la vecchia stazione ferroviaria di Torino Porta Susa a luogo di accoglienza per senzatetto... Poi l'edificio è stato venduto all'Ikea, che ha intenzione di farci proprio un albergo. Dubito che ospiteranno anche loro senzatetto...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Figurati se un colosso come Ikea si preoccupa dei nostri senzatetto.
      Mi sa che il sindaco di Torino dovrà allestire una nuova location.

      Elimina